Tag: evaso

22 marzo 2017 0

Evaso dal Rems di Ceccano, 33enne ritrovato a Cassino

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Un uomo sospetto si aggira per la città di Cassino e le segnalazioni alla centrale del commissariato di polizia sono numerose. L’operatore “113” della Sala operativa dirama la nota di ricerca alle volanti presenti sul territorio, che prontamente si portano sul posto, dove intercettano e fermano il sospetto.

L’uomo, però, non ha al seguito i documenti e non dà  spiegazioni circa la sua presenza nella Città Martire, per cui gli uomini del vice questore Alessandro Tocco decidono di accompagnarlo  presso gli uffici del Commissariato, per gli accertamenti di rito.

Da riscontri foto – dattiloscopici, emerge che l’uomo, nato in Romania nel 1984, aveva fornito false generalità circa la sua identità e, tra l’altro, da riscontri in banca dati SDI, risulta anche “ricercato” in quanto fuggito dalla R.E.M.S. di Ceccano, dove stava scontando la sottoposizione alla misura di sicurezza, come disposto dal Tribunale di Roma.

Dopo averlo denunciato per false dichiarazioni, i poliziotti  accompagnano l’evaso presso la struttura ceccanese, che ospita detenuti psichiatrici, provenienti dagli ex ospedali psichiatrici giudiziari (Opg).

18 marzo 2017 0

L’evaso di Frosinone era stato arrestato dall’attuale dirigente del commissariato di Cassino

Di admin

Frosinone – Era stato arrestato da Alessandro Tocco, attuale dirigente del CommissariTo di polizia di Cassino, quando, nel 2012, dirigeva la squadra mobile nel Casertano.

Alessandro Menditti, evaso questa notte dal carcere di Frosinone, avrebbe dovuto scontare altre 10 anni di carcere. In galera c’è anche la moglie. Da indiscrezioni, pare che l’apporto esterno sarebbe stato organizzato dal gruppo dell’albanese con cui il 42enne campano stava fuggendo.

Lo straniero, però, dopo essersi calato con le lenzuola dalla finestra da cui hanno tagliato le grate, sarebbe caduto tentando di scavalcare la recinzione di circa 10 metri fratturandosi la colonna vertebrale.

Per questo è stato necessario trasferirlo all’Umberto I di Roma. L’evaso, invece, è ricercato su tutto il territorio e, alle ricerche partecipa anche un elicottero di carabinieri.

25 giugno 2010 0

Rocco Siffredi indagato per aver evaso 2 milioni di euro

Di redazione

Il noto attore Rocco Siffredi è nei guai in Abruzzo con la guardia di Finanza di Chieti. L’imprenditore cinematografico è accusato di una evasione fiscale che si aggirerebbe intorno ai due milioni di euro. La Tenenza di Ortona, ha accertato come il noto attore/imprenditore, pur avendo da tempo dichiarato di essersi trasferito al di fuori del territorio nazionale, certificandolo attraverso l’iscrizione presso l’AIRE del Comune di Ortona, abbia di fatto continuato incessantemente a permanere nel territorio nazionale oltre i limiti temporali fiscalmente ammessi, costituendo in Abruzzo il centro dei propri interessi. Gli elementi ed i dati informativi raccolti e vagliati attentamente dalle FIAMME GIALLE, hanno evidenziato in maniera inequivocabile una sofisticata ed articolata forma di evasione fiscale internazionale, caratterizzata oltre che dalla fittizia residenza all’estero anche da una perniciosa forma di “simulazione relativa soggettiva”. In sostanza la complessa forma di evasione, che ha riguardato gli anni dal 2002 al 2005, sarebbe stata attuata mediante simulazione di negozi giuridici, posti in essere attraverso l’interposizione fittizia di terzi soggetti di diritto ungherese, apparentemente effettivi ed unici beneficiari dei compensi finanziari, di fatto riconducibile all’imprenditore cinematografico – risultando EVASORE TOTALE -, per importi superiori ai due milioni di Euro, con evasione dell’IVA di circa 200 mila euro, integrando a suo carico inoltre ipotesi di reato in materia fiscale disciplinate dalla Legge 74/2000, segnalate all’Autorità Giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Chieti.