Tag: donna

19 Gennaio 2019 0

Donna pestata in strada da connazionale, 27enne nigeriano inseguito e arrestato

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – I carabinieri della compagnia di Frosinone coordinati dal colonnello Fabio Cagnazzo  hanno arrestato lesioni personali gravi e resistenza a pubblico ufficiale, O. N. 27enne di origini nigeriane con permesso per richiedenti asilo e ospite presso una cooperativa  di Frosinone, perché con inaudita violenza ha aggredito per strada una sua connazionale 31enne.

L’aggressore, dopo essere stato inseguito a piedi, è stato raggiunto e bloccato dai militari nei confronti dei quali ha opposto resistenza alla cattura cercando ripetutamente di divincolarsi per fuggire.

La vittima e l’aggressore sono stati trasportati entrambi dal 118 presso il pronto soccorso di Frosinone. L’aggressore medicato e dimesso con 8 giorni di prognosi mentre la donna è stata ricoverata per ulteriori accertamenti con una prognosi iniziale di 40 giorni.  Il 27enne è stato trattenuto presso la camera di sicurezza in attesa del rito direttissimo.

30 Novembre 2018 0

Sequestra e violenta una donna, 35enne arrestato a Sora

Di admin

SORA – I carabinieri di Sora, hanno arrestato un 35enne rumeno noto alle forze dell’ordine, in esecuzione dell’ordinanza di misura cautelare  in carcere, emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Cassino,  poiché resosi responsabile dei reati di sequestro di persona, violenza sessuale aggravata, atti persecutori e lesione personale nei confronti di una donna, anch’essa di nazionalità rumena ma residente a Roma e conosciuta dall’arrestato nei primi giorni di novembre.

Il provvedimento restrittivo scaturisce da una specifica attività info-investigativa intrapresa nei primi giorni di questo mese dai militari operanti, a seguito di una segnalazione fatta da una donna rumena residente a Roma, amica della vittima che, si è presentata presso un Comando Arma Capitolino,  riferendo di essere stata contattata telefonicamente da una sua amica la quale gli chiedeva aiuto riferendo  di essere stata sequestrata da un loro connazionale e portata in una abitazione in ciociaria dove, oltre ad essere picchiata,  era costretta a subire la costrizione di rapporti sessuali. Le riferiva inoltre di trovarsi nella situazione di accettare apparentemente la situazione per la  paura di essere uccisa. Immediatamente è stata interessata l’Arma di Sora i cui militari hanno iniziato ad indagare arrivando a localizzare il 35enne, in compagnia della donna, che appariva scossa ed impaurita,  mentre erano a bordo di un’autovettura nell’abitato del Comune di residenza dell’aguzzino. L’uomo, una volta fermato è stato accompagnato presso il Comando Arma di Sora e  poi denunciato in stato di libertà per i reati di “sequestro di persona, violenza sessuale , atti persecutori  e lesioni personali” mentre la donna, che confermava le dichiarazioni rese telefonicamente alla sua amica,  veniva accompagnata  presso il locale nosocomio ove,  una volta visitata, effettivamente  venivano riscontrati sulla sua persona  i segni delle violenze subite. Informata nell’immediatezza la Procura della Repubblica  di Cassino, il P.M. di turno  Emanuele  Di Franco disponeva il repentino allontanamento della donna  in altra località  ed urgenti attività info-investigative suppletive nei confronti dell’uomo  le quali, eseguite  nel tempo di due settimane, anche con l’ausilio di attività tecniche,  evidenziavano  la sua ossessione di ritrovare la donna e di vendicarsi della fuga poiché follemente innamorato della donna. Gli elementi indiziari iniziali, uniti ai riscontri investigativi suppletivi ed alla  richiesta del P.M., concordati tutti  dal G.I.P.,  portavano nella giornata di ieri ad eseguire  il provvedimento restrittivo nei confronti del “reo”  il quale  tratto in arresto ed ad espletate formalità di rito, veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Cassino, a disposizione dell’A.G.

7 Ottobre 2018 0

Minaccia di suicidarsi in casa, salvata donna incinta al settimo mese di gravidanza

Di admin

ROMA – Si è barricata in casa e minacciava di suicidarsi. A manifestare la terribile intenzione è stata, nel pomeriggio di oggi, una ragazza incinta, al settimo mese di gravidanza, residente in Via di Pietra Papa 10. La donna chiusa nel bagno minacciava di togliersi la vita.

Sul posto immediatamente sono arrivate tre squadre dei vigili del fuoco del comando di Roma con supporto di autoscala e carro teli. Dopo aver organizzato la procedura operativa standard, gonfiando due grossi materassi, per le sicurezza di quanto di competenza, i vigili sono entrati nell’appartamento salvando la signora in evidente stato confusionale, la stessa è stata presa in consegna dagli operatori del 118.

2 Ottobre 2018 0

Barricata in casa minaccia di tagliarsi la gola, donna salvata da irruzione dei carabinieri

Di admin

CEPRANO – Dalle 16 di oggi fino a tarda serata, una donna di Ceprano barricata in casa, ha mantenuto occupati carabinieri e soccorritori minacciando di suicidarsi se qualcuno fosse entrato.

La donna di circa 50 anni minacciava di tagliarsi la gola con un coltello che aveva già usato per crearsi lesioni al collo. Una lunga trattativa durata ore con i carabinieri ha permesso ai militari e ai vigili del fuoco di guadagnare tempo e decidere una modalità di intervento.

Questa sera è scattata l’irruzione e, i militari, agevolati dal lavoro dei pompieri, sono entrati nell’appartamento immobilizzandola e affidarla alle cure degli operatori del 118.

Ermanno Amedei

28 Settembre 2018 0

Roma Frosinone, spintona una donna e la fa cadere dalle scale dell’Olimpico (video). Arrestato tifoso

Di admin

ROMA – Ha spinto una donna facendole ruzzolare le scale dello stadio Olimpico durante la partita Roma Frosinone. A rintracciare e arrestare il tifoso violento della Roma sono stati gli agenti della Digos con l’ausilio dei colleghi del commissariato Prati. Il “romanista” all’inizio del secondo tempo della partita Roma – Frosinone ha violentemente spinto alle spalle e fatto cadere dalla scalinata di accesso alla curva nord una donna.

Il gesto sarebbe scaturito da una discussione nata a causa di un tatuaggio con lo stemma del Liverpool che il marito della donna aveva su una gamba.

L’uomo era stato infatti accerchiato con atteggiamento minaccioso da altri tifosi, tra cui l’arrestato e la donna era corsa in suo aiuto; la discussione era culminata con lo spintonamento e la successiva caduta.

Il tifoso romanista dopo il fatto era tornato tranquillamente ad assistere all’incontro di calcio mentre la donna era stata trasportata in ospedale per le cure mediche e giudicata guaribile in 30 giorni.

Attraverso una visione minuziosa dei filmati dell’impianto di sorveglianza dello stadio, è stato possibile riconoscere ed identificare l’uomo ed arrestarlo.

4 Luglio 2018 0

Donna 83enne cade nella propria abitazione per un malore, salvata dai Carabinieri

Di redazionecassino1

CEPRANO –  Un uomo di Falvaterra si recava  presso la locale Stazione dei Carabinieri per chiedere aiuto, in quanto una sua conoscente del luogo non era rintracciabile a casa.

L’uomo, infatti, era andato a far visita, ma nonostante avesse suonato più volte, la donna non aveva aperto. Conoscendo le abitudini dell’anziana donna 83enne e le condizioni di salute, aveva  temuto che fosse successo qualcosa di grave.

I militari dell’Arma immediatamente si attivavano e dopo aver individuato l’abitazione facevano intervenire sul posto il personale del 118 e dei Vigili del Fuoco. Grazie all’intervento di quest’ultimi era possibile accedere all’interno dell’abitazione e sul pavimento della camera da letto veniva trovata la donna, caduta verosimilmente per un malore, ma fortunatamente vigile.

La stessa, dopo le prime cure del caso, veniva trasportata all’Ospedale Civile di Frosinone per ulteriori accertamenti.

foto di repertorio

 

11 Giugno 2018 0

Rapina in chiesa ad Alatri, donna delle pulizie rinchiusa in bagno per svuotare cassetta delle elemosine

Di admin

ALATRI – Ha raccontato di essere stata aggredita alle spalle, bloccata e chiusa nel bagno della canonica da un ignoto che poi ha fatto man bassa nella cassetta delle elemosine.

La donna, l’addetta alle pulizie della chiesa delle Dodici Marie ad Alatri (e non a Fumone come precedentemente scritto), è stata liberata poco fa dal sacrestano e subito è stato lanciato l’allarme.

Secondo la ricostruzione, il malfattore avrebbe atteso l’apertura della chiesa per le pulizie approfittando della sola presenza della donna, per rinchiuderla e rubare i circa 40 euro contenuti nella cassetta. La sera prima, nella contrada c’era stata la festa e, probabilmente, il malvivente si aspettava un bottino più sostanzioso.

Sul posto sono arrivati i carabinieri della compagnia di Alatri che hanno iniziato ad indagare per verificare il racconto e raccogliendo gli elementi per individuare il responsabile.

Ermanno Amedei

(Notizia aggiornata e corretta)

 

5 Giugno 2018 0

Furto in sala parto, 25enne ruba il telefono a donna con le doglie

Di admin

ROMA – Ha aspettato il momento più delicato, quello delle doglie, per rubare il telefono cellulare ad una donna che stava per partorire. E’ accaduto ieri sera presso l’ospedale San Camillo di Roma nella cui sala travaglio, una 29enne rumena con le doglie e pronta a partorire, non poteva certamente preoccuparsi delle sue cose.

Ad approfittarne è stato un 25enne nato ad Anzio ma senza fissa dimora che, riuscendo ad entrare nella reparto, si è impossessato dello Smartphone della donna.

Qualcuno, però, si è accorto della sua presenza e del furto e ha chiamato i carabinieri della stazione Bravetta che, giunti sul posto, hanno trovato il giovane ancora nel reparto e con indosso, oltre al cellulare, anche un cacciavite utilizzato per forzare porte o finestre. Per lui è scattato l’arresto per furto aggravato.

Ermanno Amedei

30 Maggio 2018 0

VIDEO – La donna chiusa nel letto gabbia a Roccagorga

Di admin

ROCCAGORGA – Sono inquietanti le immagini relative all’anziana chiusa in una gabbia realizzata attorno al suo letto in un centro anziani di Roccagorga sequestrato questa mattina dai carabinieri del Nas di Latina.

I militari comandati dal capitano Egidio Felice hanno anche arrestato e condotto ai domiciliari, sette persone tra proprietari della struttura e dipendenti. Secondo le indagini svolte dai militari la donna, disabile, veniva maltrattata e assicurata al letto con sbarre che ne impedivano il muoversi.

Le indagini si sono avvalse di telecamere nascoste e intercettazioni telefoniche.

18 Maggio 2018 0

Ferentino, ricattava una donna per non diffondere foto e messaggi hot: arrestato 39enne

Di admin

 

FERENTINO – Cercava l’anima gemella, ha trovato un bruto ricattatore. Così, una 43enne di Rocca di Papa, si è trovata di fronte alla scelta di cedere alla richiesta di denaro di un 39 enne di Ferentino o vedersi pubblicate le sue foto e i messaggi hot che si erano scambiati. Dopo aver sborsato del denaro, circa mille euro, e di fronte a nuove richieste di soldi, la 43enne si è rivolta ai carabinieri.

I due si erano conosciuti virtualmente su un noto portale on line per cuori solitari. La donna aveva ceduto alle lusinghe del ferentinate e tra i due è cominciato un rapporto virtuale fatto di scambi di foto e messaggi. Ben presto, però, quello che sembrava fosse un tenero “amante on line” si è trasformato in un aguzzino e 5 giorni fa, ha raccontato tutto ai Carabinieri della Stazione Rocca di Papa.

L’immediata attività d’indagine dei militari ha consentito di identificare l’estorsore che è stato attirato, a sua volta, nella trappola architettata proprio dai Carabinieri in accordo con la vittima e con l’Autorità Giudiziaria.

Dopo aver fissato un appuntamento in piazza Roma, a Frascati, per la consegna di altro denaro che aveva richiesto alla donna, i Carabinieri lo hanno bloccato e ammanettato.

L’uomo, accusato di estorsione aggravata ed è stato rinchiuso nel carcere di Velletri a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.