Tag: illuminata

28 gennaio 2017 0

La rotatoria sulla Casilina, a Castrocielo, poco illuminata e visibile

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Castrocielo – Le rotatorie rappresentano un sistema di indubbia utilità, almeno nella maggior parte dei casi, in termini di canalizzazione, fluidità e limitazione della velocità nel traffico urbano ed extraurbano. Possono, inoltre, costituire un valido strumento di promozione delle attrattive turistiche di città, paesi e borghi suggestivi. La rotatoria realizzata recentemente in prossimità dello svincolo fra i comuni di Castrocielo e Pontecorvo ne è un ottimo esempio soprattutto in considerazione della sua posizione strategica su un’importante arteria come la SS. 6 Casilina. La nuova opera, tuttavia, presenta ancora seri problemi di illuminazione e visibilità, soprattutto nelle ore notturne. Chi si trovi a percorrere la Casilina, proprio nelle ore più buie ed in entrambi i sensi di marcia, troverebbe la rotatoria ancora scarsamente illuminata e visibile solo negli ultimi metri. Neppure la segnaletica è facilmente visibile costituendo un ulteriore pericolo per gli automobilisti che utilizzano quella strada ad alta densità di traffico. La proposta di realizzare al centro della rotatoria, opere di artisti locali che valorizzino la nostra terra e le tradizioni locali, è senza dubbio un valido strumento di promozione turistica per il territorio, ma non si può trascurare la sicurezza delle migliaia di automobilisti che giornalmente si trovino a percorrere quella importante statale, soprattutto nelle ore notturne, che resta prioritaria e deve essere garantita. F. Pensabene

14 gennaio 2017 0

Venafro illuminata dai lumini contro inquinamento e tumori – VIDEO e FOTO –

Di admin

Venafro – “Ora Basta, aiutaci a salvare il nostro territorio. Vieni e porta con te un cero per illuminare il cammino della speranza”. Un invito affisso sui manifesti a Venafro a cui hanno risposto a migliaia. Oggi pomeriggio il lungo, silenzioso e illuminato corteo è partito alle 17 dalla sorgente “Le quattro cannelle”.

Il motore che ha spinto tutta questa gente a manifestare nella speranza che l’amministrazione intervenga è la paura. Troppi i casi di decessi per malattie che si sospetta possano essere legate a fattori ambientali; troppa la paura che la piana di Venafro diventi luogo in cui smaltire sostanze pericolose come quelle trovate alcuni giorni fa su due camion diretti ad un impianto di smaltimento della zona.

Con la manifestazione di oggi la gente chiede di raccogliere e di conoscere i dati a cominciare dai tumori, con la pubblicazione del Registro dei tumori nella zona; e per finire i dati sull’inquinamento con la messa in funzione di altre centraline che diano i dati della qualità dell’aria.

Ermanno Amedei