Tag: infila

6 agosto 2018 0

Gli si infila un calabrone nel casco, scooterista salvo per miracolo

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

PIEDIMONTE SAN GERMANO – Lo hanno ripreso letteralmente per il rotto della cuffia salvandolo da una morte certa per shock anafilattico. Il protagonista della vicenda é un 50enne di Piedimonte San Germano che, oggi pomeriggio alle 15, mentre era in sella al suo scooter ha capito che qualcosa gli era entrata nel casco. Il dolore lancinante ad un sopracciglio che avverte e che a momenti lo fa cadere dal mezzo é dovuto alla puntura di un calabrone. L’uomo sapendo di essere allergico ha accelerato arrivando a casa appena in tempo per permettere ai familiari di chiamare una ambulanza. Il personale del 118 della postazione di Cassino in pochi minuti è sul posto in località Volla e gli somministrano il farmaco in mancanza del quale, altri cinque minuti, sarebbe morto. L’uomo deve la vita, quindi alla tempestività e alla professionalità degli uomini e donne del 118 il cui servizio resta di primaria importanza. Ermanno Amedei

3 gennaio 2018 0

Palpeggiatore a Termini, infila la mano sotto la gonna di una 30enne: arrestato 27enne

Di admin

ROMA – Ieri sera, poco dopo le 22, una donna di circa trent’anni si è rivolta alla Polizia di Stato  del Reparto Stazione Roma Termini raccontando che poco prima, mentre scendeva le scale mobili che dalla stazione Termini portano alla Metropolitana, un uomo, sopraggiunto alle sue spalle, le aveva infilato la mano sotto la gonna, toccandole con forza nelle parti intime, fuggendo  subito dopo.

Immediatamente sono state diramate le ricerche all’interno della stazione e lungo le zone esterne, effettuate dal personale del Reparto e della Squadra di polizia giudiziaria compartimentale, coordinate dal Centro Operativo Compartimentale, conclusesi circa un’ora dopo con l’individuazione di un uomo che stava dormendo a terra in Piazza dei Cinquecento, nei pressi della scalinata che dall’esterno porta all’area commerciale della stazione, la cui fisionomia e abbigliamento erano perfettamente coincidenti alla dettagliata descrizione data dalla vittima.

Accompagnato presso gli uffici della Polizia Ferroviaria, l’uomo, un cittadino tunisino di ventisette anni, pregiudicato e in Italia senza fissa dimora, è stato riconosciuto senza ombra di dubbio dalla parte offesa e per lui è subito scattato il fermo di polizia giudiziaria.

L’uomo è stato quindi associato alla casa circondariale Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.