Tag: isola

31 maggio 2018 0

Contrabbando di tonnellate di sigarette, arrestato vice prefetto dell’Isola d’Elba

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

DALL’ITALIA – I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Livorno stanno dando esecuzione, su ordine del Procuratore Capo della Repubblica di Livorno, dottor Ettore Squillace Greco, ad un’ordinanza – emessa dal G.I.P. del locale Tribunale, Dott. Marco Sacquegna – di applicazione della misura cautelare personale nei confronti di nove persone, di cui due in carcere (il Vice Prefetto reggente l’Ufficio distaccato della Prefettura dell’Isola d’Elba ed un pregiudicato appartenente ad una nota famiglia di ‘ndragheta attiva in Piemonte, a suo tempo mandante dell’omicidio del Procuratore di Torino Bruno Caccia) e sette sottoposte agli arresti domiciliari. Nel corso delle investigazioni, era già stato, altresì, tratto in arresto in flagranza di reato altro soggetto, durante lo scorso mese di novembre. L’attività, rientrante nell’operazione denominata “Vicerè”, si inserisce nell’ambito di un’articolata indagine svolta, sotto la direzione del citato Procuratore Capo della Repubblica, da militari della Compagnia di Portoferraio e del Nucleo di Polizia EconomicoFinanziaria di Livorno, che ha portato alla denuncia all’A.G. di 27 soggetti, responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione a delinquere, porto abusivo di esplosivi (detenuti al fine di compiere un atto di intimidazione), contrabbando di 9 tonnellate di sigarette, indebita compensazione di debiti tributari tramite fittizie compensazioni, illecita sottrazione al pagamento delle accise sugli alcoli, anche mediante falso in documenti pubblici informatici.

Contestualmente alle misure cautelari, sono in corso di esecuzione perquisizioni personali, domiciliari e locali (con la collaborazione dei Reparti del Corpo competenti per territorio) in 7 Regioni (province di Livorno, Torino, Asti, Padova, Ravenna, Forlì, Pisa, Pistoia, Campobasso, Napoli, Salerno, Lecce e Brindisi), nei confronti degli indagati, con l’impiego complessivamente di circa n. 120 militari. Compiuti dettagli saranno forniti nel corso della conferenza stampa che si terrà presso il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Livorno, alle ore 10.30 odierne.

12 maggio 2018 0

Isola Ecologica, l’opposizione torna all’attacco: “L’isola che non c’è, si torna alle condizioni del bando”

Di redazionecassino1

CASSINO – Duro attacco dei consiglieri comunali di opposizione, Petrarcone, Salera, Terranova e dell’ex assessore Consales sulla questione Isola Ecologica. La polemica non si riferisce solo al problema dell’isola ecologica, ma i consiglieri denunciano anche l’impossibilità e le difficoltà ad accedere agli atti che riguardano il Centro di Conferimento collettivo e alla relazione riservata del Dirigente. “Risolto l’enigma della famosa delibera 164 del 23/04/2018, scrivono in un comunicato. Lo avevamo promesso e lo abbiamo fatto. In mancanza di trasparenza dell’amministrazione D’Alessandro, l’opposizione accede, con molte difficoltà nella mattinata di giovedì 03/05/2018, alla relazione riservata del Dirigente che doveva essere allegata alla delibera prima citata, sull’albo online del Comune di Cassino, la settimana scorsa.

Non riusciamo a comprendere come un documento cosi importante – si legge nella nota firmata dai consiglieri Petrarcone, Terranova, Salera e l’ex assessore Consales – come una decisione dell’ubicazione del centro di conferimento collettivo e dell’isola ecologica venga nascosto ai cittadini e venga approvato con una delibera in cui non si vuole (forse) far sapere l’esatta ubicazione di questi importanti servizi da attivare nella città.

Una decisione che è lo specchio di questi primi due anni dell’amministrazione D’Alessandro e del suo Dirigente Arch Antonelli. 12 mesi per scrivere in maniera criptica che le due delibere di giunta n. 190 del 27/04/2017 “CONTRATTO DI SERVIZIO INTEGRATO DI IGIENE URBANA – SPOSTAMENTO CENTRO DI CONFERIMENTO COLLETTIVO – DIRETTIVE,  e la n. 255 del 26/05/2017  “CONTRATTO DI SERVIZIO INTEGRATO DI IGIENE URBANA – ISOLA ECOLOGICA – ATTO DI INDIRIZZO”, erano illegittime, perché come spiega il dirigente Antonelli qualsiasi modifica in termini localizzativi delle aree in parola, comporterebbe un aumento di costi. (Peccato che il dirigente aveva dato parere favorevole alle precedenti delibere).

Se non fosse una triste realtà sembrerebbe essere su SCHERZI A PARTE. Bastava chiedere un parere al segretario comunale e in pochi mesi avremmo avuto il nuovo centro di  conferimento collettivo e l’isola ecologica attrezzata.

Ma il cerchio magico ha dimostrato anche questa volta di non sapere amministrare la città, scambiando la sede di FORZA ITALIA con il palazzo comunale. Peccato che in un partito politico si possono scegliere tutte le strade possibili, ma quando si amministra un comune importante come Cassino, non si può giocare con delibere ambigue senza pensare che in ballo ci sono servizi pagati dai cittadini da attivare secondo un contratto di legge.

Arriva quindi l’ennesimo dietrofront: 12 mesi fa il sindaco prometteva rivoluzioni e prometteva di incatenarsi per non permettere la costruzione del centro di conferimento collettivo dietro al campo 2. Dopo numerosi finanziamenti persi (che avrebbero aiutato a trovare eventuali soluzioni alternative) e dopo aver subito il sequestro del centro di conferimento collettivo provvisorio di via Pescarola, l’amministrazione D’Alessandro si è svegliata dal lungo letargo (elettorale). E come se nulla fosse approva una delibera, dove non si revocano nemmeno le due delibere precedenti, dove il dirigente e la giunta giocano allo scaricabarile senza ammettere che per un anno i cittadini stanno pagando per servizi mai attivati.

Questa delibera dimostra il totale fallimento di questi due anni di amministrazione D’Alessandro. E’ inutile ripetere all’infinito il disco rotto che è colpa degli altri o che bisogna dichiarare il dissesto.

La verità è che il comune di Cassino da due anni si è fermato. Non riesce a prendere decisioni per risolvere i problemi, anche laddove le soluzioni sono a portato di mano e sono a costo zero perché previsti da contratti in essere o finanziamenti ottenuti e mai completati.

chi restituirà i soldi pagati dai cittadini per un servizio che per un anno intero non hanno avuto?”.

Riccardo Consales

I Consiglieri comunali

Giuseppe Golini Petrarcone

Enzo Salera

Edilio Terranova

_2018_04_albopretorio_000013848_001_g.c.164-signed

TAV CC 09

17 aprile 2018 0

Isola del Liri: Valori bollati e contratti cimiteriali, guai per un impiegato

Di redazione

Nella giornata di ieri a Isola del Liri, i militari della locale Stazione, a conclusione di indagini, deferivano in stato di libertà per “peculato” un 57enne del luogo, impiegato presso quel Comune. L’uomo, addetto al rilascio delle concessioni cimiteriali, con più azioni ed in tempi diversi si sarebbe appropriato della somma complessiva di circa 1.000 (mille) euro, destinati all’acquisto di valori bollati da apporre su 33 contratti cimiteriali, stipulati nel periodo compreso tra febbraio ed aprile 2017. L’uomo avrebbe provveduto a staccare le marche da bollo da vecchie autorizzazioni per poi riutilizzarle, applicandole su nuovi contratti cimiteriali stipulati, facendosi pagare il corrispettivo valore dagli ignari cittadini. I militari operanti avendo avuto notizia dei fatti hanno iniziato a sentire alcune persone, dapprima informalmente per appurare la veridicità della cosa, poi verbalizzandone le dichiarazioni, fino ad arrivare al sequestro di svariati atti presso gli uffici di quel Municipio. Le risultanze investigative venivano poi trasmesse alla Procura di Cassino, che concordando con le ipotesi delittuose, ha iscritto nel registro degli indagati il dipendente comunale. Foto d’archivio

7 aprile 2018 0

Duro attacco dell’opposizione a D’Alessandro su isola ecologica, ZTL, Polo didattico innovativo e cimitero

Di redazionecassino1

CASSINO – Proseguono le critiche all’amministrazione D’Alessandro da parte dei consiglieri comunali di opposizione, Petrarcone, Salera Terranova e l’ex assessore Consales, sui finanziamenti regionali persi dalla Giunta di centrodestra di piazza De Gasperi. In una nota gli esponenti di opposizione non risparmiano critiche e soprattutto ci vanno giù duro con il sindaco e la sua maggioranza toccando molti temi spinosi ed irrisolti. Critici verso le scelte che riguardano l’ampliamento del cimitero, oltre ai finanziamenti regionali persi per la raccolta differenziata, la realizzazione del ‘Polo didattico innovativo’, le piste ciclabili, le ZTL e l’inquinamento atmosferico.

“Rischia di costarci cara questa campagna elettorale sfrenata – scrivono nella nota – dell’Amministrazione D’Alessandro per la mancata elezione dell’ex consigliere regionale Abbruzzese. Per ora persi quasi 1.200.000 euro di finanziamenti regionali.

Ringraziamo la risposta del consigliere Langiano. Purtroppo mettiamo in evidenza che non ci sembra giusto che un consigliere così giovane e con la faccia pulita debba caricarsi tutto il peso del fallimento di due anni di amministrazione D’Alessandro, che non è solo sotto gli occhi di tre consiglieri con la faccia tosta o di qualche ex amministratore, ma è evidente a moltissimi cittadini di Cassino che sono stanchi delle promesse, degli attacchi anche personali, e di non vedere azioni concrete per la comunità.

Soprattutto perché è evidente che, invece di rispondere alle critiche sollevate, si cerchi sempre di portare scuse che, come per il tema finanziamenti persi, sono delle bugie vere e proprie. Apprendiamo quindi dalla nota dell’amministrazione D’Alessandro che i bandi persi sono in realtà bandi a cui il Comune non ha potuto partecipare per un problema di compartecipazione.

Purtroppo tale affermazione è falsa poiché per i due bandi di 800.000 euro per le isole ecologiche non era prevista compartecipazione del comune.

Non ci convincono nemmeno le affermazioni dell’assessore all’ambiente Dana Tauwinkelova che torna sul concetto di compartecipazione e sul punteggio minimo che sarebbe dovuto servire per la partecipazione al bando di 80 punti. Tutto falso basta leggere le due graduatorie dei progetti di 800.000. Tra tutti i comuni solo due o tre hanno preso 80 punti tutti gli altri sono al di sotto, addirittura qualcuno al di sotto anche di 50 punti riceveranno i contributi richiesti. Sempre nelle graduatorie si osserva che ci sono molti comuni che hanno preso il 100% dei finanziamenti richiesti.

Non solo ma il mancato avvio dell’Isola ecologica e del centro di conferimento collettivo nonché i ritardi dell’ampliamento del cimitero comunale hanno un costo zero (o hanno già copertura finanziaria) per il comune.

Ma anche se fosse stato così questa affermazione si contraddice con la delibera di G.C. n. 111 del 27/03/2018 dove l’amministrazione comunale ha deciso di rispondere ad un bando della regione Lazio, e riguardante il PSR, impegnando come risorse del comune un totale di 50.000 euro. Per non parlare della compartecipazione del bando che sta permettendo la costruzione della rotatoria del San Raffaele: fondi del comune 100.000 euro circa. Per non andare troppo lontano l’ultimo finanziamento, che per ora vorremmo ricordare è solo una manifestazione di interessi, e cioè l’impegno verbale a partecipare al bando del MIUR, senza ancora aver approvato nemmeno un progetto preliminare e quindi eventuali impegni di spesa da parte del Comune. In questo caso la compartecipazione molto probabilmente sarà ancora più alta, poiché il MIUR ha escluso espressamente spese e costi che non potranno essere caricati sul finanziamento: la demolizione dei due asili vicino la scuola media Di Biasio, lo smaltimento dei rifiuti da demolizione, la progettazione del nuovo edificio, l’eventuale costo di ricollocamento dei bambini per il tempo necessario per la costruzione del nuovo edificio (almeno un anno).

In tutto questo ringraziamo il Presidente Zingaretti e la sua Giunta che, dopo anni di dura lotta al risanamento (che purtroppo sono coincisi anche con i nostri anni di amministrazione), è riuscito, soprattutto in questi ultimi due anni, a sbloccare somme significative da destinare ai Comuni del Lazio.

Spiace a tal proposito sottolineare altri due finanziamenti persi, pardon soldi non richiesti dal Comune per una scelta politica dell’Amministrazione D’Alessandro, riguardanti l’inquinamento atmosferico. Ci fossimo stati noi tranquillizziamo il Consigliere Langiano, avremmo sicuramento dato priorità a queste risorse che, come detto prima non sono state messe a bando negli anni precedenti. Infatti, seppur con la faccia tosta, incapaci o come scrive qualche esponente dell’amministrazione dai super poteri anche ipocriti, siamo stati capaci di far partire la raccolta differenziata a Cassino dopo anni in cui il centrodestra si è perso in chiacchiere come sta facendo oggi.

Il bando più cospicuo è scaduto il 30 marzo 2018 e al 99% il comune di Cassino non ha partecipato. La regione Lazio metteva a disposizione in base al numero di abitanti 350.000 euro per azioni concrete per la lotta all’inquinamento atmosferico. Si passa dalla costruzioni di nuove piste ciclabili (in molte occasioni promesse a molte associazioni di Cassino in questi due anni), varchi elettronici per le ZTL e isole pedonali, il Pedibus e addirittura anche l’elaborazione del Piano Urbano del Traffico. Dobbiamo desumere che nonostante la compartecipazione, queste azioni non sono una priorità per l’amministrazione D’Alessandro. In questo caso avremmo suggerito a questa giunta di evitare di spendere i soldi per la cosiddetta piazza abbeveratoio (40.000 euro) e per gli incarichi al cimitero di Cassino (55.000 euro). Quasi 100.000 euro da poter utilizzare per questi importanti progetti e per la famosa compartecipazione. L’altro contributo di 5.000 euro sarebbe servito per organizzare giornate ecologiche per contrastare sempre l’inquinamento da polveri sottili. Anche in questo caso la richiesta di contributo non è pervenuta. Per noi è una questione di priorità e in questi anni l’amministrazione D’Alessandro ha preferito fare cene elettorali e nulla più. Ci auguriamo che il Presidenti Zingaretti continui su questa strada e che in futuro continui su queste tematiche a valorizzare l’ambiente e le amministrazioni più virtuose”.

  Estratto graduatoria finanziamenti isole ecologiche (ultimi comuni classificati). In giallo i comuni che hanno ottenuto il 100% del contributo.        

12 gennaio 2018 0

Sorpreso con la droga ad Isola Liri, arrestato 33enne

Di admin

ISOLA  LIRI – Gli agenti della squadra volante diretti dal vice questore Flavio Genovesi, con l’ormai consolidata collaborazione delle unità cinofile di Nettuno, nel corso dei servizi finalizzati alla prevenzione e contrasto di reati connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato un 33enne.

L’accusa è detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Nell’abitazione dell’uomo, in seguito a perquisizione domiciliare, sono stati  rinvenuti e pertanto sequestrati un bilancino di precisione per il confezionamento e 9 dosi di eroina.

I controlli, ulteriormente intensificati, proseguiranno senza sosta e continueranno ad  interessare non soltanto il capoluogo, ma l’intero territorio provinciale.

11 gennaio 2018 0

Sicurezza stradale, in pullman da Cassino in discoteca ad Isola Liri

Di admin

ISOLA LIRI – Prende il via l’iniziativa del Grey Club di Isola Liri per combattere le stragi stradali del sabato sera che vedono, purtroppo, sempre troppi ragazzi vittime di incidenti notturni. Per permettere in tutta sicurezza di raggiungere il locale da Cassino e dalla parte sud della provincia, si mette a disposizione un pullman che partirà alle 23 dal locale “radio killer” sito in corso della Repubblica a Cassino e che porterà i giovani direttamente nel locale della città delle cascate. Per informazione +39 349 282 5243

21 novembre 2017 0

Isola Liri, “Questo non è amore”: la Polizia di Stato con gli studenti a sostegno delle vittime di violenza di genere

Di redazione

La Polizia di Stato vince la “partita” della prevenzione con il sostegno di tutti gli enti: per l’occasione, infatti, con il Direttore Tecnico Capo Psicologo dr.ssa Cristina Pagliarosi sono intervenuti anche rappresentanti dell’ Amministrazione Comunale -Assessore Laura Palleschi – e dell’associazione di Volontariato SOS donna. La Questura di Frosinone continua la sua intensa e costante attività a sostegno delle vittime di violenza di genere. I giovani studenti, frequentanti la Scuola Media di Isola Liri, sono stati invitati dal Direttore Tecnico Capo Psicologo dr.ssa Cristina Pagliarosi ad immedesimarsi con chi vive situazioni di maltrattamento. Soltanto questa capacità di porsi in maniera empatica nello stato d’animo altrui permette di comprendere il dolore che caratterizza “contesti” di violenza sia fisica che psicologica. La dr.ssa Pagliarosi ha sollecitato la scolaresca ad essere consapevole e in controllo di sé, non accettando mai acriticamente situazioni di prevaricazione maltrattante come “padre padrone”. La “partita” giocata sul campo della prevenzione è vinta dalla Polizia di Stato con il sostegno di tutti gli enti: per l’occasione, infatti, erano presenti rappresentanti dell’Amministrazione Comunale -Assessore Laura Palleschi- e dell’associazione di Volontariato SOS donna.

19 novembre 2017 0

Alcool anche ai minorenni, chiuso bar ad Isola Liri

Di admin

ISOLA LIRI – Il Questore di Frosinone ha emesso il provvedimento di sospensione dell’autorizzazione amministrativa all’esercizio pubblico nei confronti del titolare di un bar di Isola Liri. La chiusura dell’attività è stata disposta per un periodo pari a 15 giorni, per motivi di ordine e sicurezza pubblica. A motivare l’adozione del provvedimento anche “segnalazioni” circa la violazione amministrativa per la somministrazione di alcolici ai minori di 16 anni ed il non rispetto delle ordinanze comunali. L’adozione dell’atto vuole essere un chiaro segnale per chi, anche nell’esercizio di un’attività commerciale, non rispetta le regole nonché la puntuale risposta della Polizia di Stato al bisogno di sicurezza dei cittadini.

11 agosto 2017 0

Formia: Isola pedonale solo il sabato e la domenica. Zona a traffico limitato dalle ore 17 alle 20 del weekend

Di redazione

A partire da questo weekend l’isola pedonale su via Vitruvio si terrà solo il sabato e la domenica. A comunicarlo è l’Amministrazione comunale. Stop alle auto dalle ore 21 alle 24 in via Vitruvio, nel tratto compreso tra ponte Tallini e l’incrocio del bar Tirreno. E’ stata inoltre istituita la zona a traffico limitato da via Olivetani, Piazza Sant’Erasmo, via Pasquale Testa, via Rialto Ferrovia e via Lavanga fino a via della Conca. Il provvedimento sarà attivo il sabato e la domenica a partire dalle ore 17 e fino alle ore 20. Nella ztl la circolazione sarà consentita solo ai residenti nel comune di Formia.

27 giugno 2017 0

Isola ecologica indecente a Cassino, Della Corte lancia l’allarme: liquami e cumuli

Di redazione

Cassino – Una situazione esposta dall’associazione Il Sole splende per tutti e precisamente dal presidente Bruno Della Corte. Riguarda l’isola ecologica di Cassino sita in via Pescarola dove viene segnalata la presenza di liquami sul terreno. Sarebbe stato rilevato anche cattivo odore.

“Questo è lo stato dell’isola ecologica- dice Della Corte- liquami a terra e possibile pericolo per le falde acquifere e i due corsi d’acqua e poi un fetore nauseabondo”.

Della Corte, segnalando la problematica, esprime preoccupazione per lo stato delle cose e teme che possa esserci conseguenze.