Tag: mediazione

9 aprile 2010 0

Mediazione familiare, nasce l’associazione “Figli per i Figli”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Si chiama “Figli per i Figli” la nuova Associazione onlus di promozione sociale attiva in provincia di Isernia. Il sodalizio, con sede ad Isernia in Via Senerchia n. 13, è un’organizzazione apartitica, aconfessionale e senza scopo di lucro che punta alla mediazione familiare. L’obiettivo primario è quello di promuovere e di educare – attraverso numerose iniziative – alla cultura della civile gestione del conflitto, di favorire tutte quelle iniziative orientate alla individuazione delle risorse personali e sociali volte a costruire una sana gestione delle relazioni umane. L’associazione ‘Figli per i Figli’ è inserita nell’ambito del progetto Policoro, l’idea matura dall’esperienza di Animatore di Comunità, vissuta da Luigi Fantini, per la Diocesi di Trivento che ha coinvolto nella missione i suoi colleghi, gli avvocati Maria Spadafora e Felice Fiacchino con i quali, cattolici-cristiani, entusiasti e desiderosi di sposare l’idea progettuale proposta, ha avviato, nel maggio 2009, lo Studio Legale e di Mediazione Familiare, specializzato in Adr (alternative dispute resolution). Lo Studio,è composto da professionisti qualificati in grado di fornire consulenze/servizi in materia di Mediazione Familiare e Diritto di famiglia (Consulenze tecniche di ufficio e di parte per l’affidamento dei figli), Mediazione Penale Minorile, Counseling nella relazione di aiuto (individuale, di coppia, di gruppo e professionale) e assistenza alla conciliazione e alla redazione di clausole contrattuali Adr. “La mediazione familiare – ha spiegato il vice presidente della onlus Felice Fiacchino – è una procedura a cui può ricorrere la coppia (coniugi o conviventi) che sta vivendo un conflitto e si trova ad affrontare il faticoso e imprevisto percorso della separazione. Il fine è quello di aiutare le parti a raggiungere un accordo condiviso, ossia, a darsi delle regole a tutela dei componenti della famiglia, e in particolare dei figli minorenni, anche quando l’equilibrio è compromesso. La conciliazione, invece, è un procedimento volontario di negoziazione facilitata che si svolge sotto il controllo di un terzo professionista esperto in tecniche di Adr, il conciliatore, con lo scopo di guidare le parti, eventualmente accompagnate e assistite da un professionista di fiducia, al raggiungimento di un accordo che sia il più possibile satisfattorio per entrambe, mantenendo stabili e duraturi i rapporti tra di loro”. L’Associazione intende, quindi, dare voce a quanti hanno vissuto in prima persona l’esperienza di figli di genitori separati, operando affinché a essi sia concretamente riconosciuto il diritto di crescere mantenendo un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori e i loro rispettivi ambiti parentali, nonché di diminuire il disagio e la sofferenza in un momento delicato della vita di ciascuno; dare voce, ascolto e assistenza alle coppie che vivono il dramma di una separazione; creare e favorire lo sviluppo di “Luoghi di Parola” e di condivisione; promuovere l’istituzione e l’utilizzazione di Consultori Familiari; promuovere l’insegnamento della gestione del conflitto tra ragazzi, adolescenti, alunni e istituzioni scolastiche. Numerosi i progetti in cantiere per l’associazione ‘Figli per i Figli’, tutti saranno mirati a favorire e valorizzare le famiglie con la promozione e la realizzazione di iniziative che ne recuperino il ruolo fondamentale all’interno della società. La onlus sta già avviando collaborazioni con enti ed istituzioni pubbliche e private, mass-media, scuole e università, enti morali e culturali, magistratura e forze dell’ordine, imprese pubbliche e private, fondazioni, case editrici. ‘Figli per i Figli’ sarà anche un punto di riferimento per tutte le associazioni e gli enti pubblici e privati che operano con i medesimi propositi in campo giuridico, psicologico e sociale. È possibile anche accedere al sito internet www.figliperifigli.it, registrarsi in maniera gratuita e consultare il materiale riservato, collaborare con l’organizzazione inviando articoli o commentarli, condividere storie e pensieri.