Tag: Frosinone

14 dicembre 2018 0

Incendio al Tmb Salario, il presidente della provincia di Frosinone dice no ai rifiuti di Roma

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – “Purtroppo è una situazione già vissuta, che chiama in causa direttamente le mancanze dell’Amministrazione comunale di Roma. La Capitale d’Italia, simbolo del nostro Paese, non può non essere in  grado di gestire un servizio fondamentale per i cittadini come la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Non è più concepibile che si continui a rinviare una soluzione e si faccia sempre affidamento alle capacità altrui”.

E’ quanto dichiara in una nota il Presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo. L’incendio che martedì ha distrutto il TMB Salario a Roma, l’impianto che trattava i rifiuti della Capitale ha aperto alla necessità di cercare soprattutto nei terrirori circostanti impianti in cui smaltire i rifiuti di Roma in attesa di trovare una soluzione definitiva con un nuovo impianto.

“Roma – dice Pompeo nella nota – sta dimostrando di non avere nessuna strategia sullo smaltimento dei rifiuti, appoggiandosi sempre agli impianti di altri territori. Una strada che non può essere percorsa all’infinito e che, come già annunciato dalla sindaca, produrrà anche degli aumenti sulla Tari per i contribuenti capitolini”.

“Tra l’altro la Provincia di Frosinone è fortemente impegnata sul potenziamento della raccolta differenziata, sia con risorse per i servizi e le strutture ai Comuni, sia con una campagna di sensibilizzazione rivolta ai cittadini, “Save Ciociaria”. Stiamo lavorando da tempo e per tempo per non soffrire quello che sta vivendo Roma e questa situazione può mettere in difficoltà anche chi comunque ha un sistema che funziona. In sede di confronto con la Regione Lazio, per l’aggiornamento del Piano dei Rifiuti, chiederemo espressamente e con forza il rispetto del principio dell’autosufficienza dei territori, non solo a tutela dei nostri cittadini, ma anche perché Il tempo degli slogan è finito. Roma faccia il suo dovere, come lo stanno facendo le Province del Lazio”.

14 dicembre 2018 0

Violenze e maltrattamenti alla madre, 27enne arrestato a Frosinone

Di admin

FROSINONE – Gli agenti della Squadra Mobile hanno dato esecuzione alla misura della custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del tribunale di Frosinone nei confronti di un 27enne residente nell’hinterland frusinate.

A motivare l’adozione del provvedimento il comportamento violento del giovane che ha messo in atto nei confronti della sua famiglia.

La drammatica vicenda è stata denunciata dalla ormai stanca madre, vittima  dei soprusi sia fisici che psicologici perpetrati dal figlio.

Della triste vicenda si è occupata la 2^ sezione – Reati contro la persona, in danno dei minori e reati sessuali – della locale Squadra Mobile: lo “scenario” emerso dall’attività investigativa degli uomini del vicequestore Carlo Bianchi ha  portato l’autorità giudiziaria ad emettere prima un decreto di allontanamento e successivamente, causa l’inosservanza, il divieto di dimora dal comune di  residenza.

Dopo l’ennesima inottemperanza, l’A.G. ha disposto l’aggravamento della misura e per il figlio violento si sono aperte le porte del carcere.

12 dicembre 2018 0

Furto notturno all’ufficio postale di Frosinone, bottino da 170mila euro

Di admin

FROSINONE – Colpo da 170 mila euro circa alla filiale di Poste Italiane sulla via Monti Lepini a Frosinone.

I malviventi hanno agito questa notte Frosinone non molto lontano dalla sede provinciale dei vigili del fuoco e, con l’utilizzo dell’acetilene, hanno fatto man bassa del contenuto sia della cassaforte che del bancomat.

In tutto il bottino dovrebbe essere di poco superiore ai 170 mila euro. Sul caso stanno indagando i carabinieri della compagnia di Frosinone.

I rilievi di polizia scientifica e le immagini registrate dalle telecamere di sicurezza daranno loro elementi utili per risalire agli autori del furto.

Ermanno Amedei

11 dicembre 2018 0

Il prefetto di Frosinone visita il presepe allestito nel castello di Pico

Di admin
PICO – “Il Prefetto di Frosinone Ignazio Portelli questa mattina ha fatto visita al Presepe allestito nel Castello di Pico, a seguire la visita istituzionale in Municipio. Presente il sindaco Ornella Carnevale, il Presidente del Parco dei Monti Aurunci Marco Delle Cese e alcuni consiglieri comunali”. Lo si legge in una nota del Parco degli Aurunci. “Un appuntamento istituzionale nel mio paese, Pico, al quale non potevo mancare”. Lo dichiara nella nota il Presidente del Parco Monti Aurunci, Marco Delle Cese. “Ho accettato l’invito, partecipato e apprezzato molto le considerazioni di sua eccellenza il Prefetto Portelli. Uomo delle Istituzioni vicino anche alle piccole realtà. Essere presenti in una comunità come quella di Pico ricca di cultura e di storia è un segnale di grande vicinanza ai cittadini. Il Parco dei Monti Aurunci tutela a tutto tondo le realtà territoriali e le singole tradizioni. Quella del Presepe nel Castello di Pico è una prima edizione per la quale siamo pronti a mettere in campo iniziative a sostegno. È un grande orgoglio potermi mettere a disposizione delle altre istituzioni e soprattutto dei miei concittadini. Cultura e tradizioni è un binomio vincente per il quale siamo pronti a fare la nostra parte”.
10 dicembre 2018 0

Truffa del pellet, Codici: 150 le vittime ciociare

Di admin

FROSINONE – “Sono circa 150 i consumatori ciociari vittime della truffa del pellet che si sono rivolti all’associazione Codici di Frosinone per essere tutelati”.

Lo si legge in una nota dell’associazione consumatori Codici.

“Con loro ad essere ingannati sono stati anche i punti vendita che agivano per conto del Gruppo Ca.Ox. Srl, l’azienda che si è resa protagonista del maxi raggiro in tutta Italia. Il Gruppo d’Acquisto, formato da centinaia di clienti sparsi nelle diverse Regioni, ha comprato il legno per riscaldamento dalla Doc Pellet della Ca.Ox. Srl, ha effettuato il pagamento, ma non ha mai ricevuto la merce. Non solo, perché contattare l’azienda è diventato impossibile, nessuno risponde alle richieste di chiarimenti, fatta eccezione per un messaggio registrato tanto generico, quanto inutile. Gli sportelli Codici del territorio frusinate hanno già raccolto le denunce da parte dei consumatori ciociari, l’associazione si costituirà parte civile nel processo a carico dell’azienda e sta già lavorando alla strategia per stanare la truffa e risarcire tutti i consumatori che hanno investito molti soldi nell’acquisto del legno per il riscaldamento indispensabile nel corso dei mesi freddi: “Stiamo raccogliendo le denunce – spiega il Segretario Provinciale Codici Avv. Giammarco Florenzani – da parte dei consumatori truffati dalla Ca.Ox. Srl e avvieremo un’azione per far risarcire tutti coloro che sono stati raggirati dell’azienda pagando in anticipo per merce che non hanno mai ricevuto. Codici si costituirà parte civile nel procedimento penale per truffa nei confronti degli amministratori della Caox srl. Una spesa doppia per molte famiglie che sono state costrette a comprare pellet da un’altra parte”.

22 novembre 2018 0

La Asl di Frosinone partecipa al Forum Risk Management in Sanità a Firenze

Di admin

FROSINONE – “È un invito prestigioso e non certo un invito casuale. Quello cui risponderà presente la nostra ASL il prossimo 27 novembre”.

Lo si legge in una nota della Asl di Frosinone.

“Infatti dal 27 al 30 novembre, a Firenze, nella prestigiosa sede della Fortezza da Basso, si terrà la tredicesima edizione del “Forum nazionale sul Risk Management in Sanità”. Il Forum è un importante momento di incontro tra tutti i protagonisti  del sistema salute del-le Aziende sanitarie più autorevoli, ancor più importante quest’anno alla luce della recente Legge Gelli (n. 24 dell’8.03.2017) sulla responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie e delle norme che disciplinato l’evoluzione professionale dei protagonisti delle Professioni Sanitarie stesse. Dicevamo un invito non casuale. Certamente sì perché a rappresentare la ASL di Frosinone è stata chiamata la Dott.ssa Lorena Martini, Direttore delle Professioni Sanitarie della ASL, tra i re-latori con un intervento previsto il 27 novembre nella sessione “La sostenibilità del sistema salute: innovazione, ricerca, nuovi ruoli e organizzazione dei servizi. Il contributo delle professioni sanitarie per un cambiamento più vicino ai bisogni dei cittadini”, che ha l’obiettivo di presentare i primi risultati della Degenza Infermieristica di Ceccano quale Degenza infermieristica e Unità didattica integrata come modello organizzativo innovativo, tra le prime d’Italia. Una bella soddisfazione per la ASL e per la Dott.ssa Martini che fa seguito alla recentissima elezione della stessa nel Consiglio Direttivo nazionale scaturito dal XXV Congresso nazionale del CID  Comitato Infermieri Dirigenti”.

21 novembre 2018 0

Auto nel torrente a Frosinone, ragazza salvata da un agente di polizia

Di admin

FROSINONE – Ieri sera alla 23.30 circa un uomo ha allertato la polizia di Frosinone, riferendo che la propria figlia è uscita fuori strada, con l’auto su cui viaggiava, ma non sapeva indicare la località. Coordinato tempestivamente un piano di intervento; le Volanti presenti sul territorio si sono divise la vasta zona da perlustrare, a confine tra Frosinone e Ferentino. Nonostante le forti precipitazioni, l’orario notturno e la zona non illuminata, l’equipaggio della Volante 1 ha intravisto delle frecce di emergenza dell’auto che stavano cercando. Senza indugio, il “capo macchina” è sceso dall’auto e ha raggiunto nel torrente in piena e con il terreno scosceso, il mezzo quasi sommerso dalle acque portando in salvo la giovane donna, affidata alle cure dei sanitari nel frattempo allertati con i Vigili del Fuoco.

Ermanno Amedei

18 novembre 2018 0

Frosinone, inaugurato il Parco del Matusa, due giorni di festa per la città

Di redazionecassino1

FROSINONE – Si è conclusa domenica 18 novembre l’inaugurazione di due giorni voluta dall’amministrazione Ottaviani per presentare ai cittadini il Parco Matusa. L’opera, progettata con il contributo della Accademia di Belle Arti di Frosinone, sarà aperta tutti i giorni dalle 8 alle 23 e sarà destinata al jogging, alla pratica della bici, alle passeggiate e alle ore di socializzazione per famiglie, giovani e anziani. Il Parco del Matusa, infatti, rappresenta uno dei più grandi parchi pubblici dell’Italia centrale realizzati dal dopoguerra a oggi, su una superficie complessiva, sottratta alla cementificazione, di circa 2 ettari e mezzo di verde e strutture attrezzate. Anche il Parco Matusa, inoltre, rientra nel progetto “Città in video” voluto dall’amministrazione Ottaviani e coordinato dal Ced comunale: è, quindi, interamente coperto dal sistema di videosorveglianza per assicurare la massima sicurezza ai frequentatori dell’area. Nel corso delle due giornate, si sono susseguite iniziative all’insegna della natura, dell’arte, della musica, dello sport e del divertimento per grandi e piccoli. Presenti, nelle due giornate di sabato e domenica, le associazioni di cicloamatori e di appassionati del monopattino all’interno della pista ciclabile, con stand illustrativo, oltre agli spazi del Frosinone Calcio e di Coldiretti. Generali, agenzia generale di Frosinone, ha messo a disposizione di tutti i partecipanti una fornitissima area sportiva con tanti eventi e animazione anche per i più piccoli. Graditissimi dai visitatori anche i vari punti ristoro e la ruota panoramica, sempre circondata da una paziente e ordinata folla in attesa di ammirare il panorama dall’alto. La ruota sarà in città fino al 2 dicembre. Nel parco, inoltre, grazie alla collaborazione con Associazione medici di famiglia per l’ambiente di Frosinone, è stata installata una postazione di erogazione di ossigeno. Presente anche un defibrillatore per iniziativa, invece, del Rotary club Frosinone, in memoria di Debra Stanley. Entusiasmo e grande partecipazione anche per la presenza dei giocatori del Frosinone calcio e per l’emozionante spettacolo di trasformismo e illusionismo sui trampoli, “Pindarico”, prodotto da Terzostudio. Successo per la street band che ha coinvolto, in un viaggio ritmico, allegro e colorato, tutti i visitatori. C’è attesa anche per il concorso ideato dal Ced comunale (Un selfie al Parco Matusa: info sul sito istituzionale https://tinyurl.com/y8x6ckdx), presente con uno stand interattivo grazie al quale è stata ripercorsa anche tutta la storia del glorioso Matusa. I giovani hanno risposto, numerosissimi, al richiamo della Urban Night, ballando, fino allo scoccare delle mezzanotte, sulle note mixate dai dj targati Freedom events. Molto seguite anche le dimostrazioni pratiche in materia di sicurezza stradale per bambini, le esibizioni di pattinaggio artistico e la presentazione del progetto “Adotta un vaso”. Il sindaco, infine, ha voluto personalmente ringraziare tutti i dirigenti, i funzionari e i dipendenti comunali, le imprese e le aziende che hanno lavorato, senza sosta, per realizzare il Parco e l’evento di sabato e domenica: l’Ufficio di gabinetto, dalla coordinatrice Alessia Masi a tutti gli altri collaboratori, i dipendenti del settore lavori pubblici e urbanistica (Arch. Noce, Geom. Cirillo, Geom. Calicchia, Ing. Caringi, Geom. Marrocco, Geom. Desiato, Geom. Felici, Geom. Silvestri, Simona Tosti, Walter Rossi), il Ced (ing. Sandro Ricci, Nicoletta Delfi, Giuseppe Quadrini, Luca Baldassarre, Lorena Dell’Orco, Mario De Luca), Domenico Nané e il dott. Giuseppe Sarracino dell’ufficio verde, e  le imprese G. M. Lavori srl, Coop Essegi 2012, Esse.ci srl, Iman srl, Pavia fiori e piante, Fontana fiori e allestimenti e il Centro marmi di Coreno Ausonio, anche per la donazione delle panchine, unitamente alla De Vizia per il servizio di igiene assicurato con puntualità.

15 novembre 2018 0

Ricci di mare sull’A1 a Frosinone, la Stradale ne sequestra 2mila

Di admin

FROSINONE – Gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone hanno fermato stamattina una FIAT Multipla che percorreva la carreggiata sud dell’autostrada A1, nei pressi del casello di Frosinone. Nel corso del controllo documentale, all’interno dell’abitacolo, gli agenti notano la presenza di 2 grosse ceste in plastica piene di ricci di mare (echinodermi) ancora vivi che il conducente, un 52enne originario di Trani, ha riferito di aver pescato autonomamente senza alcuna licenza poiché disoccupato. Tenuto conto che da una prima verifica i circa 2000 esemplari ittici risultano in numero ben superiore ai limiti massimi consentiti dalla normativa ed in considerazione delle vaghe e generiche giustificazioni del soggetto circa la totale assenza delle prescritte licenze di pesca e della documentazione riguardante la tracciabilità del prodotto trasportato, gli uomini della Polizia stradale procedono al sequestro amministrativo dei prodotti ittici ed alla contestazione di una sanzione amministrativa per un valore di 1500 euro. Al termine degli adempimenti burocratici, gli animali, ancora vivi, sono stati tempestivamente consegnati alla Capitaneria di porto competente che ha provveduto a liberare i ricci in acque marine idonee alla loro sopravvivenza.

14 novembre 2018 0

Vigili del fuoco, anche i pompieri della Cisl di Frosinone alla manifestazione di domani

Di admin

FROSINONE – “Domani mattina anche i Vigili del Fuoco di Frosinone saranno a Roma di fronte al Parlamento per chiedere al Governo di mantenere le promesse fatte alla categoria: equiparazione stipendiale e previdenziale, assunzioni di personale, assicurazione Inail, finanziamenti per una nuova legge delega sull’ordinamento e per il nuovo rinnovo contrattuale”.

Lo si legge in una nota di Giuliano Fratarcangeli Segretario Territoriale FNS CISL VVF Frosinone

“La Federazione Nazionale della Sicurezza della CISL, il sindacato più rappresentativo dei Vigili del Fuoco, domani mattina rivendicherà le legittime richieste di una categoria di lavoratori che più volte si è dovuta accontentare di facili promesse e di stucchevoli attestati di stima. I Vigili del Fuoco della FNS CISL, al contrario di altre organizzazioni sindacali, non faranno sconti a nessuno Governo o ad alcuna parte politica. Occorre fare in modo che a questi servitori dello Stato vengano riconosciute le garanzie e i diritti di tutti gli altri operatori delle forze dell’ordine”.