Tag: espugna

25 marzo 2018 0

Basket serie C/Silver: Serapo ’85 espugna Rieti e vede i play-off

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una gara al cardiopalma vinta, come accade sovente quest’anno, con il carattere e con il cuore e che vuol dire tanto per il prosieguo del campionato: Il Blitz esterno del Basket Serapo 85’ in quel di Contigliano si può riassumere così, dopo che per l’intera gara i ragazzi di Coach Cianciaruso hanno avuto problemi con il tiro dalla distanza e nel fermare Granato.

Gara che ha cambiato volto per tre volte nei quaranta minuti di gioco: il Basket Serapo inizia subito forte in difesa e all’inizio del secondo quarto riesce ad arrivare anche ad un margine che supera la doppia cifra di vantaggio grazie all’apporto di tutti i componenti scesi in campo. Ad un certo punto però, la squadra di casa inizia a giocare duro e sporcare le soluzioni offensive della squadra gaetana colpevole, quest’ultima, di un rilassamento che poteva costare caro a fine gara. Si va così al riposo lungo con la Willie Rieti avanti con il punteggio di 46-45.

L’inizio di ripresa è incoraggiante per i ragazzi di Coach Cianciaruso che trovano ottimi spunti sotto canestro da Luca Valente e Matteo Antetomaso, ma la squadra locale trova in Granato un giocatore immarcabile e grazie anche ad un paio di triple fortunate andate a segno sommate alle difficoltà dei biancoverdi di andare a canestro , riesce ad allungare sul +4 alla fine del terzo quarto (67-64). Nell’ultimo quarto c’è la scossa della squadra biancoverde che torna a giocare di squadra e concedere poco in difesa: Varga, Valente e Lucarelli mettono a segno canestri importanti come quelli di Porfido che risponde sempre alle prodezze di Granato; questo porta la squadra biancoverde a trovarsi con il naso avanti nel finale chiuso alla grande da un canestro di Valente che appoggia facile a canestro l’84-80 finale.

NPC Willie Rieti – Basket Serapo 85’ 80-84 (16-22;46-45;67-63)

NPC Willie Rieti: Brandi n.e., Colantoni 10, Annibaldi n.e., Festuccia 4, De Angelis 10, Granato 35, Auletta 6, Rinaldi 6, Blasi 9, Buccioni n.e., Berrettoni, Cocco n.e. Coach: Angelucci

Basket Serapo 85’: Di Dia n.e., Scampone 11, Leccese 8, Lucarelli 15, Varga 8, Valente F. n.e., Antetomaso J. n.e., Antetomaso M. 6, Valente L. 18, Porfido 18. Coach: Cianciaruso Nella foto: Simone Lucarelli.

12 marzo 2018 0

Grandissima prova di carattere e la Virtus Cassino espugna anche il Pala Borrelli di Scauri

Di redazionecassino1

La Virtus Cassino non tradisce le attese della vigilia dei propri sostenitori che sognavano una serata come questa ed espugna il parquet di Minturno, in provincia di Latina, in occasione della venticinquesima giornata del Campionato Nazionale di Serie B , girone D, 2017-18.

I rossoblù cassinati passano con il punteggio di 90 a 87 al termine di un match davvero molto combattuto e giocato punto a punto in specie nell’ultimo quarto, dopo che i padroni di casa avevano messo in cassaforte il risultato nel corso della terza frazione di gioco allorquando, grazie ad un assist di Richotti, Provenzani aveva realizzato la “bomba” del + 9 per i pontini per il 58 a 49.

Tutto sembrava dunque volgere a favore dei padroni di casa anche perché il gremitissimo Pala Borrelli sembrava poter essere il valore aggiunto di questa sfida esplodendo di gioia.

Ma non si erano ancora fatti i conti con la voglia degli ospiti cassinati di non mollare di un solo centimetro.

Infatti capitan Del Testa suona la carica e con un gioco da tre punti, con fallo di Longobardi sul marine rossoblù, riporta i viaggianti a sei punti di distacco nel corso del sesto minuto di gioco della terza frazione. 58 a 52.

In buona sostanza dal 58 a 49 al 65-67 per i cassinati alla sirena della terza frazione di gioco il gioco è fatto nel breve volgere di tre giri di lancetta.

Se la matematica non è una opinione i cassinati appaiono come morsi dalla tarantola e mettono a segno un clamoroso 22 a 7 di parziale. Gli oltre cento tifosi benedettini al seguito sono in visibilio e si inizia così la quarta ed ultima frazione di gioco. Ed è qui che Vettese tira fuori dal cilindro la variante tattica che mette in crisi il formidabile duo Sabbatini – Pontecorva. Infatti coach Vettese toglie dal parquet l’ottimo Bagnoli ed “abbassa” il quintetto piazzando i suoi a zona, zona dispari come si dice in gergo, 3-2.

La squadra di casa fa un po’ fatica ad approcciare la variante tattica proposta e il grande coach scaurese deve chiamare i suoi a raccolta per cercare di trovare gli antidoti. Ed in effetti li trova perché ad inizio della quarta frazione i sud pontini rimettono il muso avanti raggiungendo nel corso del secondo minuto di gioco anche il + 4 grazie ad una tripla di Longobardi che realizza il 73 a 69.

Ma la Virtus Cassino ovviamente non ci sta.

Un ottimo Enzo Cena, 22 punti per lui in 37 minuti di gioco con il 67% da due ed il 40 per cento da tre punti per un 27 di valutazione finale, di gran lunga l’MVP di serata, realizza la bomba del 73 a 72 e fa esplodere lo spicchio rossoblù. Il match diventa tremendamente appassionante e la tensione agonistica cresce a dismisura ma il parossismo del pathos si raggiunge nel corso del quinto minuto di gioco allorquando Longobardi realizza l’altra bomba del controsorpasso per il 78 a 77.

Trascorrono infatti, in seguito a questo gesto tecnico, due lunghi minuti nel corso dei quali nessuna delle due formazioni riesce a violare il canestro avversario.

A tre minuti e mezzo dal termine ci pensa Bagnoli con un tiro da entro l’area ad operare il controsorpasso stavolta di marca cassinate, 78-79.

Sembra una gara motociclistica ed ogni curva è di quelle buone per piazzare la sorpresa nei confronti dell’avversario. Nessuno ovviamente vuole mollare di un centimetro e ci vuole una grande prova di squadra per portare a casa il risultato.

“Qui si è concretizzata, se mai ce fosse stato bisogno ancora, la forza emotiva della nostra squadra“ le parole a fine gara del team manager della BPC Virtus Cassino, Furio De Monaco “Una squadra che è fatta di veri uomini. Infatti non era semplice realizzare e portare a casa il risultato. Avevamo di fronte un team in grande fiducia che d’altra parte sappiamo essere allenata da due dei più grandi allenatori del girone o forse di tutta la serie B e noi, come staff tecnico, eravamo atterriti da questo scontro alla vigilia. Avevamo però studiato bene tutto con coach Vettese e con Serena Incelli ed abbiamo proposto una serie di varianti tattiche che hanno sortito i frutti sperati. Chiaramente in una situazione in cui Scauri giocava una sorta di finale per agganciare il treno play off che significa per loro post season, noi dovevamo per forza di cose salvaguardare il terzo posto raggiunto in classifica. Siamo riusciti a metterci alle spalle anche questa giornata di campionato e lo abbiamo fatto nel migliore dei modi. Doveroso fare i complimenti alla squadra. I ragazzi, uno ad uno, hanno mostrato il lato migliore della loro voglia di sacrificarsi per questo obiettivo. Dovevamo proteggere il terzo posto in classifica ripeto nel match più difficile della giornata e ci siamo riusciti. Adesso ci prepariamo alla prossima gara che sarà complicatissima (Capo d’Orlando in provincia di Messina, in trasferta, sabato prossimo alle ore 18, ndr)” conclude così il dirigente rossoblù.

Dunque la BPC Virtus Cassino rimette il muso avanti ma è Longobardi a riportare avanti Scauri grazie a due liberi con cronometro fermo,80-79. E’ Petrucci con una incursione delle sue a procurarsi il gioco da tre punti che fissa il punteggio sul tabellone sull’82 a 80. Contro sorpasso, l’ennesimo, 83 a 82 con la conclusione dalla lunga distanza di Serino, 83-82. Parità di Carrizo a 1 e 10 dal termine della gara, 84-84.

Giammò realizza il tiro libero del +1 per i pontini, 85-84. Ma il capolavoro è dell’ex di giornata Simone Bagmoli con un tap in per l’86-85. Carrizo viaggia in lunetta altre 5 volte ed è glaciale non concedendo scampo e portando in porto la nave rossoblù.

La Virtus Cassino ha vinto.

Basket Scauri – BPC Virtus Cassino 87-90

Parziali 21-26, 21-18, 23-23, 22-23

Basket Scauri: Serino 21 (9/10, 1/5), Longobardi 19 (4/9, 2/3), Provenzani 19 (5/8, 3/4), Giammo 12 (2/4, 2/8), Richotti 8 (4/8, 0/1), Marzullo 3 (0/0, 1/2), Zolezzi 3 (0/0, 1/1), Manzo 2 (1/3, 0/0), Casoni 0 (0/0, 0/0), Giannetti 0 (0/0, 0/0), Varga 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 7 / 11 – Rimbalzi: 35 4 + 31 (Longobardi 9) – Assist: 18 (Richotti 13)

All. Sabbatini

BPC Virtus Cassino: Enzo Cena 22 (4/6, 2/5), Maurizio Del Testa 18 (4/6, 3/6), Simone Bagnoli 17 (8/13, 0/0), Manuel Carrizo 14 (2/7, 1/6), Niccolò Petrucci 10 (3/5, 1/5), Matteo Bini 7 (2/5, 1/4), Lorenzo Panzini 2 (1/4, 0/5), Fabrizio De Ninno 0 (0/0, 0/0), Riccardo Pasquinelli 0 (0/0, 0/0), Robert Banach 0 (0/0, 0/0), Giorgio Galuppi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 18 / 23 – Rimbalzi: 37 10 + 27 (Manuel Carrizo 10) – Assist: 13 (Manuel Carrizo 6)

All. Vettese Ass. Incelli

MVP : Enzo Cena

12 marzo 2018 0

Basket Veroli espugna il parquet di Gaeta, 68-65

Di redazionecassino1

La gara fra Basket Serapo Gaeta e Pallacanestro Veroli 2016, termina con il risultato di 68-65 per la formazione ciociara. Avvio di gara equilibrato. Al 5’ la Pallacanestro Veroli 2016 prova ad allungare grazie ad un gioco corale e ad un’ottima circolazione di palla.

Serapo non ci sta e all’uscita dal primo Time-Out recupera portandosi sul + 3 a fine secondo quarto: spinta da buone azioni in contropiede e alle bombe di Porfido e Leccese. Alla ripresa la Pallacanestro Veroli 2016 recupera e a 3′ dalla fine raggiunge il +4 andando al riposo lungo sul 33-37. In avvio del secondo tempo la difesa della Pallacanestro Veroli 2016 cala di intensità e Serapo ne approfitta per sorpassare e provare il primo allungo sul + 5, ma una bomba di Fiorini G. riaccende le speranze per i ciociari. A 6′ dal temine della gara il punteggio è di 40 pari e si procede punto su punto. Celani chiama il terzo time out e alla ripresa una bomba di Velocci riporta la Pallacanestro Veroli 2016 sul 56 pari.  Celani con un recupero sotto canestro e un contropiede segna il +4 a 6′ dalla fine (58-60).  Nell’attacco successivo Gaeta costruisce dalla rimessa lato ma la difesa di Veroli non si fa trovare impreparata: recupera il possesso e con una manciata di secondi sul cronometro mette il punto esclamativo sulla partita con un tiro libero di Fiorini G. che chiude la gara sul 65-68 per i giallorossi. Veroli porta a casa la vittoria su un campo ostico affidando i palloni più delicati ai giocatori di maggiore esperienza ma continua a soffrire l’assenza pesante di Fiorini Marco e le precarie condizioni fisiche di alcuni giocatori fondamentali come Iannarilli. Tutto questo rende la vittoria di oggi ancora più preziosa a dimostrazione ancora una volta della serietà con cui questa giovane Società da neopromossa sta affrontando un campionato impegnativo come la CSilver. Prossimo appuntamento mercoledì 14 Marzo, alle ore 20.00, presso la Tensostruttura di Casamari: Pallacanestro Veroli 2016 vs Bracciano Basket.

 

BASKET SERAPO GAETA 65 – PALLACANESTRO VEROLI 2016 68

Veroli: Tabellini: Fiorini G. 11, Frusone 10, Vinci 10, Velocci 21, Celani 8, Mauti 8, Lella, Igliozzi, Lauretti, Fiorini M., Coach. Celani.

 

19 febbraio 2018 0

Prova durissima superata, la Virtus Cassino espugna il pala Pedemontana di Venafro

Di redazionecassino1

Lo diciamo subito a scanso di equivoci non è stata una di quelle partite da ricordare per lo spettatore e l’amante della palla a spicchi. E’ stato decisamente un brutto spettacolo in termini tecnici, ma lo ricorderemo per il pathos che l’alternanza dei rari vantaggi ha generato.

Ed infatti il risultato era tremendamente importante per entrambe le formazioni.

Venafro doveva riemergere dai bassifondi della classifica. Continuare in un processo di crescita che si era interrotto soltanto per mano di Palestrina nello scorso week end proprio qui al Pala Pedemontana.

Dall’altra parte c’era Cassino, la Virtus Cassino, targata Banca Popolare del Cassinate, che aveva il compito di rimanere agganciata ai piani alti della classifica per “sentire l’effetto che fa” di jannacciana memoria.

E così ne è venuta fuori una gara giocata a ritmi bassissimi, molto intensa sul piano fisico e soprattutto figlia di errori di mira grossolani e di palle perse che gridano ancora vendetta.

Cassino ha vinto, Cassino ha saputo soffrire, Cassino ha regolato l’avversario, tosto e forte, alla maniera delle grandi squadre, difendendo alla morte il proprio fortino quando sull’altro fronte la palla non ne voleva proprio sapere di entrare nel canestro.

Qui sta la capacità del gruppo delle V rossoblù.

Sapersi adattare camaleonticamente al dipanarsi del match, saper reagire di volta in volta e in maniera diversa e sempre efficace se solo si considera l’impressionante ruolino di marcia del team allenato da Luca Vettese: nelle ultime diciotto gare di campionato 16 vittorie e solo due sconfitte, maturate, ca va sans dire, in modo a dir poco rocambolesco e maturate solamente negli ultimi istanti di gioco.

Ebbene le “V” rossoblù hanno dato l’impressione allo spettatore, giunto in gran numero dalla vicina Cassino, di poter sempre controllare l’esito del match , di saper giocare anche questo tipo di partite e di conoscere a menadito il compito di difendere il proprio canestro in maniera ancor più intensa.

“L’intensità è la parola magica” sibila Luca Vettese al termine della gara e non si lascia sfuggire altro continuando nel suo silenzio stampa.

Era una gara che sin dall’inizio non poteva sfuggire a questo tipo di pronostico: ovvero quello dell’equilibrio assoluto.

“Dovevamo vincere in qualunque modo o maniera, l’importante era il foglio rosa” le parole invece di Furio De Monaco, il team manager rossoblù, ex di serata allorquando da giocatore calcò in diverse stagioni proprio questo parquet “i ragazzi hanno saputo interpretare bene la logica della gara e mettersi a disposizione l’uno dell’altro. Era una di quelle gare che sentivamo e non poco perché conoscevamo bene il valore dell’avversario e lo rispettavamo tantissimo. I ragazzi erano ben consci dell’altezza dell’ostacolo e hanno fatto di tutto per superarlo. Adesso ci mettiamo alle spalle questo turno di campionato e guardiamo con fiducia al prossimo (Battipaglia al PalaVirtus sabato 24 febbraio, palla a due alle ore 18.00, ndr) mantenendo sempre alto il livello di concentrazione.” conclude il dirigente rossoblù.

Tornando alla gara di stasera, la stessa si è decisa nell’ultimo quarto allorquando, al termine della terza frazione di gioco, per la prima volta nella gara, i molisani mettevano avanti il muso per due lunghezze grazie ad una tripla di Hassan, 43-41.

La BPC Virtus Cassino all’inizio della quarta frazione di gioco subisce un canestro di Gueye Khadim che cattura un rimbalzo offensivo e realizza il 45 a 41e in una gara dove si segna con il contagoccie questo canestro appare un macigno sulle spalle dei viaggianti. Ma è Carrizo a realizzare 4 punti di fila e riportare i cassinati in linea di galleggiamento, 45 pari al 4° minuto di gioco. Passano altri due minuti e mezzo e le squadre sono sempre appaiate ed è sempre Carrizo a spezzare l’equilibrio con una tripla mortifera, 48 a 45 per i benedettini. Risponde Laguzzi dopo un bel gioco a due con Hassan e riporta i molisani ad un tiro di schioppo dai viaggianti, 48-47. Ma è Petrucci a mettere la parola fine sull’incontro con un canestro dei suoi in entrata. La gara finisce qui anche se i due contendenti hanno la possibilità di segnare ma le rispettive difese contengono bene e soprattutto impediscono chhe il punteggio possa muoversi. Le speranze dei locali si infrangono allo scadere sul ferro con la tripla di Rinaldi.

Cassino dunque ha vinto ed è riuscito a mantenere invariato il contatto con le prime della classe. Sabato come detto si torna al Pala Virtus. Arriva Battipaglia.

Dynamic Venafro – BPC Virtus Cassino 47-50

Parziali 12-20, 11-11, 20-10, 4-9

Dynamic Venafro: Laguzzi 11 (5/7, 0/1), Hassan 10 (1/4, 2/6), Rinaldi 8 (1/3, 2/8), Rossi 7 (3/8, 0/2), Tamburrini 7 (3/13, 0/0), Minchella 2 (1/1, 0/1), Gueye 2 (1/3, 0/0), Pagano 0 (0/0, 0/1), Cancelli 0 (0/0, 0/0), Casapenta 0 (0/0, 0/0), Pirozzi 0 (0/0, 0/0), Carcillo 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 5 / 9 – Rimbalzi: 40 9 + 31 (Laguzzi 12) – Assist: 12 (Hassan, Rossi 4)

All. Mascio

BPC Virtus Cassino: Manuel Carrizo 17 (4/7, 3/3), Maurizio Del testa 10 (2/6, 2/10), Lorenzo Panzini 7 (2/2, 1/6), Niccolò Petrucci 7 (2/4, 1/7), Simone Bagnoli 6 (3/7, 0/0), Enzo Cena 3 (0/5, 1/5), Robert Banach 0 (0/0, 0/0), Giuseppe Di poce 0 (0/0, 0/0), Riccardo Pasquinelli 0 (0/0, 0/0), Fabrizio De ninno 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 0 / 2 – Rimbalzi: 38 6 + 32 (Simone Bagnoli 11) – Assist: 7 (Manuel Carrizo, Simone Bagnoli 2)

All. Vettese Ass. Incelli

 

 

20 novembre 2017 0

Basket Serapo torna alla vittoria ed espugna il parquet di Sam Basket Roma

Di redazionecassino1

Dopo la battuta di arresto contro le Stelle Marine Ostia, il Basket Serapo 85’ torna prontamente al successo e lo fa in maniera autoritario andando ad espugnare il campo della Sam Basket Roma con il punteggio di 67-86. Gara mai stata in discussione si dalle prime battute di gioco dove i ragazzi di Coach Cianciaruso riuscivano a chiudere avanti il primo quarto di gioco con il punteggio di 15-22 grazie ad un’ottima attenzione difensiva ed ad un Leccese da 10 punti. Nel secondo quarto la squadra di casa sembra avere un sussulto e dopo esser scivolata sopra la doppia cifra di svantaggio ritorna in gara ( fino al 30-33) specialmente grazie a Butteroni capace di 27 punti finali, prima che un controparziale di 6-0 permette ai Biancoverdi di andare al riposo lungo in vantaggio con il punteggio di 30-39.

La seconda fase di gara non ha storia ed all’ingresso dagli spogliatoi la squadra gaetana piazza subito il parziale che mette al sicuro la gara: la voce grossa questa volta la fanno Niccolai e Luca Valente, quest’ultimo che sta tornando pian piano agli standard dello scorso campionato. Oltre alla solita prova di sostanza di Porfido che ha lavorato molto per la squadra, da rimarcare il positivo utilizzo di Wissel che ha sfruttato il suo minutaggio, dando minuti importanti di riposo a Scampone, con un ottima applicazione difensiva; insomma altra nota positiva per la squadra gaetana che sta trovando, cammin facendo, buone risposte dai ragazzi più giovani.

Con questa vittoria il Basket Serapo 85’ consolida la quarta posizione in classifica alle spalle di Stelle Marine Ostia, Vigna Pia e Pass Roma ed a 6 punti di vantaggio da quello che rappresenta l’ultimo posto utile per accedere alla pool promozione.

Sam Bk Roma –Basket Serapo 85’ 67-86 ( 15-22;30-39;51-62)

Sam Bk Roma: Buteroni 27, Scianaro 7, Franzon 6, Romanazzo 13, Barni, Meiarini 6, Di Marzo, Cocco, Figliomeni 3, Agbara 3,  Scarnati 2. Coach: Castellano.

Basket Serapo 85’: Di Dia, Niccolai 29, Scampone 2, Wissel 3, Leccese 14, Santaniello, Treglia n.e., Valente F., Antetomaso J. n.e., Valente L. 17, Antetomaso M. 1, Porfido 20. Coach: Cianciaruso

6 novembre 2017 Non attivi

La Virtus Cassino espugna il parquet del Pala Pirastu di Cagliari

Di redazionecassino1

La settima di andata del Campionato nazionale di Serie B, Girone D 2017-18, è stata caratterizzata nell’anticipo del sabato del Pala Pirastu del capoluogo sardo dal ritorno al successo della BPC Virtus Cassino che dopo due sconfitte consecutive per mano di Palestrina e Barcellona Pozzo di Gotto, nel turno infra settimanale, dal ritorno al successo di Del Testa e compagni.

Una grintosa e rabbiosa BPC Virtus è tornata al successo per 61 a 54 nei confronti dei Pirati cagliaritani.

“Sono comunque contento della prestazione” commenta coach Beppe Caboni, l’allenatore di Pirati cagliaritani “oggi abbiamo affrontato una grande squadra, che sono certo arriverà a lottare nei piani alti della classifica. Purtroppo non siamo stati confortati da buone percentuali con il tiro dalla lunga distanza. Con qualche tiro aperto a segno in più avrebbe potuto essere una partita diversa. Ora guardiamo con fiducia alla partita di Catanzaro, consci che questa battuta d’arresto non può influire negativamente sul nostro processo di crescita”.

Sul fronte dei cassinati le parole di coach Luca Vettese al termine della gara.

“I ragazzi stanno portando a termine un gran percorso di crescita anche in relazione agli incidenti che stanno costellando il nostro cammino sino ad ora dal mese di agosto scorso. Devo complimentarmi con loro” esordisce così l’allenatore dei benedettini “Dispiace aver dovuto modificare l’assetto di squadra proprio in relazione agli infortuni citati ma tant’è non si può tornare indietro. C’è molto da recriminare per tutto quello che ci è accaduto. Basti pensare a quello che ci è capitato appena 72 ore fa contro Barcellona allorquando ci siamo spenti in dirittura d’incontro dopo aver condotto per oltre 35 minuti di gioco proprio per una ridotta riserva d’ossigeno. Oggi abbiamo disputato una partita per niente facile sia da interpretare che da gestire contro una squadra in fiducia che veniva da tre vittorie consecutive. Ci premeva tornare alla vittoria e ci siamo riusciti. E’ vero abbiamo giocato molto bene ma le percentuali hanno lasciato a desiderare proprio perché non avevamo e non abbiamo fiducia. Questi due punti sono oro colato e li portiamo a casa con grande soddisfazione. Prendiamo questa affermazione di stasera come un punto di partenza sperando che la fortuna cominci a sorriderci finalmente” prosegue Luca Vettese.

Alla considerazione su l’avvio con il parziale importante di 17 a 7 seguito dal contro parziale a favore dei sardi di 17 a 3 che ha agitato vecchi spettri nelle stanze cassinati, Luca Vettese così risponde “Il nostro rientro in campo dalla pausa lunga è stato segnato da una grinta diversa e soprattutto da un nuovo Lorenzo Panzini che fino a quel momento non aveva brillato di luce propria. Il nostro play è rientrato sul parquet nel modo giusto e si è trascinato sulle spalle tutta la squadra e grazie alle sue giocate ed alle sue conclusioni abbiamo preso man mano fiducia e abbiamo chiuso a nostro favore la terza frazione (19 a 11 per i cassinati, ndr)” conclude l’allenatore delle “V” rossoblù.

Tornando alla gara.

Come detto l’approccio alla gara è quello giusto da parte di Del Testa e compagni.

Il gruppo dei cassinati guidati dal capitano approcciano meglio alle difficoltà che la gara pone.

Del Testa è stato riconosciuto MVP dell’incontro, autore di 19 punti accompagnati da 6 rimbalzi di cui ben 3 offensivi e soprattutto con oltre il 50 % di realizzazione da due ed il 50% da tre ed è proprio l’atleta toscano a lanciare i suoi compagni sulla giusta strada. Infatti la guardia cassinate nei primi 5 minuti è autore di ben 9 punti conditi da un assist per Enzo Cena che dall’arco dei 6.75 non perdona e soprattutto autore di una gara da vero trascinatore.

Parte meglio dunque la BPC Virtus Cassino, che fa girare bene il pallone in zona offensiva e trova dei tiri aperti che la spingono fino al +10 (7-17). Coach Caboni , per i sardi , cerca di intervenire subito chiamando il time out, e alla lunga i biancoblu padroni di casa, grazie alla leadership di Vanuzzo e all’energia di Locci in uscita dalla panchina, riescono a ricucire lo strappo con gli ospiti, mettendo in piedi un contro break di 7-0 che li rimette in carreggiata al 10’ (14-17).

Il secondo periodo sorride ai cagliaritani, che stringono le maglie in zona difensiva, riempiono l’area impedendo le incursioni dei cassinati che si disuniscono. I padroni di casa concedono appena 3 punti ai rivali nei primi 7 minuti. Il Su Stentu conquista la testa dell’incontro e si porta sul +4 (24-20), ma Cassino resta sul pezzo e torna in parità poco prima della sirena di metà partita con un libero di Del Testa (26-26).

Al rientro in campo arriva subito la fiammata dei benedettini, che trovano ritmo e soprattutto tanti punti preziosi dai 6,75 m (4 triple in fila a segno con Panzini grande protagonista). Gli ospiti guadagnano il +11 (29-40), mentre dall’altra parte i sardi, anche a fronte di buone costruzioni, non riescono proprio a trovare continuità con il tiro dalla distanza. Samoggia, a suon di ricezioni spalle a canestro, prova a sbloccare l’impasse riportando i suoi sul -6 (37-43).

Nell’ultimo quarto la Virtus Cassino prova a scappar via con la bomba del +12 realizzata da Cena (37-49). L’Accademia non si arrende e resta a contatto, ritrovando il -6 grazie al canestro di Graviano (52-58). Nel finale Cassino perde Cena per un infortunio. Ma Del Testa e soci si compattano nel momento di difficoltà e soprattutto decisivo ed evitano sbandate, strappando al 40’ il successo sul 54-61.

Accademia Su Stentu Cagliari – BPC Virtus Cassino 54-61

Parziali : 14-17, 12-9, 11-19, 17-16

Accademia Su Stentu Cagliari: Samoggia 9 (4/8, 0/5), Trionfo 8 (1/3, 2/5), Vanuzzo 8 (1/1, 2/9), Graviano 8 (3/6, 0/1), Locci 6 (3/5, 0/6), Pilo 5 (1/3, 1/3), Pompianu 5 (1/3, 1/1), Floridia 3 (0/0, 1/2), Passaretti 2 (1/1, 0/0), Spano 0 (0/0, 0/0), Picciau 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 3 / 3 – Rimbalzi: 25 5 + 20 (Vanuzzo 8) – Assist: 12 (Vanuzzo, Graviano 3)

All.Caboni

BPC Virtus Cassino: Maurizio Del Testa 19 (5/9, 2/4), Biagio Sergio 11 (3/6, 1/2), Manuel Carrizo 10 (1/4, 2/5), Enzo Cena 7 (0/1, 2/6), Lorenzo Panzini 6 (0/2, 2/4), Niccolò Petrucci 6 (0/1, 2/7), Fabrizio De Ninno 2 (1/2, 0/0), Giuseppe Di Poce 0 (0/0, 0/1), Fabio Guglielmo 0 (0/0, 0/0), Robert Banach 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 8 / 12 – Rimbalzi: 36 3 + 33 (Manuel Carrizo 12) – Assist: 13 (Biagio Sergio, Manuel Carrizo 4)

All. Vettese

MVP : Maurizio Del Testa

 

13 marzo 2017 0

Basket serie D 2a fase: Albano espugna con autorità il palazzetto della Pallacanestro Veroli

Di redazionecassino1

La gara che si è disputata Sabato 11 Marzo al Chiappitto di Alatri contro Albano termina con il risultato di 59-72. Al-bano espugna con autorità il palazzetto della Pallacanestro Veroli. I padroni di casa quindi subiscono la seconda scon-fitta in casa, dando l’impressione di essere a corto di fiato e rotazioni (Velocci indisponibile) dopo un’ottima prima parte di stagione. I giallorossi trovano difficoltà offensive in avvio, ma prendono presto le misure sfruttando l’atipicità in ver-nice di Vinci e Giorgio Fiorini. Buona anche la fase difensiva giallorossa, a parte su un rimbalzo offensivo di Leoni e sullo scatenato Afeltra, al quale non si riescono a prendere proprio le contromisure, e il divario aumenta anche se l’espe-rienza di Mauti e il bonus tengono le squadre praticamente a contatto alla prima sirena. Nel secondo quarto Coach Fio-rini opta per una zona dispari, costringendo presto il Coach romano ad un timeout con qualche problema di falli. Coach Fiorini alza anche il quintetto vista l’assenza di Velocci e l’inerzia sembra potersi spostare dopo una stoppata di Frusone a Cianfanelli. Veroli difende bene mentre Albano, nonostante un paio di palloni buttati e un terzo fallo, tiene botta in difesa e testa avanti, fino ad una tripla fortunosa di Giorgio Fiorini. Dopo il timeout chiamato da coach Fiorini sul 24-33, molto importante al rientro una bomba di Giorgio Fiorini. Albano intanto deve fare i conti con il quarto fallo di un bersagliato Porcaro ma difende bene sull’ultimo possesso e riesce anche a segnare un libero con D’Erchie quasi al-lo scadere. Gli ospiti restano a zona 2-3, subito bucata da un Marco Fiorini impreciso nel primo tempo che porta entu-siasmo sugli spalti. Il match è più combattuto sul piano tattico anche se i bei canestri non mancano e i ritmi sono alti. Lucidi segna da oltre l’arco mentre i fratelli Fiorini provano a caricarsi la squadra sulle spalle, ma sono costretti ancora ad inseguire nonostante il passaggio alla zona 2-3, subito bucata da oltre l’arco da Cosentino. I giallorossi invece sono imprecisi da fuori e un tecnico a Frusone non aiuta la risalita, con tre liberi dell’ottimo D’Erchie a firmare la doppia cifra di vantaggio oltre la metà del terzo quarto, con Veroli che perde la bussola per un minuto, costringendo Fiorini al ti-meout. Al rientro reagiscono grazie alla solita tripla di Giorgio Fiorini e a due lampi di De Santis, al quale però rispondo-no 5 punti Afeltra, che mette una bomba di tabella sulla terza sirena. Squadre ancora a zona nell’ultima frazione, i cio-ciari hanno meno rotazioni e devono fare i conti con il forfait di Frusone causa una distorsione alla caviglia. Gli ospiti si portano sul più 18 (45-63) con un’altra bomba di Lucidi. Veroli non molla anche se i problemi contro la zona restano, dalla parte opposta invece Leoni congela un divario sempre in doppia cifra malgrado un paio di contropiedi buttati dai suoi compagni. Una tripla di Marco Fiorini non cambia la sostanza, da oltre l’arco soddisfazione anche per Porcaro e finale privo di sussulti, fino ad uno scontro proibito tra Vinci e lo stesso Porcaro, che porta nervosismo ma solo un anti-sportivo per il giocatore di casa. La gara finisce con una amara sconfitta per la Pallacanestro Veroli 2016.

Pallacanestro Veroli 2016 59 – Albano 72 Veroli: Mauti 4, Magnone, Igliozzi, Fiorini Gio.20, Vinci 10, Fontana E. ne, Fontana G., Fiorini M. 13, Frusone 6, Lella ne, De Santis 6,. All. Fiorini Gius.

28 febbraio 2017 0

Basket C Gold: NB Sora 2000 espugna il campo della Petriana

Di redazionecassino1

In quel di Roma i volsci si sono espressi bene, anche se sono stati necessari gli ultimi dieci minuti di fuoco per mettere al tappeto gli avversari. Ora la concentrazione si sposta sugli allenamenti settimanali e la prossima prova casalinga, con la speranza che la Expert Lucarelli NB Sora 2000 possa accedere alla fase dei playoff. La cronaca: i papalini aggrediscono la gara andando forte a rimbalzo e cercando di muoversi con grande ritmo in attacco. Dopo una fiammata di Spence (9) che lancia la NB Sora nelle fasi iniziali, i volsci però si disuniscono un po’ nella metà campo offensiva, pagando dazio alle soluzioni in transizione di Fucini e Melillo. Un’ innumerevole grandinata di palle perse per i ciociari, che subiscono un +10 (19-9): colpa soprattutto della netta superiorità espressa dai padroni di casa che permette loro di chiudere in vantaggio il primo quarto. Anche nel secondo quarto la situazione resta presso che la stessa, la formazione di Polidori fa fatica a trovare il canestro e nessun giocatore bianco-celeste riesce a dare una sterzata alla gara. I padroni di casa spinti da una tripla di Ramundo si portano sul +13 (22-9) il massimo vantaggio dei papalini, ma da quel momento in poi, Roljic, fino a quel punto assente, decide di salire in cattedra e prendere la squadra per mano e tirala su, piazzando una serie di triple che permette il Sora a tornare in partita(25-20). I padroni di casa con il nuovo innesto Tozzi allungano nuovamente portandosi sul +11. Mancano una manciata di minuti prima di andare a bere un bel the caldo, quando Rossetti e Roljic sfoderano delle triple di spessore ricucendo nuovamente il distacco dai giallo-blu, chiudendo il secondo quarto sul 34 a 28. La NB Sora 2000 rientra dagli spogliatoi con una faccia diversa, aggredendo la partita invece che aspettandola. Dulovic nega tutte le linee di passaggio, e dopo il canestro di apertura del quarto siglato da Spence arriva così il sorpasso degli ospiti, firmato dalla 4^ tripla di Roljic (38-40) al 5’. Il coach papalino Pazzi inizia a far girare i suoi per trovare una nuova chiave di svolta, ma i volsci oramai mettono la freccia e con un ritrovato Dulovic e Roljic spietato dalla distanza. Negli ultimi due minuti la Petriana torna nuovamente sotto i ciociari con Nero, ma Ramundo spereca il libero del pareggio dopo dopo il tecnico sanzionato a coach Polidori. Il terzo quarto finisce sul punteggio di 46 a 48. Ultimo quarto che si apre con la Petriana che passa in vantaggio con l’ala Nero prima di uscire per 5 falli. Sora reagisce nuovamente con l’ennesima tripla di Roljic (5^ personale), che porta i volsci in vantaggio. In seguito viene fischiato un fallo discutibile a Rossetti che sancisce la sua uscita dal campo per il suo 5° fallo personale. Da quel momento in poi in campo si vedrà solo una squadra, quella degli ospiti sorani che con Spence e Roljic (6ª tripla di serata), e grazie ai suoi realizzatori principi ne approfitta per tornare a +5 (54-59), mentre la Petriana appare totalmente in confusione in questo frangente, lo dimostra ampiamente l’antisportivo ingenuo commesso da Ferrarese. Il papalino piazza una tripla che fa sperare nuovamente i padroni di casa , ma i 5 punti di fila infilati dall’americano del Sora Spence mettono la parola fine alla gara, regalando agli uomini di Polidori una vittoria importantissima pesante (60-73 il finale). Sugli scudi uno scatenato Roljic, che con Spence ha messo a ferro e fuoco la difesa avversaria, sfoderano un finale di gara molto convincente.

Petriana 60 – N.B. Sora 2000 73 Parziali: 19-9 / 15-19 / 13-20 / 13-25

Petriana: Recchia n.e., Tozzi 10, Melillo 10, Ficini 9, Martongelli 5, Nero 9, Cavarocchi 0, Araja 0, Gasperini 2, Ferrarese 8, Ramundo 7, De Santis 0; Coach: Pazzi

N.B. Sora 2000: Spence 18, Tchitchveishvili n.e., Roljic 27, Tanzilli n.e., Mannarelli 0, Galuppi 4, De Laurentiis 1, Taskov 0, Dulovic 15, Rossetti 8; Coach: Polidori. Ass. Spaziani

15 novembre 2016 0

Basket serie B: Una super Virtus Cassino espugna Cefalù

Di redazionecassino1

La Virtus Cassino continua la sua corsa/rincorsa in classifica e dalla trasferta in Sicilia, prima della stagione in terra di Trinacria , in questo campionato nazionale di Serie B, girone C , regular season , ottiene il massimo possibile al termine di una prestazione di grande impegno e sostanza . In buona sostanza la squadra di Vettese s’impone con grande autorità a Cefalù facendo leva e affidandosi ancora una volta alle spalle larghe dei suoi lunghi in termini offensivi con 48 punti realizzati dal terzetto Bagnoli, Sergio e Birindelli . Un match giocato sempre con grande impegno ed abnegazione da parte dei cassinati che tengono sempre la testa avanti nel punteggio raggiungendo anche vantaggi cospicui ma corrono qualche rischio di troppo nell’ultimo periodo grazie anche al ritorno di fiamma dei locali guidati da un mai domo Malagoli . Un match quello del Palasport cefaludese molto duro e fisico. Conferme arrivano al termine della gara. “Era una partita molto dura e difficile “ sono le prime parole a caldo , di coach Luca Vettese, al termine della gara “ e noi lo sapevamo. Devo sottolineare come nei primi due quarti siamo stati molto bravi ad addormentare la gara , a tenere il punteggio basso e a limitare con una grande difesa il loro tiro perimetrale. Noi questo lo avevamo studiato bene e dovevamo assolutamente limitarli in questo fondamentale . Lo abbiamo fatto bene per il 75% della gara tranne nella parte finale della gara dove è venuto fuori tutto il talento dei nostri avversari soprattutto di Mollura che sta facendo veramente veramente bene in questo scorcio di campionato.” Conclude raggiante il coach degli atleti della Terra di San Benedetto. La Zannella Basket Cefalù dunque non riesce a far sua la partita interna e perde per la seconda volta tra le mura amiche stavolta contro una BPC Virtus Cassino sempre concentrata ma soprattutto brava a scavare il solco nel punteggio sin dall’inizio e poi capace di saperlo gestire sapientemente. La partenza dei rossoblù ospiti è in men che non si dica al fulmicotone . Grazie alle realizzazioni di Birindelli e Bagnoli che valgono il 2-12 a metà primo quarto, gli uomini di Vettese volano . Poi allorquando però iniziano le rotazioni , si scuote Cefalù che limita i danni nel punteggio chiudendo alla prima sirena sul -3 (13-16). Già nel primo quarto dunque la differenza tra i due roster è apparsa netta, con gli ospiti cassinati sempre in vantaggio ed una Zannella Basket poco fluida in attacco ma soprattutto permissiva in difesa. Per vedere una realizzazione tra le maglie dei giocatori di casa diversa da quella di Mollura bisogna infatti attendere il settimo minuto di gioco, allorquando , in penetrazione ,Tinto (7-14) realizza , dopo essere subentrato ad un offensivamente scialbo Sodero. Nel secondo periodo Cassino ritrova il vantaggio in doppia cifra grazie a una bella fiammata di Potì per il 15-25 a 6’ dall’intervallo, la Zanella prova a rispondere ma arrivano le triple di Sergio e Serra ad aggiornare il massimo vantaggio cassinate sul +14. Mollura prova a riportare sotto i suoi ma all’intervallo la Virtus conduce di 13 lunghezze (28-41). A metà gara il punteggio recita 28-41 e sembrano davvero poche le possibilità sulle quali la Zannella potrebbe far leva per risollevarsi in termini di punteggio, Nel corso della terza frazione la BPC arriva anche sul +18 ma Paparella tiene i suoi in linea di galleggiamento, non riuscendo comunque ad evitare che gli ospiti vadano all’ultima pausa con 16 punti di margine (42-58) con Valesin a firmare dalla lunetta il massimo vantaggio ospite a 6 minuti dalla fine del terzo quarto (32-50) prima che riesca ad uscire fuori l’orgoglio dei normanni nella quarta frazione di gioco . Nell’ultimo quarto la truppa di Vettese dà l’impressione di poter gestire senza patemi ma si blocca improvvisamente, consentendo a Malagoli e Mollura di riportare i siciliani a -7 con 2’ da giocare. Complice un innalzamento dell’agonismo , il calore di un Geodetico sempre pieno, la Zannella trova la forza per riportarsi sotto. Il cronometro però è il miglior alleato della formazione cassinate, la riscossa dei locali si ferma al -5 nell’ultimo minuto; Cassino tira un sospiro di sollievo e porta a casa un successo prezioso. Dunque non è stato sufficiente un grande cuore e qualche strappo nei finali di ogni singolo quarto alla Zannella Cefalù. I padroni di casa sono stati sommersi sotto i colpi di una Virtus Cassino precisa più che mai. I laziali hanno difatti tirato con il 45% dal campo contro il 33% avuto di media fin ora, ma soprattutto, si sono potuti appoggiare sulle spalle di un Bagnoli in formato MVP, autore di 26 pesantissimi punti e catalizzatore di ben 10 rimbalzi. Sono cinque adesso le sconfitte su sette partite per i ragazzi di coach Ciaboco che dopo aver affrontato, non senza scottarsi, Valmontone, Cassino , Napoli e Barcellona hanno terminato il tour de force iniziale e potranno affrontare avversari, di comunque ottimo valore, ma sulla carta più alla portata . La BPC Virtus Cassino invece si porta con la vittoria odierna a sole due lunghezze di distanza dal gruppone che comanda la classifica e nel prossimo turno tornerà tra le mura amiche del PalaVirtus cassinate per affrontare la Stella Azzurra Viterbo .

Zannella Basket Cefalù – BPC Virtus Cassino 64-72 Parziali : 13-16, 15-25, 14-17, 22-14 Basket Cefalù: Mollura 19 (5/9, 1/3), Malagoli 16 (4/5, 2/3), Emiliano 13 (1/3, 3/7), Biordi 6 (3/7, 0/0), Losi 5 (0/2, 1/7), Tinto 2 (1/3, 0/1), Florio 2 (1/3, 0/1), Sodero 1 (0/3, 0/2), Lombardo 0 (0/4, 0/3), Terrasi 0 (0/0, 0/0) All.Ciaboco Tiri liberi: 13 / 17 – Rimbalzi: 31 12 + 19 (Ygor Biordi 8) – Assist: 14 (Jordan Losi 4) BPC Virtus Cassino : Simone Bagnoli 26 (10/22, 1/2), Biagio Sergio 12 (0/2, 3/5), Duilio ernesto Birindelli 10 (4/7, 0/1), Andrea Giampaoli 7 (2/2, 1/2), Gianluca Valesin 6 (2/3, 0/0), Stefano Poti 5 (1/1, 1/4), Maurizio Del testa 3 (1/1, 0/3), Filippo Serra 3 (0/0, 1/2), Renato Quartuccio 0 (0/0, 0/0), Valerio Marsili 0 (0/0, 0/0) Tiri liberi: 11 / 16 – Rimbalzi: 28 8 + 20 (Simone Bagnoli 10) – Assist: 12 (Andrea Giampaoli 4) All. Luca Vettese

7 novembre 2016 0

Basket serie D: La capolista Frassati Ciampino espugna il Palamarina, a Serapo non basta l’orgoglio

Di redazionecassino1

La capolista non perdona. Il Frassati Ciampino Basketball, arrivato a Gaeta con i gradi di prima assoluta della Serie C Silver, ha espugnato l’insidioso campo del Palamarina con il risultato di 80-70.

Una conferma ancor più evidente della bontà tecnica del team romano, forte di individualità importanti e di un ritmo offensivo che ha causato non pochi grattacapi alla difesa del Basket Serapo ’85 Gaeta fin dal primo quarto, conclusosi sul 24-17 per i ragazzi di coach Casadio. Poi l’allungo decisivo nella seconda frazione con lo score di 54-32.

Ferita dal pesante passivo, la Serapo ha tentato in tutti i modi di tornare in partita e ha offerto notevoli progressi sia in fase difensiva che in quella offensiva dal terzo quarto. Buono l’apporto di capitan Marrocco e del nuovo arrivato La Mura, ma non è stato abbastanza perché Frassati ha mantenuto pressoché invariato il margine completando i terzi dieci minuti sul 67-50.

L’ingresso di Calderone, giovane promessa proveniente dall’Under 18 Elite, ha dato linfa vitale alla Serapo nella frazione conclusiva. Frassati, entrata in gestione partita, ha subito una mini rimonta dai ragazzi di coach Imparato che hanno chiuso a dieci punti dalla squadra romana. Risultato finale 80-70 e leadership conservata per Ciampino.

Nonostante la serie no si sia allungata a 4 sconfitte, la Serapo può uscire da questo incontro a testa alta per la notevole reazione mostrata nel secondo tempo contro una delle pretendenti al titolo. In più la “primavera” sembra poter dare anche quest’anno un notevole apporto alla prima squadra con l’innesto di un Calderone mostratosi molto propositivo sotto canestro.

Coach Imparato non ha dubbi: “Torneremo ai livelli che ci competono. Contro Frassati abbiamo avuto una prestazione a due facce ma sono estremamente fiducioso sul fatto che i ragazzi troveranno presto i due punti per uscire dal momento negativo e migliorare la classifica”. Il Basket Serapo ’85 Gaeta tornerà in campo nel prossimo weekend per sfidare la Sam Roma Basketball. TABELLINI Serapo Gaeta: Viscusi 8, Moses 2, Niccolai 13, Violo 5, Valente L. 4, La Mura 8, Valente F. n.e., Antetomaso 2, Calderone 6, Marrocco 18, Conte 4. Coach: Imparato. Frassati Ciampino: Grilli 5, Piccini, Gabrieli 5, Moscianese 9, Mariani 15, Diletti 9, De Marzi 5, Barucca 32, Bursuc n.e. Coach: Casadio.