Tag: denunciati

10 Giugno 2019 0

Maxi rissa ad Atina, “scazzottata” tra una decina di persone: tre denunciati

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ATINA – Nella notte tra sabato e domenica ad Atina, i Carabinieri, coadiuvati dal personale della Sezione Radiomobile di Cassino e del Comando Stazione Carabinieri di Acquafondata, oltre che con l’ausilio di un’unità del 118 di Atina, sono intervenuti nei pressi di un noto esercizio pubblico a seguito di una rissa alla quale era stata segnalata la partecipazione di una decina di persone.

Da elementi raccolti sul posto, i militari sono riusciti ad identificare tre persone che avevano attivamente partecipato alla rissa, deferendole in stato di libertà e precisamente un 38enne (già gravato da vicende penali in materia di detenzione di sostanze stupefacenti) un 39enne, entrambi residenti nella Terra di Comino ed un 20enne (già gravato da vicende penali per reati contro il patrimonio e la persona oltre che in materia di sostanze stupefacenti) residente nella provincia di Caserta. Il 38enne ed il 39enne, avendo riportato delle ferite, hanno rifiutato di essere trasportati presso il locale Nosocomio per le relative cure. Le indagini proseguono accuratamente per addivenire all’identificazione di altri soggetti che hanno preso parte alla rissa  oltre che per accertare la dinamica stessa.

7 Giugno 2019 0

Protestano perchè non vogliono cibo ma soldi, sette denunciati a Boville Ernica

Di admin

BOVILLE ERNICA – Sette persone, ospiti di un locale centro di accoglienza per cittadini extracomunitari richiedenti asilo politico a Boville Ernica, si sono barricati nella villetta che li accoglie, impedendo così  l’accesso ai  responsabili della cooperativa che li gestisce e la conseguente distribuzione dei pasti. I motivi della protesta sono riconducibili alle nuove disposizioni ministeriali circa la somministrazione del vitto, che non prevede più la possibilità di barattare il cibo con il denaro contante, cosa, questa, non gradita al gruppo di stranieri. La critica situazione, nella quale non sono mancati spintoni ai dipendenti della cooperativa, si è risolta senza gravi criticità, grazie all’immediato intervento dei militari della Stazione Carabinieri di Boville Ernica, unitamente ad altro personale delle Stazioni limitrofe prontamente inviate sul luogo dal superiore Comando Compagnia.

Questa mattina, il personale del Comando Stazione Carabinieri di Boville Ernica,   al termine delle attività  info-investigative intraprese  a seguito della protesta di ieri hanno deferito in stato di libertà, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone, tutti e sette i partecipanti alla protesta, ovvero 4 persone di nazionalità Gambiana (3 di anni 21 e uno di 23), 2 persone di nazionalità Nigeriana (di anni 27 e 39) ed uno del Burkina Faso (di anni 27), poiché ritenuti tutti responsabili, in concorso tra loro, del reato di “interruzione di pubblico servizio” mentre, nei confronti di un 21enne del Gambia, è stata anche formalizzata la denuncia in stato di libertà poiché resosi responsabile del reato di “violenza privata” poiché,  nelle fasi della protesta si proiettava contro gli operatori della struttura con forti spintoni. Soltanto uno dei 21enni del Gambia risulta noto alle Forze dell’Ordine poiché gravato da vicende penali  per “detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti” oltre che destinatario del provvedimento del divieto di dimora nel Comune di Frosinone.

14 Maggio 2019 0

Alatri, rubano profumi per 60 euro, denunciati dai carabinieri due minori

Di redazionecassino1

ALATRI –  Personale dell’Aliquota Radiomobile del locale Comando Compagnia Carabinieri, al termine di specifica attività info-investigativa,  deferiva in stato di libertà,  alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i  Minorenni di Roma,  due minori  di nazionalità albanese e domiciliati nel predetto comune, poiché resisi responsabili  in concorso tra loro del reato di “furto aggravato”.

Le attività investigative permettevano ai militari operanti, intervenuti immediatamente presso una profumeria del luogo a seguito di richiesta pervenuta alla Centrale Operativa,  di individuare tramite le testimonianze e le immagini  riprese dal sistema di video sorveglianza istallate nell’esercizio pubblico stesso che i due minori, poco prima,  avevano  asportato  una confezione di profumo (del valore di 60 Euro circa) dandosi poi ad una precipitosa fuga nonostante  fosse  avvenuta l’ attivazione del sistema  d’allarme finalizzato all’ antitaccheggio.

Avvenuta la loro identificazione venivano poco dopo  rintracciati dai militari operanti sempre nel predetto comune e, contestualmente,  la refurtiva rinvenuta veniva restituita all’avente diritto.

9 Febbraio 2019 0

Sequestrati sull’A1 a Cassino 2.200 ricci di mare, denunciati due baresi

Di admin

CASSINO – Gli agenti della polizia stradale della Sottosezione di Cassino hanno sequestrato un ingente quantitativo di ricci di mare  trasportati in violazione delle norme previste in materia di tutela alimentare ed igienico sanitaria. All’alba di questa mattina i poliziotti hanno sottoposto a controllo un’autovettura OPEL Zafira che percorreva la carreggiata sud dell’autostrada A1 nei pressi del chilometro 675 territorio comune di Cassino con due persone a bordo.

Dopo aver fermato il veicolo in condizioni di sicurezza, all’interno dell’abitacolo gli agenti hanno notato la presenza di grosse ceste in plastica piene di ricci di mare (echinodermi) ancora vivi che il conducente, 50enne originario della provincia di Bari riferiva di aver pescato autonomamente in varie località del litorale romano.

Tenuto conto che da una prima verifica i circa 2200 esemplari ittici risultavano in numero ben superiore ai limiti massimi consentiti dalla normativa, ed in considerazione delle vaghe e generiche giustificazioni del soggetto circa la totale assenza delle prescritte licenze di pesca e della documentazione riguardante la tracciabilità del prodotto trasportato, gli uomini della polizia stradale hanno proceduto al sequestro amministrativo dei prodotti ittici ed alla contestazione di una sanzione amministrativa per un valore di 1500 euro. Al termine degli adempimenti burocratici, gli animali, ancora vivi, sono stati tempestivamente consegnati alla Capitaneria di porto competente che ha provveduto a liberare i ricci in acque marine idonee alla loro sopravvivenza.

Il sequestro effettuato testimonia la qualità delle acque del nostro litorale ricche di pregiati esemplari per l’invidiabile habitat marino che necessariamente va tutelato anche grazie all’opera della Guardia Costiera.

8 Febbraio 2019 0

Controlli in A1 della Polstrada: Denunciati a piede libero per ricettazione tre campani, 40mila euro valore della refurtiva

Di redazionecassino1

CASSINO – La scorsa notte,  operatori appartenenti alla Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, al  Km 688 Sud della A/1, nel  territorio del comune di Mignano Montelungo, procedevano   al fermo  di tre  persone.

Originarie della Campania, hanno rispettivamente   49, 30 e 28  anni,  con  precedenti di polizia.

Riferivano, alla richiesta degli agenti, di provenire da Roma, versione questa, però, non confermata dal   biglietto di entrata autostradale che invece indicava il casello di Cassino.

 Si   procedeva  ad un più accurato controllo.

All’interno del vano carico  venivano rinvenuti prodotti alimentari,   oltre a  cosmetici, batterie, colla ed altri articoli risultati   provento di vari furti  messi a segno presso negozi  nelle zone delle Marche e dell’Abruzzo.

Il valore totale della merce  sequestrata ammontava a 40.000 euro; contestata la ricettazione.

25 Gennaio 2019 0

Latina, denunciati dalla Squadra Volante due giovani italiani per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente

Di redazionecassino1

LATINA – La Questura di Latina prosegue incessante nell’attività di prevenzione e controllo, intensificata dal Questore Belfiore, nelle zone “calde” della citta. Oggi pomeriggio nella zona delle nuove autolinee, nel corso di un normale controllo del territorio, venivano notati due giovani che alla vista dell’equipaggio della Volante tentavano frettolosamente di allontanarsi, occultando qualcosa nel giubbotto.

L’atteggiamento dei due giovani destava immediatamente chiari sospetti di una verosimile attività di spaccio di sostanze stupefacenti.

I due giovani, entrambi di Latina, uno dei quali minore ma già noto alle forze di Polizia e l’altro maggiorenne, venivano immediatamente fermati e controllati. A seguito di una scrupolosa perquisizione entrambi venivano entrambi trovati in possesso di sostanza stupefacente, del tipo hashish, per un peso complessivo di circa gr. 20,00 suddivisa in singole dosi opportunamente e preventivamente confezionate per la immediata e pronta distribuzione.

La successiva perquisizione, a casa dei due giovani permetteva l’ulteriore rinvenimento di bustine e bilancini sicuramente adoperati per il caratteristico confezionamento. Ulteriore rinvenimento di una importante cifra in denaro,  confermava la già consolidata ipotesi dello “spaccio” al dettaglio dello stupefacente.

I due giovani sono stati pertanto accompagnati negli uffici della Squadra Volante per le ordinarie contestazioni al termine delle quali, dopo le rituali attività, venivano entrambi rilasciati, e denuncianti in stato di libertà alle Autorità Giudiziarie  competenti, Procura della Repubblica di Latina e Tribunale per i minorenni di Roma.

Sono in corso, i più opportuni accertamenti anche per definirne, con più attenzione e accuratezza gli eventuali canali di approvvigionamento della droga .

6 Gennaio 2019 0

Discarica abusiva e combustione di rifiuti, denunciati a Cervaro padre e figlia

Di admin

CERVARO – Padre e figlia sono stati sorpresi dai carabinieri di Cervaro a bruciare rifiuti nel proprio terreno trasformato in discarica, rimediando una denuncia per “attività illecita di rifiuti con discarica e  combustione illecita degli stessi”.

I denunciati sono una 44enne e il padre, un 73enne. L’anziano è stato sorpreso presso il terreno della figlia dove poco prima aveva appiccato il fuoco a rifiuti plastici e speciali depositati su un’ara di circa 20 metri quadrati.

Il terreno interessato da una discarica di rifiuti di circa 1.500 metri quadrati è stato sottoposto a sequestro penale in attesa di bonifica, con contestuale deferimento penale a carico della proprietaria del terreno.

4 Gennaio 2019 0

Sorpresi sull’A1 a Cassino con abiti di provenienza illecita: due denunciati

Di admin

CASSINO – Gli agenti della polizia stradale della Sottosezione di Cassino hanno denunciato due persone per ricettazione. Il controllo alla loro auto  è scattato al Km.678  della A/1, nel territorio di San Vittore del Lazio. Si tratta di una Fiat Grande Punto con targa italiana e i due passeggeri residenti a Napoli sono una 47anne  e il 21 anni passeggero.

Da accertamenti emerge che annoveravano  numerosi precedenti di polizia  per reati contro il patrimonio e la donna aveva inoltre una nota di rintraccio per notifica di un provvedimento di divieto di ritorno in un comune in provincia di Bologna.

All’interno dell’abitacolo e nel vano portabagagli della vettura sono stati rinvenuti numerosi capi di abbigliamento con l’etichetta, per cui gli agenti chiedevano contezza circa la provenienza della merce trasportata.

I fermati non ne giustificavano il possesso, dichiarando di provenire da Cassino, mentre il biglietto autostradale indicava il casello di entrata Calenzano-Sesto Fiorentino.

Ritenendo quindi che la merce fosse di illecita provenienza, i due sono stati denunciati in stato di libertà  per ricettazione alla competente A.G .

Il valore totale della merce  sequestrata ammontava a 6.000 euro.

19 Dicembre 2018 0

Truffa alla Previdenza, denunciati a Sabaudia 36 stranieri che percepivano l’assegno sociale senza averne diritto

Di admin

SABAUDIA – La Guardia di Finanza di Latina, coordinati dal colonnello Michele Bosco, hanno individuato una frode ai danni del bilancio dello Stato, per complessivi 340mila euro, realizzata attraverso l’indebita percezione della prestazione assistenziale dell’assegno sociale.

Le operazioni, condotte dai Finanzieri della Brigata di Sabaudia, hanno fatto emergere la posizione irregolare di 36 soggetti di diverse nazionalità che hanno beneficiato indebitamente dell’assegno sociale, pur non essendo da tempo più residenti nel territorio nazionale, fruendo della vigente normativa che prevede l’erogazione di un contributo, pari ad 453 euro per 13 mensilità, a soggetti extracomunitari che abbiano compiuto i 66 anni e 7 mesi di età e siano, soprattutto, residenti o siano muniti di permesso di soggiorno, in via continuativa da almeno 10 anni, sul territorio nazionale.

Le indagini hanno quindi portato alla revoca delle prestazioni assistenziali, con un risparmio annuo sul Bilancio dello Stato di circa 150mila euro, nonché alla segnalazione all’anagrafe dei Comuni di residenza per la cancellazione dalle rispettive liste della popolazione residente. Nel contempo è stata inoltrata comunicazione all’A.S.L. per la cessazione dell’assistenza dei medici di base a loro volta destinatari di un importo annuo per erogazioni degli assegni a carico del S.S.N., non dovuto.

Per tali motivazioni, 10 soggetti, percettori di somme superiori ai 4mila euro sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Latina per il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato e nei loro confronti è stato eseguito un sequestro di somme giacenti sui conti correnti per oltre 60mila euro.

Ad altri 26 soggetti, percettori di somme di importo inferiore, sono stati invece irrogate sanzioni amministrative pecuniarie per un totale di oltre 120mila euro.

L’intervento delle Fiamme Gialle pontine si inquadra nell’ambito dei compiti attribuiti al Corpo a tutela della spesa pubblica nazionale, finalizzati a reprimere, attraverso i poteri di polizia economico-finanziaria, le dannose condotte illecite a danno dell’Erario, con particolare riferimento alle voci di bilancio stanziate per finalità assistenziali e di politica sociale destinate a soggetti che versano realmente in gravi difficoltà economiche.

 

12 Dicembre 2018 0

Tentano di rifilare il “pacco” ai camionisti sull’A1, due denunciati

Di admin

CASTROCIELO – Sono stati sorpresi dagli agenti della polizia stradale della sottosezione di Cassino mentre tentavano di rifilare il pacco ad alcuni camionisti stranieri fermi per sosta nell’area di servizio Casilina in direzione nord a Castrocielo. Gli uomini del sostituto commissario Giovanni cerilli sono arrivati giusto in tempo per salvare le vittime dalla truffa ordita dai due uomini che, invece, sono stati denunciati. Tutta la loro attrezzatura, il telefono cellulare e il “pacco” che sarebbe stato consegnato dopo l’incauto acquisto, sono stati sequestrati.

Ermanno Amedei