Tag: immobiliari

13 luglio 2010 0

Vendite immobiliari, scoperta evasione da 2,5 milioni

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Oltre 2 milioni e mezzo di euro non dichiarati: questa la cifra accertata dalle Fiamme Gialle di Aversa, al termine di un’articolata verifica nel settore immobiliare ed in particolare nella vendita di appartamenti e box di nuova costruzione. Durante l’attività ispettiva è stato appurato che la società sottoposta a verifica, operante nel settore immobiliare, ha costruito in Orta di Atella e successivamente alienato – negli anni dal 2005 al 2007 – 40 appartamenti e box, tutti, appunto, di nuova costruzione. Il meccanismo artatamente messo in piedi per “frodare il fisco” prevedeva l’utilizzo del sistema del “prezzo simulato”. In sostanza, nell’atto di cessione dell’immobile, stipulato davanti ad un notaio, veniva dichiarato un prezzo nettamente inferiore rispetto a quello pagato dall’acquirente. La tecnica utilizzata non è sfuggita all’occhio attento dei Finanzieri del Gruppo di Aversa, i quali hanno individuato l’illecito operato della società verificata attraverso il confronto di una serie di dati; in particolare è stato accertato come l’importo del mutuo erogato dall’istituto di credito al “cliente” fosse nettamente superiore alla somma da lui stesso liquidata per l’acquisto dell’appartamento e del box. La successiva analisi della documentazione acquisita ha sostanzialmente confermato gli elementi emersi durante l’attività ispettiva, la quale si è conclusa con la contestazione a carico della società di oltre 2 milioni e mezzo di ricavi non dichiarati e iva dovuta per circa 120 mila euro. Il rappresentante legale della società, nativo di Succivo ma residente a Sant’Arpino, è stato denunciato alla locale Autorità Giudiziaria per falso in atto pubblico, dichiarazione fiscale fraudolente e falso in bilancio.

14 aprile 2010 0

Impiegata agenzia, intasca gli anticipi di vendite immobiliari per recuperare stipendi mancanti

Di redazione

Non percepiva lo stipendio da almeno quattro mesi e, così, l’impiegata di una agenzia immobiliare di Cassino, una delle tante nel centro città, ha stabilito in maniera autonoma come finanziarsi. Pare infatti che la donna accettasse le somme lasciate in anticipo da acquirenti di garage e appartamenti e li intascasse per recuperare gli stipendi mancanti. Una situazione di grande imbarazzo per il proprietario dell’attività commerciale che vedeva le trattative portate avanti, e bloccate dall’elargizione di danaro, senza però poter versare, ai clienti che vendevano l’immobile, le somme anticipate dagli inquirenti. Inevitabili le denunce che hanno attivato indagini da parte delòle forze dell’ordine che hanno individuato la donna e ne stamnno vagliando la posizione. Er. Amedei