Tag: defibrillatore

6 ottobre 2017 0

Consegnato il defibrillatore alla Longobarda Pontecorvo

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

 È scattato dal 1° luglio di quest’anno l´obbligo dell´utilizzo dei defibrillatori durante le manifestazioni sportive. Il CSI Cassino ha già da tempo avviato una campagna di sensibilizzazione e corsi di formazione per l’uso di questo importante dispositivo salvavita nei tornei che organizza. Con l’inizio delle attività agonistiche di calcio che il Comitato Territoriale di Cassino, tutte le formazioni impegnate nei tornei, sottolinea Mario Scuro presidente del Comitato di Cassino, dovranno dotarsi del dispositivo che obbligatoriamente dovrà essere presente su tutti i terreni di gioco. Il direttore di gara avrà, infatti, l’obbligo di accertare la presenza del defibrillatore ed in caso di inadempienza la gara non potrà essere disputata e con la sanzione del 3 a 0 a tavolino. Bisogna ricordare che il ministro dello sport Luca Lotti e il ministro della salute Beatrice Lorenzin hanno firmato già dal 26 giugno il decreto per l´obbligo del defibrillatore per le società sportive dilettantistiche. Dal 1 luglio in tutti gli impianti sportivi, anche quelli dilettantistici, la mancanza del defibrillatore determinerà l´impossibilità di svolgere l´attività sportiva. “I corsi sull’uso del defibrillatore – sottolinea Scuro – possono essere organizzati da personale qualificato del CSI per i nostri tesserati e non”. Nei giorni scorsi uno di questi dispositivi è stato consegnato alla Ads Longobarda Pontecorvo che milita nel torneo di “Eccellenza” di calcio a 11. Il defibrillatore, alla Asd Longobarda, è stato donato dalla dott.ssa Annalisa Paliotta al presidente del sodalizio sportivo Giancarlo Rossi, durante una beve cerimonia, a cui hanno partecipato anche l’avv. Ivan Santopietro e l’addetto all’uso del defibrillatore della squadra Roberto Sarro.

F. Pensabene

Questo in sintesi il contenuto del decreto ministeriale:

– Ogni impianto sportivo deve essere dotato di un defibrillatore semiautomatico o a tecnologia più avanzata.

– Nel corso delle gare deve essere presente una persona formata all´utilizzo del dispositivo salvavita.

– Gli anzidetti obblighi gravano in capo a tutte le società o associazioni sportive dilettantistiche che praticano una delle 396 discipline sportive riconosciute dal Coni (si veda a questo riguardo la delibera 20 dicembre 2016, n. 1566 del Consiglio Nazionale del Coni, consultabile sul sito istituzionale del Coni).

– Sono escluse dall´obbligo di dotazione del defibrillatore e dalla presenza obbligatoria del personale formato durante le gare le società o associazioni sportive dilettantistiche che praticano la propria attività al di fuori di un impianto sportivo.

– Sono altresì escluse dai menzionati obblighi le società o associazioni sportive dilettantistiche che praticano sport a ridotto impegno cardiocircolatorio, il cui elenco è contenuto nell´allegato A del decreto.

 

8 giugno 2017 0

Fiuggi- Consegnato defibrillatore alla Polizia di Stato

Di redazione

Questa mattina presso la sede del Commissariato di Fiuggi è stato consegnato, alla presenza del Questore dr. Filippo Santarelli e del Dirigente dr. Sergio Vassalli, un defibrillatore, con il prezioso contributo della dott.ssa Paola Ferrante, socio del Club Rotary della città termale, e degli “sponsor” Fabiola e Stefano Apponi, Francesco Mattacola ed Angelo Pizzutelli. Il progetto segue il percorso di donazione di defibrillatori e di diffusione della cultura del primo soccorso alle Forze dell’Ordine. A consegnare il defibrillatore, i soci del Club Rotary, dr. Dario Celesti e dr. Pio Pilozzi, oltre alla dott.ssa Paola Ferrante. Da oggi anche gli agenti della Polizia di Stato di Fiuggi potranno utilizzare, qualora ce ne fosse bisogno, un defibrillatore che potrebbe salvare vite umane. Negli ultimi anni il prezioso strumento, in dotazione ad altri equipaggi della Polizia di stato, ha permesso di salvare in Italia diverse persone.

24 gennaio 2017 0

Attivato in Comune il defibrillatore donato dal Rotary Club Cassino

Di redazionecassino1

Cassino – Si è svolta questa mattina presso la Sala Restagno del Comune di Cassino l’incontro per l’attivazione del defibrillatore donato all’ente di piazza De Gasperi dal Rotary Club Cassino. Hanno presenziato all’evento il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro, il Vicesindaco e Assessore alla Sanità, Carmelo Palombo, il presidente del Rotary, Michele Ciufo, i past president, Sergio Ricchiuti e Francesco Patini, il membro del consiglio direttivo, Francesco Di Murro, il personale del Comune di Cassino formato per l’uso del defibrillatore in caso di emergenza e due volontarie della Croce Rossa che hanno predisposto l’occorrente per una simulazione eseguita da uno degli agenti di Polizia Municipale abilitati. “Finalmente siamo riusciti grazie al Rotary Club di Cassino anche a formare il personale del comune per l’utilizzo di questo importante strumento. –ha detto il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro – Ringraziamo quindi il presidente Ciufo a nome di tutta l’amministrazione comunale, per questo ennesimo gesto per la comunità, un dono straordinario che rappresenta un bene prezioso per tutti i cittadini e per i dipendenti del Comune di Cassino”. “Il Defibrillatore semiautomatico esterno non è un mezzo indicato solo per i punti di primo soccorso, i reparti di rianimazione o solo per il mondo dello sport, – ha detto Carmelo Palombo potrebbe e dovrebbe stare ovunque, in ogni punto delle nostre città. Dai grandi centri commerciali, ai parchi, dalle stazioni alle piazze. Questo perché il reale valore del DAE sta proprio nella sua facile trasportabilità e rapidità. Ecco perché questa amministrazione sta intraprendendo un percorso virtuoso per riuscire a rendere Cassino una città Cardio Protetta. Insieme al Rotary Club di Cassino ed a tutti coloro che vorranno partecipare, associazioni e cittadini lavoreremo, nei limiti del possibile, per munire di defibrillatori tutte le zone della città, dagli edifici pubblici agli impianti sportivi. Questa è l’unica possibilità per aumentare la sopravvivenza nell’arresto cardiaco a breve, medio e lungo termine”. Ha concluso il Vice Sindaco, Carmelo Palombo.