Tag: egiziani

18 maggio 2018 0

Latina, arrestati dalla polizia quattro cittadini egiziani responsabili di rapina, un quinto è ricercato

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LATINA – Nella giornata di ieri, personale della Squadra Mobile e dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ha dato esecuzione all’ordinanza applicativa di misura cautelare detentiva , emessa in data 10 maggio u.s. dal G.I.P. del Tribunale di Latina a carico di cinque cittadini egiziani pluripregiudicati ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di rapina aggravata, furto e ricettazione.

In particolare, negli ultimi mesi del 2017 e all’inizio del 2018 era stata registrata una forte aumento di rapine nei pressi del capolinea degli autobus ubicato nel quartiere Nicolosi di questo centro cittadino, tant’è vero che numerose erano state le segnalazioni al 113 da parte di malcapitati che richiedevano l’immediato intervento delle volanti perché brutalmente aggrediti e depredati dei loro averi.

Le mirate indagini avviate subito dopo gli episodi delittuosi consentivano di individuare, anche attraverso servizi di osservazione svolti in quella zona e successive individuazioni fotografiche, un gruppo di cittadini egiziani dedito proprio ai reati contro il patrimonio i quali, in alcune circostanze, con la scusa di voler cedere sostanze stupefacenti, assalivano le loro ignare vittime con inaudita ferocia e si impossessavano di tutto ciò che avevano al seguito (denaro, cellulari, oggetti di valore).

Il quadro indiziario trovava ulteriore conferma dallo sviluppo dei tabulati di traffico telefonico dei cellulari in uso agli indagati, in quanto permetteva di accertare che, in occasione delle numerose rapine, agganciavano sempre ripetitori che si trovavano in prossimità delle autolinee, in orari esattamente compatibili con quelli in cui erano avvenute le aggressioni.

Nell’ambito della stessa indagine è stato denunziato anche un sesto ragazzo egiziano di minore età, la cui posizione è attualmente al vaglio della Procura della Repubblica per i Minorenni di Roma.

La misura cautelare è stata emessa nei confronti dei seguenti soggetti richiedenti protezione internazionale:

MOSTAFA Moussa Ragab Farouk, nato ad Assut (Egitto) il 24.6.1997; ELBAHLAWAN Hesham Fawuzy Mohamed Mohamed, nato in Egitto il 24.6.1997; ELABID Ahmed Ibrahim Elmohamdy, nato in Egitto il 15.10.1999; SHUHATA Husam Hassan Alì, nato in Egitto il 9.4.1994;

Risulta tuttora ricercato un quinto elemento irregolare sul territorio dello Stato.

 

28 marzo 2018 0

Botte tra egiziani per gli autolavaggi a Cassino, in due minacciavano i testimoni: arrestati

Di admin

CASSINO – Si torna a parlare a Cassino della vicenda degli egiziani e della loro gestione di impianti di autolavaggi.

La polizia del commissariato ha eseguito due arresti per estorsione nei confronti di altrettanti cittadini stranieri. La vicenda é saltata agli onori della cronaca con il nome di Gold Wash, operazione con cui gli uomini diretti dal vice questore Alessandro Tocco sgominarono una banda che a Cassino seminò il panico per aggressioni tra gestori di autolavaggi stranieri.

Vere e proprie risse che avvenivano in pieno centro tra passanti estranei ai fatti e automobilisti in transito.

Gli arrestati odierni sono indagati per minacce, intralcio alla giustizia e estorsione in danno delle vittime e testimoni del processo Gold Wash che si sta svolgendo al palazzo di giustizia di cassino.

Ermanno Amedei 

2 agosto 2017 0

Rissa tra egiziani, otto arresti a Cassino – IL VIDEO

Di admin

CASSINO – Otto misure cautelari sono state eseguite questa mattina dagli agenti del commissariato di Cassino per reati che vanno dal tentato omicidio all’estorsione.

L’operazione segue le indagini svolte sulle furibonde risse tra cittadini egiziani che si contenevano il mercato degli autolavaggi a Cassino. Gli uomini del vice questore Alessandro Tocco, hanno lavorato sugli episodi che hanno visto due gruppi di egiziani scontrarsi violentemente in spiazza Restagno prima, e in viale Garigliano poi. Circostanze che hanno visto diversi giovani finire in ospedale e poi trasferiti a Roma in condizioni gravi. I controlli agli autolavaggi hanno fatto emergere gravi irregolarità tali da chiuderne diversi.

Le indagini, invece, hanno permesso di ricondurre le responsabilità ai violenti arrestandone otto.

Ermanno Amedei

2 agosto 2017 0

Risse tra egiziani a Cassino, eseguite otto misure cautelari – IL VIDEO

Di admin

CASSINO – Otto misure cautelari sono state eseguite questa mattina dagli agenti del commissariato di Cassino per reati che vanno dal tentato omicidio all’estorsione.

L’operazione segue le indagini svolte sulle furibonde risse tra cittadini egiziani che si contenevano il mercato degli autolavaggi a Cassino. Gli uomini del vice questore Alessandro Tocco, hanno lavorato sugli episodi che hanno visto due gruppi di egiziani scontrarsi violentemente in spiazza Restagno prima, e in viale Garigliano poi. Circostanze che hanno visto diversi giovani finire in ospedale e poi trasferiti a Roma in condizioni gravi. I controlli agli autolavaggi hanno fatto emergere gravi irregolarità tali da chiuderne diversi.

Le indagini, invece, hanno permesso di ricondurre le responsabilità ai violenti arrestandone otto.

Ermanno Amedei

 

2 giugno 2017 0

Risse tra egiziani a Cassino, quattro denunciati per gli scontri in via Garigliano

Di admin

 

Cassino – La risposta della Polizia di Stato, dopo gli episodi di violenza, scaturiti nella Città Martire e  riconducibili a dissidi tra egiziani per interessi economico – commerciali, è stata tempestiva e puntuale.

Le indagini serrate condotte dagli uomini del Commissariato di Cassino diretto dal vice questore Alessandro Tocco hanno consentito, nel giro di poche ore,  di individuare e denunciare 4  persone tra quelle coinvolte nella rissa del 31 maggio scorso.

In quell’occasione  sono rimasti feriti tre uomini, di cui uno con vistose ferite al capo.

I reati contestati sono il sequestro di  persona, tentato omicidio, lesioni personali gravi, porto di strumenti atti ad offendere in concorso, rapina aggravata.

Sono in corso ulteriori accertamenti per indentificare tutti i soggetti coinvolti.

Foto repertorio

1 giugno 2017 0

Risse tra egiziani per i prezzi degli autolavaggi, oggi alcune attività chiuse per mancanza di personale

Di redazione

Cassinate- Il giorno dopo la rissa tra egiziani, consumatasi in via Garigliano, lo stato d’ animo dei cittadini è caratterizzato dalla paura e dalla consapevole necessità di avere maggiore sicurezza per le strade locali. Quella che appare proprio essere una faida per l’affare degli autolavaggi preoccupa e non poco. Due risse nel giro di pochi giorni che hanno messo KO almeno 8 persone, rimaste ferite in entrambi i casi. Proprio oggi, stando ad alcune testimonianze, alcuni delle attività di autolavaggio hanno tenuto le serrande abbassate. Probabilmente anche a causa della mancanza di personale. Fatto sta che la vicenda si teme possa non essere ancora chiusa e che gli attriti tra gli egiziani possano portare ulteriori conseguenze. Intanto proseguono in queste ore le indagini sui fatti avvenuti in città e i controlli delle attività da parte delle forze dell’ordine per far luce sul caso alla ricerca di eventuali irregolarità.

27 ottobre 2016 0

Rubano nel negozio del connazionale, denunciati due egiziani a Frosinone

Di admin

Frosinone – Rubano ad un connazionale ma vengono individuati e denunciati a Frosinone. Si tratta di due cittadini egiziani che hanno “visitato” il negozio di un connazionale. Il proprietario, 26anni, gestore di un’attività commerciale del Capoluogo, ha denunciato alla Questura di aver subito un furto.

Il ragazzo dichiara, infatti, che in tre, dopo aver asportato dal suo negozio la somma di mille euro ed una bilancia, sono fuggiti a bordo di una berlina, di cui riferisce targa e modello.

Il 26enne ha riferito anche il nome di uno dei tre malviventi. Sono scattate quindi le indagini che hanno portato ad identificare l’intestatario del veicoloil quale ha riferito che l’automobile in questione è in uso del fratello 28enne.

Da accertamenti effettuati in Banca Dati SDI, lo stesso era stato controllato dai poliziotti della Capitale a bordo del veicolo incriminato, in compagnia proprio dell’uomo di cui  la vittima del furto aveva fornito il nome.

I due egiziani sono stati quindi denunciati per furto aggravato.

Prosegue il lavoro degli inquirenti per accertare l’identità del terzo uomo e per verificare la loro posizione circa l’  ingresso ed il  soggiorno sul territorio nazionale.

13 ottobre 2016 0

Estorsione tra egiziani a Frosinone, tre arresti e minorenne denunciato

Di admin

Frosinone – Una estorsione tra giovanissimi egiziani è finita con tre maggiorenni arrestati e un minorenne denunciato dagli agenti della squadra volante della Questura di Frosinone.

Tutto si è consumato in poche ore quando un 18enne egiziano ha bussato alla questura per denunciare le continue minacce e richieste di danaro che doveva subire da un connazionale 19enne. Proprie mentre raccontava le sue vicende, gli è arrivata la telefonata dal sua aguzzino che pretendeva 300 euro.

Gli agenti che ascoltavano hanno fatto segno alla vittima ad accettare quelle condizioni e a stabilire un luogo dove incontrarsi per consegnare i soldi. Il quel luogo gli uomini della squadra volante diretta dal vice questore Giuseppe Di Franco e coordinata dal Commissario capo Flavio Genovesi, hanno fanno scattare la trappola.

L’estorsore è giunto all’appuntamento accompagnato da altri tre egiziani, per intimorire la vittima e farsi consegnare il denaro. Nel momento in cui i quattro hanno strattonato il  ragazzo, i poliziotti sono intervenuti bloccandoli. Tutti i fermati sono stati sottoposti a perquisizione personale.

Il denaro richiesto con le minacce era già finito nelle tasche dei pantaloni del 19enne, che nel giubbotto nascondeva anche un coltello a serramanico di 14.5 centimetri, di cui 6.5 centimetri di sola lama. I tre maggiorenni, quindi, sono stati arrestati, mentre il quarto, minore, è stato denunciato e riaffidato alla casa Famiglia, che lo ospitava.