Tag: cordoglio

5 giugno 2010 0

Omicidio di Mons. Padovese, il cordoglio della diocesi di Montecassino

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

L’Abate di Montecassino, Dom Pietro Vittorelli, la comunità monastica e i presbiteri della Diocesi, costernati per la drammatica notizia dell’uccisione di Mons. Luigi Padovese, Vicario Apostolico dell’Anatolia e Presidente della Conferenza Episcopale di Turchia, si uniscono all’Episcopato italiano ed esprimono il loro profondo cordoglio e la partecipazione sentita a questo nuovo lutto della Chiesa cattolica in Turchia. Assicurano fervide preghiere di suffragio per Mons. Padovese, con il quale ebbero modo di incontrarsi nel gennaio 2009 durante il pellegrinaggio compiuto sui passi di S. Paolo, apprezzandone l’amabilità, la disponibilità e la profonda conoscenza della storia passata e delle attuali difficili condizioni della Chiesa in quelle terre. A questo suo servo buono e fedele, certamente il Signore concederà il premio della vita eterna.

13 aprile 2010 0

Morte del presidente polacco, il cordoglio della città Martire

Di redazione

A seguito del disastro aereo che ha colpito la Polonia, nel quale hanno perso la vita il presidente della Repubblica Lech Kaczynski, la moglie Maria e molti rappresentanti del Governo polacco, Bruno Vincenzo Scittarelli, sindaco della città di Cassino, “gemellata con le città polacche di Tycky, Zamosc e Kolbuszowa, e particolarmente legata al popolo polacco per il grandissimo contributo di sangue versato in occasione della seconda guerra mondiale in occasione della riconquista dell’abbazia di Montecassino, il 18 maggio 1944”, ha scritto un telegramma di cordoglio all’ambasciatore della repubblica di Polonia in Italia, S.E. Jerezy Chmielewski. “A nome della città di Cassino e mio personale – scrive Scittarelli – esprimo i sentimenti del più profondo cordoglio per la tragica scomparsa del presidente Lech Kaczynski e della gentile signora Maria, nonché dei molti rappresentanti della massima autorità della Repubblica di Polonia”. Analogo telegramma è stato trasmesso ai sindaci di Tycky, Andrei Dziuba, Zamosc, Marcin Zamoycki, e Kolbuszowa, Jan Zuba.