Tag: dalla

10 dicembre 2018 0

Truffa da 10mila euro per rivenditori di telefonini, denunciati due campani

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Operatori della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, nel corso di  servizi  di vigilanza stradale  nel tratto di competenza sull’Autostrada del Sole, nei pressi del chilometro 661 della carreggiata sud ( territorio del comune di Aquino ), procedevano al fermo di una vettura Lancia Ypsilon, di colore grigio con due persone a bordo.

L’auto  risultava noleggiata presso una Società con sede a Potenza.

Identificati gli occupanti: entrambi campani; il conducente  mostrava il biglietto di entrata dal Casello di Genova Ovest,.

Le spiegazioni fornite risultavano discordanti; inoltre da accertamenti presso la Banca Dati emergevano per entrambi pregiudizi di polizia.

Si procedeva a perquisizione personale e veicolare.

Il controllo effettuato permetteva di rinvenire diverse buste in plastica nascoste nell’abitacolo e  contenenti telefoni marca IPHONE e relativi scontrini /finanziamento per un valore di circa 10000,00 (diecimila euro).

La merce rinvenuta risultava essere stata acquistata il 5 e 6 dicembre con finanziamenti di cui i convenuti non davano contezza e risultavano essere stati effettuati  a Genova, Novi Ligure, Montebello D/B (PV) e in altri centri del Nord Italia, zone compatibili con quelle percorse dai controllati.

Il tutto viene sequestrato e messo a disposizione dell’A.G. per i successivi adempimenti.

Alla luce di quanto emerso i fermati venivano deferiti all’A.G. per il reato di truffa in concorso e sostituzione di persona poiché la merce risultava essere stata acquistata con finanziamenti intestati a due persone diverse dai fermati come da accertamenti effettuati, fisicamente esistenti.

 

 

6 dicembre 2018 0

La polizia, dalle impronte digitali, risale ad una ladra internazionale specialista in furti in appartamento

Di redazionecassino1

FONDI (LT)  – Dopo laboriose indagini, è stata individuata dagli specialisti della Polizia Scientifica di Fondi e di Roma, una ladra seriale di etnia Rom specializzata in furti in appartamento.

A seguito di un intervento per un furto avvenuto quattro anni fa a casa di un anziana donna, gli specialisti della Polizia Scientifica inviati sul posto riuscirono ad isolare su di in un porta gioie che era stato svuotato del suo contenuto, delle impronte digitali. In particolare, con la tecnica della evidenziazione delle impronte latenti attraverso l’utilizzo di polveri igroscopiche, gli specialisti della Polizia Scientifica riuscirono a rilevare alcuni frammenti di linee papillari. In seguito, tali evidenze, vennero inviate presso i laboratori di Roma, per il loro inserimento nella banca dati ove sono custodite tutte le impronte digitali dei criminali censiti in Italia. Dai primi accertamenti, tali impronte non vennero associate ad alcun delinquente e quindi il caso venne archiviato dal Sostituto Procuratore di Latina incaricato delle indagini. Ma ora grazie a nuove e più approfondite tecniche di indagini scientifiche, a distanza di 4 anni,  gli esperti del Gabinetto Interprovinciale della Polizia Scientifica di Roma, sono risaliti alla persona che aveva lasciato le sue impronte nell’abitazione della Sig.ra di Fondi. Infatti a compiere il furto non era stato un semplice ladruncolo ma bensì una vera e propria esperta, una giovane donne di origini rom, che ha al suo attivo numerosi colpi, messi a segno non solo sul territorio nazionale, ma anche in Portogallo e Svizzera. Per cercare di confondere gli investigatori, la ladra di anni 25 , forniva ogni volta che veniva  arrestata, diverse identità. Ad oggi, associate alle sue impronte digitali, risultano negli archivi della Polizia, ben 12 nomi diversi ed ben due mandati di cattura, emessi sempre per aver consumato dei furti.  Quindi le indagini sono ripartite sotto il coordinamento della Procura di Latina, che ha incaricato gli investigatori della Polizia di Fondi, di ricercare la nomade in collaborazione con gli altri Uffici di Polizia che hanno trattato gli altri casi.

23 novembre 2018 1

Quattro cittadini stranieri ‘socialmente pericolosi’ espulsi dalla Questura

Di redazionecassino1

FROSINONE – Altri quattro cittadini stranieri, ritenuti socialmente pericolosi, sono stati colpiti da decreto di espulsione, dopo i necessari e tempestivi accertamenti dell’Ufficio Immigrazione della Questura, in perfetta sinergia con i Commissariati di Cassino, Fiuggi e Sora, nell’ottica dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Tre sono  di nazionalità albanese, mentre il quarto è originario della Nigeria.

I tre connazionali, rispettivamente di 22, 35 e 47anni, tutti con  precedenti relativi alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti,  sono stati accompagnati, nella stessa giornata, alla frontiera aerea di Fiumicino per successivo rimpatrio nel Paese nativo.

Per due di loro  il provvedimento è stato disposto dal Prefetto, mentre per il 35enne, gravato anche da  furto e lesioni personali, dal Magistrato di Sorveglianza, in sostituzione della pena detentiva; era stato infatti condannato a 4 anni di reclusione.

Infine, il cittadino nigeriano, 35 anni, rintracciato dal Commissariato di Sora, in quanto sprovvisto di permesso di soggiorno,  è stato munito del decreto di espulsione emesso dal Prefetto, con Odine del Questore a lasciare il Territorio  Nazionale entro 7 giorni.

 

 

20 novembre 2018 0

Viaggiava in A1 con gran quantità di farmaci rubati, bloccato e denunciato dalla Polstrada

Di redazionecassino1

ROMA – I farmaci di grande valore economico, erano stati rubati nella notte da un ospedale toscano.

Alle prime luci dell’alba gli uomini della Sottosezione Polizia Stradale di Roma Nord hanno proceduto al controllo di autovettura che viaggiava sull’autostrada del Sole in direzione Napoli a forte velocità.

Il conducente M.M. campano di 43 anni, noto alle forze dell’ordine, una volta fermato mostrava segni nervosismo, tanto da indurre gli agenti a procedere al controllo sia della persona che del veicolo.

Infatti nel vano portabagagli vi erano due sacchi di colore nero contenenti prodotti farmaceutici recanti la dicitura “prodotto ospedaliero” di cui il conducente non sapeva indicarne la provenienza.

Scattavano così gli accertamenti presso ospedali e case farmaceutiche e grazie al numero del lotto impresso sulle scatole dei farmaci gli agenti sono riusciti a scoprire che quei medicinali erano stati rubati dall’Ospedale di Figline Val d ‘Arno nella nottata.

M.M. veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di ricettazione, mentre i farmaci su consiglio dei medici dell’ospedale, venivano conservati in frigorifero in attesa di essere restituiti.

20 novembre 2018 0

Maltempo, poliziotti salvano due ragazzi dalla piena del torrente a Cassino

Di admin

CASSINO – Rispondendo ad una richiesta di aiuto giunta al 113, gli agenti del commissariato di Cassino diretto dal vice questore Raffaele Mascia hanno salvato, questa notte, due giovani rimasti in balia delle acque di un torrente a Sant’Angelo in Theodice.

L’allarme è stato lanciato all’1.40 circa da via Santa Brigida dove era esondato un torrente. Giunti sul posto gli agenti hanno notato in lontananza i due giovani una in auto semisommersa e l’altra aggrappata ad un lampione. A piedi e formando una catena umana usando i cinturoni gli agenti hanno raggiunto i malcapitati nonostante la fortissima corrente, portandoli in salvo.

Il coraggioso e tempestivo intervento della Squadra Volante ha scongiurato il pericolo dell’annegamento, “scrivendo” un lieto fine ad una storia che poteva avere risvolti drammatici.

16 novembre 2018 0

Ritirati, dalla polizia, quattro fucili ed una pistola a possessori privi di certificazione sanitaria prevista

Di redazionecassino1

FROSINONE – I poliziotti della Divisione Amministrativa della Questura di Frosinone, in ottemperanza alla normativa vigente, dopo le opportune e necessarie verifiche, hanno proceduto al ritiro cautelare di quattro fucili  ed una pistola.

Il provvedimento ha colpito altrettanti detentori  che non avevano prodotto la certificazione medica richiesta, nei tempi e con le modalità previste dalla legge ed in particolare erano stati già raggiunti da diffida ad esibire la citata certificazione sanitaria.

A riguardo, il Dirigente della già citata Divisione, dr.ssa Antonella Chiapparelli, ricorda che con l’entrata in vigore del Decreto Legislativo 10.08.2018, n. 104, dal 14 settembre 2018, tutti i detentori di armi, ad esclusione dei titolari di licenza di porto di armi in corso di validità e coloro che non hanno avuto il provvedimento di diffida prima dell’ entrata in vigore della menzionata legge , avranno tempo ancora un anno,  fino 13 settembre 2019, per produrre autonomamente la certificazione medica di idoneità psicofisica per la detenzione di armi di cui all’art. 35 comma 7 del T.U.L.P.S..

Per opportuna conoscenza, si ribadisce che la certificazione medica è rilasciata, sulla base del certificato anamnestico del medico di famiglia, dal settore medico-legale delle Aziende Sanitarie Locali o da un medico militare, della Polizia di Stato o del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

La certificazione medica va prodotta all’Ufficio di Polizia o Carabinieri presso il quale sono state denunciate le armi detenute e dovrà essere presentata ogni 5 anni.

Qualora il detentore di armi risulti titolare di licenza di porto d’armi, l’obbligo della presentazione della certificazione medica decorre dalla scadenza della stessa, se non rinnovata.

 

31 ottobre 2018 0

Cinque stranieri espulsi dalla Questura tra Cassino Sora e Fiuggi

Di admin

FROSINONE – Un’intensa attività di controllo, da parte dell’Ufficio Immigrazione della Questura, in sinergia con i Commissariati di Cassino, Fiuggi e Sora, ha permesso di emettere 5 decreti di espulsione, nei confronti di altrettanti cittadini stranieri. Tre di loro, un albanese, un marocchino ed un serbo,  sono “accomunati” dallo stesso precedente, lo spaccio di sostanze stupefacenti.

Il cittadino serbo è stato accompagnato direttamente alla frontiera aerea di Fiumicino da personale specializzato dell’Ufficio Immigrazione.

Resistenza a Pubblico Ufficiale è nel “curriculum”, invece, di un 30enne nigeriano e di un senegalese di 32 anni.

Per quest’ultimo già era stato emesso diniego del permesso di soggiorno per mancanza dei titoli necessari. Dopo la scarcerazione per fine pena, presso una struttura carceraria della provincia, all’uomo è stato intimato, con Ordine del Questore, di lasciare il Territorio Nazionale entro 7 giorni.

Poche ore dopo aver varcato il cancello dell’istituto, è stato di nuovo arrestato: la sua “carriera delittuosa” è implementata anche da minacce, lesioni ed oltraggio a Pubblico Ufficiale.

Convalidato l’arresto; disposto dal Giudice l’obbligo di presentazione alla Polizia presso un Commissariato sezionale della Capitale.

22 ottobre 2018 0

Cade dalla bicicletta a Veroli, 38enne soccorso da eliambulanza e Soccorso Alpino

Di admin

VEROLI – Una caduta dalla bicicletta e la bella domenica iniziata sui monti a Veroli finisce con un volo in eliambulanza a Roma.

E’ accaduto ieri quando i tecnici del Soccorso Alpino del Lazio sono dovuti intervenire nel comune di Veroli per prestare soccorso ad un uomo di 38 anni caduto dalla mountain bike in una zona impervia.

L’uomo, raggiunto anche dal personale medico del 118 e dall’eliambulanza della Regione Lazio con a bordo il tecnico di elisoccorso del Soccorso Alpino, è stato elitrasportato a Roma.

13 ottobre 2018 0

Macigno si stacca dalla montagna e centra un’auto in transito

Di admin

SGURGOLA – Un solo masso, di poco più grande di una lavatrice, è rotolato oggi pomeriggio dalle pendici di una collina fin sopra la strada Pedemontana a Sgurgola centrando in pieno una una macchina.

Il macigno ha rotolato per decine di metri travolgendo la vegetazione prima di un ultimo salto “parcheggiandosi tra il parabrezza e la capotta di una Toyota che, proprio in quel momento stava transitando.

Una sfortuna incredibile per il conducente dell’auto trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato ma, per lui anche tanta fortuna dato che ha riportato ferite lievi. Sul posto oltre agli operatori del 118 anche i carabinieri della stazione di Sgurgola.

Ermanno Amedei

 

2 settembre 2018 0

Allerta meteo dalla protezione civile: forti piogge al centro-nord e sulla Campania

Di redazionecassino1

I temporali che in queste ore si stanno abbattendo sulle regioni centro-settentrionali e parte del sud, continueranno a determinare fenomeni localmente intensi per tutta la giornata di oggi, causa un minimo depressionario posizionato sul Nord del Paese. 

È l’avviso emesso dal Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – sulla base delle previsioni disponibili. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche.

Sin dalle prime ore di domenica 2 settembre sono previste precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale su Veneto, Lombardia, Toscana, Lazio, Abruzzo e Campania. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni in atto, è stata valutata per la giornata di oggi allerta arancione su alcuni settori del Veneto e allerta gialla sui settori centro orientali della Lombardia, sul resto del Veneto e su Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo, gran parte del Molise, sulla Campania, sulle aree del Gargano e del Tavoliere in Puglia e sul versante Tirrenico settentrionale della Calabria.

 Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.