Tag: custodia

7 luglio 2018 0

Frosinone-Squadra Volante: eseguita un’ordinanza di custodia cautelare, 2 denunce e controlli a tappeto su veicoli

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Continuano senza sosta i servizi di prevenzione e controllo del territorio per contrastare in maniera sempre più efficace le varie forme di illegalità.

Le Volanti del capoluogo si sono mosse nel capoluogo e nei settori di rispettiva competenza con un unico obiettivo: prevenire i reati predatori ed offrire più sicurezza sulle strade.

Nella giornata di ieri è stata eseguita dal personale della squadra volante un’ordinanza di custodia cautelare emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Roma nei confronti di un pluripregiudicato 33enne del capoluogo. Nella stessa giornata, personale della trattazione atti, denunciava in stato di libertà due individui; un 23enne per evasione agli arresti domiciliari e un 45enne per inosservanza alle misure di prevenzione. Inoltre al culmine di un’ampia attività di monitoraggio stringente del capoluogo con l’ausilio del “Reparto Prevenzione Crimine Lazio” venivano fermati e controllati circa 150 individui, oltre 2000 veicoli con sistema “Mercurio” e monitorati 15 soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale.

6 marzo 2018 0

Custodia cautelare in carcere ad una 45enne per furto in un negozio di abbigliamento

Di redazionecassino1

CASSINO – I poliziotti del Commissariato di Cassino, diretti dal vice Questore Alessandro Tocco, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dalla Corte di Appello di Napoli, nei confronti di una 45enne che, agli arresti domiciliari, si era resa responsabile di furto, in concorso, in danno di un negozio di abbigliamento.

La donna era stata “incastrata” dalle immagini del sistema di videosorveglianza, che aveva anche ripreso l’auto con la quale si era data alla fuga dopo il colpo.

Il veicolo, come da accertamenti, risulterà nella disponibilità della ladra che, nonostante fosse stata più volte sottoposta a misure di prevenzione, aveva continuato a condurre una vita “sregolata” e a frequentare persone “pregiudicate”.

A richiedere la custodia cautelare in carcere è stata la Corte di Appello di Napoli nei confronti di una 45enne che aveva posto in essere comportamenti e frequentazioni che avevano evidenziato la recrudescente indole criminale, dopo le risultanze investigative degli inquirenti del Commissariato di Cassino.

 

26 febbraio 2018 0

Usura ad Aquino, 86enne ai domiciliari su ordinanza di custodia cautelare

Di admin

AQUINO – Questa mattina, in Aquino, i carabinieri della locale Stazione, hanno arrestato un 86enne, del luogo, già gravato da vicende penali per reati contro l’ordine pubblico e contro il patrimonio, in ottemperanza all’ordinanza di detenzione domiciliare emesso in data 1 dicembre 2017, dal Tribunale di Sorveglianza di Roma – Ufficio Esecuzione.

L’anziano deve espiare la pena di 4 anni per il reato di usura commesso tra il 2004 e il 2009, ad Aquino. Ad espletate formalità di rito, l’arrestato è stato posto in regime di detenzione domiciliare presso il  suo domicilio.

23 novembre 2017 0

Resistenza a P.U., ordinanza di custodia cautelare in carcere a pregiudicato 29enne del Capoluogo

Di redazionecassino1

Frosinone – I militari della Stazione Carabinieri di Frosinone Scalo hanno arrestato FAVORITI Christian, 29enne del capoluogo, in esecuzione dell’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa il 20 novembre scorso dal Tribunale di Frosinone. Il provvedimento scaturisce a seguito di controllo alla circolazione stradale effettuato nel maggio 2011 allorquando l’uomo dopo una contestata violazione al CdS, commise il reato di resistenza a pubblico ufficiale. Per tale violazione l’arrestato, pregiudicato per reati contro il patrimonio e reiterati reati di oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, dovrà scontare una pena residua di sei mesi di reclusione. Dopo le formalità di rito l’uomo è stato ristretto presso la locale Casa Circondariale di Frosinone.

21 novembre 2017 0

Ordinanza di custodia cautelare in carcere: Polizia e Carabinieri eseguono 43 provvedimenti

Di redazionecassino1

Frosinone – Anche la Squadra Mobile di Frosinone ha concorso nell’ esecuzione dei provvedimenti. Tra i 43 soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di stampo mafioso, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini della cessione di sostanza stupefacente, detenzione e porto illegale di arma comune da sparo, ricettazione, con l’aggravante prevista dall’art.7 L.203/91, anche uno che si “nascondeva” nel frusinate. Nella mattinata odierna, personale della Polizia di Stato e dei Carabinieri ha eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 43 soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di stampo mafioso, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, detenzione ai fini della cessione di sostanza stupefacente, detenzione e porto illegale di arma comune da sparo, ricettazione, con l’aggravante prevista dall’art.7 L.203/91. Nell’esecuzione dei provvedimenti ha concorso anche la Squadra Mobile di Frosinone, che ha arrestato e condotto presso la locale casa circondariale un giovane che si “nascondeva” nel frusinate. Le indagini hanno documentato le responsabilità, in seno al clan Lo Russo, denominato “dei capitoni”, degli affiliati dediti in prevalenza al traffico di sostanze stupefacenti, individuando i responsabili dell’intera filiera, dai narcotrafficanti, che hanno operato nell’interesse del clan sfruttando alcuni canali di fornitura esteri, agli spacciatori che si sono occupati della distribuzione al minuto della sostanza.

 

 

 

10 novembre 2017 0

Piedimonte San Germano, Armi e relativa custodia ed autorizzazioni, due persone denunciate

Di redazione

A Piedimonte San Germano, i militari della locale Stazione, a conclusione di indagini esperite a seguito della denuncia di furto di una pistola, sporta da un 81enne del posto, deferivano in stato di libertà lo stesso denunciante poiché aveva omesso di custodire la citata arma in un armadio metallico, così come previsto dalla legislatura in materia. Nell’ambito delle stesse indagini, deferivano altresì un 46enne sempre del luogo poiché a seguito di una perquisizione domiciliare, veniva trovato in possesso di una carabina ad aria compressa e di una baionetta innestabile sui fucili d’assalto, essendo sprovvisto di titolo autorizzativo. Foto d’archivio

30 ottobre 2017 Non attivi

Omicidio Morganti: ordinanza di custodia cautela in carcere per Franco Castagnacci

Di redazionecassino1

Frosinone – Il Reparto Operativo – Nucleo Investigativo, in collaborazione con personale della Compagnia di Frosinone, Alatri ed Anagni, oggi, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Frosinone, dott.ssa  Ida Logoluso, su richiesta della locale Procura, Dott. De Falco  – Dott. Coletta – Dott. Misiti, nei confronti di Castagnacci Franco, originario di Alatri (FR) cl. 67, censurato (attualmente già detenuto presso la Casa Circondariale di Velletri per reati di droga). Lo stesso è ritenuto responsabile di concorso in omicidio volontario, poiché implicato nella feroce aggressione che ha cagionato il 26 marzo scorso, in conseguenza delle gravissime lesioni procurate, la morte, in Alatri, di Emanuele Morganti.  A carico del Castagnacci, al pari di quanto già evidenziato nei confronti degli altri tre soggetti sottoposti a fermo nei giorni successivi al grave evento, sono emersi, nel corso di articolata e complessa attività investigativa espletata dai militari del Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone e diretta dai Pubblici Ministeri assegnatari dell’inchiesta, gravi indizi di colpevolezza circa il suo attivo coinvolgimento nel violento delitto, concretizzatosi: nella partecipazione all’aggressione di Emanuele subito dopo che era stato portato fuori dal locale; nell’averlo inseguito sino alla parte alta della piazza, dove il giovane aveva tentato di fuggire, braccandolo e continuando a colpirlo; nell’aver, immediatamente dopo, impedito ad un giovane, trattenendolo con forza,  di accorrere in soccorso di Emanuele che, nel frattempo, dopo essersi liberato da lui, veniva affrontato ed aggredito dai tre indagati già sottoposti al regime detentivo che ne causavano, infine, la morte. Il provvedimento cautelare si è reso necessario alla luce della condotta collaborativa tra l’arrestato e gli ulteriori tre indagati per l’intera fase dell’aggressione; per la  rilevantissima pericolosità desumibile dal comportamento particolarmente crudele e dall’accanimento della condotta realizzata in danno della giovane vittima nonché per prevenire il concreto rischio di inquinamento di prove consistenti nel pericolo che il prevenuto possa continuare a subornare o minacciare i testi, come emerso durante le indagini, per favorire la propria posizione e quella del figlio.

13 ottobre 2017 0

Polizia di Stato arresta 40enne in esecuzione ad Ordinanza di custodia cautelare

Di redazionecassino1

Frosinone – Squadra Mobile e Squadra Volante della Questura di Frosinone, in un’operazione congiunta, hanno tratto in arresto un 40enne di origini campane. Nei confronti dell’uomo pendeva l’esecuzione di custodia cautelare emessa dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli, per istigazione alla corruzione.

Un altro importante colpo messo a segno dalla Polizia di Stato di Frosinone, dopo la recentissima “operazione sciacallo”.

 

 

 

1 febbraio 2017 0

Operazione “La storia infinita” tredici ordinanze di custodia cautelare per spaccio e porto abusivo d’armi

Di redazionecassino1

Cassino – Nell’ambito dell’operazione convenzionalmente denominata “La Storia Infinita”, il GIP del Tribunale di Roma, nell’esprimersi sulla richiesta del P.M. dott.ssa Ilaria CALO’, Sostituto Procuratore presso la Direzione Distrettuale di Roma chiamata a pronunciarsi in merito all’ordinanza emessa dal GIP del Tribunale di Cassino, che si era dichiarato incompetente, emetteva ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 13 persone ritenute responsabili dei seguenti reati: per nr. 9 persone di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti (artt. 110 C.P., 73 e 74 DPR 309/1990); per nr. 3 persone di concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti (art. 110 C.P. e 73 DPR 309/1990) e per nr.2 persone per detenzione e porto illegale di armi (artt. 2 e 4 L. 895/1967). Il GIP di Roma, pertanto, ha disposto la misura cautelare in carcere di: F.G., classe 1974 di Napoli; P.E., classe 1992 di Piedimonte S. G.; M.A., classe 1992 di Cassino; C.L., classe 1991 di Cassino; T.A., classe 1987 di Villa Santa Lucia; M.L., classe 1994 di Cassino; Q.A., classe 1997 di Cassino; M.P.A., classe 1989 di San Giorgio a Liri, C.A., classe 1994 di Cassino; D’A.D., classe 1982 di Cassino; S.F., classe 1982 di Cassino; mentre ha disposto la sostituzione della misura degli arresti domiciliari con quella cautelare in carcere di F.R., 23enne di Cassino. Ha confermato la misura degli arresti domiciliari a V.O.M., 26enne di Ausonia. Le suddette misure coercitive sono state eseguite nella mattinata odierna dai militari del NORM della Compagnia di Cassino.