Tag: erbacce

14 giugno 2017 0

Teatro Romano: Oltre ai bivacchi, scompare sotto le erbacce, anche l’ingresso per i disabili

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Qualche giorno fa (il 10 giugno scorso n.d.r.) ci eravamo posti un interrogativo: “Chi bivacca all’interno del teatro romano di Cassino?” al quale non abbiamo avuto risposta, come sempre avviene in questi casi. Una domanda legittima visto che avevamo documentato le evidenti tracce lasciate da ignoti nel perimetro dell’area archeologica della Città Martire, proprio in quello che un tempo era il portico del Teatro. Le foto, del resto, scattate qualche giorno prima non lasciavano dubbi. Pietre portate da fuori, così come un tombino posto a mo’ di tavolo o appoggio, dimostravano che qualcuno accede all’area quasi certamente al di fuori degli orari delle visite, per un motivi ancora non ben chiari  riuscendo a fare i propri comodi. Accanto ai “bivacchi anonimi” però c’è da registrare lo stato di abbandono in cui versa il Teatro romano, soprattutto in quello che rappresenta l’accesso ai disabili. Già, proprio così, poiché quello che dovrebbe servire per consentire l’accesso ai visitatori disabili del monumento archeologico della nostra città è scomparso sotto le erbacce. Un monumento, fra i pochi accessibili, è completamente coperto di sterpaglie che ne oscurano completamente l’esistenza. C’è inoltre da considerare la mancata manutenzione della rampa di accesso realizzata qualche anno fa. In conclusione, se risulta impossibile attribuire la responsabilità dei “bivacchi anonimi” dovuti semplicemente al gusto di profanare un divieto di accesso, posto con un obiettivo ben preciso, quello di conservare la gemma dell’archeologia del cassinate. La presenza di incuria, degrado, le erbacce su quell’ingesso hanno nomi e cognomi ben precisi. Speriamo che si riesca a riportare, nel più breve tempo possibile, il giusto decoro ad una delle aree archeologiche importanti di Cassino senza dover aspettare l’inizio degli spettacoli in programma per l’estate 2017!

F. Pensabene

29 aprile 2017 0

Piazza Benedetto XVI a Cassino, tra erbacce, cavi scoperti e qualche serpente

Di admin

Cassino – Erbacce alte, tubi fuoriuscenti dalla pavimentazione e avvistamenti di serpenti: è la segnalazione di un lettore, corredata da foto, il quale evidenzia le condizioni per nulla ottimali in cui versa piazza ex campo Miranda a Cassino.

Realizzata appena nel 2009, in occasione della visita di papa Benedetto XVI da cui ha preso il nome, ospita da diversi anni il principale mercato d’abbigliamento in città. Ogni sabato mattina di fatto decine di persone si apprestano a fare acquisti, prova dell’importanza del commercio ambulante nel tessuto economico locale, soprattutto per il momento di difficoltà economica in cui ci troviamo. La presenza di tubature in superficie mette tuttavia potenzialmente a rischio coloro che si recano in loco.

La piazza è stata inoltre sede di svariate iniziative, fra le quali ricordiamo “Un volto per Estasi 2009” con la partecipazione di Pino Daniele, organizzata dalla Croce Rossa Italiana per una raccolta fondi pro i terremotati abruzzesi, così come il 4° Raduno Quad del Basso Lazio e molte altre. Sarebbe dunque un peccato lasciare questo prezioso spazio al deterioramento del tempo, rinnoviamo per tanto l’appello del lettore affinché il settore manutenzione di Cassino intervenga rimettendo a posto questo importante pezzo della città.

Giulia Guerra

23 maggio 2010 0

Binari sommersi dalle erbacce e stazione senza punti informazione

Di redazione

Una prateria di erbacce incolte solcata dai binari (clicca e guarda il video). E’ quello che sembra essere diventata la stazione ferroviaria di Cassino. Una delle principali porte d’ingresso della città, vive uno stato di abbandono evidente. Basta gettare uno sguardo sui binari per capire che da tempo non viene fatta manutenzione. Una situazione che quotidianamente si ripropone sotto gli occhi di migliaia di pendolari e turisti che affollano la struttura di piazza Garibaldi. Come se non bastasse i cartelloni luminosi funzionano raramente, alcuni, invece, non funzionano mai e, a proposito di informazioni manca, all’arrivo dei treni e soprattutto dei turisti, un punto di informazione che indichi come raggiungere le principali mete turistiche della città. Chi volesse arrivare a Montecassino con un mezzo pubblico, non ha altra scelta che prendere un Taxi, se ne trova uno fuori dalla stazione. Inutile sperare di trovare notizie in merito al luogo e all’ora i partenza degli autobus. ermadei@libero.it