Tag: falco

11 aprile 2017 0

Omicidio di Alatri, alla ricerca dei video del delitto. De Falco: “Chi li ha li consegni”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Alatri – Servono video e foto per fare piena luce sull’omicidio di Emanuele Morganti. Lo dice il capo della procura di Frosinone Giuseppe De Falco che coordina le indagini sull’efferato delitto del 20enne di Alatri.

La scorsa settimana ci chiedevamo se gli investigatori avessero cercato tra le immagini realizzate in piazza durante il pestaggio durato tra i dieci e i 15 minuti.

Evidentemente si se lo stesso procuratore oggi dice: “L’appello è venire a dire la verità e farci avere, se esistono, i filmati registrati quella sera. Sembra singolare che in un’epoca in cui i ragazzi filmano qualunque cosa, non ci sia un filmato che possa tornare utile alle indagini”.

Ermanno Amedei

5 aprile 2017 0

Omicidio di Alatri, il procuratore De Falco: “Otto indagati per omicidio. La vendetta? non la escludiamo”

Di admin

Alatri – Il reato si uniforma per il gruppo degli otto indagati responsabili della morte di Emanuele Morganti e ad annunciarlo è lo stesso procuratore capo Giuseppe De Falco che dice: “Anche gli altri sei indagati per rissa, sono stati iscritti nel registro degli indagati per l’ipotesi di reato di omicidio volontario”; e conferma che ad oggi “Gli indagati sono in tutto otto”.

I due principali indagati, Mario Castagnacci e Paolo Palmisani, sono in carcere a Regina Coeli, tra gli indagati a piede libero c’è poi il padre di Mario, i quattro buttafuori del locale in cui è cominciata la lite, e un altro giovane amico di Castagnacci e Palmisani che solamente ieri è stato iscritto nel registro degli indagati.

A proposito dei motivi per cui è scoppiata la rissa De Falco ha detto: “Stiamo valutando varie ipotesi così come i motivi dell’accanimento sul giovane”.

I parenti riferiscono di una possibile vendetta. “E’ tra le ipotesi su cui stiamo lavorando” ha aggiunto il magistrato mentre sulla ricerca dell’oggetto con cui sarebbe stato colpito alla testa Emanuele, De Falco ha detto: “E’ da accertare che sia stato colpito con un oggetto. Non lo diamo per scontato”.

Ermanno Amedei 

28 marzo 2017 0

Omicidio di Alatri, il Procuratore De Falco: “Ragazzo per bene ucciso per motivi banalissimi”

Di admin

Alatri  – “Sette indagati per omicidio Volontario, compresi i due fratelli fermati a Roma”. Lo ha detto il capo della procura di Frosinone, in merito all’uccisione di Emanuele Morganti di Alatri, nel corso della conferenza stampa nel comando provinciale dei carabinieri. “Motivi banalissimi – ha anche detto il procuratore – hanno portato alla morte di un ragazzo per bene. Un diverbio nato all’interno della discoteca su cui andranno fatti ulteriori accertamenti”.

Sicuramente ha detto anche De Falco, la persona con cui Emanuele ha litigato, pare per una bevanda, non è albanese così come si era pericolosamente diffusa la notizia.

“Dopo la lite, il personale di sicurezza ha portato fuori il solo Emanuele e l’altro è rimasto dentro e non ha preso parte ai fatti successivi. Una volta fuori nella piazza, in luoghi diversi c’è stata aggressione da parte di persone diverse ancora in farse di identificazione completa. Emanuele ha cercato di allontanarsi, è stato seguito, poi è torno sui passi per cercare la ragazza con cui è andato in discoteca. Più volte aggredito in posti diversi della piazza fino all’ultimo episodio, quello letale”.

 

6 aprile 2010 0

Nascita ‘in diretta’ dei piccoli di una coppia di falco pellegrino

Di redazionecassino1

Stamattina all’alba, nel parco dei Castelli romani, è arrivato un piccolo candido pullo, figlio della coppia di falchi pellegrini che abita il nido monitorato 24 ore su 24 dalle telecamere alimentate a energia solare. Tutto ripreso dalle webcam. Ora si attende che altre due uova si schiudano, mentre i falchi adulti provvedono all’alimentazione dei primo dei tre piccoli attesi. Il nido dei falchi pellegrini si trova sulle coste del lago di Albano. E anche quest’anno la specie è tornata a nidificare nella zona protetta, sempre sotto l’occhio attento delle telecamere che trasmettono in diretta le immagini dal nido sul sito www.parcocastelliromani.it. Il falco pellegrino, predatore al vertice della catena alimentare, indica con la sua presenza il buono stato di salute di un ecosistema. Dal 1995 il Parco segue da vicino questa coppia e, negli ultimi anni, per aumentare il livello di tutela e sensibilizzazione dei cittadini, sono state installate le telecamere. Dopo giornate un po’, statiche nelle quali femmina e maschio si sono alternati nella cova delle tre uova, ora c’è un grande fermento nel nido che aumenterà ancor di più con la prossima nascita degli altri due falchi. Il falco pellegrino caccia esclusivamente uccelli catturati in volo e in questa fase il piccione è la preda di elezione. Il padre si getta nella caccia e porta le prede nel nido, la femmina distribuisce il cibo.