Tag: garanzie

15 novembre 2017 0

Vigilanza negli ospedali e nei Rems, Ugl: “Ennesima gara al ribasso, garanzie per lavoratori”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – “Da tre mesi sono senza stipendio e l’ennesima gara al ribasso indetta dalla Asl di Frosinone potrebbe penalizzarli ulteriormente. Si tratta dei lavoratori che si occupano della vigilanza armata e non all’interno dei presidi ospedalieri e delle Rems del territorio ciociaro per i quali l’Ugl Sanità chiede garanzie e certezze”. Lo si legge in una nota di Ugl Frosinone. “Le difficoltà nascono dall’impossibilità della C.G.S. General Service Società Cooperativa di retribuire i propri dipendenti a causa della irregolarità del DURC che ha portato l’Agenzia dell’Entrate, alla quale la ditta deve versare 2 milioni di euro, a bloccarne l’attività. La Asl di Frosinone ha indetto una gara d’appalto ponte, in attesa di quella regionale, che rischia di danneggiare ulteriormente i lavoratori del settore. L’appalto è stato affidato alla Cosmopol S.p.a. di Benevento”. “Gli addetti alla sicurezza – sottolinea nella nota Rosa Roccatani dell’Ugl Sanità – vivono da mesi il dramma del mancato pagamento degli stipendi e l’azione indetta dall’Azienda Sanitaria Locale non lascia ben sperare per il futuro. Sappiamo che l’ennesima gara al ribasso prevede un taglio di ben 1000 ore, ciò significa che o non tutti gli attuali dipendenti in organico verranno riassunti oppure dovranno vedersi tagliate le ore e di conseguenza gli stipendi. Vengono meno, in questo modo, le rassicurazioni fatte qualche settimana fa al nostro sindacato da parte di Macchitella”. L’Ugl Sanità, dunque, vuole vederci chiaro: “Il nostro auspicio – spiega la Roccatani – è che non debba essere ancora una volta chi lavora a pagare gli errori fatti dai dirigenti. Quali sono le garanzie per i lavoratori? Chiediamo un incontro con tutti gli enti coinvolti nella vicenda, tra i quali la Cosmopol, per conoscere i dettagli su quelli che saranno i nuovi contratti”.

21 settembre 2017 0

Cassino: Itis di via Rapido, presto il trasferimento alla Folcara. Ma si cercano garanzie per spazi adeguati

Di redazione

Cassino- Entro la fine del mese di settembre sarebbero attese notizie importanti circa la sede per la classi del biennio dell’istituto tecnico industriale E.Majorana di Cassino. Attualmente gli studenti frequentano la scuola di via Rapido, ma lo ricordiamo, non possono utilizzare né la palestra, né la biblioteca poiché chiuse per ragioni di sicurezza. La Provincia di Frosinone avrebbe dato comunicazione ai vertici dell’istituto che entro la fine di settembre ci sarà posto per gli studenti presso la sede di località Folcara, che precedentemente era utilizzata dall’istituto per geometri, mentre oggi ospita alcune classi dell’istituto alberghiero. Quindi gli alunni delle classi dell’alberghiero, ora sistemate alla Folcara raggiungerebbero i colleghi nella sede di via Casilina. Questa mattina nel corso di una conferenza stampa, convocata per la questione, la preside dell’Itis, Gloria Guarrera, ha inteso informare gli operatori della comunicazione della vicenda che si augura di risolvere il prima possibile. È stato palesato il disagio e la preoccupazione circa l’impossibilità degli alunni di utilizzare le strutture idonee e la necessità di intervenire con opere di manutenzione. Presente anche il responsabile della sicurezza il professor Sasso che ha manifestato la volontà e la necessità di organizzare un tavolo tecnico allargato a tutti gli attori della questione al fine di trovare soluzioni che mettano d’accordo tutti e che siano dunque concertate. Per i prossimi giorni, dunque, dovrebbe essere tutto pronto per partire con il trasloco, ma la dirigente Guarrera ovviamente vuole certezza delle adeguate condizioni presso la nuova sede, principalmente spazi sufficienti per l’attività didattica, laboratori e attività. È stata ribadita nel corso della conferenza la necessità di studiare nella maniera più corretta possibile e per il bene primario di alunni, docenti ed altri operatori, una soluzione. Ricordiamo che in zona Folcara, in una palazzina vicina, sono stati sistemati gli alunni del triennio e quindi la nuova ipotesi di collocazione per il biennio si rivela essere funzionale. La dirigente ed il professor Sasso hanno infine ribadito la “ferma volontà di proseguire in un clima di collaborazione ma con la certezza che vengano affrontati e risolte le questioni di notevole rilevanza”. N.Costa

30 marzo 2017 0

RC Auto: conviene stipulare le garanzie accessorie?

Di admin

Dall’Italia – L’assicurazione auto è uguale per tutti? Ovviamente no! Per fortuna, gli automobilisti sono liberi di scegliere la tipologia di polizza che vogliono stipulare, grazie a numerose garanzie accessorie che possono essere aggiunte o tolte nella definizione contrattuale della polizza, in modo tale che questa sia quanto più vicina possibile alle esigenze dell’automobilista.

Le garanzie accessorie, come dice il nome stesso, non sono obbligatorie ma il più delle volte sono convenienti perché tutelano l’assicurato contro diverse eventualità che potrebbero verificarsi durante la guida del veicolo e non solo. Le garanzie accessorie vengono aggiunte alla cosiddetta RCA, ossia l’assicurazione per la Responsabilità Civile Auto che ogni automobilista è obbligato a stipulare per far circolare il suo veicolo. Si pensa sempre che determinati fatti accidentali, che incidenti e sciagure possano capitare agli altri ma, gli altri, siamo anche noi, pertanto è importante scegliere come tutelarsi al meglio per evitare ripercussioni gravi in caso di avvenimenti avversi. Bisogna partire dal presupposto che non esistono garanzie accessorie più convenienti di altre in senso assoluto, perché bisogna considerare accuratamente ogni situazione, ogni condizione, prima di valutare quali è meglio aggiungere e quali, invece, possono essere considerate superflue. Questa valutazione è fondamentale per costruire una polizza RCA che risponda effettivamente alle singole esigenze di ogni automobilista e che, quindi, sia realmente conveniente. Non aggiungere nessuna garanzia accessoria e stipulare esclusivamente la polizza base espone a un rischio altissimo: il prezzo della polizza è senza dubbio basso, ma quanto viene a costare poi, un eventuale intervento nel caso dovesse verificarsi un evento avverso? Allo stesso tempo è anche inutile aggiungere tutte le garanzie accessorie, perché si aumenta inutilmente il prezzo della polizza senza una effettiva necessità.

Facendo qualche esempio concreto. Per tutte quelle spiacevoli circostanze in cui i danni non sono causati da terze persone c’è la polizza kasko che potete approfondire a su http://www.polizzeonline.net/polizza-kasko. Altra questione da valutare è quella che riguarda il parcheggio della propria auto. Ci spieghiamo meglio. Se l’auto viene posteggiata sempre in garage/parcheggio privato interno, risulta quasi inutile stipulare un’assicurazione contro gli atti vandalici e contro gli incendi, perché il rischio che questo atto si verifichi è piuttosto ridotto. Al contrario, invece, se l’auto “dorme” all’esterno in un’area pubblica, non sorvegliata, magari anche lontana dall’abitazione, ecco che l’assicurazione incendio/furto/atti vandalici risulta essere particolarmente interessante contro eventuali accadimenti spiacevoli. Lo stesso discorso, ancor di più, vale se la zona è tra quelle in cui è più elevata l’incidenza degli atti vandalici e dei furti: ci sono zone periferiche delle nostre città in cui si verificano frequentemente fatti spiacevoli ai danni delle vetture e premunirsi con un’adeguata polizza permette di dormire sonni più sereni, con la certezza che qualunque tipo di danno può essere facilmente risarcito dalla propria compagnia assicuratrice. A questo punto, però, è necessario fare delle precisazioni. La polizza furto è tra le garanzie accessorie più diffuse, spesso viene inserita di default quando di apre un finanziamento o quando si acquista l’auto nuova.

Tuttavia, è bene sapere che la polizza risarcisce esclusivamente il valore del veicolo, al netto della valutazione di mercato corrente, e non anche gli oggetti custoditi al suo interno. Tuttavia, questa polizza risarcisce sia nel caso di furto del veicolo che anche nel caso di tentato furto, quando sussistono evidenti segni di effrazione a carico del veicolo. Per quanto riguarda la polizza incendio, invece, questa è valida per coprire qualsiasi danno che venga causato al veicolo da un incendio, provocato da un corto circuito, dal fuoco doloso/colposo, da un fulmine o da qualsiasi altro evento, compreso il surriscaldamento del motore. E’ evidente che questa polizza sia raccomandabile per chi acquista un’auto nuova, soprattutto se alimentata a gas oppure elettrica: i nuovi combustibili, in special modo il metano per le vetture a gas, sono piuttosto instabili e il rischio di incendio è più elevato. Per le vetture elettriche l’incendio può provenire da un cortocircuito o da un malfunzionamento del pacco batterie. Sempre più frequenti, infine, sono le polizze accessorie contro gli eventi naturali: alluvioni e terremoti hanno causato un allarmismo tale nel Paese che è aumentata esponenzialmente la richiesta di queste polizze, raccomandabili soprattutto nelle zone col maggior rischio.