Tag: gestita

5 maggio 2010 0

Casa del sesso gestita da cinesi, un arresto e 4 denuncie

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una casa d’appuntamento cinese è stata scoperta dai carabinieri di Ortona a Mozzagrogna (Ch). I militari agli ordini del capitano Gianfilippo Manconi hanno indagato su uno strano via vai in quell’appartamento ed hanno scoperto che era il luogo in cui, F.K una ragazza di 27 anni di origine cinese riceveva e soddisfava le voglie sessuali dei suoi clienti. La sua attività, però, era agevolata da un enturage composta da altri quattro cinesi e da un residente di santa Maria Imbaro. In manette è finito Airong Zhou nato in Cina e residente in Miglianico, per il reato di favoreggiamento della prostituzione. L’uomo accompagnava la 27enne e la prelevandola dall’appartamento utilizzato esclusivamente per l’esercizio della prostituzione e traeva vantaggi economici dalla suddetta attività ricevendone somme in contanti. Nel corso di perquisizione personale a carico dell’arrestato i militari operanti hanno rinvenuto e sequestrato 5.700m euro in contanti verosimilmente provento dell’attività della prostituzione. Contestualmente venivano denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Lanciano H.Z. 40enne; Q.S. 40enne e Z.S. 18enne, tutti di nazionalita’ cinese e F. B. 56enne da Santa Maria Imbaro, per concorso in favoreggiamento della prosituzione.

23 marzo 2010 0

L’emergenza sanitaria gestita dalla Asl con i “camminatori”

Di redazione

Oltre due ore di attesa per conoscere l’esito delle prove crociate, l’esame del sangue che permette di individuare i fattori di compatibilità necessari per una trasfusione. E’ quello che accade in ospedale a Cassino (Fr) a causa dell’accorpamento a Frosinone, da una settimana, del centro trasfusionale. Al Santa Scolastica il servizio funziona dalle 8 del mattino alle 14. Ciò significa che se nel corso del pomeriggio o durante la notte, in piena emergenza, è necessaria una trasfusione di sangue ad un ferito, o ad un degente colpito da emorragia, qualcuno deve partire da Cassino con il prelievo e portarlo a Frosinone per effettuare le così dette prove crociate. Per questo sembra che esista una figura appositamente creata che porta un nome idoneo: “camminatore”. Si tratta di un dipendente Asl di Pontecorvo che ha dato disponibilità a questo servizio, pertanto, quando scatta la chiamata, lui parte da Pontecorvo, arriva a Cassino, prende il prelievo, lo porta a Frosinone per analizzarlo e poi ritrasmette gli esiti a Cassino. Una procedura che farebbe sorridere se non si trattasse di una cosa seria come la gestione delle emergenze sanitaria e che ad attendere i tempi di questa nuova strategia aziendale ci si possa trovare un uomo o donna o bambino con una emorragia. E’ vero; la crisi e l’esigenza di tagliare nella sanità porta a scelte difficili, ma possibile che non ci siano altri servizi o straordinari medici da tagliare?