Tag: destinato

8 maggio 2010 0

Insegnante, mestiere destinato a scomparire? Assunzioni congelate e 400 esuberi in provincia

Di redazione2
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Con 91 pensionamenti e 200 esuberi la scuola superiore in provincia di Frosinone ha le porte chiuse per i nuovi reclutamenti. I tagli della finanziaria parlano chiaro ed il prossimo anno scolastico sono decine gli insegnanti che resteranno senza lavoro. Puntare sull’insegnamento era l’ambizione delle generazioni precedenti quando il mondo della scuola riconosceva la professionalità e gli stipendi erano buoni. Ad oggi in provincia di Frosinone la situazione è drammatica. Nella scuola media gli esuberi sono 50 ed i pensionamenti 80, nella scuola primaria 170 gli esuberi e 65 i pensionamenti. Tutto questo significa che ad oggi entrare nel mondo della scuola è impossibile e non si sa quando la situazione migliorerà. Le assunzioni sono congelate sino a data da destinarsi. “Le ripercussioni di questa situazione in provincia sono gravi, le classi sono sempre più affollate, il personale docente diminuisce, la scuola che non riesce a sopperire con l’adeguato numero di insegnanti si vedrà costretto a tagliare le ore di studio in classe – Afferma Giuseppina Giugliano Uil Scuola Frosinone – La qualità dell’offerta formativa ne risente per non parlare poi del personale che si trova senza lavoro con una professionalità acquisita, ricollocarsi è difficile, sono tante le perplessità che i nostri iscritti ci palesano, è difficile trovare risposte.” Un esercito di insegnanti senza un futuro lavorativo, persone tra i 40 ed i 50 anni che non hanno tra le mani un’alternativa professionale. Lo stato li taglia fuori per riequilibrare il bilancio e quelli che lavoravano da precari nella scuola rischiano di restare perennemente senza cattedra.

Tamara Graziani

17 marzo 2010 0

Presentato il “Concerto per la Terra Santa”, destinato alla raccolta fondi per opere di beneficenza

Di redazionecassino1

Si è svolta questa mattina, presso la Sala “P.Restagno” del comune di Cassino, la conferenza stampa di presentazione dello spettacolo “Concerto per la Terra Santa”. Un importante evento organizzato dall’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, delegazione di Montecassino, destinato a raccogliere fondi per la realizzazione di opere di beneficenza in Terra Santa. Un grande avvenimento artistico culturale che si svolgerà al Teatro Manzoni di Cassino il 17 aprile prossimo con inizio alle ore 20 e che vedrà la partecipazione di numerosi artisti di fama internazionale. In particolare il concerto live del M° Paolo Ormi, la Scuola di Danza Sportiva “Principe” di Marta Faiola e Benedetto Capraro e Sabrina De Siena. Una kermesse che alternerà le musiche ed il concerto del M° Paolo Ormi e l’esibizione di Valentina Caira e Domenico Miele. Uno spettacolo in cui si alterneranno lo swing, la musica e le composizioni del Maestro Ormi ai brani più celebri dello swing classico eseguite da Valentina Caira e Domenico Miele, con le performance e le coreografie dei ballerini della scuola di danza “Principe”. Nel suo intervento l’assessore alla Cultura del comune di Cassino, Beniamino Papa, dopo aver ricordato le molteplici trasmissioni di successo a cui il maestro Ormi ha partecipato, lo ha ringraziato, unitamente a tutti gli organizzatori per aver scelto Cassino per un evento così importante non solo sotto l’aspetto culturale e di spettacolo, ma per l’alto valore morale che l’iniziativa si prefigge. Ha, inoltre, sottolineato che l’evento si inserisce nel programma di spettacoli che il teatro ‘Manzoni’ sta allestendo con l’intento di valorizzare la moderna struttura, ma anche l’impegno dell’amministrazione comunale ad incrementare iniziative culturali di elevata qualità a Cassino. “E’ importante – ha precisato – sottolineare che, mentre in Italia il teatro vive un periodo di crisi, a Cassino invece nasce e si incrementa proprio con iniziative come quella che presentiamo oggi, ma anche con l’intera stagione di spettacoli allestita al teatro Manzoni”. Nel suo saluto il sindaco Bruno Scittarelli, ha voluto ricordare che proprio Cassino, città della Pace, ha da sempre un particolare interesse e sensibilità per le opere di beneficenza in Terra Santa e verso tutte quelle iniziative dirette a valorizzare la pace nel mondo.

F. Pensabene