Tag: lotta

25 luglio 2018 0

Lotta alla diffusione di farmaci dopanti, ingente sequestro del Nas tra Latina e Roma

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LATINA – I carabinieri del Nas di Latina hanno sequestrato, tra Latina e Roma, un grosso quantitativo di farmaci dopanti illegali. Il controllo al settore del doping largamente diffuso grazie alla vendita su piattaforme internet, è sotto la lente degli uomini del capitano Egidio Felice che hanno sottoposto a sequestro un ingente quantitativo di farmaci, prodotti per la cura dell’infanzia, integratori alimentari per lo sport e dispositivi medici.

Tra la merce sequestrata anche farmaci ad azione dopante quali l’epoetina e la somatropina, sostanze utilizzate nella cura delle disfunzioni erettili, nonché apparecchi per l’aerosol, sottratti fraudolentemente da depositi di aziende distributrici operanti nel territorio pontino. La merce era pronta ad essere immessa sul mercato clandestino e su piattaforme illegali frequentate da atleti che li avrebbero acquistati e utilizzati per migliorare illecitamente le proprie prestazioni sportive.

Gli investigatori del N.A.S. hanno calcolato che la rivendita dei soli prodotti farmaceutici – il cui valore nominale supera i 30mila euro – avrebbero garantito nei circuiti del mercato nero introiti superiori ai 50mila euro, cifra che da sola vale a dimostrare l’appetibilità di questo tipo di prodotti per le associazioni criminali, nonché la tendenza alla loro acquisizione al di fuori dei canali distributivi regolari al fine di eludere i necessari controlli in fase di dispensazione. I carabinieri del NAS sconsigliano vivamente di acquistare integratori e sostanze ad effetto dopante su internet o su canali privi di controlli sanitari in quanto il loro utilizzo può creare dipendenza, devianze comportamenti, disfunzioni sessuali, alterazioni biologiche e costituire un grave rischio per la salute.

9 giugno 2018 0

Lotta alla guda in stato di ebbrezza alcolica, ritirate 11 patenti

Di admin

FROSINONE – La Questura di Frosinone, unitamente alla Polizia Stradale, nella scorsa notte ha predisposto, in ambito provinciale, mirati servizi volti ad arginare il fenomeno della guida sotto l’effetto di alcool e/o di sostanze stupefacenti o psicotrope.

L’attività di polizia ha visto impegnate 6 pattuglie della Polizia Stradale, dirette dal V.Q. Dott. Macarra Stefano, nonché personale medico della Questura di Frosinone per gli accertamenti di competenza.

Nel corso dei controlli è stata verificata la regolarità di oltre 200 veicoli, sono state ritirate 11 patenti, di cui 10 per guida in stato di alterazione alcolica (art.186 C.d.S.) ed una  per guida contromano ai sensi dell’art.143 del C.d.S..

16 aprile 2018 0

Lotta fino alla fine, in Eccellenza, fra Ducato e Canceglie

Di redazionecassino1

Decima giornata del girone di ritorno che vede in vetta alla classifica del torneo di Eccellenza sempre Ducato, forte della vittoria esterna per 1 a 2 nella gara che lo vedeva impegnato contro Caira. La capolista riesce nell’impresa di battere i padroni di casa ipotecando, anche se solo in parte, la conquista del titolo. Mancano ancora, tuttavia, cinque giornate al termine e la diretta inseguitrice della capolista, Canceglie (nella foto), non molla. Nella gara che la vedeva opposta sul proprio terreno a Isotopi conquista i tre punti battendo la formazione di Pontecorvo per 2 a 1. Successo anche per la Longobarda che non ha difficoltà a superare con largo punteggio, 6 a 3, Viticuso, mentre Tordoni deve accontentarsi del pareggio casalingo per 3 a 3 nel match con San Giorgio. Vittoria importante fra le mura domestiche per Cerreto che, superando Tibia e Peroni per 2 a 0, si allontana dal fondo della classifica. Punteggio tennistico, 6 a 0, in favore dei padroni di casa della Sangermanese contro Amatori Aquino, anche se ininfluente ai fini della classifica per la formazione pedemontana. La lotta per il primato sembrerebbe circoscritta alle due formazioni volsche che, nel prossimo turno, saranno impegnate Ducato contro Tordoni, mentre Canceglie dovrà vedersela contro Sordella Calcio. In Promozione i giochi sembrano già decisi. Collecedro sempre più inarrestabile nella conquista del titolo nonostante il pareggio, 1 a 1, cui l’ha costretto Amatori Castelnuovo. Il vantaggio con la diretta inseguitrice, Moscuso che deve recuperare l’incontro con Labbirra, sembra troppo accentuato e di undici lunghezze. A cinque giornate dalla fine del torneo sembra difficile ed impossibile una rimonta o un sorpasso della formazione campana. Nel prossimo turno, infatti, la capolista Collecedro non dovrebbe avere problemi ad affrontare Janula e sfruttare il turno di riposo proprio di Moscuso per concretizzare ulteriormente il suo vantaggio.

F. Pensabene

23 febbraio 2018 0

Lotta all’abusivismo edilizio a Cassino: sequestrate case, terreni e autorivendite

Di admin

CASSINO – I carabinieri della compagnia di Cassino comandati dal capitano Ivan Mastromanno hanno denunciato, in tre diverse occasioni, altrettante persone per abusivismo edilizio.

La prima denuncia è scattata a Cassino ai danni di una 43enne del luogo per esecuzione di lavori edili in totale difformità al permesso di costruire e senza l’autorizzazione del genio civile, poiché aveva realizzato in una zona periferica della città martire, un manufatto in cemento armato, costituito da piano seminterrato, piano rialzato, un sottotetto, con una scala di collegamento ed un adiacente portico, per un totale di circa 300metri quadri, in totale difformità dell’autorizzazione rilasciatagli dal comune e priva dell’autorizzazione sismica rilasciata dal Genio Civile. La struttura per un valore di circa 200mila euro è stata sottoposta a sequestro.

Sempre a Cassino, è stato denunciato un 33enne del luogo per realizzazione di opere edilizie in assenza di permesso a costruire, in quanto aveva realizzato una struttura in mattoni forati di 30 metri quadri circa, adibita ad ufficio di un’attività di rivendita di autovetture avente sede operativa appena fuori Cassino. Nel corso del controllo effettuato, i militari operanti hanno accertato che tre dei quattro dipendenti presenti non risultavano assunti e pertanto veniva contestata una sanzione di 8 mila euro con la sospensione temporanea dell’attività commerciale. Nel corso delle verifiche, i carabinieri hanno anche accertato che l’attività in questione era priva di qualsiasi autorizzazione amministrativa e pertanto, è stato richiesto al Comune di Cassino un provvedimento di chiusura per mancanza di requisiti previsti dalla Legge, che è stato notificato all’interessato dai militari operanti. La struttura per un valore di euro 10mila euro circa, è stata sottoposta a sequestro.

A Cervaro, invece è stato denunciato in stato di libertà un 72enne del posto per esecuzione di lavori edili in difformità al permesso di costruire, nonché in violazione alla fascia di rispetto della distanza da osservare dalla sponda di torrente, in quanto aveva realizzato una piattaforma in cemento di 235 metri quadrati, chiusa perimetralmente mediante l’apposizione di pali in ferro e rete metallica, accessibile da un ingresso delimitato con un cancello in ferro, in totale difformità al permesso di costruire rilasciatogli ed in violazione alla fascia di rispetto della distanza da mantenere dalla sponda di un torrente che scorre nei pressi della citata costruzione. Il piazzale in cemento, del valore di circa 3mila euro, è stata sequestrata.

9 febbraio 2018 0

Lotta dei poveri a Cassino, denuncia mendicante per sottrargli posto davanti supermercato

Di admin

CASSINO – Denuncia il suo “collega” per sottrargli il “posto di lavoro” abusivo davanti al supermercato. E’ accaduto a Cassino che un 44enne nigeriano è stato denunciato a sua volta dagli agenti del commissariato cittadino per simulazione di reato.

Lo straniero, ospite di un centro di accoglienza della zona aveva accusato un connazionale di averlo minacciato in seguito a vicende risalenti la sua permanenza in Nigeria. Vicende che, a suo dire false, avrebbero potuto compromettere la sua permanenza in Italia.

Da accertamenti effettuati dagli inquirenti è emerso, invece, che il 44enne ha inventato quel racconto per vendicarsi di una discussione avuta per le gestione della “postazione lavorativa” davanti ad un supermercato. Per questo è scattata la denuncia.

Ermanno Amedei

23 novembre 2017 0

Lotta alla violenza contro le donne: un giorno non basta!

Di redazionecassino1

Gaeta – “Il 25 novembre ricorre la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Un giorno l’anno in realtà non basta per contribuire in modo forte a sradicare il maschilismo che ancora permea la nostra cultura”. L’Assessore alle Pari Opportunità Lucia Maltempo annuncia così l’intento dell’Amministrazione Comunale di promuovere una campagna di ampia sensibilizzazione verso la lotta alla violenza contro le donne attraverso una programmazione di eventi e manifestazioni che inizieranno il 25 novembre per concludersi solo l’8 marzo 2018.

“Come drammaticamente riportano le cronache quotidiane – sottolinea Maltempo – in Italia le vittime di femminicidio sono ancora tantissime e il fenomeno continua a mantenere alto il livello di allarme e disagio sociale. Per porre fine a questo crescendo di violenza inaccettabile sulle donne dobbiamo impegnarci ogni giorno a promuovere la parità di genere ed il rispetto della persona umana nelle sue meravigliose e diverse espressioni, dobbiamo lavorare costantemente per la diffusione della cultura del confronto e del dialogo. A tale scopo abbiamo previsto una serie di momenti: flash mob, reading,  convegni, incontri che vogliono essere prima di tutto un invito a riflettere, a dibattere e quindi a sostenere il NO alla violenza sulle donne! “

Sabato 25 novembre p.v. il via alle iniziative promosse dall’Amministrazione Comunale tramite l’Assessorato alle Pari Opportunità con il supporto della collaboratrice del Sindaco per le Pari Opportunità Carla Casale. La Fontana di San Francesco si tingerà di rosso a simboleggiare il dolore, la disperazione e la morte delle donne che subiscono violenza. Il 9 dicembre un flash mob animerà il centro città, mentre fino all’8 marzo si alterneranno convegni e incontri con la partecipazione della giornalista del Corriere della Sera Ester Palma e la criminologa Mary Caldarazzo. Il programma dettagliato delle iniziative sarà diffuso nei prossimi giorni.

“E’ importante agire su più fronti, a cominciare dai Comuni e dalle istituzioni locali – conclude l’Assessore – senza mai abbassare la guardia, diffondere a macchia d’olio la cultura del No alla violenza contro le donne, per dar vita ad una società senza discriminazioni, disuguaglianze e sopraffazioni, in cui prevalga il riconoscimento pieno ed il rispetto della dignità e dei diritti umani, senza alcuna distinzione”.

3 novembre 2017 Non attivi

Lotta all’abusivismo a Cassino, ancora sigilli al fruttivendolo in via Garigliano

Di admin

CASSINO – Ancora sigilli alla struttura di rivendita frutta in via Garigliano a Cassino. A porli sono stati ancora una volta gli agenti del Commissaraito di Cassino impegnati da tempo in una azione di controllo sull’abusivismo di strutture commerciali. Già qualche tempo fa la struttura esra stata sequestrata e poi dissequestrata. Quella odierna sarebbe il provvedimento di un nuovo procedimento. L’attenzione della polizia, da tempo si è soffermata su situazioni bord line tra fruttivendoli che occupano aree comunali e marciapiedi e autolavaggi.

Ermanno Amedei

 

4 ottobre 2017 0

Dagli Usa all’Inghilterra fino alla Spagna. Il popolo è vivo e lotta

Di admin

DALL’ITALIA – Il popolo è vivo. Questa buona notizia ci permette di guardare con speranza al futuro, per noi, per i nostri figli, per la Terra.

Nell’ ultimo anno vi è stata una stupefacente reazione della gente, di tutte quelle persone che ancora sono in grado di alzare la testa, combattere e reagire. Ed è stata una scossa contagiosa, partita dagli Stati Uniti e diffusasi ora ovunque.

Il mondo era sotto una cappa asfissiante, prigioniero della cupola che governa la finanza, controlla la politica, gestisce con le multinazionali. In una parola: Estabilishment

Per noi italiani può andar bene la parola cricca, cioè un gruppo di soggetti che tendono a governare il mondo gestendo con le loro regole i tre aspetti fondamentali di quest’epoca: soldi, mercato, governo.

Sono quell’uno per cento che comanda sulla vita del restante 99% della popolazione. L’ oligarchia del ventunesimo secolo.

Ma in America, ad un certo punto, quel 99% ha fatto sentire la sua voce. E dopo la crisi che ha messo in ginocchio il ceto medio, da Seattle a New York, da Dallas a Milwakee è partita la lotta contro il potere consolidato e sempre più affamato.

Boscaioli, meccanici, pizzaioli, infermiere e poliziotti hanno votato Donald Trump. Il miliardario fuori da ogni schema, fuori da ogni logica di potere. Inviso persino al suo partito, quei repubblicani così vicini alle stesse lobbies della Clinton e di Obama. Loro comandavano il mondo ed hanno permesso crisi, guerre, scandali e povertà, immigrazione incontrollata.. Probabilmente le hanno favorite. Perché ognuno aveva un suo padrone. Invece Trump dice quello che pensa. Infischiandosene dell’ orrenda castrazione del politically correct. E la gente è stata con lui.

L’ onda lunga è arrivata poi in Europa: Brexit.

Tutti davano per scontata la sottomissione dei britannici ai giochetti dei fantocci europei. Sbagliato. La gente ha deciso di sconfessare i principali partiti politici e di fare quadrato in casa propria. Costerà loro 20 miliardi di euro. Nevermind, freedom first.

In Italia il PD ha preso un bello spavento alle elezioni amministrative. Dopo il tracollo alle urne ecco che improvvisamente e miracolosamente vengono bloccati i barconi dei migranti, una roba da fare dieci anni fa. La magistratura assesta qualche bel colpettino e tutti a fare poi lo scaricabarile sullo Ius Soli. Adesso si parla addirittura di tassare le multinazionali del web, dopo che Renzi per anni gli ha fatto finanche la pubblicità. Raddrizzare la rotta. Ma a guidare, per ora, sono sempre quelli che ci hanno portato sugli scogli.

In Germania la Merkel non sa più come comandare. Dopo le ultime elezioni, per rimanere in sella, dovrà chiedere aiuto ai nemici (si fa per dire) di prima. Il popolo gli ha già indicato la scritta exit, saprà leggere o no?

In Catalogna non ne vogliono sapere più del governo centrale. Basta con il Re, basta con Madrid.

Ovunque cresce dunque la sfiducia verso chi governa. Destra o sinistra. Non c’è differenza. E’ tutto un magna magna.

Troppe sono state le strade sbagliate prese in questi anni. Hanno giocato con il nostro futuro, la roulette della vita. Corrotti o incapaci, fate voi. Probabilmente entrambi. Sicuramente il popolo combatterà ancora per spezzare la catena della cricca.

Si tratterà di lottare con le armi della democrazia e di eleggere politici liberi ed onesti. Da qualche parte bisognerà pur trovarli e ricordare loro con forza, in ogni momento, che i governanti sono eletti dal popolo per fare gli interessi del popolo. Senza paura, perché il Popolo è ancora vivo!

MAX LATEMPA

17 agosto 2017 0

Lotta alla prostituzione: fermate e sanzionate sei donne in zona Asi Frosinone

Di admin

FROSINONE – Sei cittadine rumene, tra i ventidue e trentatré anni di età, sono state sorprese in zona ASI, in abiti succinti, nell’esercizio dell’attività di prostituzione, e accompagnate presso gli uffici della Questura per identificazione. E’ l’esito del servizio antiprostituzione svolto la notte scorsa da equipaggi delle Volanti, nella zona industriale della città. Nel corso dei controlli, effettuati anche con l’ausilio di agenti in abiti civili, predisposti dal Questore Santarelli, sono state applicate le norme “antiprostituzione” previste dalle ordinanze dei Sindaci dei comuni di Frosinone, Ceccano, Ferentino, Morolo e Supino. Per tutte le donne sono scattate le sanzioni amministrative previste dalle ordinanze sindacali, mentre due di queste, una ventenne ed una ventunenne, sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria per inosservanza del foglio di via obbligatorio emesso dal Questore di Frosinone. Proprio al fine di coordinare a livello tecnico operativo i servizi “antiprostituzione”, si è svolto, questa mattina, un tavolo tecnico, presieduto dal Questore, al quale hanno partecipato tutte le forze di polizia, comprese le specialità della Polizia di Stato, la Polizia Provinciale e le Polizie Municipali dei comuni interessati.

25 marzo 2017 0

Giallo sul pestaggio del giovane di Alatri, Emanuele lotta tra la vita e la morte

Di admin

Alatri – Il mistero su ció che è accaduto questa notte in un locale in piazza Regina Margherita a Tecchiena di Alatri resta fitto dato che che gli investigatori restano trincerati dietro al silenzio.

Di sicuro c’è che un giovanissimo del posto, Emanuele M., 20 anni, è ricoverato in fin di vita all’Umberto Primo di Roma a lottare tra la vita e la morte a causa di un profondo trauma cranico procuratogli, a quanto sembra, durante un vile pestaggio. Il ragazzo sarebbe stato operato per far riassorbire l’emorragia cerebrale che lo sta uccidendo.

Da questa notte, le indagini delle forze dell’ordine sono frenetiche. Sarebbero state ascoltate decine di persone, quasi tutti ragazzi che ieri sera, o meglio, questa notte, erano nel locale di Tecchiena.

Il silenzio degli investigatori, però, è assordante. Qualche testimone avrebbe riferito di una lite tra il giovane e alcuni stranieri, da tempo stanziali, che avrebbero infastidito la ragazza che era con lui. Ribadiamo che queste voci non tovano conferme ufficiali.

Le stesse riferiscono di un vile pestaggio tra piu persone, alcune armate anche di bastone, contro il solo giovane. In attesa di una versione ufficiale sull’accaduto, si continua a sperare e pregare per le sorti di Emanuele.

Ermanno Amedei