Tag: fuoco

15 novembre 2018 0

Minaccia di dar fuoco alla casa se la ex non apre, arrestato a Terracina marito violento

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

TERRACINA – Gli Agenti del Commissariato di Terracina hanno arrestato nella flagranza del reato di maltrattamenti in famiglia S.B. 48enne di origine indiana. L’uomo, in fase di separazione dalla moglie, aveva cercato di introdursi all’interno dell’abitazione della stessa per aggredirla, così come già aveva fatto numerose volte. Le violenze a cui, negli anni di convivenza con il marito, la donna è stata sottoposta l’avevano persuasa circa tre mesi fa a rivolgersi alla Polizia di Stato. Oltre ai soprusi sulla moglie, l’uomo noncurante della presenza della figlia di 7 anni faceva vivere nel terrore l’intero nucleo familiare. Dopo la prima denuncia sporta in Commissariato dalla vittima e le continue richieste d’intervento formulate al 113, l’aguzzino aveva deciso di allontanarsi spontaneamente dall’abitazione di famiglia. Purtroppo quella che sembrava essere una nuova pagina nel corso della vita delle due sventurate vittime si è poi rivelata solo una breve pausa. L’uomo infatti, pur non coabitando più nell’abitazione di famiglia, aveva cominciato a presentarsi ad ogni ora del giorno e della notte minacciando di dare fuoco all’abitazione se non gli fosse stato aperto. I suoi raid, finalizzati a generare terrore, erano fulminei, tanto che le Volanti del Commissariato non riuscivano a coglierlo in flagranza di reato né a rintracciarlo. A questo punto veniva predisposto un servizio a tutela delle vittime, con Agenti anche in borghese, nella certezza che l’uomo si sarebbe ripresentato presso quell’abitazione. In effetti egli si presentava di buon ora, intorno alle 7 del mattino, quando, deciso ad accedere nella casa e ad aggredire la moglie, cominciava a danneggiarne il portone d’ingresso. Deciso a tutto, pronunciava frasi che tradotte da un connazionale, vicino di casa, stavano a significare che avrebbe fatto “un cimitero”. Grazie al tempestivo intervento di due equipaggi del Commissariato l’uomo veniva colto in flagranza e bloccato. La donna e la bambina in stato di shock venivano soccorse e rassicurate. Dopo le formalità di rito il cittadino indiano veniva tatto in arresto per il reato di maltrattamenti in famiglia, imputazione per la quale annovera già precedenti specifici sempre nei confronti della moglie, quando anni addietro erano residenti in un’altra città e le sue condotte erano le medesime. In questi anni la donna, percossa con calci e pugni era finita anche in Ospedale a causa di una ferita lacero contusa che le venne suturata su una gamba quando il marito in preda ad uno dei suoi raptus l’aveva percossa con un piatto. Su disposizione dell’A.G. lo stesso verrà giudicato con rito ordinario presso il Tribunale di Latina, restando a disposizione ristretto presso la Casa Circondariale di Latina per l’udienza di convalida.

15 novembre 2018 0

Sicurezza, vigili del fuoco e agenti penitenziaria a Montecitorio per chiedere rispetto della dignità

Di admin

ROMA – E’ in corso di svolgimento a Roma in Piazza Montecitorio la manifestazione Nazionale indetta dalla Cisl Fns (Federazione Nazionale della Sicurezza). In piazza riempita la capienza massima consentita dalle forze dell’ordine di 200 manifestanti rappresentanti di vigili del fuoco e agenti della polizia penitenziaria provenienti da diverse regioni d’Italia.

“Ai vigili del fuoco mancano a livello nazionale circa 3mila unità di cui 500 nella sola Regione Lazio dove vi è una gravissima situazione nelle carceri di aggressioni agli agenti della Penitenziaria. Chiediamo un intento straordinario urgente”.

Lo ha detto Pompeo Mannone Segretario Generale Nazionale della Cisl Fns

“Avevano scritto sull’accordo di Governo che ci sarebbe stata l’equiparazione con forze dell’ordine  e che sarebbe stato obiettivo da raggiungere, ma a 5 mesi le organizzazioni sindacali ancora non sono state convocate.  Chiediamo il rispetto delle promesse. Siamo stanchi di essere strumentalizzati e di sentirci dire, siete bravi, siete utili ma poi quando si tratta di mantenere le promesse tutti scappano”.

Lo ha detto in piazza a Montecitorio Massimo Vespia segretario regionale FNS Cisl.

Ermanno Amedei

14 novembre 2018 0

Vigili del Fuoco, Cisl: pompieri e penitenziari di Roma manifesteranno a Montecitorio

Di admin

ROMA – “Domani mattina, i lavoratori appartenenti al Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco e della Polizia Penitenziaria di Roma e provincia, manifesteranno in piazza Montecitorio per chiedere al Governo di mantenere le promesse fatte. Per i Vigili del Fuoco le richieste più necessarie sono: equiparazione retributiva e previdenziale, assunzioni straordinarie, finanziamento di una nuova legge delega sull’ordinamento VV.F., assicurazione INAIL, finanziamenti per il rinnovo contrattuale”. E’ quanto si legge in una nota del Segretario Generale FNS CISL Roma Capitale e Rieti Riccardo Ciofi. “Per il personale della Polizia Penitenziaria: risorse per il rinnovo del contratto Comparto Sicurezza, finanziamenti per le correzioni al riordino delle carriere, per il ruolo unico esecutivo, assunzioni straordinarie, provvedimenti normativi per contrastare il fenomeno delle Aggressioni, finanziamenti per ammodernare gli Istituti di pena. La Federazione Nazionale della Sicurezza CISL domani mattina rivendicherà le legittime richieste di due categorie che troppe volte si sono dovute accontentare di semplici promesse e pacche sulle spalle. I lavoratori della FNS CISL, a differenza di altri, scendono in piazza non facendo sconti ad alcuna parte politica e, soprattutto, dimostrando coerenza e determinazione nel rappresentare le proprie rivendicazioni al Governo e al Parlamento. Occorre una risposta chiara e risolutiva da parte del “Governo del cambiamento” affinché vengano riconosciute le garanzie, i diritti e le tutele dovute che da troppo tempo questi servitori dello Stato attendono”.

14 novembre 2018 0

Vigili del fuoco, anche i pompieri della Cisl di Frosinone alla manifestazione di domani

Di admin

FROSINONE – “Domani mattina anche i Vigili del Fuoco di Frosinone saranno a Roma di fronte al Parlamento per chiedere al Governo di mantenere le promesse fatte alla categoria: equiparazione stipendiale e previdenziale, assunzioni di personale, assicurazione Inail, finanziamenti per una nuova legge delega sull’ordinamento e per il nuovo rinnovo contrattuale”.

Lo si legge in una nota di Giuliano Fratarcangeli Segretario Territoriale FNS CISL VVF Frosinone

“La Federazione Nazionale della Sicurezza della CISL, il sindacato più rappresentativo dei Vigili del Fuoco, domani mattina rivendicherà le legittime richieste di una categoria di lavoratori che più volte si è dovuta accontentare di facili promesse e di stucchevoli attestati di stima. I Vigili del Fuoco della FNS CISL, al contrario di altre organizzazioni sindacali, non faranno sconti a nessuno Governo o ad alcuna parte politica. Occorre fare in modo che a questi servitori dello Stato vengano riconosciute le garanzie e i diritti di tutti gli altri operatori delle forze dell’ordine”.

14 novembre 2018 0

Domani i Vigili del Fuoco protestano davanti al Parlamento

Di admin

ATTUALITA’ – “Domani mattina anche i Vigili del Fuoco saranno a Roma di fronte al Parlamento per chiedere al Governo di mantenere le promesse fatte alla categoria: equiparazione stipendiale e previdenziale, assunzioni di personale, assicurazione Inail, finanziamenti per una nuova legge delega sull’ordinamento e per il nuovo rinnovo contrattuale.

Lo si legge in una nota di Salvatore Polverino Segreteria Provinciale FNS CISL.

“La Federazione Nazionale della Sicurezza della CISL, il sindacato più rappresentativo dei Vigili del Fuoco, domani mattina rivendicherà le legittime richieste di una categoria di lavoratori che più volte si è dovuta accontentare di facili promesse e di stucchevoli attestati di stima. I Vigili del Fuoco della FNS CISL, al contrario di altre organizzazioni sindacali, non faranno sconti a nessuno Governo o ad alcuna parte politica. Occorre fare in modo che a questi servitori dello Stato vengano riconosciute le garanzie e i diritti di tutti gli altri operatori delle forze dell’ordine”.

19 ottobre 2018 0

Vigili del Fuoco, Polverino (Fns Cisl): finanziare equiparazione retributiva o pronti a scendere in piazza

Di admin
LATINA – “Anche i vigili del fuoco di Latina sono pronti a scendere in piazza per rivendicare i propri diritti Come è noto, sulla modifica dell’Ordinamento del CNVVF, il Governo ha recepito solo in parte le indicazioni delle Commissioni Affari Costituzionali del Senato e della Camera”. Lo si legge in una nota di Salvatore Polverino della segreteria Provinciale FNS CISL Latina.

“Soltanto alcuni punti del nostro documento, consegnato alle suddette Commissioni Parlamentari, sono stati accolti dal Governo il 4 ottobre scorso e per tale ragione lo riteniamo insoddisfacente. Tra quelli non recepiti dal Consiglio dei Ministri, il più importante, è quello relativo alla nostra richiesta del completamento dell’equiparazione retributiva (stipendi ed accessori) e previdenziale dei Vigili del Fuoco con gli appartenenti alle Forze dell’Ordine. Per tale principale ragione rivendichiamo una nuova legge delega con specifici finanziamenti economici a copertura della spesa che consenta di poter raggiungere l’obiettivo prioritario della categoria dei Vigili del fuoco. Abbiamo già evidenziato al Governo la necessità che nella Legge di Bilancio ci siano dei finanziamenti volti a garantire la piena equiparazione retributiva e previdenziale del Vigile del Fuoco con il Poliziotto, oltre all’aumento d’organico ed il riconoscimento tramite l’assicurazione INAIL delle malattie professionali specifiche legate al lavoro dei Vigili del Fuoco, nonché le risorse per i rinnovi contrattuali. Nei prossimi giorni valuteremo i contenuti della Legge di Bilancio se questi saranno deludenti, scenderemo in piazza nella prima metà del mese di novembre presso il Parlamento, assieme a tutti coloro che vorranno partecipare alla mobilitazione e lottare per il raggiungimento degli obiettivi più importanti per il personale del CNVVF”.
18 ottobre 2018 0

Vigili del Fuoco pronti a manifestare, Fratarcangeli (Fns Cisl): Serve legge delega per equiparazione con forze dell’ordine

Di admin

FROSINONE – “Anche i Vigili del Fuoco di Frosinone sono pronti a scendere in piazza per rivendicare i propri diritt”i Lo afferma in una nota Giuliano Fratarcangeli, segretario territoriale Fns Cisl vvf Frosinone. 

“Come è noto, sulla modifica dell’Ordinamento del Corpo Nazionale Vigili del fuoco, il Governo ha recepito solo in parte le indicazioni delle Commissioni Affari Costituzionali del Senato e della Camera. Soltanto alcuni punti del nostro documento, consegnato alle suddette Commissioni Parlamentari, sono stati accolti dal Governo il 4 ottobre scorso e per tale ragione lo riteniamo insoddisfacente. Tra quelli non recepiti dal Consiglio dei Ministri, il più importante, è quello relativo alla nostra richiesta del completamento dell’equiparazione retributiva (stipendi ed accessori) e previdenziale dei Vigili del Fuoco con gli appartenenti alle Forze dell’ordine. Per tale principale ragione rivendichiamo una nuova legge delega con specifici finanziamenti economici a copertura della spesa che consenta di poter raggiungere l’obiettivo prioritario della categoria dei Vigili del fuoco. Abbiamo già evidenziato al Governo la necessità che nella Legge di Bilancio ci siano dei finanziamenti volti a garantire la piena equiparazione retributiva e previdenziale del Vigile del Fuoco con il Poliziotto, oltre all’aumento d’organico ed il riconoscimento tramite l’assicurazione INAIL delle malattie professionali specifiche legate al lavoro dei Vigili del Fuoco, nonché le risorse per i rinnovi contrattuali. Nei prossimi giorni valuteremo i contenuti della Legge di Bilancio se questi saranno deludenti, scenderemo in piazza nella prima metà del mese di novembre presso il Parlamento, assieme a tutti coloro che vorranno partecipare alla mobilitazione e lottare per il raggiungimento degli obiettivi più importanti per il personale del Corpo Nazionale Vigili del fuoco”.

3 ottobre 2018 0

Casa in fiamme ad Aprilia, i vigili del fuoco hanno evitato che l’incendio si propagasse

Di admin

APRILIA – Abitazione in fiamme, questa mattina, in via del Poggio ad Aprilia. L’allarme è stato lanciato alle 8.40 circa e sul posto è intervenuta una squadra di vigili del fuoco del distaccamento di Aprilia.

I pompieri, quindi hanno domato il rogo nato dalla cucina ma che si erano estese a buona parte degli altri locali. Le fiamme, scaturite presumibilmente in modo accidentale, hanno interessato alcuni elettrodomestici e danneggiato parte del tetto in legno. Subito iniziavano le operazioni di spegnimento. L’intervento si è reso necessario per impedire alle fiamme di propagarsi in tutto l’appartamento. Al momento dell’evento all’interno non vi era nessuno..

17 settembre 2018 0

Cade in casa a Cassino, anziana salvata dai vigili del fuoco

Di admin

CASSINO – E’ rimasta per alcune ore a terra, con una probabile fattura alla gamba sinistra. L’80enne di Cassino, non poteva muoversi e dal pavimento del soggiorno del suo appartamento al primo piano in piazza Restagno non riusciva a chiedere aiuto.

La donna vive da sola, ma per sua fortuna, questa mattina la badante ha bussato senza avere risposta. L’allarme lanciato è stato raccolto dai vigili del fuoco del distaccamento di Cassino i cui uomini sono intervenuti e, con l’ausilio di una scala, sono riusciti ad entrare da una finestra.

Una volta all’interno, quindi, hanno trovato l’anziana visibilmente provata e affidata alle cure degli operatori del 118.

Ermanno Amedei 

31 agosto 2018 0

Dopo il crollo del tetto a San Giuseppe dei Falegnami, ora i vigili del fuoco recuperano le opere d’arte

Di redazionecassino1

ROMA – Dopo il crollo di ieri del tetto della chiesa di San Giuseppe dei Falegnami oggi sono proseguite le attività dei Vigili del Fuoco per recuperare e mettere al sicuro le opere le numerose opere d’arte prsenti.

Nella mattinata è continuata l’opera dei VVF  di Roma che hanno recuperato beni artistici ( quadri,tele,arredamenti sacri, candelabri ). Il lavoro prosegue con la rimozione delle parti pericolanti; posa in opera di materiale idoneo alla copertura delle pareti e degli affreschi; opere provvisionali di consolidamento ove necessario;  seguiranno aggiornamenti se il caso lo richiede.