Tag: coppia

17 Aprile 2019 0

Hanno lasciato che il cane morisse di fame e di sete, denunciata coppia a Trevi nel Lazio

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

TREVI NEL LAZIO – I carabinieri della stazione di Trevi nel Lazio , a conclusione di attività info-investigativa, hanno denunciato un 51enne ed una 49enne, conviventi, entrambi della provincia di Roma e domiciliati in zona, censiti rispettivamente per reati inerenti gli “stupefacenti” e “contro la persona”, poiché responsabili di uccisione di animale.

I militari hanno accertato che i due cagionavano la morte di un cane di razza meticcia, sesso maschile, di un anno. Infatti, la coppia si è allontanata per vari giorni dal proprio domicilio, lasciando il cane legato ad una catena all’interno del giardino adiacente all’abitazione, senza somministrargli cibo e acqua. Dell’accaduto si è accorto il proprietario di casa che giunto sul posto per riscuotere la pigione dai due affittuari, ha trovato l’animale esanime a terra.

La carcassa è stata recuperata da personale dell’ASL – Servizio veterinario – di Frosinone.

31 Gennaio 2019 0

E commerce: la Polizia del Capoluogo denuncia coppia di truffatori

Di redazionecassino1

FROSINONE – L’attenzione di una giovane donna, navigando sul web, viene attirata dal costo allettante di una borsa di una nota griffe italiana.

Contatta subito il “venditore” online, all’utenza telefonica  indicata nell’inserzione e, come da accordi, effettua il pagamento con un versamento su   carta di credito ricaricabile.

Trascorsi i necessari tempi tecnici per la spedizione e non ricevendo alcuna spiegazione circa l’eventuale ritardo, l’acquirente sospetta un raggiro e pertanto decide di rivolgersi alla Polizia.

Formalizza  la denuncia presso gli uffici della Questura; del caso si   occupano  gli uomini   dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico.

Scattano tempestivi e serrati accertamenti che permettono di risalire all’identità degli  intestatari sia dell’utenza telefonica che  della carta di credito, rispettivamente una 39enne ed un 43enne, entrambi residenti a Reggio Calabria.

Scatta la denuncia.

La Polizia di Stato rinnova l’invito ad effettuare acquisti in sicurezza ricordando “Quando compri online, pensa offline”:

–          utilizzare, se possibile,  le app ufficiali per completare l’acquisto – questo semplice accorgimento permette di evitare i rischi di “essere indirizzati” su siti truffaldini o siti clone che potrebbero catturare i dati finanziari e personali inseriti per completare l’acquisto (phishing);

–          scegliere sempre una spedizione tracciabile ed assicurata, oltre che controllare i dettagli della transazione e le modalità di consegna.

24 Gennaio 2019 0

Frosinone, estorsione al supermercato, coppia denunciata dalla polizia

Di redazionecassino1

FROSINONE – Entra in un supermercato del capoluogo e, anziché dirigersi verso gli scaffali per procedere all’acquisto dei prodotti, una coppia  si dirige direttamente verso l’addetto alla vigilanza.

Lo avvicina   e non per chiedere informazioni: improvvisamente mette in atto  nei suoi confronti un’aggressione fisica, accompagnata anche da una verbale.

L’intento  è quello di  intimorire l’uomo, in modo tale da poter asportare dall’attività commerciale la merce senza passare dalle casse.

L’atteggiamento dei due – uomo e donna – non ottiene l’effetto sperato, tanto che dello spiacevole episodio viene  informato il direttore, attivando , al contempo, l’intervento della Polizia.

La Squadra Volante ricostruisce l’accaduto ed identifica la coppia, per la quale scatta la denuncia per estorsione.

26 Novembre 2018 0

Sesso sull’autobus Lungotevere, denunciata coppia focosa

Di admin

ROMA – La passione li ha travolti sull’autobus davanti agli altri passeggeri e hanno così rimediato una denuncia per atti osceni in luogo pubblico. I due focosi amanti sono un 17enne romano e una 28enne sarda residente a Roma che, al termine di una serata passata nei locali a Ostiense si sono ritrovati a fare sesso alle 6.30 sul “280” davanti ad altri passeggeri presenti sul mezzo pubblico.

Dalle effusioni iniziali, i due sono passati ad un rapporto sessuale, interrotto dall’autista che ha chiamato al 112 e all’altezza di Lungotevere Marzio, sono intervenuti i Carabinieri della pattuglia mobile di zona del Nucleo Operativo della Compagnia Roma San Pietro che hanno invitato i due a ricomporsi, denunciandoli a piede libero per atti osceni in luogo pubblico.

20 Novembre 2018 0

Controlli sull’A1 a Pontecorvo, coppia di Peruviani denunciata per ricettazione

Di admin

PONTECORVO – Agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, nei pressi del casello di Pontecorvo, hanno notato proveniente dalla viabilità ordinaria, entrare in A1 una Renault Scenic con targa spagnola e con a bordo una coppia. Intimato l’alt e identificati gli occupanti del veicolo sono risultati essere un 32enne lui e una 36enne lei. Entrambi sono originari dell’Ecuador e residenti a Roma. Annoverano numerosi pregiudizi di polizia per reati contro il patrimonio. A carico della donna risulta anche una nota di rintraccio per notifica di un provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Chieti. Gli agenti hanno deciso di procedere alla perquisizione del veicolo rinvenendo all’interno dell’abitacolo, tra il rivestimento e la lamiera del tettuccio, un telefono cellulare, privo di scheda, per cui entrambi sono stati denunciati per ricettazione. Inoltre, il conducente risulta privo della patente di guida, perché mai conseguita, e pertanto è stato contravvenzionato ai sensi del C.d.S.; l’auto invece è oggetto di ricerca in Spagna ed è stata sequestrata.

22 Ottobre 2018 0

A spasso per Frosinone spendendo soldi falsi, denunciata coppia di romani

Di admin

FROSINONE – Una sorta Bonnie e Clyde specializzati nel piazzare banconote false sono stati fermati ed arrestati ieri a Frosinone.

Dopo aver individuato l’attività commerciale, i due – 55enne lui, 36enne lei – a turno sono entrati nel bar pagando sempre con 20 euro.

La proprietaria, insospettita dalla situazione, ha allertato il 113 della Questura.

Gli agenti della Squadra Volante, giunti sul posto, hanno visionato le immagini del sistema di videosorveglianza grazie alle quali hanno riconosciuto i due in quanto soggetti noti, entrambi gravati da pregiudizi di polizia.

A carico della donna anche l’inosservanza dell’obbligo di dimora in un comune della provincia romana.

Immediatamente sono state diramate le ricerche che hanno permesso in breve tempo di intercettare la coppia in via Mascagni. Lì è scattato l’arresto.

In attesa del giudizio direttissimo, il Pubblico Ministero di turno ha disposto l’arresto ai domiciliari.

La 36enne, al successivo controllo, è stata anche denunciata anche per evasione: si era allontanata dall’abitazione in cui era sottoposta alla misura cautelare.

10 Giugno 2018 0

Droga e soldi sequestrati ad Arce, coppia di 36enni in manette

Di admin

ARCE – Questa mattina ad Arce i carabinieri della locale stazione hanno proceduto ad una perquisizione domiciliare, rivenendo diverse dosi di cocaina.

In particolare, i militari all’interno di un barattolo un involucro in plastica, hanno trovato 30 grammi di cocaina suddivisa in dosi, per un valore commerciale di 2mila euro circa e diverso materiale per il confezionamento delle dosi stesse, nonché 480 euro quali provento dell’attività di spaccio. Sono scattate quindi le manette per un uomo ed una donna del luogo, che rispondo ai nomi di M. S. e L. P., entrambi 36enni e con precedenti specifici in materia di stupefacenti, in quanto resisi responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Al termine delle formalità di rito, l’uomo veniva tradotto presso la Casa circondariale di Cassino e lei sottoposta al regime degli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

30 Aprile 2018 0

Coppia di pusher in manette a Frosinone, sorpresi con un chilo di canapa indiana

Di admin

FROSINONE – Questa mattina, nell’ambito di servizi congiunti per la repressione in provincia dei reati connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti in provincia, nel perlustrare la zona tra Patrica e Supino, i militari del RONI del Comando Provinciale dei Carabinieri di Frosinone e gli investigatori della Squadra Mobile della Questura notano una Volkswagen parcheggiata in modo sospetto, con a bordo una donna occupante il sedile anteriore lato passeggero. Si decide per un’attività di osservazione. Di lì a breve, arriva a piedi un giovane uomo, in possesso di un involucro di colore scuro: sale a bordo dell’auto, ingrana la marcia e si allontana velocemente dalla zona. Poliziotti e militari si pongono prontamente all’inseguimento del veicolo, intimando l’ALT: il conducente non demorde nel suo intento, accelera ulteriormente, per far perdere le proprie tracce. Vistosi “braccato”, decide allora di “abbandonare” l’auto e la donna , fuggendo a piedi, disfacendosi nel frangente dell’involucro , che viene prontamente recuperato – 96 ovuli , per un peso complessivo pari a grammi 978, 14; la sostanza è risulta positiva ai derivati della canapa indiana -. Bloccato anche il fuggitivo, che non si “arrende” e cerca di divincolarsi, scalciando e sgomitando. Un poliziotto rimane ferito. In ausilio giunge anche una pattuglia della Squadra Volante. Identificata la coppia di pusher: 39 anni lei, 33 lui, entrambi del Marocco. L’uomo dovrà rispondere anche di resistenza aggravata a Pubblico Ufficiale. In attesa del Giudizio direttissimo, il P.M. di turno ha disposto per entrambi gli arresti domiciliari.

14 Aprile 2018 0

Coppia aggredita, chiusa per 15 giorni la discoteca I Cigni

Di admin

CAPRAROLA – Quindici giorni di chiusura per la discoteca I Cigni di Caprarola. I Carabinieri di Caprarola  hanno notificato alla rappresentante della società “La Nuova Due Cigni S.r.L.”, il decreto del Questore che ha disposto la chiusura del locale per quindici giorni, ai sensi dell’art. 100 del Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza.

Il provvedimento è scaturito a seguito dei fatti avvenuti il  25 marzo scorso,  presso la discoteca 2 Cigni,  dove un giovane aveva subìto un’aggressione da un suo coetaneo e, nonostante l’espressa richiesta della vittima,  il personale addetto alla sicurezza  non si era attivato  per richiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine,  né tantomeno quello del personale sanitario.

Il malcapitato veniva di nuovo aggredito  dallo stesso soggetto anche fuori dal locale,   dopo diverse provocazioni verbali da parte di quest’ultimo che, nella circostanza, aggrediva anche la sua compagna.

Sia per la prima aggressione, avvenuta all’interno del locale, che per la seconda, verificatasi all’esterno,  quindi, né il titolare, né i dipendenti  né gli addetti alla sicurezza hanno tempestivamente segnalato l’episodio alle forze dell’ordine ed al personale sanitario,   disattendendo gli obblighi  previsti dal “Protocollo d’Intesa  Territoriale in Materia di Sicurezza delle Discoteche”,  sottoscritto il 27 aprile 2017 presso la Prefettura di Viterbo, come da decreto del Ministero dell’Interno del 6.10.2009.

Quindi, per i gravi episodi occorsi all’interno del locale e all’esterno dello stesso,  aggravati  dall’aver omesso di riferire alle forze dell’ordine tempestivamente  i fatti accaduti, nonché di adoperarsi per la relativa assistenza sanitaria,   è stato adottato il  citato decreto di sospensione dell’attività  per giorni 15 (quindici) a partire dalla data di notifica del provvedimento, con contestuale ed immediata chiusura al pubblico del locale.

In relazione agli accadimenti di cui all’art. 100 del TULPS, sono in corso  ulteriori approfondimenti,  da parte della Divisione P.A.S.I. della Questura,   segnatamente  alle condotte del personale addetto alla sicurezza,  con riferimento al rispetto dei contenuti di cui al citato  protocollo.

Foto Repertorio

9 Aprile 2018 0

Cassino, 8° Rally Internazionale Lirenas 2018: la coppia Rossetti-Mori fa il bis su Skoda Fabia R5

Di redazionecassino1

CASSINO – Bis del friulano Luca Rossetti, al Rally Internazionale Lirenas – Eco Liri di Cassino giunto alla sua ottava edizione, organizzata da World Events Racing insieme a Gruppo Eco Liri. Primo atto dell’avvincente Campionato IRCup, e valido per la Piston Rally Cup oltre che per il Trofeo Peugeot.

Rossetti, Campione uscente dell’IRCup, affiancato dalla vicentina Eleonora Mori su una Skoda Fabia R5, ha maturato il suo secondo successo sulle strade del cassinate passando al comando dalla quinta prova speciale. Aveva infatti chiuso la prima parte del rally di ieri al secondo posto per un solo decimo dietro al giovane varesino Giuseppe Dipalma (Skoda Fabia R5), poi stamane fermatosi per un incidente durante la quinta prova. Da quel momento, per Rossetti, la strada si è spianata verso il successo, avendo già un vantaggio importante sugli inseguitori.

Il resto della classifica ha evidenziato peraltro un dominio dei colori Skoda, con altre due Fabia R5, quelle usate dalla famiglia Re, padre e figlio, come al solito concreti e divisi, sotto la bandiera a scacchi, da soli nove decimi. Alessandro, il figlio, con il ligure Florean alle note, ha finito al secondo posto con una prestazione in crescendo, decisamente cristallina. Ha infatti incamerato “l’argento” disputando con forza l’ultima “piesse” di trenta chilometri, avendo ragione della resistenza del padre, Felice, grande estimatore della gara, affiancato da Mara Bariani. Anche per loro, da anni sempre ai vertici, una prestazione da grandi firme, mentre Alessandro ha avuto invece da recriminare una penalità di 10” presa nella prima giornata per una partenza anticipata allo start della terza prova di ieri.

Ai piedi del podio l’intero arco della gara è trascorso con sensazioni forti, con duelli sul filo dei secondi ed alla fine la quarta piazza è stata per Razzini-Marcomini, con una Peugeot 208 T16 R5, autori di una prestazione di vertice, esente da errori e ricca di soddisfazione per l’equipaggio per i riscontri cronometrici avuti. La top five è stata completata dai toscani di Bibbiena Cresci-Ciabatti, con una Ford Fiesta WRC. Dopo un primo adattamento alla vettura “dell’ovale blu”, gli aretini hanno siglato tempi di rilievo, firmando una prestazione in progressione, ottimo inizio quindi di campionato.

 

Sesta posizione finale per i veneti Gentilini-Gastaldello (Ford Fiesta WRC), con una prestazione regolare, settimi hanno terminato i còrsi Alerini-Barichella (Ford Fiesta R5), meritevoli di elogio per aver corso su strade a loro sconosciute, sulle quali si sono fatti vedere in forma, quella buona per riuscire a tenersi dietro Roncoroni-Brusadelli (Ford Fiesta R5), assai esaltati dalle caratteristiche del percorso.

Menzione d’onore per il toscano di Pisa Michele Rovatti, tornato al “Lirenas” stavolta con una Renault Clio S1600 (lo scorso anno vinse il Trofeo Renault e la categoria con una Clio R3). Affiancato dall’emiliana Catone, ha finito al nono posto assoluto, frutto di una prestazione sopra le righe, costantemente su livelli di vetture di categoria superiore. Quei livelli che gli hanno consentito di primeggiare tra le vetture a due ruote motrici.

Decimi, infine, Zanni-Mucci, con la loro Ford Fiesta R5, non bene in sintonia con la vettura e con il percorso a loro nuovo, ma comunque bravi a centrare l’arrivo, ottimo auspicio per il prosieguo stagionale.

Il Trofeo Peugeot Competition Rally 208 (prima gara stagionale) è stato incamerato dal giovane fiorentino, esponente di Aci Team Italia, Tommaso Ciuffi, con al fianco Gonella, sulla Peugeot 208 R2.

Si sono registrati anche alcuni ritiri “eccellenti”: a parte quello di Dipalma, quelli del bresciano “Pedro” (Hyundai i20), del còrso Pierre Campana (Peugeot 208 T16 R5) entrambi per incidente, e del valtellinese Marco Gianesini (Ford Fiesta WRC), per abbandono volontario non avendo trovato il giusto feeling con la vettura e con le strade trovate. Out anche per il siciliano, specialista delle cronoscalate, Luigi Bruccoleri, per un principio di incendio alla sua Mitsubishi, durante la prova finale.

Nella gara nazionale, che ha corso un chilometraggio ridotto ed arrivando quindi prima della sfida internazionale in centro a Cassino, vittoria per la Ford Fiesta R5 di D’Alto-Liburdi. Hanno preso la testa della corsa nel finale dopo il ritiro, per incidente, di Marcoccia-Parisi e la loro Mitsubishi Lancer Evo IX Gruppo N, partiti da leader e poi avvicinati dai futuri vincitori durante le prime battute odierne con un’azione di forza. Secondi sono giunti, ad un minuto, Miele-Patriarca (Peugeot 208 T16 R5), terzi Cante-Lautieri, su una Renault Clio Rs gruppo N.

Ampio il consenso verso la gara da parte dei partecipanti. L’opinione comune è stata quella di aver trovato una grande opitalità e tanto calore da parte del pubblico oltre ovviamente ad un percorso molto tecnico quanto anche ostico da interpretare. Caratteri, questi ultimi, che hanno esaltato le doti di guida dei piloti, molti dei quali hanno fatto la promessa di essere al via anche per la prossima edizione, proprio per le sensazioni che hanno provato lungo le nove prove speciali del “Lirenas” targato 2018, confortato da due splendide, soleggiate, giornate primaverili.