Tag: fucili

8 giugno 2018 0

Questura di Frosinone, 80 tra fucili e pistole destinate alla distruzione

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – Ottanta pezzi, tra pistole e fucili sono stati destinati alla distruzione dall’Ufficio Armi della Divisione P.A.S.I della Questura di Frosinone. Le armi, frutto di ritiri o consegne, saranno portate nella struttura militare del  Ce.Ri.Mant. di Napoli, mentre quelle ritenute dal  Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT) di  interesse storico – culturale continueranno ad essere custodite presso le armerie degli Uffici di P.S. per il successivo riscontro in loco da parte della competente Soprintendenza.

Il “fortino  della rottamazione” è composto da armi ritirate a detentori che non avevano regolarizzato la loro posizione o da spontaneo versamento di eredi che hanno dichiarato la volontà di disfarsene.

Il Primo Dirigente dr.ssa Antonella Chiapparelli, a capo della già citata Divisione, pertanto ricorda che chi eredita armi deve provvedere alla segnalazione all’Autorità di P.S. o ai Carabinieri, che prenderanno le armi e daranno all’erede un termine per acquisire il nulla osta all’acquisto (o una licenza di porto d’armi – se non in possesso) per poter detenere legalmente le armi; ovvero potrà trasferire le armi ad un soggetto legittimato (titolare di licenza di porto d’armi) entro un termine stabilito.

A riguardo si invitano gli utenti a produrre istanze di rilascio/rinnovo per porto d’armi corredate da certificati medici rilasciati presso la A.S.L. o all’interno della struttura militare ove il medico presta servizio.

Il certificato dovrà presentare la seguente dicitura “Certificato redatto all’interno della struttura di appartenenza”, debitamente firmato dal medico interessato -la certificazione medica rilasciata in sedi diverse (autoscuole, armerie, patronati, associazioni, etc ), non essendo più conforme alle disposizioni di legge, non potrà essere più accettata.

7 febbraio 2018 0

Frosinone, sequestrati altri 4 fucili e 2 pistole nel corso di controlli della Polizia

Di redazionecassino1

Frosinone – I poliziotti della Divisione Amministrativa hanno accertato che i proprietari di quelle armi non avevano rispettato la normativa vigente, in particolare non era stata presentata la necessaria certificazione medica.

Il Primo Dirigente dr.ssa Antonella Chiapparelli, che ha coordinato i servizi, invita pertanto chi detiene armi, analogamente a chi ha il porto d’armi, a presentare agli uffici (di Polizia o ai Carabinieri), dove le armi sono state denunciate, ogni 6 anni, il certificato medico di idoneità psicofisica alla detenzione.

La certificazione dovrà attestare che il richiedente non sia affetto da malattie mentali oppure patologie che ne diminuiscano, anche temporaneamente, la capacità di intendere e di volere ovvero non risulti assumere, anche occasionalmente, sostanze stupefacenti e psicotrope oppure abusare di alcol.

Le persone, che non avranno provveduto a regolarizzare la detenzione, riceveranno una diffida per la presentazione del certificato stesso. Se nei successivi 30 giorni la certificazione non sarà stata presentata, verrà avviato il procedimento finalizzato al divieto di detenzione con acquisizione cautelativa delle armi, conseguente confisca e distruzione.

25 ottobre 2017 Non attivi

Degenera una discussione, la Polizia interviene e sequestra sei fucili e due pistole

Di redazionecassino1

Frosinone – Una discussione per futili motivi  tra padre e due figli degenera ed interviene la Polizia in seguito a segnalazione giunta sulla linea di emergenza 113. L’episodio si è verificato nella parte bassa del capoluogo. Giunti prontamente sul posto, valutata la situazione, gli agenti della Squadra Volante allertano  i sanitari per un malessere accusato dall’anziano genitore e per un evidente stato di agitazione del figlio 42enne. Nel corso dei dovuti accertamenti emerge che quest’ultimo detiene  regolarmente pistole e fucili. I poliziotti decidono allora di procedere, nella circostanza, al un sequestro preventivo. Nell’abitazione del 42enne viene rinvenuto soltanto 1 fucile con 99 cartucce.

Mancano altre armi. I familiari riferiscono allora che  5 fucili e 2 pistole erano stati già tolti dalla disponibilità del loro congiunto in quanto si erano già verificati episodi simili. Anche per queste armi si procede comunque a sequestro.

17 giugno 2010 0

Armi incustodite: sequestrate pistole, fucili e munizioni

Di redazione

Fucili e pistole con relativo munizionamento mal custodite sono state rinvenute dai finanzieri a casa di un sorano. I militari hanno rinvenuto varie munizioni e 6 armi, costituite da fucili e pistole, che non erano cautelate in maniera tale da impedirne l’impossessamento da parte di altre persone. Inoltre, numerosi proiettili non risultavano regolarmente denunciati alla forze dell’ordine. Pertanto le armi e le munizioni sono state sequestrate per violazione alla legge in materia di armi e munizioni e messe a disposizione della locale autorità giudiziaria mentre il detentore è stato deferito, a piede libero, alla Procura della Repubblica di Cassino. Sempre nello specifico settore, una pattuglia di finanzieri, nel corso di un controllo effettuato a Sora nei confronti di alcuni giovani ha rinvenuto, occultato in una tasca dei pantaloni di uno dei ragazzi, un’arma da taglio con una lama di oltre 16 centimetri. Il detentore dell’arma è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Cassino per porto abusivo di arma e il coltello che è stato sequestrato.