Tag: match

18 Febbraio 2019 0

Il big match fra Longobarda e Tordoni finisce in parità

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Non cambia la classifica nel torneo di Eccellenza. Dopo lo scontro diretto fra la Longobarda e la capolista Tordoni resta saldamente in vetta dopo il pareggio 1 a 1 nel derby della Città dei fiumi. La 18esima giornata, tuttavia, non risparmia novità. Prima fra tutte il terzo posto conquistato da Cervaro che supera con un secco 0 a 3 i padroni di casa del Collecedro. Altra importante novità, in questo turno, il ritorno alla vittoria del Moscuso (nella foto) che sul terreno di Isotopi si impone di misura, 0 a 1, sui padroni di casa. Battuta d’arresto per il Borussia sconfitto da DS Dodici per 2 a 0. Se ci si attendeva qualche modifica nei piani alti della classifica, in realtà, dopo la 18esima giornata del torneo, le vere novità sono venute da incontri di media e bassa classifica. Il prossimo turno, tuttavia, sarà importante per Cervaro impegnato a confermare il suo ‘stato di grazia’ nel match che lo vedrà opposto alla Longobarda. Il Moscuso che potrebbe avanzare in classifica e superare Collecedro nello scontro diretto con la formazione di Sant’Angelo. Incontro clou della diciannovesima giornata sarà quello fra Tordoni e Caira che potrebbe riportare la formazione cassinate a ridosso del vertice della classifica.

Nel girone “A” del torneo di Promozione resta capolista Janula nonostante il pareggio a reti inviolate con Cerreto. Aquino, tuttavia, non demorde e risponde con un 2 a 5 ottenuto nel facile confronto che lo vedeva opposto alla Sordella. Vittoria importante anche Friends for Football che consente a questa formazione di rimanere ancorata alla terza posizione in classifica, dopo la vittoria esterna ottenuta sui padroni di casa di Terzo Tempo per 2 a 3.

Nel girone “B” di Promozione continua a guidare la classifica AM Piedimonte con la vittoria ottenuta su una delle sue inseguitrici, il Belmonte, per 4 a 2. La seconda posizione rimane occupata da AM Colfelice nonostante il pareggio, 1 a 1, imposto dai padroni di casa AM Castelnuovo. Il prossimo turno non dovrebbe portare particolari novità, almeno sulla carta, con incontri che non possono creare preoccupazioni fra le formazioni che occupano i vertici del torneo.

F. Pensabene

28 Gennaio 2019 0

La Virtus dura solo un tempo e Capo D’Orlando si aggiudica il match

Di redazionecassino1

Dopo un buon avvio di gara, la BPC Virtus Cassino, dunque, ‘si scioglie come neve al sole’, e complice una seconda parte di gara assolutamente sottotono da parte degli uomini di coach Vettese, la Benfapp Capo D’Orlando riesce a conquistare la diciottesima giornata del campionato di Serie A2 Old Wild West girone Ovest, con un risultato finale più che gravoso per Pepper e soci.

Non arriva ancora, quindi, la prima vittoria esterna per le ‘V’ rossoblù, che rimediano ancora una pesante sconfitta lontano dal PalaSport di Frosinone.

Con la vittoria di Legnano contro Bergamo, la situazione della Virtus Cassino si fa ancora più complicata, e la distanza dal penultimo posto si rifà di nuovo di 4 punti.

“Comunico che da oggi la squadra è in silenzio stampa, compreso lo staff” l’esordio nella conferenza post-gara del Direttore Sportivo della Virtus Cassino, Leonardo Manzari.

“Dopo la seconda parte della gara di oggi, non è possibile fare nessun commento tecnico. La partita era stata preparata bene, e a dimostrazione di ciò, ci sono i primi due quarti di gioco dove abbiamo tenuto brillantemente testa a Capo D’Orlando. Al rientro dagli spogliatoi, ho visto una squadra molle, deconcentrata ed in alcun modo volenterosa nel voler portare a casa la partita. Il loro parziale del terzo quarto di 9-0 ci ha tagliato completamente le gambe. Siamo andati sul -14 e poi da lì non siamo più rientrati, anzi… ahimè è andata ancora peggio. Il piano partita, non era quello di far correre Capo D’Orlando, e nel momento in cui siamo stati in grado di contenere i ritmi, siamo stati in partita, quando poi non abbiamo seguito più le cose che di tecnico avevamo preparato abbiamo preso l’imbarcata. Con la vittoria di Legnano, abbiamo adesso senza dubbio un piede nel baratro. Abbiamo il dovere di provare fino in fondo a fare il nostro meglio e con la forza della disperazione uscire da questa situazione critica. Per fortuna, abbiamo la possibilità di riscattarci sin da mercoledì in casa con Rieti, non uno dei clienti più facili da affrontare. Vengono da una brillante affermazione esterna contro Trapani e verranno a Frosinone per mantenersi nelle piazze nobili della classifica. Dovremo gettare il cuore oltre l’ostacolo e fare una prestazione di grande orgoglio e sacrificio”.

Passando alla cronaca del match, si inizia con Bruttini, Parks, Triche, Bellan, Lucarelli per l’Orlandina, Castelluccia, Hall, Raucci, Sorrentino e Pepper per la BPC Virtus Cassino. Parte subito forte l’Orlandina, che con il numero 2 Bruttini si porta sul +5; la Virtus, però, con grande pazienza, fa circolare la palla, cercando di non alzare troppo i ritmi del gioco, e grazie alla tripla di Pepper trova il primo vantaggio sul 12-11 a 6 minuti dalla fine del primo quarto. Dopo il time-out chiamato dalla panchina di Capo D’Orlando, i ragazzi di coach Sodini riprendono a macinare gioco e con i due punti di Mobio, trovano il +10 a due minuti dalla fine del primo quarto. Castelluccia, con due bombe consecutive riporta le ‘V’ cassinati a contatto sul 26-21 al 9’, ma è Bellan questa volta a respingere indietro la formazione della città martire, chiudendo il primo parziale sul 28-21.

Dopo la pausa, è sempre Capo D’Orlando a ripartire meglio con Laganà e Mei, trovando il nuovo +10. Sono Sorrentino, Pepper e Castelluccia a condurre la formazione di Vettese sul -3, che vede tuttavia scappare di nuovo la compagine di casa grazie a Mobio e Bruttini. Hall e soci non ci stanno, raggiungono di nuovo gli avversari, e li sorpassano con un gioco da 3 punti di Pepper su un passaggio tutto campo di Hall. È 38-39 per i viaggianti. L’Orlandina sorpassa di nuovo la Virtus grazie ai punti di Parks e Triche, ai quali risponde con due canestri Gennaro Sorrentino, ma è sempre il giovane Mobio a far concludere la seconda frazione sul parziale di 47-42.

Dagli spogliatoi escono due squadre con il morale decisamente differente: la Virtus sembra non essere mai rientrata in campo, l’Orlandina torna sul parquet con la voglia e la cattiveria giusta per ‘ammazzare’ la gara. Lucarelli e Bellan, dalla lunga distanza, puniscono immediatamente i rossoblù cassinati, che provano a reagire con Pepper e Hall. Triche e Lucarelli firmano il +16, con sempre il solito Hall che prova a rimettere in ritmo la Virtus, ma è Capo d’Orlando ad avere in mano le redini della gara, e con Parks tocca il +18 al 28’. Guaccio e Sorrentino cercano di metterci una pezza sul finire del terzo periodo, seppur il passivo rimanga comunque pesante: al 30’ si va all’ultimo riposo sul 69-53.

Capo d’Orlando rientra sul parquet con Bruttini, Laganà e Mei che in un amen firmano il +22 (79-57), con la Virtus che ormai attende inerme la fine del match. Gli ultimi 6’ hanno poco da offrire, con il risultato oramai ben saldo nelle mani della compagine di coach Sodini, che sulla sirena finale può festeggiare la vittoria sulla BPC con il risultato di 97-67.

Non bastano alla Virtus un Hall da 16 punti e 16 rimbalzi e un Castelluccia da 14 punti. Troppo pochi i punti dati alla causa dalla panchina cassinate, 4 per la precisione, rispetto ai ben 33 dei bianco-blu.

Prossimo appuntamento per le ‘V’ cassinati, mercoledì 30 gennaio ore 20:30, contro la NPC Rieti, che dopo la vittoria di Trapani e la sconfitta di Bergamo con i Legnano Knights, occupa la seconda piazza della Serie A2 Girone Ovest.

Benfapp Capo d’Orlando – BPC Virtus Cassino 97-67 (28-21, 19-21, 22-11, 28-14)

Benfapp Capo d’Orlando: Davide Bruttini 21 (6/7, 1/1), Jordan Parks 20 (4/8, 3/6), Yantchoue joseph Mobio 11 (5/7, 0/1), Matteo Lagana 10 (2/4, 2/4), Brandon Triche 9 (3/7, 0/3), Nicola Mei 9 (0/0, 3/8), Jacopo Lucarelli 7 (1/1, 1/3), Simone Bellan 7 (2/3, 1/1), Marco Murabito 3 (0/0, 1/1), Lorenzo Neri 0 (0/0, 0/0), Mattia Raví 0 (0/0, 0/0), Giancarlo Galipó 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 15 / 22 – Rimbalzi: 38 13 + 25 (Jordan Parks 11) – Assist: 24 (Brandon Triche 11)

All. Sodini

BPC Virtus Cassino: Michael Hall 16 (5/8, 2/4), Luca Castelluccia 14 (2/6, 3/5), Dalton Pepper 13 (3/10, 1/9), Davide Raucci 11 (3/4, 1/2), Gennaro Sorrentino 9 (4/7, 0/2), Francesco Paolin 2 (1/3, 0/1), Angelo Guaccio 2 (1/2, 0/0), Tommaso Ingrosso 0 (0/2, 0/0), Davide Bianchi 0 (0/0, 0/0), Fabrizio De ninno 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 8 / 10 – Rimbalzi: 28 11 + 17 (Michael Hall 16) – Assist: 14 (Michael Hall, Dalton Pepper 5)

All. Vettese

11 Gennaio 2019 0

Big match al Casaleno, la Virtus affronta la Virtus Roma per la prima vittoria del girone di ritorno

Di redazionecassino1

Seconda gara del 2019 per gli uomini di coach Vettese, che in vista della 16^ giornata, la prima di ritorno della regular season, del campionato nazionale di serie A2 Girone Ovest, affronterà la prima classificata della lega (a pari punti con Bergamo, ndc), ovvero la Virtus Roma. Dopo la bella prestazione dei primi due quarti con Scafati, cancellati da una brutta prova nella seconda metà di gara, e dopo l’arrivo in settimana di Mike Hall, la squadra della città martire ha voglia di stupire e di ben figurare al cospetto della corazzata capitolina. L’arrivo della “stella americana”, ribattezzato “The King” in quel di Ferrara, ha sicuramente aumentato il fermento in casa rossoblù per la prossima partita casalinga. Un match difficile, ma tutto da giocare, da vivere e da seguire per gli appassionati di fede cassinate, che se in partenza potevano pensare ad un match dal risultato scontato, adesso con un Mike in più, è più facile sognare, o perlomeno sperare.

Con l’organico al completo, allora, la formazione cassinate è pronta a dare battaglia alle ‘V’ capitoline, per cominciare nel miglior modo possibile il girone di ritorno. Al cospetto, tuttavia, della compagine rossoblù, ci sarà un collettivo reduce dalla vittoria contro la penultima piazza del girone Legnano, che ha ridato ossigeno alla formazione di Bucchi dopo la sconfitta beffarda nel tempo supplementare contro la Givova Scafati. L’obiettivo dei giallorossi è quello di continuare nel trend positivo e non perdere il contatto con l’altra capolista del girone Bergamo, nella speranza di ribaltare nel match casalingo, lo scontro diretto per la prima piazza solitaria.

L’organico a disposizione di Piero Bucchi, si compone dalle stelle americane Moore (16,6 punti, 4 assist e 3 rimbalzi di media, ndc) e Sims (top-scorer con 19.7 punti, 10.7 rimbalzi e 2 assist di media, ndc), senza dubbio la coppia di stranieri più forte del girone, dalla coppia di ali grandi, Alibegovic (7.1 punti e 4 rimbalzi di media per gara, ndc) e Landi (10.5 punti, 7 rimbalzi e 2 assist di media a gara, ndc), dalle guardie-ali, Sandri (8.8 punti e 3 rimbalzi di media a gara, ndc), Baldasso (7.9 punti, 3 rimbalzi e 2 assist di media per gara, ndc), Santiangeli (5.9 ppg, 2 rimbalzi e 2 assist, ndc), Chessa (5.4 ppg, 3 rimbalzi e 2 assist, ndc) e Saccaggi (4.3 ppg, 2 rimbalzi e 1 assist, ndc), e dai giovani Matic e Lucarelli.

Partita speciale per due “ex” di turno: Dalton Pepper, protagonista della salvezza giallorossa in A2 nella stagione 2016/17, e Davide Raucci, protagonista anche lui della salvezza capitolina nella scorsa annata sportiva 2017/18.

Queste le parole del Team Manager e Assistant-coach cassinate, Furio De Monaco, in vista del match di sabato: “Ci avviciniamo alla partita con la Virtus Roma nel migliore dei modi. Affrontiamo una delle squadre più forti del nostro girone, ma non arriveremo in alcun modo al match con la mentalità della ‘vittima sacrificale’ di turno. Mercoledì è arrivato Mike (Hall), e ho visto, sin dal suo primo allenamento, un’intensità ed una grandissima voglia da parte della squadra di fare bene. Tutti lo hanno accolto in maniera ‘super’ e questo non ci fa altro che ben sperare per il futuro. Avere un giocatore come lui, non è sicuramente una ‘medicina curativa’ per tutti i nostri problemi, ma è senza dubbio quell’atleta che cercavamo ed in grado di darci quel carisma, quella leadership e quella sicurezza che a questa squadra è mancata nella prima parte di stagione. Penso che sia uno dei migliori giocatori della lega, ed avere la possibilità di allenarlo è davvero una cosa unica. Spero che con Roma riesca a dare sicurezza e mentalità positiva anche a tutta la squadra, perchè contro i capitolini avremo bisogno di una gara ai limiti della perfezione. Loro sono una formazione lunga e che può contare su diverse varianti tecnico-tattiche. Credo, però, che se saremo capaci di mettere in campo la Virtus dei primi due quarti contro Scafati, potremo giocarci le nostre chance di portare a casa il match. Da sabato avranno inizio per noi 15 finali, dove ogni gara dovrà essere giocata alla ‘morte’. Questo i ragazzi lo sanno, e sono sicuro che le sensazioni buone che ho avuto in settimana, saranno confermate sul campo questo fine settimana”.

Arbitreranno la partita in programma al PalaSport di Frosinone, sabato 12 gennaio 2019 alle ore 17.00, i signori: YANG YAO DANIELE di VIGASIO (VR), NUARA SALVATORE di SELVAZZANO DENTRO (PD) e MENEGHINI FRANCESCO di VERONA (VR).

Diretta streaming su LNP TV Pass, diretta audio in streaming dal canale Spreaker della società, Virtus Cassino Radio (https://www.spreaker.com/show/lo-show-di-virtus-cassino), aggiornamenti dai canali ufficiali Facebook (www.facebook.com/VirtusCassino), Twitter (@VIRTUSTSB) ed Instagram (@virtuscassino).

 

ROSTER:

 

BPC Virtus Cassino: Mike Hall, Dalton Pepper, Francesco Paolin, Davide Raucci, Luca Castelluccia, Tommaso Ingrosso, Fabrizio De Ninno, Gennaro Sorrentino, Dario Masciarelli, Davide Bianchi.

 

Virtus Roma: Nic Moore, Henry Sims, Tommaso Baldasso, Daniele Sandri, Marco Santiangeli, Amar Alibegovic, Aristide Landi, Andrea Saccaggi, Massimo Chessa, Edoardo Lucarelli.

26 Marzo 2018 0

Basket C/Silver: Veroli vince un match importante per i play-off contro Vigna Pia

Di redazionecassino1

La Pallacanestro Veroli vince un importante scontro diretto per la corsa ai playoff superando il Vigna Pia grazie ad una prestazione convincente soprattutto nel secondo tempo. Una partita cruciale vista la situazione di grande equilibrio in classifica con le due squadre appaiate alla vigilia a quota 12 assieme ad altre due formazioni: la truppa di coach Celani mette 2 punti in cassaforte guadagnandosi così una sosta pasquale serena. Non è stata comunque una gara facile per i padroni di casa, meglio infatti il Vigna Pia nella prima metà di gara con gli ospiti avanti nel punteggio seppur di misura grazie soprattutto alla buona difesa messa in campo dai ragazzi di coach Fabbri. Avvio di gara emblematico, a 3′ di gioco il risultato è di 0-2. Quintetto di partenza Fiorini M., Fiorini G., Velocci, Frusone e Celani. Quest’ultimo a 6′ di gioco segna il pari 2-2. Buon contropiede di Frusone che segna il sorpasso. Bomba di Fiorini G. a 3′ dalla fine, a seguire Celani che segna di nuovo il pari 9-9 e recupera due tiri dalla lunetta. Dal punto di vista tattico la Pallacanestro Veroli 2016 sembra aver recuperato smalto. La partita procede punto su punto. Il primo quarto si chiude 12-16, un quarto davvero povero di spunti tecnici. Alla ripresa del secondo quarto buona la giocata nel pitturato con Frusone che va a segno. Bomba di Fiorini M. a 5′ di gioco che accorcia le distanze -2 (22-24). Buona la giocata Fiorini-Frusone nel pitturato che segnano il pari. A 1’54” dalla fine entra in campo Lauretti. Fallo su Fiorini M. che dalla lunetta mette a segno i tre tiri liberi. Vigna Pia chiede il time-out a 3″ dalla fine. Palla ai romani che segnano il +4. Il secondo quarto si chiude 29-33. Nella ripresa a suonare la scossa per i giallorossi ci pensano i fratelli Fiorini e l’onnipresente Frusone, protagonista di una splendida prestazione culminata con 19 punti messi a referto (top scorer di serata).La Pallacanestro Veroli 2016 ribalta definitivamente l’inerzia dell’incontro iniziando ad usare benissimo il pick and roll, contemporaneamente cresce anche la difesa di coach Celani e arriva il primo allungo, propiziato da Mauti e da altre due bombe del solito Giorgio Fiorini. La Pallacanestro Veroli 2016 prova a difendere il campo. Buona la giocata nel pitturato dei fratelli Fiorini che con Celani vanno a segno e si portano a +2. Risponde Plateo con una bomba da 3. Ma la Pallacanestro Veroli resiste e difende la maglia. Recupera e sorpassa con una ottima giocata tattica del quintetto Mauti, Frusone, fratelli Fiorini e Celani. A 4’48” la Pallacanestro Veroli si porta a +2 (40-38). L’orgoglio della Pallacanestro riaccende le speranze e a 2’24 si porta a +8 (50-42). Rientro dal riposo lungo, un Frusone particolarmente ispirato nella partita odierna è letale da sotto canestro. Mauti è bravo ad allungare in contropiede e a 1’18 il risultato è di 52-42 per i ciociari. Falloso il Vigna Pia. Si chiude il terzo quarto con il risultato di 54-45. Entrambe le squadre lottano per una vittoria che permetterà loro di riaccendere la speranza dell’accesso ai play-off. A 5’36” la Pallacanestro Veroli 2016 è a +9. Rientra Fiorini M. che ottiene e mette a segno i due tiri liberi concessi ma a seguire gli viene fischiato il quinto fallo. La Pallacanestro Veroli 2016 ribalta il punteggio e riesce anche a chiudere con un ottimo +12 (72 – 60), scarto interessante in chiave differenza canestri, mettendo un mattone importante per la rincorsa ai playoff, obiettivo dichiarato della stagione ciociara.

PALLACANESTRO VEROLI 2016 72 – A.P.D. VIGNA PIA 60

Tabellini: Celani D. 11, Frusone 19, Fiorini G. 16, Fiorini M. 16, Mauti 8, Iannarilli 2, Velocci, Lauretti, Igliozzi n.e., Lella n.e. All. Celani G.

12 Marzo 2018 0

Salta il big match Collecedro e Labbirra, Moscuso si gode il secondo posto

Di redazionecassino1

Sesta giornata di ritorno in Eccellenza caratterizzata dalla pesante sconfitta subita dal Canceglie sul terreno della Longobarda per 5 a 2. La sconfitta della formazione volsca permette al Ducato di portarsi al comando della classifica dopo aver superato in casa e con lo stesso punteggio, 5 a 2, il Viticuso. Vittoria anche per i Tordoni, 1 a 3, sui padroni di casa di Cerreto e di Caira sulla Sangermanese per 3 a 2. In fondo alla classifica successo di DS Dodici contro Amatori Aquino. Tibia e Peroni supera in casa, 1 a 0, Isotopi Pontecorvo. In promozione salta il big match fra Labbirra e Collecedro, ma la classifica non subisce cambiamenti tranne per il sorpasso di Moscuso, ora secondo, con la vittoria, 4 a 0, ottenuta contro Amatori Piedimonte. Torna alla vittoria, 1 a 0, Drink Team Duff contro Sant’Ambrogio City. Brutta confitta casalinga per Terelle, 1 a 2, ad opera di Amatori Castelnuovo. L’altra formazione aurunca, Real Castelnuovo deve cedere i tre punti agli Amatori Belmonte, con la sconfitta casalinga per 2 a 3. Janula espugna il campo di Caffè Reale per 2 a 4, vincendo il confronto.

21 Gennaio 2018 0

La Virtus Cassino fa suo il big match casalingo contro la Luiss Roma

Di redazionecassino1

Dopo 40 minuti di grandissimo livello e di spettacolo al PalaVirtus, gli uomini di coach Vettese, dunque, fanno loro l’importante match contro la Luiss Roma, al termine di una gara intensa e caratterizzata da un ultimo quarto delle “V” rossoblù a dir poco devastante. Infatti, Del Testa e compagni, partiti inizialmente impauriti e imballati nella prima frazione, hanno preso il sopravvento sugli avversari solo nell’ultimo quarto, nonostante comunque il vantaggio acquisito al termine del terzo periodo che era solo però di quattro lunghezze. Sono le 5 “bombe” negli ultimi cinque minuti di gara del duo Petrucci-Cena, a permettere ai lupi virtussini di ribaltare anche lo scontro diretto fondamentale in vista di un miglior piazzamento in classifica per la griglia playoff (12 lunghezze di vantaggio della Luiss Roma sulla Virtus Cassino all’andata; 27 invece quelle nella gara di ritorno, ndr), ma anche la prova monstre di Simone Bagnoli, sempre più decisivo e protagonista di questa Virtus Cassino targata 2017-18; saranno 20 punti e 10 rimbalzi in 33 minuti di utilizzo, il suo bottino finale al quarantesimo.

“Giocavamo contro una squadra con il nostro stesso punteggio in classifica e con lo scontro diretto a favore, dove noi avevamo solo da perdere”.

Così esordisce nel post-gara il DS della BPC Virtus Cassino, Leonardo Manzari.

“Abbiamo dimostrato di poter stare tra le grandi e che aldilà dell’ultimo quarto, la calma e l’umiltà giusta che abbiamo avuto per portare a casa la partita, ha fatto la differenza per tutto il match, anche all’inizio dove non eravamo brillantissimi. Adesso ci attendono tre partite complicatissime, ma i valori dentro che ha questa squadra saranno importantissimi e faranno sicuramente la differenza. Mi ha fatto piacere che abbiamo alzato tanto l’intensità in difesa e che poi dall’altra parte del campo abbiamo infiammato il pubblico, che all’inizio era un po’ ‘passivo’. Petrucci, Cena e Bagnoli sono stati incontenibili, ma non sono stati da meno Carrizo, Del Testa, Robert e Fabrizio, che, in particolar modo gli ultimi due, hanno dato dei minuti di qualità e sostanza ai senior. Stiamo crescendo e migliorando da tutti i punti di vista e di questo sono contentissimo. Arriviamo alla partita di Salerno con grande fiducia, nonostante loro abbiano inserito Sorrentino e siano una squadra forte e ben allenata”.

La partita inizia con Panzini, Del Testa, Carrizo, Cena e Bagnoli da una parte, e Marcon, Scuderi, Bonaccorso, De Dominicis e Beretta dall’altra.

De Dominicis sblocca il match sul primo possesso di gara dalla palla a due tra Beretta e Bagnoli, con il primo che serve involontariamente un assist al bacio al compagno che deve solamente appoggiare a canestro, con una Virtus che ha la colpa di farsi trovare decisamente poco pronta. Per i padroni di casa, i primi punti di gara invece sono del sempiterno Manuel Carrizo, che con un gioco da 3 punti, firma il primo sorpasso targato Banca Popolare del Cassinate. La Luiss però approccia meglio al match guidata da un ottimo Scuderi che concluderà il primo quarto con 9 punti, 2 palle recuperate, 1 assist e 2 rimbalzi. De Dominicis e Marcon, rispondono anche loro presenti, firmando 6 punti ciascuno, mentre per i rossoblù gli unici a mantenere a “galla” la Virtus, sono Bagnoli, che firma 6 punti, e Petrucci, che in soli 2 minuti e trenta secondi, mette a referto 8 punti, 6 dei quali con due conclusioni da distanze siderali che riscaldano i cuori dei sostenitori benedettini. Finisce la prima frazione sul risultato di 24-27 per gli ospiti.

Si rientra sul parquet, e la musica non cambia. La Luiss appare più in partita rispetto alla Virtus, e va all’intervallo lungo sempre con un vantaggio di due lunghezze (40-42).

Dopo la pausa, Vettese, De Monaco e Incelli strigliano a dovere i loro ragazzi, che appaiono rientrare dallo spogliatoio decisamente con un’altra faccia e un’altra determinazione. Bagnoli sotto le plance è incontenibile e Carrizo decide di firmare il match in maniera decisiva con due triple che tagliano le gambe agli avversari. È 64-60 il risultato finale al termine della terza frazione di gioco.

Il quarto periodo è un vero e proprio “sogno ad occhi aperti” per i sostenitori virtussini, con una Virtus Cassino che Furio De Monaco, team manager e assistant coach rossoblù, in conferenza stampa definirà “la perfezione che vuole e può vincere questo campionato”. La formazione benedettina alza i ritmi in difesa e la Luiss non riesce più a segnare (1/8 dal campo nel quarto periodo, ndr); Petrucci e Cena decidono quindi di azzannare il match: il primo è autore di due dei suoi tiri dalla lunga distanza che mandano in confusione gli avversari, mentre il secondo è artefice di una prestazione nell’ultima frazione impressionante, con 3 triple, 3 palle recuperate, 3 rimbalzi e 2 assist.

Saranno solo 7 i punti degli universitari negli ultimi dieci minuti di gara, al cospetto dei ben 30 che vengono messi a referto dai mattatori rossoblù.

Cala il sipario, allora, al PalaVirtus con il tabellone che recita: BPC Virtus Cassino 94 – Luiss Roma 67.

Prossimo appuntamento per i lupi rossoblù, domenica 28 gennaio alle ore 18.00 al PalaSilvestri. Questa volta il big match sarà contro la Virtus Arechi Salerno.

BPC Virtus Cassino – Luiss Roma 94-67 (24-27, 16-15, 24-18, 30-7)

BPC Virtus Cassino: Simone Bagnoli 20 (10/15, 0/0), Niccolò Petrucci 20 (2/3, 5/9), Enzo Cena 17 (4/7, 3/7), Maurizio Del testa 15 (3/4, 1/7), Manuel Carrizo 11 (1/3, 2/4), Lorenzo Panzini 4 (2/4, 0/5), Fabrizio De ninno 3 (0/1, 1/1), Robert Banach 2 (1/1, 0/0), Giuseppe Di poce 2 (1/1, 0/0), Fabio Guglielmo 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 14 – Rimbalzi: 36 10 + 26 (Simone Bagnoli 10) – Assist: 23 (Lorenzo Panzini 6)

All. Vettese; Ass. Incelli

Luiss Roma: Andrea Scuderi 24 (8/10, 2/6), Leonardo Marcon 14 (5/9, 0/2), Piero De dominicis 14 (5/8, 0/0), Eugenio Beretta 6 (1/5, 1/2), Antongiulio Bonaccorso 6 (0/1, 2/6), Francesco Veccia 3 (0/0, 1/6), Jacopo Bristot 0 (0/0, 0/0), Luca Sanguinetti 0 (0/0, 0/0), Danilo Feruglio 0 (0/0, 0/0), Alfonso Gebbia 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 11 / 12 – Rimbalzi: 30 3 + 27 (Andrea Scuderi 9) – Assist: 8 (Andrea Scuderi 4)

All. Paccariè

MVP:  Niccolò Petrucci

 

 

13 Novembre 2017 0

La NB Sora 2000 fallisce il match point salvezza contro l’Alfa Omega, diretta concorrente nella corsa alla salvezza

Di redazionecassino1

La N.B. Sora 2000 fallisce il match point che valevano due punti preziosi per la classifica. Non basta  alla squadra  di Ortenzi il neo acquisto Omar Hussin  approdato in ciociaria  in settimana. Sul parquet di Via Isole Del Capo Verde nell’ ottava giornata  di campionato passa l’Alfa Omega 91-64.

Ancora una volta un terzo quarto maledetto con soli 15 punti messi a segno dai biancocelesti, decide la partita del Sora. Troppo poco l’apporto dato alla squadra da parte dei senior e percentuali al tiro comunque ancora basse, soprattutto dalla lunga distanza. Le percentuali ai tiri liberi migliorano ma non è sufficiente.

Sora gioca decentemente il primo quarto di gioco, facendo girare la palla e cercando soluzioni facili con Stirpe (febbricitante) Di Prospero porta i suoi sul +2 (16-18) al 9’ , ma i padroni di casa con Vitale limita i danni con 5 punti consecutivi. Sul finire del quarto si spegne la luce in casa sorana, che imbarca un parziale di 7-0 nell’ultimo minuto e si trova ad inseguire dopo 10′ (23-18).

Il trend della gara cambia nella seconda frazione, con il Sora che ingrana la marcia e i locali imbarcano canestri da pressoché ogni posizione: i canestri di Stirpe costringe coach Santini al timeout dopo un altro buon break ciociaro. L’emorragia non si arresta. Scarichi e confusi, i padroni di casa non trovano il capo della matassa, mentre Cara e compagni affondano in un lampo fino al +8, con un eloquente parziale del secondo quarto di 16-25. La reazione, too little too late, consente ai padroni di casa di rientrare prima di chiudere la prima meta di gara sul 39-43.

 

Le squadre tornano sul parquet e l’Alfa Omega accelera i ritmi con Brichese, e Barucca. Risponde il Sora con Hussin ma, l’inerzia dei ragazzi di Ortenzi  spinge i padroni di casa con Lucibello, a salire la china e  mettere la freccia e sorpassare i volsci. Volsci  che abbandonano ogni velleità di rimonta e si consegna al fuoco lidense. Da metà del terzo quarto cala il buio nel gioco dei ragazzi di Ortenzi che, inspiegabilmente, si ritrovano in campo senza schemi d’attacco, senza ribaltamenti di palla e senza aiuti difensivi minimi a contenere un’Alfa, che, fa il minimo indispensabile. C’è anche tempo per lo spettacolo a suon di canestri prima che la sirena finale emetta la sentenza: 91-64. Coach Ortenzi abbastanza rammaricato dalla prestazione dei suoi ragazzi: “Abbiamo ben giocato il primo tempo dopodiché il nulla. In 15’ minuti la squadra, ancorché giovane, non può sbarcare e prendere 30 punti. A testa bassa bisogna lavorare tanto sia sulla tecnica che, specialmente sulla testa”. Per i biancocelesti ora è già tempo di pensare alla prossima sfida di campionato di sabato 18 novembre contro Frassati Bk, la squadra dell’ex Mariani, con l’obiettivo di tornare presto alla vittoria.

 Alfa Omega 91 – N.B. Sora 2000 64

 

Parziali: 23-18 / 16-25 / 28-15 / 24-6

Alfa Omega: Brichese Emi. 1, Iannone 13, Barucca 25, Bogunovich 2, Cappelluti 3, Di Pietro 13, Ferrigno 2, Muscariello 0, Lucibello 10, Vitale 10, Brichese Ema. 13, Cardi 0; Coach: Santini

 

N.B. Sora 2000: Stirpe 16, Santucci n.e., Castellucci 0, Di Prospero 10, Radonjic 8, Berardi 0, Vona 5, Jancic 3, Hussin 12, Bulatovic 2, Suriano n.e., Cara 8; Coach: Ortenzi. Ass.Berardi

 

 

27 Ottobre 2017 Off

Big match al Pala Iaia: la Virtus Cassino affronta la Pallacanestro Palestrina

Di redazionecassino1

Una sfida dalle mille insidie e dai mille pericoli, quella a cui andrà incontro la BPC Virtus Cassino in una questa 5° giornata del campionato nazionale di Serie B girone D, che si troverà davanti la favorita numero uno alla vittoria finale della competizione cadetta.

La Pallacanestro Palestrina, infatti, oltre ad avere concesso il passo alle sue avversarie una sola volta in questo inizio di stagione, rispetto alla Virtus Cassino, che di sconfitte ne ha accumulate ben due, può contare su elementi di estremo ed indiscusso valore, nonché giocatori di esperienza e di notorietà nella categoria, che inevitabilmente gli consegnano i favori del pronostico della Serie B 2017-18.

Vecchie conoscenze, comunque, per gli uomini di coach Vettese, a partire dal coach prenestino Lulli, che affronterà le “V” rossoblù tra playoff e regular season per la sua undicesima volta. Il parziale dei confronti è in questo momento in situazione di perfetta parità, cinque infatti le vittorie conquistate dal sodalizio cassinate, come altrettante sono quelle conseguite dal sodalizio del patron Cilia.

 

In regular season, però, la Virtus Cassino non ha mai portato a casa la vittoria in trasferta al Pala Iaia. Difatti, l’unica vittoria esterna dei lupi rossoblù in terra prenestina deve portare indietro la mente dei tifosi cassinati, all’oramai lontana stagione 2015-16, dove in gara 1 delle semifinali playoff, Carrizo e compagni, espugnarono l’allora imbattuto campo della super corazzata arancio-verde. Oltre al match sulle panchine, ci sarà un match decisamente combattuto anche sul campo, dove i due neo-arrivi in maglia preneste, Barsanti e Visnjic, ritrovano sul loro cammino, dopo la semifinale dello scorso anno, le “V” rossoblù, con quella fame e voglia di ripetere quello che di straordinario hanno portato a termine nell’annata scorsa con la maglia del Cuore Napoli Basket. Altra vecchia conoscenza virtussina, è il playmaker Filippo Alessandri, che dopo la stagione di A2 in maglia Jesi e quella in B a Falconara, aveva battuto da avversario i lupi rossoblù nel primo anno di serie B nei quarti di finale playoff con la casacca della Poderosa Montegranaro, eliminata poi nella semifinale dalla poi promossa Rieti (stagione 2014-15, ndr). Si passa poi a Gianmarco Rossi, uno dei due superstiti e fedelissimo arancio-verde dopo la rivoluzione di questa stagione, che sempre ha fatto male con le sue percentuali da 3, con la sua velocità e imprevedibilità, alla Virtus Cassino. Andiamo, quindi, di nuovo sotto le plance, dove Paesano, neo-promosso con Montegranaro, la fa da padrone insieme al suo compagno di reparto Visnjic, aspettando Gatti infortunato, per poi concludere con Duranti, anche lui finalista con Campli lo scorso anno, e Molinari, altro confermato da “ottavo senior” negli schemi di coach Lulli. Tutti giocatori, insomma, veterani ed esperti della categoria, che, come non è possibile nascondere, tenteranno con tutte le armi e tutte le loro possibilità, al grande salto di categoria, costruendo le basi proprio dalla prossima partita contro la BPC Virtus Cassino.

Queste le parole di Visnjic, rilasciate alla Lega Nazionale Pallacanestro prima della partita che andrà in scena domenica alle ore 18.00: “Sicuramente aver cambiato maglia, non ha distolto la mia attenzione dagli obiettivi che sempre perseguo: fare meglio rispetto all’anno precedente. Sono dimostrazione di ciò, anche le due doppie/doppie nelle prime giornate di questa stagione. Veniamo da una bella vittoria nel derby contro Valmontone, dove abbiamo realizzato davanti al nostro pubblico ben 100 punti, che stanno a significare, che ci stiamo compattando come gruppo e che stiamo trovando quell’amalgama tale, che ha permesso a ciascuno di noi di uscire completamente soddisfatto dal campo con la consapevolezza di aver dato tutto. Anche per i tifosi e il resto della società era importante portare a casa i due punti, e noi lo abbiamo fatto condendo il tutto con una bellissima prestazione. Adesso andiamo incontro ad un altro derby importante e di alta classifica contro Cassino, formazione che porto a cuore dallo scorso anno per avermi regalato delle gioie infinite con la maglia di Napoli. A Palestrina, questo match è sentito ancor di più rispetto all’ambiente napoletano, per la maggior vicinanza che c’è a livello territoriale con la formazione rossoblù, ed è per questo che tutti noi non vediamo l’ora di scendere in campo per dare tutto e portare i due punti a casa”.

Dal canto suo, l’ala piccola cassinate Manuel Carrizo, presenta così il match: “Sono molto contento di essere ritornato a Cassino, perché è una squadra che avevo lasciato un anno fa con degli obiettivi importanti, che poi ho ritrovato con la stessa fame e con la stessa voglia di emergere. Tuttavia, non sono particolarmente contento del mio inizio di stagione, ed è per questo che lavoro giorno dopo giorno per trovare la forma migliore. Voglio dare una mano ai miei compagni che tanto si stanno impegnando in questo inizio di stagione e tanto ‘vogliono portare a casa’ alla fine di questa annata. Dobbiamo però migliorare su diversi aspetti relativi al nostro gioco. Uno di questi è sicuramente l’approccio alle partite fuori casa, dove abbiamo di certo ‘toppato’ l’atteggiamento avuto nelle prime battute, sottovalutando i nostri avversari e credendo di essere più forti senza alcun motivo. Stiamo lavorando per essere più quadrati e più duri mentalmente, ma credo che la strada intrapresa sia quella giusta, per arrivare poi nei momenti che contano al top della forma e al top dell’espressione del nostro gioco. I nostri obiettivi sono quelli di fare il meglio possibile, il massimo. Lotteremo e lottiamo per tutto, ma sappiamo al contempo, che Palestrina in questo girone sarà la squadra da battere. Per noi, dunque, già dalla prossima sarà una partita importante per capire a che punto siamo rispetto a loro. Non partiamo sconfitti, vogliamo andare lì a fare la nostra gara, a viso aperto, esprimendo il nostro gioco, consapevoli che se disputiamo il match al massimo delle nostre possibilità possiamo vincere con chiunque”.

Partita da non perdere, dunque, quella che andrà in scena domenica al Pala Iaia alle ore 18.00. Un derby dalle mille emozioni tra due squadre importanti, che a detta anche del duo Visnjic-Carrizo, tanto bene vorranno fare in questa stagione solamente iniziata.

Sugli altri campi, la Tiber Roma affronta Catanzaro, mentre Barcellona, prossima avversaria nel turno infrasettimanale della Virtus Cassino, affronterà in uno scontro di alta quota, l’altra imbattuta Luiss Roma. Salerno, affronta un’altra trasferta insidiosa, contro la Stella Azzurra Roma, con l’obiettivo di rialzarsi dopo i due stop consecutivi. Cagliari ospita Costa D’Orlando, mentre Scauri sfiderà Venafro, alla ricerca ancora dei suoi primi due punti in questa stagione. Infine, Isernia affronterà Patti, anche lei a secco ancora in queste prime quattro giornate, mentre Valmontone ospita Battipaglia.

Al Pala Iaia, invece, l’appuntamento è fissato domenica 29 Ottobre, palla a due alle ore 18:00. Collegamento via web-radio a partire dalle ore 17.45 in diretta su “Virtus Cassino Radio”.

 

ROSTER PALLACANESTRO PALESTRINA: Vojislav, Alessandri, Mattei, Rossi G., Barsanti, Duranti, Galuppi, Rossi F., Fiorucci, Pochino, Bolozan, Paesano, Molinari, Cecconi, Visnjic.

 

ROSTER VIRTUS CASSINO: Banach, Di Poce, Panzini, Petrucci, Del Testa, De Ninno, Guglielmo, Cena, Sergio, Carrizo.

20 Ottobre 2017 Off

Al PalaVirtus Cassino primo big match, arriva la Virtus Arechi Salerno

Di redazionecassino1

 

Tanto attese, che in poco tempo non hanno fatto fatica ad arrivare, le quattro partite che diranno molto circa le ambizioni in questa stagione della Virtus Cassino. Del Testa e compagni, infatti, attendono nelle mura casalinghe la blasonata formazione della Virtus Arechi Salerno, che tanto vuole fare bene in questo Campionato Nazionale di Serie B Girone D. Conduzione tecnica magistrale, quella di coach Paternoster, condita dall’esperienza di uomini come Petrazzuoli e Paci, insieme all’estro di giovani promettenti come Babilodze e Cucco in regia. Un cammino, quello della squadra campana, più che positivo all’esordio nel campionato cadetto: due vittorie belle e convincenti contro Battipaglia prima, e Venafro poi, per poi lasciare il passo in casa a Costa D’Orlando. Primo punto che caratterizzerà la partita che andrà in scena sabato 20 ottobre alle ore 18.00, è l’assenza della guardia Valerio Circosta, elemento di indiscusso valore del roster dei suoi, che però come apparso su una nota ufficiale della società nella giornata di ieri, ha rescisso consensualmente il suo contratto prima della citata 4° giornata di regular season. Tra i nuovi volti che andranno ad impreziosire il roster, invece, ci sarà Federico Di Prampero, giocatore classe ’95 che coach Paternoster conosce particolarmente bene, per averlo allenato come under nella stagione 2015/16 ad Agropoli in serie A2.

“Una squadra da rispettare e da tenere d’occhio, perché ci darà tanto filo da torcere” commenta l’assistant-coach e team manager benedettino Furio De Monaco.

“Noi scenderemo in campo come sempre per portare i due punti a casa, e a noi staff tecnico, non influenza minimamente il dover preparare una partita con o senza un elemento in più. Circosta ha il suo valore, ma sicuramente anche gente come Babilodze, Paci, Petrazzuoli, Cucco, sono gente che ha calcato campi importanti e che possono portare da soli la partita sui binari che loro stessi vogliono. Noi, nonostante questo avvio di stagione altalenante, dovuto anche non dimentichiamolo ad un’assenza nella nostra formazione importante come può essere quella di Simone Bagnoli, ce la stiamo mettendo tutta. Stiamo lavorando e abbiamo ribadito la nostra fiducia incondizionata a tutti i nostri ragazzi, e stiamo facendo giorno dopo giorno di tutto per metterli sempre di più a loro agio nelle situazioni tattiche che adesso inevitabilmente vengono a presentarsi. A discapito di questi due brutti passi falsi, non butterei tutto quello che c’è stato in questo inizio di stagione. Abbiamo dato sempre il 100% in ogni campo, abbiamo lottato su ogni pallone e abbiamo sudato ogni volta per portare la partita a casa. Ho ribadito ai nostri ragazzi che ciò che serve adesso, non è fare chissà cosa in più, ma portare un mattoncino in più ciascuno alla causa Virtus, e sono sicuro che sarà difficile per chiunque fermare una squadra importante come la nostra. Con Salerno, come nelle prossime tre partite, sarà difficile, ma a noi tutti le sfide non ci spaventano affatto; da vittoria si costruisce vittoria, e da vittorie importanti, come può essere senza dubbio quella della partita di domani, si consolida ancor di più la sinergia importante tra le tre componenti staff, atleti e tifosi. So che tutti hanno voglia di rivalsa per scacciare via le nubi e i passi falsi fatti in queste prime tre giornate di campionato; questa settimana ci siamo allenati bene, con energia, intensità, impegno e soprattutto con propensione all’ascolto l’uno verso l’altro. Domani abbiamo bisogno di tutti in massa al palazzetto, perchè sono convinto che nessuno voglia perdersi una bella partita come quella di domani”.

Sugli altri campi, sfida importante tra le attuali capoliste del Girone D, con Scauri e Barcellona che si sfideranno al Pala Alberti, mentre Cagliari renderà visita a Venafro, per riprendersi dopo lo stop esterno proprio contro Scauri. Valmontone, nell’altro big match di giornata, sarà ospite a Palestrina, in un derby sentitissimo dalle due tifoserie, con tre ex importanti tra i bianconeri, che avevano vissuto da giocatori di casa le emozioni del Palaiaia: Rischia, Pierangeli e Bisconti. Tiber Roma, che nel secondo anticipo del sabato, affronterà la Stella Azzura Roma di coach Germano D’Arcangeli, ancora con il dente avvelenato per aver ceduto solo allo scadere il passo nella scorsa giornata proprio alla formazione prenestina. Catanzaro ospita Isernia e la Luiss invece sarà di turno a Patti, alla ricerca ancora della prima vittoria stagionale. Ultimo incontro della quarta giornata, la sfida tra Costa D’Orlando e Battipaglia, altre due squadre giovani che ben hanno dimostrato di voler dire la loro in questo avvio di campionato.

Al Palavirtus di via De Feo, invece, andrà in scena BPC Virtus Cassino – Virtus Arechi Salerno, e l’appuntamento è fissato domani con la palla a due alle ore 18:00.

 

ROSTER VIRTUS CASSINO: Banach, Di Poce, Panzini, Petrucci, Del Testa, De Ninno, Guglielmo, Cena, Sergio, Carrizo.

 

ROSTER VIRTUS ARECHI SALERNO: Beatrice, Cucco, Babilodze, Mennella, Datuowei, Bartolozzi, Iannicelli, Paci, Petrazzuoli, Cucco, Leggio.

 

 

1 Aprile 2017 0

Per la Virtus Cassino è ancora big match. Domenica trasferta a Napoli

Di redazionecassino1

La domenica della sfida tra la capolista del girone C del Campionato Nazionale di serie B , la detentrice della Coppa Italia , quella Cuore Azzurro Napoli Basket che tanto bene sta facendo e tanti risultati sta raccogliendo a capo di una stagione perfetta e la quinta della graduatoria stagionale, quella BPC Virtus Cassino che cerca di costruirsi una propria identità. Infatti la squadra allenata da coach Luca Vettese si può senz’altro definire come la bella del reame ancora incompiuta.

La partita sarà valida per la ventisettesima giornata della regular season 2016-17 e quando mancano oramai solo 160 minuti effettivi di gioco al termine di questa avvincente stagione regolare tutto è ancora da decidere , dal primo all’ultimo posto in questo splendido ed avvincente girone C della terza serie nazionale.

Infatti dopo il turno infrasettimanale sono rimaste invariate le prime due posizioni di classifica, appannaggio di Napoli, appunto , e Valmontone. Al terzo posto invece si è divisa la coppia Barcellona – Palestrina. Palestrina infatti dopo aver vinto in casa contro la Vis Nova Roma, è stata sconfitta a Cassino, proprio nella tana dei lupi rossoblù, per 92 a 78. Lupi rossoblù che hanno confermato come al PalaVirtus della città martire sarà difficile passare per chiunque.

Barcellona invece seppur soffrendo ha vinto per 71-69, in casa, contro la coriacea Patti.

Napoli, la Napoli dei canestri invece ha mantenuto la leadership sconfiggendo Teramo tra le mura amiche del PalaBarbuto.

Tutto quindi ancora da decidere in zona playoff dove sono possibili potrebbero essere innumerevoli combinazioni in quella che sarà la graduatoria finale. Infatti Catanzaro , a 26 punti, si trova nel guado, tra la coppia Tigers – LUISS appaiate a quota 28, ed il terzetto formato da Teramo, Cefalù e Scauri, a quota 24, attualmente ottavi.

In considerazione di questa classifica, la prossima giornata sarà un autentico snodo cruciale, con tantissimi scontri diretti destinati a ridisegnare la classifica nella zona alta ed in quella playoff. Ci sarà dunque una posta in palio alta in Napoli – Cassino e Palestrina – Barcellona, mentre Catanzaro cercherà di rimanere incollata all’ottavo posto , opposta come sarà ad una Valmontone che invece, dal canto suo sarà pronta ad approfittare degli incroci di alta classifica.

Napoli – Cassino dunque.

Gli artefici di questo capolavoro partenopeo sono sicuramente la dirigenza con il presidente Ruggiero in testa e lo staff tecnico capitanato da coach Ponticello. L’allenatore non è nuovo a capolavori del genere. Dopo la sfortunata gestione del finale di stagione dello scorso anno in A2 a Matera , team biancazzurro che il coach campano aveva guidato dal 2009 al 2012 in Divisione Nazionale A, il coach campano è stato chiamato sotto il Vesuvio per guidare la Cuore Azzurro Napoli. Durante la sua carriera, Ponticiello ha tra l’altro guidato la Pallacanestro Sant’Antimo, squadra del suo paese d’origine, ad una serie di promozioni con un avventura durata nove anni che ha portato la squadra dalla Serie D alla B1.

Dopo alcune stagioni in B1 e DNA, di cui tre a Matera, il coach ha guidato le panchine di Viola Reggio Calabria e Scafati Basket, in A2 Silver dal 2012 al 2015.

Ponticiello è riuscito con una sapiente opera di lavoro quotidiano a costruire un team vincente che è a un passo dal sogno della serie A2 dopo aver conquistato la Coppa Italia nazionale all’inizio di marzo .

Come ebbe a dichiarare qualche giorno fa ad una testata giornalistica napoletana (Il Napolista, ndr) a proposito della Coppa Italia vinta che rappresenti solo l’inizio di una cavalcata fino all’A2 come sperano i tifosi partenopei  non parlategli di miracolo: «Non è un miracolo! Non parlatemi di miracolo. C’è del lavoro dietro. Quando succede qualcosa di bello in questa città, deve essere per forza un miracolo, ed invece in questa città ci sono energie, uomini, capacità, talenti, che sono in grado di fare grandi cose».

La particolarità del Cuore Azzurro Napoli è la totale dedizione alla maglia, la motivazione e la fame che rende gli interpreti tutti uniti verso un obiettivo tanto storico quanto a portata di mano: «Quando abbiamo costruito la squadra” continua coach Ponticello ”abbiamo cercato giocatori con queste caratteristiche. Motivati e vogliosi, ma anche da un punto di vista tecnico, capaci di giocare in più ruoli. Infatti tutti nel nostro sistema possono tranquillamente giocare in più posizioni, pensa che una volta Ronconi ha giocato da cinque! Falso cinco».

Ecco dunque il credo ponticelliano . E la Virtus Cassino andrà nella fossa dei leoni a sfidare la corazzata partenopea.

La partita vista la concomitanza con l’evento calcistico di Serie A , Napoli – Juventus , per motivi di ordine pubblico è stata anticipata alle ore 17.00. L’incontro sarà diretto da una coppia inedita per la Virtus . Arbitreranno infatti Giovannetti Giulio di Rivoli (TO) e De Biase Stefano di Udine (UD).

Appuntamento al Pala Barbuto di Napoli alle ore 17.00 di domenica prossima 2 aprile per gli amanti della pallacanestro della Terra di San Benedetto.