Tag: esterna

30 ottobre 2017 Non attivi

Basket C Gold: Sconfitta esterna per la NB Sora 2000

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

A Roma presso la Palestra dell’Istituto S.Maria si affrontano due squadre con diverse situazioni di classifica e di risultati: la NB Sora 2000 reduce da quattro sconfitte consecutive, la Vis Nova, invece, con una sola sconfitta ricevuta in casa di Civitavecchia per un punto e vittoriosa in casa nell’ultima gara contro Formia.

I padroni di casa partono subito fortissimo con un parziale di 6-2 nei primi 3 minuti di gioco con Coronini e Argenti, che costringe coach Ortenzi ad usare la voce grossa nei confroti dei suuoi. Sora rimane attaccata al match grazie a solito G. Stirpe e Cara  mentre, dall’altra parte, ci sono  diversi svarioni che, permettono gli ospiti  a mettere la freccia e, a 3’minuti dalla fine del primo quarto Di Prospero con due canestri di fila porta i suoi  in vantaggio (8-11). I padroni di casa impattano subito dopo con una bomba di Argenti e  si  rilassano subito dopo permettendo ai ragazzi di Ortenzi di  riprendere  le file del gioco e  chiudere il primo riposo in vantaggio 14 a 16.

In avvio di secondo quarto la NB Sora 2000 rimane mentalmente seduta sugli allori del primo quarto e la Vis Nova dilaga doppiaandola  (33-18 all’7’). Sora  abbozza una timida reazione riportandosi a -17 grazie all’asse Stirpe- Cara.

Le poche rotazioni effettuate dal coach volsco non danno la linfa giusta per riprendere la gara e i canestri di G.Stirpe non servono  per rimarginare la ferita subita in questa seconda frazione di gioco. Il secondo quarto si chiude col punteggio di 44-21 in favore della Vis Nova.

Dopo la pausa, Sora prova a rientrare ma la Vis Nova è una squadra di esperienza e di talento e così non lascia nulla da fare agli uomini di Ortenzi, che non riescono a rientrare e che scivolano anche sul -30 (51-21 con il canestro di Pierantoni(Vis Nova). Il match ormai non ha più nulla da dire, i padroni di casa amministrano il vantaggio e concludono agevolmente il terzo quarto sul 59-34

Il quarto quarto la musica non cambia, ancora una volta sono i padroni di casa a mettere la testa avanti e la squadra ciociara cerca di tamponare il la voragine creatosi, con i vari giovani che non sfigurano rispetto ai colleghi senior. La partita sfugge di mano fino al 77-46 finale. Nel complesso buona prova di G. Stirpe, 16 pt e dell’ala Cara 9 pt 9 rb. Giovedì prossimo si torna in casa al PalaPanico il turno infrasettimanale della 6^ giornata di campionato, ore 20,30 contro la Meta Formia dell’ex De Pippo.

 

Vis Nova Basket 77 – N.B. Sora 2000 46

Parziali: 14-16 / 30-5 / 15-13 / 18-12 Vis Nova Basket: Saccone R. 9, Piccolo 8, Saccone U. 6, Ingrillì 6, Coronini 2, Argenti 15, Martino 11, Pierantoni 14, Lorenzi 4, Frosecchi 0, Godoy 2; Coach: Pasquinelli N.B. Sora 2000: Dell’Uomo 3, Favari 2, Castellucci 2, Stirpe 16, Berardi 4, Vona 2, Jancic 3, Di Prospero 5, Bulatovic 0, Cara 9; Coach: Ortenzi
26 maggio 2017 0

Basket serie D play off: Seconda vittoria esterna per la Pallacanestro Veroli, superata anche la Rent Max Roma Eur

Di redazionecassino1

La gara che si è disputata Mercoledì 24 Maggio alle ore 21.00 presso la struttura capitolina della Rent Max Roma Eur termina con il risultato di 72-86 a favore dei giallorossi. Seconda vittoria esterna per la Pallacanestro Veroli che dà prova di essere una grande squadra: dopo il parquet della Nomen espugna con autorità anche quello del Rent Max Roma Eur concedendosi un match point per la C Silver previsto per il 28 Maggio alle ore 20.30 presso il Chiappitto di Alatri. Una gara molto ben giocata dalla squadra di Coach Fiorini, quella di mercoledì sera, perfetta in attacco nel primo tempo e concentrata nella ripresa con un Giorgio Fiorini che segna in scioltezza i primi due canestri giallorossi. Dalla parte opposta invece c’è un Gai difficile da marcare e un Liberti in gran forma ma Veroli quando alza i ritmi fa male. Allungo ulteriore al rientro con Vinci (6-15), nonostante una tripla di Gai che trascina i suoi alla risalita con i soliti velocissimi ribaltamenti, insieme ad un’importante bomba di Caricchia nell’ultimo minuto del primo quarto che tiene i biancorossi ad un solo possesso di distacco al primo intervallo. Il match è bello e anche molto intenso ma le percentuali si abbassano in avvio di seconda frazione, soprattutto quelle dei romani che subiscono nei primi 3’30” un 7-0 targato principalmente Frusone, che comincia a far valere la sua fisicità. Arrivano anche 5 punti di un ottimo Giorgio Fiorini a far dilagare gli ospiti (18-33), poi una tripla a testa di Gai e Nardulli sembrano poter sbloccare l’inerzia ma la squadra di Coach Fiorini mantiene lucidità e divario in doppia cifra, in una fase con parecchi canestri. Tra i giallorossi buono anche l’impatto dei subentrati Iannarilli e soprattutto Mauti. Veroli torna sul più 15 (33-48) a 1′ dall’intervallo lungo grazie a 5 punti in fila di Marco Fiorini: i romani si scoraggiano subendo un libero da Frusone e soprattutto l’ultimo perfetto contropiede di Mauti, che ribalta momentaneamente anche il -16 dell’andata. Una gran linea di fondo di Vinci porta anche il più 20 (gioco da tre punti) in apertura di ripresa. I padroni di casa sono comunque rientrati sul parquet con altro piglio specie in difesa, pressando molto alti e risalgono grazie ad un Gai che scalda ulteriormente la mano. Dalla parte opposta due bombe di Giorgio Fiorini pesano come macigni nonostante anche Gai continui a segnare da oltre l’arco. La truppa di Talluto non molla e prova a restare aggrappata al risultato. Una bomba di Liberti fa esplodere il pubblico, malgrado i punti da recuperare siano ancora 12, Gai però segna la sua sesta e il divario va sul -1. Giorgio Fiorini con esperienza respinge dalla lunetta il tentativo di rimonta avversario. La sfida Gai-Giorgio Fiorini perde temporaneamente quest’ultimo visto il quarto fallo commesso su un gioco da tre punti proprio del numero 3 biancorosso, gli ospiti tra l’altro cominciano a perdere lucidità in attacco come dimostrano un paio di possessi oltre i 24”. Marco Fiorini allora prova a caricarsi la squadra sulle spalle, anche se una bomba di Gianluca Barbato abbatte la doppia cifra di divario dimostrando più che mai che la gara è ancora aperta. Veroli tiene intatte le distanze anche se a metà ultimo quarto arriva il quinto fallo di Giorgio Fiorini, ma ora i romani sembrano pagare lo sforzo della rincorsa con un sussulto importante che però arriva da Costa (69-77). Qui però è ancora Marco Fiorini a respingere gli avversari con 5 punti in fila. Nel finale i ciociari riallungano fino al più 16 dell’andata con i contropiedi di Mauti e Velocci, che fissa le 14 lunghezze di margine finali. La partita si chiude con il risultato di 72-86 per i giallorossi che, Domenica 28 Maggio, alle ore 20.30 presso il Chiappitto di Alatri, giocheranno l’ultima gara per ottenere la promozione in Serie C Silver. Un meraviglioso percorso quello fatto dalla neonata Società che merita di coronarlo nel migliore dei modi, magari con un bel tifo al seguito, come nelle favole con lieto fine. Se il destino non sarà quello auspicato possiamo sicuramente dire che è stato un gran successo. La Società ha bisogno del supporto dei tifosi giallorossi, dei tanti che vorranno e potranno, per questo importante momento.

 

RENT MAX ROMA EUR VS PALLACANESTRO VEROLI 2016 72-86

Tabellini: Fiorini Giorgio 27, Fiorini Marco 20, Frusone 10, Vinci 9, Iannarill 2, Velocci 4, Mauti 14 Lella, Fontana G., Magnone, Igliozzi.

Coach: G.Fiorini.

21 febbraio 2017 0

Volley maschile serie D: Doppia vittoria esterna per il Cus Cassino, campionato e Coppa

Di redazionecassino1

CASSINO – Terza giornata di ritorno per il campionato regionale di Serie D maschile di pallavolo. I cassinati del CUS Cassino Volley BPC guidati in panchina da Giovanni Torraca, dopo la splendida affermazione casalinga contro la vicecapolista Montmartre, si recano in quel di Roma nella tana del Roma Otto team, squadra che nella gara di andata aveva creato diversi grattacapi al team cussino e che anche nella passata stagione era stata una delle avversarie principali alla qualificazione ai playoff promozione. Gli universitari vogliono dare seguito alla brillante vittoria tra le mura amiche della settimana precedente, e scendono in campo determinati e grintosi. Dopo la buonissima gara disputata contro il Montmartre, in campo cassinate viene data fiducia a Gianmarco Risi come schiacciatore, in diagonale con Daniele Forte, al centro partono Alessandro Risi e Stefano Imperato, Carlo Di Mambro in regia e capitan Alessandro Pittiglio opposto. Le prime battute del primo parziale di gara sembrano essere di studio da ambo le parti. I due team rispondono colpo su colpo alle iniziative degli avversari, non lasciando spazi a fughe e tentativi di break. I padroni di casa restano tuttavia avanti di un incollatura per tutta la durata del parziale. Torraca prova a dare una scrollata ai suoi inserendo Claudio Zona e Tommaso D’Agostino al posto di Di Mambro e Pittiglio, ma la musica sembra non cambiare. Quando il sestetto di casa è in vantaggio per 20-17, i cussini chiudono il doppio campo e portano Di Mambro sulla linea dei 9 metri. I cassinati trovano il giusto spunto e recuperano tutto lo svantaggio, pareggiando prima i conti e poi sorpassando gli avversari e portandosi ad un passo dalla vittoria sul 23-20 con un parziale di 6-0. I romani provano a interrompere il ritmo forsennato impresso alla partita dagli ospiti, ma i cassinati recuperano immediatamente palla e mettono a segno anche l’ultimo punto, che vale il 25-21 e porta i cussini sull’1-0 nel conto dei set vinti. Dopo la rimonta subita nel primo game, i capitolini sembrano aver accusato il colpo, e nel secondo set giocano con molta meno grinta, opponendo scarsissima resistenza agli attacchi universitari. I cassinati dal canto loro non si fanno pregare e scattano in vantaggio, accumulando diversi punti di distanza dagli avversari. Poco prima di metà parziale però i cussini si adagiano troppo sugli allori, e commettono molti errori in attacco, lasciando riavvicinare pericolosamente i romani. Torraca opera alcuni cambi, inserendo D’Agostino in regia, Zona in banda e portando il polivalente Marco Mastronardi in battuta al posto di Imperato. Le insidiose battute del giovane cassinate fanno nuovamente sprofondare il team capitolino, che perde vertiginosamente terreno e lascia via libera alle scorribande ospiti. Gli universitari non si lasciano scappare la preda, e con un ultimo micidiale servizio del loro capitano Pittiglio mandano al tappeto i locali anche nel secondo game, portandosi sul 2-0 grazie al punteggio finale di 25-18. La terza frazione inizia con una riscossa attesa da parte dei padroni di casa, ma il doppio vantaggio dei cassinati ha evidentemente fiaccato più del dovuto il fiato dei romani e sparso tra i giocatori un atteggiamento rinunciatario e arrendevole. I cussini non possono far altro che ringraziare e approfittare della situazione, portandosi immediatamente in larghissimo vantaggio e giocando tutto il set sul velluto, con i romani a fare da semplici sparring partners a quello che per gli universitari assomiglia più a un allenamento che a una gara contro dei diretti rivali in classifica. In pochi minuti i cassinati chiudono i conti in maniera definitiva, mandando in archivio il set con un pesantissimo 25-13 e la gara con un netto 3-0. A pochi giorni di distanza i cassinati tornano nuovamente in campo, ancora una volta in trasferta, ma per disputare la seconda giornata del girone di Coppa Lazio. I cussini si recano in quel di Orte per sfidare lo Sporting Club Orte 1967. In avvio di prima frazione sono i padroni di casa a sfruttare al meglio il fattore campo, portandosi avanti di un paio di lunghezze e mantenendo il vantaggio per tutto il game. Poco prima di metà parziale sono i locali a trovare il giusto sprint, portando il vantaggio a 5 punti, ma con Di Mambro in battuta gli universitari ritrovano i loro ritmi e recuperano tutto il gap, portandosi col fiato sul collo dei viterbesi, ma non riuscendo a completare il sorpasso, perché l’Orte riesce a tagliare per primo il traguardo con lo score di 25-22. Nel secondo parziale sono di nuovo i padroni di casa a fare la partita, portandosi largamente in vantaggio grazie a un paio di sviste arbitrali e ad un momento di nervosismo dei cussini. I cassinati però ritrovano immediatamente smalto e concentrazione, e l’arbitro commette ancora un paio di erroracci, stavolta a favore dei cassinati, permettendo allo score di tornare in bilico. I cussini sono più determinati, alzano il ritmo e portano a casa il set con un buon 25-22 che pareggia in tutto e per tutto i conti con il parziale precedente. Nella terza frazione di gioco sono i cassinati a fare la parte della lepre, ma, esattamente come successo nel parziale da poco conclusosi, i viterbesi recuperano il gap, sorpassano i cassinati proprio in dirittura d’arrivo e si portano in vantaggio per 2-1 grazie al tiratissimo 26-24 che chiude il game. Nel quarto parziale il team universitario mostra tutto il suo carattere, dimostrando di non voler concedere altri regali alla formazione locale e portandosi in testa alla gara con un bel vantaggio. Anche stavolta l’Orte prova a tornare in partita, ma i cussini sono bravi a mantenere alta la concentrazione e chiudere il set a proprio favore ancora con il punteggio di 25-22. La gara sarà decisa dal tie break. I cassinati partono alla grande, guadagnando la testa della contesa e restandoci per tutta la prima parte di set. Poi sono i locali a trovare un break vincente che gli consente di andare al cambio di campo sull’8-7 il loro favore. Ma i cassinati effettuano nuovamente un sorpasso ai loro danni, costringendoli ad affrontare il finale di set punto a punto. Gli ospiti guadagnano più volte il match point, e si ritrovano con palla facile in mano per chiudere i conti, ma il punto vittoria arriva soltanto con un pallone sporco, che i cassinati tengono su con una buona copertura, alzano in qualche modo tenendo palla alta e staccata da rete, e scaraventano con una precisione chirurgica nel campo avversario: il libero di casa non riesce a tenere la palla e i cassinati fanno festa, aggiudicandosi il set con il punteggio di 18-16 e la gara con un bellissimo e combattuto 3-2. Per quanto riguarda la Coppa Lazio, i cassinati dovranno aspettare l’esito della gara tra Roma Volley e Sporting Club Orte 1967 perché sia delineato il loro futuro e per vedere se passeranno o meno alle semifinali. In campionato invece il prossimo impegno è lo scontro diretto con la formazione capitolina del RoMan Volley. I romani fino a poche settimane fa occupavano stabilmente e con autorità il primo posto in classifica, salvo poi incappare in una lunga serie di 4/5 sconfitte consecutive a causa dell’infortunio del loro regista titolare. Nell’ultima settimana però i capitolini sono tornati a vincere sia in campionato che in coppa, facendo presagire un loro ritorno alla piena forma. I cassinati dovranno impegnarsi tantissimo per avere la meglio sulla formazione che lo scorso anno li impegnò fino all’ultima giornata per strappare il pass valido per l’accesso ai playoff promozione in Serie C.