Tag: istituzione

11 gennaio 2018 0

Bollette idriche 2012, quella scorrettezza morale dell’istituzione che fa affogare il senso civico

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Come perdere la fiducia nelle istituzioni. Come lasciarsi andare nel delirio e affidarsi a quelli che oggi sono definiti “promotori di demagogia”. Il passo è breve e per compierlo basta che le istituzioni perdano di credibilità, serietà assumendo il ruolo di chi deve essere controllato, di chi non merita fiducia e che all’occorrenza, è pronto ad approfittare anche di disattenzioni come la perdita della ricevuta di pagamento di una bolletta.

La determina del Comune di Cassino numero 2316  del 29 dicembre 2017 va proprio in questo verso (leggi) . Chiedere di “fornire la prova” di un avvenuto pagamento risalente a 5 anni fa, se non è da mascalzoni e se è legale, moralmente non è sicuramente da istituzione “governo cittadino”.

In tanti, infatti, sono corsi a cercare quella prova dell’avvenuto pagamento. Molti l’hanno trovata e dovranno fare file a qualche sportello per portarla in visione, altri ancora, invece, l’hanno trovata solamente dopo aver già pagato. Altri continuano a cercarla tra le ricevute di pagamenti fatti a società private di forniture energetiche, di servizi o istituti bancari di cui “non c’è da fidarsi”. Il Comune, invece “… è roba seria, se mi chiede dei soldi, è perché effettivamente non devo aver pagato qualcosa”.

Evidentemente non è così o non lo è più anche perché, non è difficile immaginare che tanti, oltre agli anziani molti dei quali solitamente sbadati, per evitare le immancabili file agli uffici  Ica, o imbarcarsi in ricorsi per dimostrare la prescrizione di quella richiesta di pagamento, accettino loro malgrado di pagare ma annotandosi questa “scorrettezza istituzionale” che rischia di intaccare il senso civico.

La caccia agli evasori va fatta, il sindaco lo aveva promesso in campagna elettorale e se lo augurano tutti i cittadini onesti che pagano i tributi regolarmente, ma azioni di questo tipo non sono finalizzate a scovare chi non ha pagato il dovuto, ma sembrano fatte apposta per “far cassa” a discapito di chiunque. Il Comune ci ripensi anche se dovrà sostenere le spese delle raccomandate già spedite (5,30 euro ciascuna) ma il prezzo, altrimenti, sarà ben più alto.

Ermanno Amedei

10 novembre 2017 0

La Polizia Stradale festeggia i 70 anni dalla sua istituzione

Di redazione

Questa mattina il capoluogo ha ospitato i festeggiamenti per il 70° Anniversario della Riorganizzazione dei Servizi di Polizia Stradale. A fare gli onori di casa il Dirigente la Sezione Polizia Stradale dr. Vincenzo Lombardo. Premiate le scolaresche che hanno partecipato al concorso “La Polizia Stradale e la Sicurezza”. La Polizia Stradale festeggia i 70 anni dalla sua istituzione. È dal 1947 che il personale della “Specialità” garantisce l’esercizio della libertà di circolazione come bene fondamentale di ogni individuo, nel rispetto della legalità e della sicurezza, anche attraverso il sacrificio dei 369 uomini morti in servizio. L’opera della Polizia Stradale ha ricevuto, inoltre, nel corso degli anni molti riconoscimenti tra cui quattro medaglie d’oro alla Bandiera (una al Valor Civile e tre al Merito Civile) oltre a 35 decorazioni attribuite al personale. Per celebrare i risultati raggiunti e l’impegno profuso dagli uomini e dalle donne della Polizia di Stato in servizio presso la Polizia Stradale, il Capo della Polizia Prefetto Franco Gabrielli ha previsto la realizzazione di eventi ed iniziative a carattere nazionale ed occasioni celebrative sul territorio per raccontare l’attività delle donne e degli uomini della Polizia Stradale da sempre impegnati nella salvaguardia delle vite umane. Anche Frosinone ha festeggiato il 70° Anniversario a Piazzale Europa: a fare gli onori di casa il Dirigente la Sezione della Polizia Stradale dr. Vincenzo Lombardo che ha accolto le autorità locali intervenute per l’occasione; presenti il Dirigente del Compartimento Polizia Stradale Lazio e Umbria dr. Mario Nigro, il Vicario del Prefetto dr. Massimo Di Donato ed il Questore dr. Filippo Santarelli, con il suo staff. I valori della “Specialità” sono stati condivisi anche con le scolaresche del capoluogo che hanno partecipato al concorso “La Polizia Stradale e la Sicurezza”: obiettivo dell’iniziativa è quello di far vivere concretamente alle giovani generazioni i temi della sicurezza e dell’educazione stradale. Le classi vincitrici saranno protagoniste di “Poliziotto per un giorno”, giornata con i poliziotti della Sezione Polizia Stradale del capoluogo per “sperimentare” le attività predisposte in tema di sicurezza stradale. Grande entusiasmo hanno suscitato la Lamborghini Huracàn ed il Pullman Azzurro della Polizia Stradale. Quest’ultimo è un mezzo molto particolare: se da fuori appare come un classico autobus, malgrado la livrea esterna esclusiva e colorata, all’interno non ci sono i sedili ma una vera e propria aula multimediale, per diffondere i messaggi di sicurezza ed educazione stradale ai grandi e piccini nelle piazze di tutta Italia. La Lamborghini, invece, è un bolide con motore V10 da 610 CV di potenza massima e trazione integrale ed è utilizzata anche per il soccorso e il trasporto urgente di sangue ed organi; non a caso nel cofano anteriore è presente un frigobox appositamente adibito. A bordo ci sono un tablet, un computer, un sistema di registrazione e telecamera: apparecchiature che consentono di documentare le attività di controllo su strada. Non mancano un estintore, la radio di ordinanza VHF-Polizia e persino un defibrillatore. Nel corso della cerimonia è stato presentato un video commemorativo del 70° Anniversario.