Tag: commemorazione

2 novembre 2017 Non attivi

In Questura la commemorazione dei defunti della Polizia di Stato

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Frosinone – La condivisione dei valori accomuna da sempre la grande famiglia della  Polizia di Stato che questa mattina ha voluto ricordare i propri defunti ed in particolare  i caduti in servizio affinché il loro sacrificio testimoni nel tempo lo spirito di abnegazione al dovere ed alle Istituzioni.

Dopo la deposizione della Corona ed il momento di preghiera al cippo dedicato ai poliziotti della Stradale Izzo e Pontarelli morti in servizio, il Questore Santarelli ha partecipato alla solenne messa.

Particolarmente toccante è stato il momento della recita della preghiera del poliziotto nel ricordo di coloro che non ci sono più: lo scorso 8 ottobre il destino ha voluto che  il nostro Sostituto Commissario Pierluigi Di Vittorio finisse la sua “corsa” su quella bicicletta che tanto amava.

Per le donne e gli uomini della Polizia di Stato quella di oggi  è stata una giornata per condividere insieme i valori della memoria e della solidarietà.

28 settembre 2017 0

Commemorazione della Fondazione Cassino Stiftung con giovani polacchi, tedeschi, inglesi e italiani

Di redazionecassino1

Cassino – Questa mattina si è tenuta l’annuale commemorazione, presso il monumento dei caduti, organizzata dalla Fondazione Monte Cassino Stiftung che si occupa di far conoscere ai giovani polacchi, tedeschi, inglesi e studenti italiani le vicende legate alla sanguinosa battaglia di Montecassino.

Ad accogliere i ragazzi e gli insegnanti di Wittemburg (GERMANIA), Farrington (INCHILTERRA), Wagrowice (POLONIA) e dell’ITIS di Cassino è stato l’assessore alle Politiche Sociali, Benedetto Leone, delegato dal Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro. Presenti anche i rappresentanti militari della Repubblica Federale Tedesca, del Regno Unito e della Polonia.

“Porto i saluti del primo cittadino, dell’amministrazione comunale, della città tutta. – ha detto l’assessore Leone – Si conclude il vostro viaggio qui a Cassino, dinanzi al monumento che ricorda il dolore della guerra. 73 anni questa città rappresenta la gioia della pace.

La vostra presenza qui, da diverse Nazioni, ci ricorda come questi luoghi nella distruzione prima e nella ricostruzione dopo hanno unito i popoli. Hanno unito le Nazioni. Sarà il segno di San Benedetto, Patrono di Europa.

La vostra presenza qui, testimonia come quel passato tanto tragico non è stato dimenticato. È da quel passato che ci tramandiamo di generazione in generazione quel sentimento di pace, di solidarietà e di fratellanza. Seppur nelle nostre quotidianità, ci sentiamo spesso come tanti Io, isolati, è invece a quel Noi, a quel senso di Comunità che dobbiamo aggrapparci. Quel Noi che va costruito ogni giorno, superando divisioni, contrasti, litigi. È semplicemente in quel Noi, che possiamo raccogliere l’eredita di valori che 73 anni fa, le nostre nazioni hanno sacrificato con il proprio sangue, con la vita dei propri uomini e donne, in questo territorio. Facciamo bene a ricordarlo in ogni sua forma, in ogni circostanza, ad ogni ricorrenza. Gettando ogni volta un nuovo seme di speranza. Ed è bello vedere che i protagonisti di questa nuova semina siano le nuove generazioni. A voi l’augurio di raccontare nei vostri Paesi, nelle vostre case, nelle vostre scuole, quelle emozioni, quei sentimenti, quelle sensazioni che avete raccolto e provato conoscendo questa terra. Così come da 73 anni a questa parte, Cassino città della Pace ci ricorda che “The Sun shines again”.

Martedì scorso i ragazzi sono stati ricevuti dal Sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro in Sala Restagno il quale ancora una volta ha posto l’accento “sull’importanza di mantenere vivi i ricordi dell’atroce guerra che ha devastato non solo questo territorio ma tantissime nazioni e fatto perdere la vita a milioni di persone, per permettere ai giovani di capire e crescere nella consapevolezza che gli errori e gli orrori del passato non debbano ripetersi. Un ringraziamento sentito alla Fondazione ‘Monte Cassino Stiftung’ ed al suo responsabile per l’Italia, Michele Di Lonardo che permette a tanti giovani di toccare con mano la nostra storia.”.

 

26 maggio 2017 0

Tragedia dell’Arandora Star- a Picinisco una delegazione di soldati veterani britannici per commemorazione

Di redazione

Picinisco-Lunedì 29 maggio grande commozione in occasione della visita di una delegazione di soldati veterani britannici, che saranno a Picinisco per commemorare la tragedia dell’Arandora Star. Su questa nave da crociera, trasformata in nave militare in occasione del secondo conflitto bellico, furono caricati circa mille cittadini italiani e tedeschi residenti nel Regno Unito, ritenuti potenziali spie e nemici delle forze alleate. Erano destinati alla prigionia in Canada, dove però non arrivarono mai perché la nave fu affondata da un sommergibile tedesco nell’Atlantico settentrionale, provocando la morte di 865 persone. “Tra questi ricorda il sindaco Marco Scappaticci – anche numerosi piciniscani; ben 22 trovarono la morte in quelle acque gelide e burrascose. In proporzione Picinisco è stato il comune più colpito. A loro va il nostro ricordo e riconoscenza. Sono Philip e Paolo Coppola, Alfonso e Donato Crolla, Francesco e Silvestro DAmbrosio, Lorenzo, Michele e Pasquale di Marco, Aristide e Cesidio di Ciacca, Giacinto Frattaroli, Francesco Gargaro, Umberto e Vittorio Mancini, Gaetano Pacitti, Paul Pelosi, Luigi Perella, Ferdinando Pompa, Ernesto Roffo, Pasquale Tuzi ed Enrico Valvona. In loro memoria, lunedì mattina, la delegazione di veterani britannici sarà ricevuta in municipio dall’Amministrazione Comunale per poi trasferirsi dinanzi al monumento ai caduti, nel largario del Parco Montano, dove sarà deposta una corona d’alloro, alla presenza degli alunni delle scuole e delle varie autorità civili e militari.

18 maggio 2017 0

Battaglia di Cassino. Nel 73° anniversario commemorazione con le delegazioni polacche

Di redazione

In occasione del 73° anniversario della Battaglia di Cassino in questi giorni la comunità del cassinate sta vivendo intensi momenti di commemorazione dei caduti. Le cerimonie hanno preso il via il 13 maggio scorso al Monument Hertfordshire & Bertfordshire Regiment (a cura Ass. Albergatori Parco di Montecassino e Linea Gustav) e al Cimitero del Commonwealth (a cura Ass. Albergatori Parco di Montecassino e Linea Gustav). Nella giornata di ieri invece una delegazione di polacchi ha reso omaggio ai caduti nella zona del centro storico e nei luoghi della memoria con una solenne cerimonia. Questa mattina poi alle ore 9,30 commemorazione al Cimitero Polacco di Montecassino per ricordare quel 18 maggio 1944 quando una pattuglia del 1°Squadrone del 12 Reggimento dei Lancieri Podolski, al comando del sottotentende Kazimierz Gurbiel riuscì ad entrare nelle rovine del Monastero. Nel programma inoltre cerimonie al Cimitero Germanico di Caira, domani 19 maggio alle ore 15,30 Cerimonia Colle Abate a Terelle, il 20 maggio, alle 15,30 Cerimonia Acquafondata Monumento Polacco, il 21 maggio ore 18,00 Cerimonia alla Campana della Pace, Sant’Angelo in Theodice, il 28 maggio alle ore 11,00 Memorial Day Cimitero Americano di Nettuno. Foto gentilmente concessa da M.R.Cafari Panico

11 febbraio 2017 0

Cassino – Saluto romano dopo la commemorazione del giorno del ricordo, 48enne denunciato per apologia al fascismo

Di Antonio Nardelli

A Cassino, i carabinieri del NORM della locale Compagnia hanno denunciato per il reato di “apologia al fascismo”, un 48enne del luogo.

L’uomo, nella mattinata di ieri 10 febbraio subito dopo la manifestazione denominata “Giorno del Ricordo della tragedia delle foibe e dell’esodo degli Italiani da Istria, Fiume e Dalmazia”, organizzata dalla locale Amministrazione comunale e svoltasi in quella Piazza De Gasperi, si poneva innanzi al monumento ai caduti facendosi fotografare, con una bandiera italiana con lo stemma di un’aquila, mentre faceva il saluto fascista.

Lo stesso postava la foto sul proprio profilo Facebook.