Tag: crucis

18 febbraio 2018 0

La pioggia non ferma la via Crucis in Largo don Bosco a Cassino – LE FOTO

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – “La pioggia invernale non ha frenato il grande successo di pubblico riscosso per l’evento della Via Crucis organizzato dalla parrocchia di San Pietro Apostolo e dall’oramai nota associazione Largo a Don Bosco”.

Lo si legge in una nota degli organizzatori.

“Oggi pomeriggio alle ore 15.oo in largo don Bosco zona Solfegna a Cassino si è tenuta una manifestazione che ha visto la presenza del diacono Luigi Evangelista il quale ha ricordato ai presenti il significato della Via Crucis.

Originariamente la vera Via Crucis comportava la necessità di recarsi materialmente in visita presso i luoghi dove Gesù aveva sofferto ed era stato messo a morte. Dal momento che un tale pellegrinaggio era impossibile per molti, la rappresentazione delle stazioni nelle chiese rappresentò un modo di portare idealmente a Gerusalemme ciascun credente. Le rappresentazioni dei vari episodi dolorosi accaduti lungo il percorso contribuivano a coinvolgere gli spettatori con una forte carica emotiva.

Tale pratica popolare venne diffusa dai pellegrini di ritorno dalla Terrasanta e principalmente dai Minori Francescani che, dal 1342, avevano la custodia dei Luoghi Santi di Palestina. Inizialmente la Via Crucis come serie di quattordici “quadri” disposti nello stesso ordine (vedi il capitolo seguente) si diffonde in Spagna nella prima metà del XVII secolo e venne istituita esclusivamente nelle chiese dei Minori Osservanti e Riformati. Successivamente Clemente XII estese, nel 1731, la facoltà di istituire la Via Crucis anche nelle altre chiese mantenendo il privilegio della sua istituzione al solo ordine francescano.

Il direttivo dell’associazione Largo a Don Bosco Giovanni Pontone Benedetto Vizzaccaro Giovanni La Marra Piero Luigi Di Raddo Pontone Paolo e Luigi D’Aguanno augurano a tutti buona Pasqua 2018”.

5 marzo 2017 0

Successo a Solfegna Cantoni per la Via Crucis in largo don Bosco

Di Antonio Nardelli

Il sole di primavera ha alimentato  il grande successo di pubblico riscosso per l’evento della Via Crucis organizzato dalla parrocchia di San Pietro Apostolo e dall’oramai nota associazione Largo a Don Bosco. Oggi pomeriggio alle ore 15.oo in largo don Bosco zona Solfegna  a Cassino si è tenuta una manifestazione che ha visto la presenza del parroco  della chiesa di San Pietro Apostolo don Fortunato Tamburrini il quale ha ricordato ai presenti il significato della Via Crucis.

Originariamente la vera Via Crucis comportava la necessità di recarsi materialmente in visita presso i luoghi dove Gesù aveva sofferto ed era stato messo a morte. Dal momento che un tale pellegrinaggio era impossibile per molti, la rappresentazione delle stazioni nelle chiese rappresentò un modo di portare idealmente a Gerusalemme ciascun credente. Le rappresentazioni dei vari episodi dolorosi accaduti lungo il percorso contribuivano a coinvolgere gli spettatori con una forte carica emotiva.

Tale pratica popolare venne diffusa dai pellegrini di ritorno dalla Terrasanta e principalmente dai Minori Francescani che, dal 1342, avevano la custodia dei Luoghi Santi di Palestina. Inizialmente la Via Crucis come serie di quattordici “quadri” disposti nello stesso ordine (vedi il capitolo seguente) si diffonde in Spagna nella prima metà del XVII secolo e venne istituita esclusivamente nelle chiese dei Minori Osservanti e Riformati. Successivamente Clemente XII estese, nel 1731, la facoltà di istituire la Via Crucis anche nelle altre chiese mantenendo il privilegio della sua istituzione al solo ordine francescano.

Il direttivo dell’associazione Largo a Don Bosco Giovanni Pontone Benedetto Vizzaccaro Giovanni La Marra Piero Luigi Di Raddo Pontone Paolo e Luigi D’Aguanno augurano a tutti buona Pasqua 2017.

2 aprile 2010 0

Torna ad Agnone la rievocazione storica della Via Crucis Vivente

Di redazionecassino1

A distanza di vent’anni torna oggi ad Agnone la rievocazione storica della Via Crucis Vivente. La rappresentazione è stata organizzata dal Cenacolo Culturale Francescano Camillo Carlomagno, con l’alto patrocinio della Regione Molise (Ass. al Turismo ), Comune e Pro Loco di Agnone, Provincia  di Isernia, Ente Provinciale del Turismo di Isernia in collaborazione con le associazioni locali . L’ambientazione nella suggestiva cornice scenografica della nuova Villa Comunale è stata accuratamente realizzata dai signori Fabio Verdone e Mario Catolino, già promotori dell’evento negli anni’80,  e dal signor Gabriele Catolino, con il  prezioso contributo di tutti i partecipanti all’evento. Si tratta di uno dei tradizionali appuntamenti della Settimana Santa, volto ad avvicinare i cittadini alla Chiesa, coinvolgendo soprattutto i più giovani con una messa in scena ricca di enfasi,  non solo  uno spettacolo, dunque, ma un profondo momento di riflessione e meditazione che in passato ha incuriosito e richiamato migliaia di spettatori nella cittadina alto-molisana. La tragedia religiosa della “Via Crucis” sarà interpretata da 150 attori-figuranti, gente comune, che attraverso una profonda analisi introspettiva ed un esame spirituale del personaggio portato in scena con i costumi d’epoca, esemplificando i significati simbolici e traducendo le azioni in immagini descrittive della Passione di Cristo, faranno rivivere e provare al pubblico gli avvenimenti della Via Dolorosa percorsa da Gesù, dall’Ultima Cena, al Golgota, fino alla resurrezione, in tutta  la sua sofferenza e agonia, sino alla Sua morte sulla Croce. Articolata in nove atti, la drammatizzazione si svolgerà a partire dalle ore 18:00, in piazza Plebiscito percorrendo le vie cittadine, giungendo fino alla Villa Comunale. Lo scopo della rappresentazione è infatti, quello di coinvolgere gli spettatori in una realtà lontana da quella reale e quotidiana attraverso un paradosso temporale che fonde presente e passato.

7 marzo 2010 0

Via Crucis a La Solfegna, l’inivito di Don Fortunato

Di redazione

La parrocchia di San Pietro Apostolo, con la collaborazione delle associazioni Largo a Don Bosco, Salesiani cooperatori Adma, Comunità di Gesù risorto ha organizzato per domenica 14 marzo ore 15. In via solfegna, la via Crucis Solenne. Tutte le famiglie sono caldamente invitate a partecipare. Alle ore 15 raduno nei pressi di largo don Bosco di via Solfegna Cantoni e attraverso le 14 stazioni e arrivo di nuovo presso il gruppo statuario. Ad annunciarlo è il parroco Don Fortunato Tamburrini.