Tag: marocco

10 maggio 2018 0

Droga dal Marocco attraverso la Spagna, 10 arresti e 28 indagati tra Roma e Frosinone

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ROMA – Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri della Compagnia Roma Centro, nelle province di Roma, Frosinone e Torino, stanno dando esecuzione ad un’ordinanza che dispone la custodia cautelare in carcere per 10 persone, 7 di origine marocchina, un algerino, un italiano ed un albanese che avevano dato vita ad un traffico internazionale di droga, prevalentemente hashish, importata dal Marocco, tramite la Spagna, e quindi distribuita nelle principali piazze di spaccio romane, ma anche in altre province italiane.

Uno degli arrestati, un cittadino marocchino, era domiciliato a Frosinone e già arrestato dalle forze dell’ordine locali perchè coinvolto in altre operazioni antidroga.

L’operazione, convenzionalmente denominata “NADIR 2”, è stata condotta dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia e con il fondamentale contributo della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga (D.C.S.A.). Il gruppo criminale trattava consistenti quantitativi di sostanza stupefacente, hashish, marijuana e cocaina, adottando raffinate tattiche sia per occultare la droga, utilizzando “autovetture deposito” parcheggiate in luoghi strategici sia per lo spaccio, sotterrando quantitativi di media rilevanza in parchi e aiuole, per poi prelevarne le singole dosi in modo tale da ridurre il “danno” in caso di intervento delle forze dell’ordine.

Le cessioni agli acquirenti finali, effettuate dai pusher dell’organizzazione, erano dedicate soprattutto ai consumatori delle zone della movida al Pigneto; San Lorenzo; Trastevere; Campo de’ Fiori; Lungotevere, ma anche alle tradizionali piazze di spaccio nei quartieri di Tor Bella Monaca, Centocelle, Borghesiana e Alessandrina. Nella gestione dello spaccio a San Lorenzo, nel giugno 2016, gli indagati cittadini marocchini, dopo una violenta rissa, misero in fuga una banda di pusher tunisini che volevano insediarsi nella “loro” piazza di spaccio. Altrettanto violenta era la disciplina esercitata nel gruppo nei confronti di chi sbagliava che subiva interrogatori da parte dei capi, violenze fisiche per ogni supposta infedeltà o mancanza di cautela nella gestione dei propri compiti.

L’indagine dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Centro ha consentito di accertare responsabilità nei confronti di 28 persone che sono state indagate, di eseguire ulteriori 38 arresti in flagranza per spaccio nonché il sequestro sull’intero territorio italiano di complessivi 16 KG. di hashish, 4 KG. di marijuana e 7 KG. di cocaina. Sempre nel corso delle indagini, sono stati individuati rapporti di alcuni indagati con esponenti di spicco del clan camorristico “Polverino-Orlando” di Marano di Napoli, giunti a Roma per vari summit; sono stati inoltre arrestati, in Spagna, 2 pericolosi latitanti, colpiti da ordini di cattura internazionali per reati connessi agli stupefacenti, uno dei quali, italiano, trovato in possesso di circa 200 kg di hashish e 3 kg di cocaina presso la sua villa-bunker in Andalusia.

31 maggio 2010 0

Successo della missione di Confindustria Frosinone in Marocco

Di redazione

Ha suscitato grande attenzione ed interesse la missione in Marocco di Confindustria Frosinone, che si è tenuta a latere della seconda tappa del progetto “Invest in Med”, sviluppato nell’ambito del Programma Europeo omonimo e finalizzato a promuovere il potenziamento degli accordi commerciali tra le due rive del Mediterraneo, promosso dall’A.SP.IN. di Frosinone e Promos Lucca per le aziende del settore cartario. Sia le Istituzioni governative che le Associazioni imprenditoriali marocchine hanno accolto con grande partecipazione la delegazione italiana, guidata dal Presidente Marcello Pigliacelli che punta con intuito e determinazione su quelli che potranno rivelarsi i nuovi mercati con rinnovate opportunità di crescita. Uno di questi Paesi è, appunto, il Marocco che da tempo è aperto al commercio internazionale ed agli investimenti esteri. I rapporti di interscambio commerciale tra Marocco ed Italia sono di circa 2 miliardi di euro di merci scambiate e l’Italia è il suo terzo partner commerciale. A dare il benvenuto ed accompagnare la delegazione italiana è stato il Direttore I.C.E. di Casablanca, Silvia Giuffrida. Gli incontri d’affari si sono tenuti a Casablanca con il Presidente della C.G.E.M. -Confederazione Generale delle Imprese Marocchine -, Mohamed Corani, il quale ha illustrato il mercato marocchino, descrivendo gli scambi commerciali già esistenti con l’Italia e le nuove potenzialità d’investimento in Marocco. Ed ancora, il Presidente di Confindustria Frosinone Marcello Pigliacelli, ha potuto visitare la “ Fiera Logi.ma “, accompagnato dal Presidente dell’Associazione dei Trasportatori del Marocco, Abdelilah Hifdi. Tale manifestazione fieristica rappresenta l’ appuntamento più importante per il settore della logistica e dei trasporti in Marocco. Significativa, inoltre, è stata la visita del Presidente Marcello Pigliacelli a Rabat dove, presso la sede del Ministero del Commercio Estero, ha incontrato Zahra Maafiri, Direttore della Politica Commerciale Estera, in una prospettiva di reciproca collaborazione per azioni di partenariato. “L’iniziativa va sicuramente nella direzione giusta – dichiara Pigliacelli- ed è nostra intenzione presentare nei prossimi mesi delle progettualità