Tag: finge

18 giugno 2018 0

Si finge carabiniere per truffare pontecorvese, denunciato 37enne

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

PONTECORVO – I carabinieri della stazione di Pontecorvo hanno denunciato per truffa e sostituzione di persona, un 37enne residente a Taranto, già censito per analoghi reati.

Il giovane aveva pubblicato sul sito internet “subito.it” un annuncio relativo alla vendita di un telefono cellulare Samsung S6EDG, inducendo un 49enne pontecorvese al suo acquisto previo il versamento della somma di 150 euro su una carta postepay a lui intestata, senza però mai consegnare la merce.

Dalle indagini è emerso che in più occasioni, il denunciato, al fine di indurre maggiore credibilità alle vittime si qualificava quale appartenente all’Arma dei Carabinieri e in più occasioni postava foto di persone in divisa sul proprio profilo whatsapp.

19 agosto 2017 0

Si finge Carabiniere del Ros e effettua controlli a Frosinone, denunciato 23enne

Di admin

FROSINONE – Nella notte tra il 3 e 4 agosto, un frusinate  di 48 anni, mentre percorre a bordo della sua berlina una strada periferica del capoluogo, viene affiancato e fermato da un giovane alla guida di un’ Alfa 156 con lampeggiante acceso. Ritenendo che si trattasse di un controllo di polizia, l’uomo si ferma.

L’agente si presenta come appartenente al Corpo Speciale dei ROS ma all’atto del controllo documentale e dell’ispezione veicolare il “controllato” sospetta sulla “professionalità” del  carabiniere, tanto da memorizzare i numeri della targa    visibili dalla sua posizione.

Il 48enne decide di informare gli agenti della Squadra Volante. Acquisite le informazioni utili per le indagini, gli uomini diretti dal Commissario Capo Flavio Genovesi, riescono a delineare l’identikit del finto carabiniere.

Dopo il riconoscimento formale, scatta la denuncia per sostituzione di persona ed usurpazione di funzioni pubbliche per un 23enne residente a Frosinone. Il giovane, evidentemente, dopo l’arresto per furto in flagranza di reato subito in passato, aveva voluto “sperimentare”  la via della legalità, ovviamente sbagliando i modi.

6 gennaio 2017 0

Si finge uomo del clan per estorcere commerciante di Terracina

Di admin

Terracina – Ha estorto ad un commerciante di Terracina la somma di circa 2.500 euro spacciandosi per un uomo del clan di una nota e temuta famiglia rom di Roma.

Le indagini sono scattate dopo la denuncia del commerciante che ha fornito elementi per arrivare ad individuare e arrestare Valerio M. 29enne originario calabrese ma residente nella zona Giardinetti di Roma dove i carabinieri lo hanno raggiunto e arrestato per estorsione.

L’uomo è gravato da altri precedenti di polizia. A lui sono stati concessi gli arresti domiciliari.

 

22 novembre 2016 0

Si finge cieco per andare a lavorare in Regione

Di admin

Palermo – Si è finto cieco per ottenere la pensione e per andare a lavorare in Regione. Ma la sua truffa è stata scoperta dai finanzieri del Gruppo di Palermo. Da più di 10 anni percepiva indebitamente un’indennità di accompagnamento in quanto riconosciuto “cieco assoluto” ed una retribuzione per la mansione di centralinista presso un Ente della Regione Siciliana, per la quale era stato assunto proprio perché non vedente.

Si tratta di un 56enne di origine palermitana, che è stato osservato dalle Fiamme Gialle del capoluogo mentre svolgeva le normali attività quotidiane: recarsi da solo sul posto di lavoro in autobus, andare a prendere il caffè durante la pausa lavorativa senza alcun supporto “esterno”, scendere correndo la gradinata delle Poste Centrali di Palermo. Attività, queste, svolte in completa autonomia e con la disinvoltura tipica di una persona dotata di vista normale.

L’attività investigativa è scaturita da una segnalazione al numero telefonico di Pubblica Utilità 117. I militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Palermo, dopo aver verificato la fondatezza di quanto segnalato, hanno seguito e filmato il falso invalido, in giorni e fasce orarie diverse, smascherando la truffa. L’indagato, riconosciuto “cieco assoluto” nell’anno 1997, ha riscosso da allora l’indennità di accompagnamento e, dall’anno 2005, anche la retribuzione da centralinista. Il danno per le casse pubbliche supera i 300.000 euro, per cui il soggetto è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Palermo per truffa aggravata. I fatti sono stati inoltre segnalati alla Procura Regionale della Corte dei Conti. Preziosa si è rivelata la collaborazione della Direzione Provinciale INPS di Palermo, con la quale è in atto un progetto condiviso finalizzato a smascherare altre analoghe situazioni.

23 luglio 2010 0

Finge di essere vittima di rapinatori per giustificare una fucilata accidentale ad una gamba

Di redazione

Ha inscenato una rapina per giustificare la ferita da arma da fuoco che si era provocato accidentalmente ad una gamba. Così, un pensionato di Rocca d’Arce, è stato denunciato per simulazione di reato, procurato allarme, inosservanza dei provvedimenti dell’autorità e detenzione abusiva di munizioni per armi comuni da sparo. L’anziano ha lanciato l’allarme chiamando i carabinieri e denunciando una rapina in casa durante la quale due ignoti lo avevano colpito con un colpo di fucile a canne mozze. Le immediate risultanze investigative hanno consentito di appurare che l’uomo, precedentemente, per motivi in corso di accertamento, aveva colpito l’innesco di una cartuccia con un cacciavite, ha causato la deflagrazione ferendosi ad una gamba. L’arto ha iniziato a sanguinare e lui ha pensato di giustificare l’accaduto con la rapina. Il denunciato, quindi è stato trasportato presso l’ospedale civile di Frosinone.

23 giugno 2010 0

Finge di essere stata violentata dal cognato, denunciata per simulazione di reato

Di redazione

Si è presentata alla stazione dei carabinieri di Giuliano di Roma sostenendo di essere stata violentata dal cognato. Ha sporgere la denuncia è stata una ragazza di 20 anni M.L. di Giuliano di Roma. I carabinieri hanno dato il via alle indagini e hanno messo a nudo la bugia ideata dalla donna. Allo scopo sono servite in particolare le visite mediche effettuate in ospedale. I medici, infatti, non hanno trovato segni sul corpo della giovane che avvalorassero il suo racconto e, per questo, nel corso di un lungo interrogatorio, la ragazza ha ammesso di essersi inventato tutto. Per questo è stata denunciata per simulazione di reato. Ermanno Amedei

15 maggio 2010 0

Si finge cieco per anni, ma viene smascherato e denunciato dal figlio

Di redazione

La malattia del padre che lo rendeva praticamente ceco, non lo convinceva. Doveva occuparsi di lui e lo faceva da tempo ma, di giorno in giorno, cresceva anche il sospetto che l’anziano uomo fosse un bugiardo. Ecco perché un padovano ha ingaggiato un investigatore privato che seguisse il padre e scoprisse se effettivamente l’uomo era non vedente. La relazione del professionista non ha lasciato dubbi sul fatto che il padre ci vedesse benissimo dato che era anche capace di coltivare l’orto o uscire da solo senza badante. Sentendosi preso in giro per anni, un desiderio di vendetta è nato nel figlio xhe non ci ha pensato su due volte e lo ha denunciato all’Inps facendo scattare una indagine per truffa.

14 maggio 2010 0

Furti ad anziani, si finge idraulico per rubare 4 mila euro

Di redazione

Un nuovo episodio di furto in bitazione ai danni di un’anziana donna, questa volta verificatosi a Lanciano (Ch), più precisamente a Ferro di Cavallo, dove uno sconosciuto, presentatosi come idraulico, è riuscito a penetrare all’interno dell’abitazione della malcapitata con il pretesto di controllare la funzionalità dei radiatori della camera da letto. Lì, approfittando di un momento di distrazione della donna, è riuscito ad asportare oggetti in oro per un valore complessivo pari a 4 mila euro allontanandosi subito dopo. Del caso se ne stanno occupando i carabinieri che a consigliare alle persone anziane di non far entrare sconosciuti in casa.

6 febbraio 2010 0

Finge incidenti stradali per truffare gli anziani, una vittima lo fa arrestare

Di redazione

Nel pomeriggio odierno, i Carabinieri della Stazione di Pineto (Te), agli ordini del luogotenente Carminantonio Di Donato, hanno tratto in arresto R.A., 30enne di origini siciliane, con l’accusa di tentata truffa aggravata. L’uomo, per la verità molto ingegnoso, ha tentato di mettere in atto una truffa che predilige quale vittime le persone anziane, ovvero quelle psicologicamente più deboli. Nel pomeriggio odierno, mentre percorreva le vie di Giulianova a bordo della sua autovettura, incrociando l’autovettura della vittima individuata, un 78enne del luogo, ha inscenato una collisione laterale. In pratica con mossa repentina, utilizzando un “bastone artigianale” costruito ad arte arrotolando più fogli di giornale legati con nastro isolante, ha colpito il veicolo del malcapitato senza danneggiarlo ma inducendolo a fermarsi a seguito del forte rumore udito. Una volta sceso dal veicolo, R.A. approfittando dello stato di anzianità della vittima ed ingenerando in questa uno stato di timore, tentava con tono minaccioso di farsi dare del danaro per comprare lo specchietto retrovisore che lui asseriva essere stato danneggiato nello “scontro” in realtà mai avvenuto. Nella circostanza l’uomo mostrava al pensionato uno specchietto retrovisore danneggiato, già in suo possesso per indurre la persona in errore. Questa volta però, il malvivente ha trovato un osso duro perché il “vecchietto”, avendo in qualche modo “annusato” la truffa, di fronte l’uomo molto alto e robusto, ha usato l’unica arma a sua disposizione, le grida di aiuto, che hanno avuto il risultato sperato ovvero quello di mettere immediatamente in fuga il malvivente. Il pensionato ha continuato la sua opera e dopo aver chiamato i Carabinieri di Giulianova ha fornito una dettagliata descrizione delle caratteristiche somatiche dell’uomo e della macchina su cui viaggiava. Immediatamente è scattato il collaudato piano di cinturazione della zona con tutte le pattuglie in circuito e dopo poco tempo, l’uomo è stato localizzato e bloccato in Pineto lunga la Via Nazionale Adriatica e tratto in arresto ed in atto trattenuto presso gli uffici della Stazione di Pineto.

2 febbraio 2010 0

Si finge dipendente delle Poste e ruba la pensione dalle mani di un anziano

Di redazione

Un nuovo stratagemma per carpire la buona fede degli anziani, per poterli così derubare, è stato messo a punto ieri pomeriggio davanti l’ufficio postale in pieno centro a Lanciano (Ch). La vittima era uscita con i soldi della pensione appena prelevati quando un individuo gli si è avvicinato sostenedo di essere un impiegato dell’ufficio postale. A suo dire avrebbe dovuto effettuare un controllo sull’operazione appena conclusa per cui ha chiesto di poter controllare il libretto postale e la somma riscossa. L’anziano incauto ha consegnato quindi sia il libretto che i 1.250 euro appena prelevati. Ottenuto quello che voleva, il truffatore si è dato alla fuga e l’anziano, ovviamente, non ha potuto stargli dietro. Ha quindi chiamato i carabinieri. Gli uomini del tenente Palma Lavecchia hanno iniziato i controlli e le ricerche per tentare di risalire all’autore del gesto.