Tag: impiegato

17 aprile 2018 0

Isola del Liri: Valori bollati e contratti cimiteriali, guai per un impiegato

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nella giornata di ieri a Isola del Liri, i militari della locale Stazione, a conclusione di indagini, deferivano in stato di libertà per “peculato” un 57enne del luogo, impiegato presso quel Comune. L’uomo, addetto al rilascio delle concessioni cimiteriali, con più azioni ed in tempi diversi si sarebbe appropriato della somma complessiva di circa 1.000 (mille) euro, destinati all’acquisto di valori bollati da apporre su 33 contratti cimiteriali, stipulati nel periodo compreso tra febbraio ed aprile 2017. L’uomo avrebbe provveduto a staccare le marche da bollo da vecchie autorizzazioni per poi riutilizzarle, applicandole su nuovi contratti cimiteriali stipulati, facendosi pagare il corrispettivo valore dagli ignari cittadini. I militari operanti avendo avuto notizia dei fatti hanno iniziato a sentire alcune persone, dapprima informalmente per appurare la veridicità della cosa, poi verbalizzandone le dichiarazioni, fino ad arrivare al sequestro di svariati atti presso gli uffici di quel Municipio. Le risultanze investigative venivano poi trasmesse alla Procura di Cassino, che concordando con le ipotesi delittuose, ha iscritto nel registro degli indagati il dipendente comunale. Foto d’archivio

10 gennaio 2018 0

Aggressione in tribunale a Latina, 57enne picchia impiegato: arrestato

Di admin

LATINA – E’ andato in escandescenza e ha colpito l’impiegato dell’ufficio di direzione amministrativa del Tribunale di Latina. Questa mattina i carabinieri sono dovuti intervenire all’interno del Palazzo di Giustizia arrestando Massimo P. 57 enne di Fondi (Lt) per violenza e minaccia a p.u. e interruzione di un ufficio pubblico o servizio pubblico.

L’uomo, alla richiesta di un versamento da lui dovuto, è andato in escandescenza sostenendo l’erroneità di quanto gli veniva richiesto inveendo,  aggredendo e colpendo l’impiegato, provocandogli lievi lesioni e danneggiando inoltre i suppellettili dell’ufficio.

L’arrestato dopo le formalità di rito è stato associato in regime di arresti domiciliari presso la sua abitazione in attesa del rito direttissimo fissato per la data del 12 gennaio 2018.

23 aprile 2010 0

Insospettabile impiegato arrestato per eroina

Di redazione

E’ stato fermato all’uscita del casello autostradale proveniente probailmente dalla Puglia o dalla Campania; pur essendo incensurato e con un lavoro in un’azienda della Val Di Sangro, ha manifestato un irrequietezza ingiustifcata che ha indotto i Carabinieri della Radiomobile di Lanciano ad approfondire gli accertamenti. Così, nascosta negli indumenti intimi è saltata fuori una pietra di eroina di peso superiore all’etto. Immediatamente è stata effettuata una perquisizione nell’abitazione del giovane, a Lanciano, rinvenendo un bilancino di precisione, altri dieci grammi di eroina ed un panetto di haschisc di circa un etto. Così per Davide De Simone, 32enne del posto incensurato sono scattate le manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’arrestato è stato tradotto al carcere di Villa Stanazzo mentre le indagini sono orientate a capire chi siano i destinatari dello stupefacente; se il giovane spacciava per conto suo o era uno dei tanti cavalli che fanno la spola tra la Campania e la Puglia e l’Abruzzo per rifornire i consumatori. La presenza di un quantitativo così elevato di eroina, considerata la portata del fenomeno a Lanciano, induce a ritenerla la nuova droga che sta soppiantando la cocaina, probabilmente per un’abbassamento dei prezzi.