Tag: mille

22 agosto 2017 0

Terremoto a Ischia, evacuati oltre mille turisti

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ISCHIA – Sono in corso le attività di ricerca e soccorso delle persone che risultano ancora disperse a seguito del terremoto che ieri sera ha colpito l’isola di Ischia, in particolare i comuni di Casamicciola e Lacco Ameno. Nella notte, i soccorritori, dalle macerie della palazzina in località La Rita del comune di Casamicciola, hanno recuperato, in vita, il più piccolo dei bambini intrappolati. Rimane, invece, di una persona il bilancio dei morti recuperati comunicato dalla prefettura di Napoli: si tratta della donna rimasta coinvolta nel crollo della chiesa di Santa Maria del Suffragio. Durante la notte, grazie a tre corse appositamente organizzate sotto il coordinamento del Comando generale delle Capitanerie di Porto, hanno lasciato l’isola 1.051 persone che sono state accolte a Pozzuoli dai volontari della Croce Rossa Italiana (CRI) prima di allontanarsi autonomamente. Per coloro che, invece, hanno bisogno di assistenza sull’isola sono stati allestiti, nei due comuni maggiormente colpiti e nei porti di Casamicciola e Ischia, punti di prima assistenza da parte dei volontari di protezione civile della regione Campania e della CRI. Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, insieme al Capo del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, Bruno Frattasi, si sta ora recando sull’isola per svolgere in loco – dopo i continui contatti tenuti attraverso il Comitato Operativo nel corso della notte – una riunione operativa con le istituzioni locali per fare il punto sulla situazione in atto.

24 giugno 2017 0

Mercato immobiliare del sesso a Cassino, prostitute pagano mille euro di affitto

Di admin

Cassino – Lo sfruttamento della prostituzione a Cassino passa per l’affitto degli appartamenti a giovani prostitute. Emerge dall’ultima indagine svolta dagli agenti del commissariato di Polizia che hanno messo sotto la lente il mercato del sesso.

Nell’epoca in cui l’indotto della prostituzione sembra spostarsi sempre più dalle strade asfaltate, a quelle telematiche, costituite dagli annunci su siti internet specializzati, sembra cambiare anche laa figura del protettore, meglio noto con il nome del “pappone”.

Le due ragazze individuate a Cassino dagli uomini del vicequestore Alessandro Tocco, adoperavano come “vetrina” proprio internet e dopo la trattativa telefonica, accoglievano i clienti in tre appartamenti presi in affitto in pieno centro.

Il via vai di persone sempre diverse non facevano stare tranquilli i condomini. Gli unici soddisfatti della situazione erano i proprietari degli appartamenti che percepivano mille euro al mese di affitto, ben al di sopra del valore di mercato delle case. Probabilmente conoscevano le attività delle donne perchè, come riferisce una nota della polizia, tre di loro sono stati denunciati per favoreggiamento delle prostituzione in concorso. Uno di loro anche per estorsione dato che si era impossessato delle chiavi dell’auto di una delle ragazze.

Le due donne, invece, una straniera originaria del Venezuela si sta verificando la sua regolarità sul territorio nazionale; e una campana per la quale è stato proposto il foglio di via.

Ermanno Amedei

20 maggio 2017 0

“Mille giovani per la pace” fanno un fiume per le strade di Cassino

Di admin

Cassino – “Erano davvero tanti, insieme ai loro professori e ai loro dirigenti, i ragazzi che con la maglietta dei “Mille giovani per la pace” hanno sfilato per le vie della città fino a raggiungere la Cascina di Exodus dove la mattinata si è conclusa con una festa a base di musica, testimonianze, riflessioni, solidarietà”. Lo si legge in una nota della comunità Exodus di Cassino.

“In barba alle previsioni meteorologiche che continuavano a segnalare pioggia, il sole ha voluto regalare ai ragazzi una bellissima mattinata accompagnando come con una carezza di incoraggiamento i giovani in marcia. Marcia che è stata aperta dal Sindaco di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro con l’accensione della fiaccola della pace e dalla professoressa Giovanna Calise, delegata dall’Università, che ha lasciato librare in aria una colomba, simbolo di pace e di alleanza, che ha dato il via al corteo. E proprio di alleanza educativa possiamo parlare perché i Dirigenti scolastici e gli educatori di Exodus hanno a cuore i ragazzi, il loro star bene, il loro diritto ad una crescita sana, in una società giusta, dove il rispetto dei diritti di tutti sia un valore prioritario. E’ per questo che è andato a loro il Premio “Mille giovani per la pace” 2017, consegnato questa mattina sul palco di Exodus ai Dirigenti che si sono uniti al Coro per “cantare” insieme il mondo in pace che tutti immaginiamo. E che dobbiamo impegnarci a costruire: infatti, nella serata di venerdì è stato firmato un protocollo d’intesa per costituire una Rete per l’educazione alla pace, composta da Scuole, Associazioni, Enti, che, in questo territorio, hanno a cuore il protagonismo dei ragazzi, l’educazione alle relazioni sane, la comunicazione nonviolenta, la condivisione fraterna”. “Abbiamo lanciato un altro piccolo seme – ha dichiarato nella nota Luigi Maccaro – e siamo certi che darà i suoi frutti: ci sono esperienze, fatte da adolescenti, che ti restano impresse dentro per tutta la vita. E noi adulti abbiamo il dovere di offrire continuamente questo tipo di opportunità, di testimoniare la fede in un mondo migliore e la capacità di impegnarci in prima persona per lasciare ai nostri figli un mondo migliore”. “Durante la settimana – si continua a leggere – è iniziata la raccolta fondi per il progetto “Angola” degli Educatori Senza Frontiere: il 30 maggio Elena De Luca, educatrice della comunità di Cassino, si recherà nel paese sudafricano, provvista di fondi e medicinali, per alleviare le condizioni di vita di un centro di accoglienza per bambini di strada. Parlare di pace dunque ma anche rimboccarsi le maniche per un mondo di pace, portando la testimonianza di un impegno in prima persona”. “Sono felice – ha detto nella nota il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro – che Exodus e le Scuole abbiano scelto di iniziare dal Comune, da piazza De Gasperi, la Marcia per la pace che in questo modo diventa una marcia della città, un momento in cui la comunità cittadina si ritrova intorno ai suoi giovani avendo in cima alle priorità il loro bene e la loro educazione. Un percorso non può non vedere fianco a fianco l’Amministrazione comunale, le Scuole, la Fondazione Exodus.” “E la motivazione a questo punto non manca per proseguire il cammino – conclude la nota – e per far sì che l’educazione alla pace diventi una priorità, una vocazione, un impegno irrinunciabile per questo territorio che porterà per sempre i segni della distruzione ma che è esempio davanti al mondo per la ricostruzione”.

21 marzo 2017 0

Piedimonte al voto. Ferdinandi e Spiridigliozzi: “I fondi per sistemare Traversa via dei Mille ci sono”

Di redazionecassino1

Piedimonte San Germano – “Sono circa venti anni che vivo in questa zona e puntualmente ad ogni elezione viene qualcuno a chiedere i voti in cambio di una strada che non è mai stata considerata. Mi chiedo per quanto tempo ancora dobbiamo continuare ad ascoltare solo promesse senza vedere uno straccio di sistemazione di questa via centralissima del Paese”. Questo è stato l’accorato appello rivolto, nel pomeriggio di lunedì scorso, da un residente di Traversa via Dei Mille, direttamente all’aspirante primo cittadino Gioacchino Ferdinandi, impegnato da quasi un mese nel “Tour dell’Ascolto”, iniziativa promossa dal suo gruppo di sostenitori in preparazione al voto amministrativo del prossimo mese di giugno. L’incontro-dibattito, promosso dalla candidata Elena Spiridigliozzi, Gioacchino Marchetti, Carlo Cerrito e Valerio D’Alessandro ha fatto emergere anche altre criticità che gli intervenuti hanno voluto rappresentare al trentacinquenne avvocato pedemontano. Si è discusso, oltre al problema della strada, anche del potenziamento dell’illuminazione pubblica e degli accessi a Traversa via Dei Mille. “Sembra una strada del terzo mondo – ha detto un altro residente -. Quello che vi torniamo a chiedere è solo di mettere seriamente in cantiere il progetto per il rifacimento della viabilità di questa arteria, che abbraccia un quartiere residenziale nel quale vi sono anche diverse attività commerciali oltre ad abitarci decine di famiglie”. L’appello è stato accolto favorevolmente dal candidato sindaco Gioacchino Ferdinandi e dalla candidata Elena Spiridigliozzi la quale, già assessore al Bilancio nella passata amministrazione, ha voluto rassicurare tutti i cittadini presenti. “Per la prima volta dopo venti anni di sole promesse – ha detto quest’ultima – siamo riusciti ad impegnare, con una delibera e non a chiacchiere, circa cinquecentomila mila euro per cantierare opere pubbliche importantissime per Piedimonte. Di questi soldi ben cento ottantamila sono già a disposizione per la progettazione e realizzazione dei lavori in Traversa Via dei Mille, fondi che serviranno a pagare gli espropri e a potenziare anche gli impianti di pubblica illuminazione”. Sulla questione si è pronunciato anche il candidato a primo cittadino Gioacchino Ferdinandi. “Bisogna avere il coraggio di prendere decisioni forti e fare delle scelte chiare e concrete – ha affermato -. E’ decisamente assurdo ed improponibile che a due passi dal centro cittadino esistano ancora oggi vie non asfaltate. Non esagero nel dire che Traversa Via dei Mille sembra una strada rurale e questo è sotto gli occhi di tutti. Da un lato si parla tanto di “smart city”, città intelligente, pianificata, ottimizzata nell’urbanistica e con servizi pubblici innovativi e all’avanguardia, dall’altro lato della medaglia a Piedimonte San Germano continuiamo ad avere strade sterrate e senza un benché minimo servizio. Una volta in Comune mi attiverò con gli organi competenti per pianificare questo importantissimo intervento di manutenzione. Dobbiamo assolutamente sciogliere non solo questo nodo critico – ha concluso Ferdinandi – e far ripartire tutti quei lavori di riqualificazione e miglioramento della viabilità del nostro Paese”.

4 marzo 2017 0

Picinisco celebra i suoi primi mille anni di storia

Di admin

Picinisco – Mille anni di storia e la comunità di Picinisco si prepara a festeggiare lo straordinario traguardo.  La nascita di un borgo in questo territorio ha radici molto antiche, precedenti al 6 marzo 1017, la data a cui risale il primo documento ufficiale in sui è riportato il nome di Picinisco e di cui si celebrano quest’anno i mille anni.

Si tratta di una preziosa pergamena che attesta la restituzione, all’Abbazia di Montecassino, della chiesa di S. Valentino, posta nell’omonima contrada oggi conosciuta come Immoglie.

Questa antichissima chiesa, era nota fin dall’894 d. C., ed è la prima chiesa del territorio di Picinisco, luogo dove esisteva una comunità benedettina e dove cominciarono a diventare “stanziali” i pastori che raggiungevano questo territorio per la transumanza delle loro greggi.

Domenica 5 marzo, l’Amministrazione Comunale, in concomitanza dell’apertura della Porta Santa nella chiesa di San Lorenzo, apre le celebrazioni del “Millenario”, che si terranno nel corso dell’anno.

“I piccoli comuni sono una risorsa da preservare e valorizzare – afferma il sindaco Marco Scappaticci – possono vantare una storia millenaria e ricca di storia: come Picinisco che quest’anno celebra il millesimo anniversario del ‘Privilegio’ dei Principi di Capua Paldolfo IV e Paldolfo II, fratelli regnanti, che il 6 marzo 1017 restituirono all’Abbazia di Montecassino la Chiesa di San Valentino.

E’ il più antico documento ancora esistente sulla storia di questo territorio, a quel tempo chiamato Piczinisci appartenente alla Contea di Comino.

Nel Consiglio comunale decreteremo ‘Picinisco Comune Millenario’ e nel corso dell’anno organizzeremo eventi a tema per ricordare le radici, la storia, le tradizioni di Picinisco ed anche i personaggi che con le loro capacità hanno dato lustro ad un territorio unico ed accogliente”.

Il programma si apre alle ore 8,30 nella località Immoglie, nei pressi della chiesa di S. Valentino, dove sarà scoperta una targa ricordo.

Alle ore 10,00, nella Sala Multimediale del Parco Montano, si terrà un Consiglio Comunale nel corso del quale sarà deliberata la definizione di “Picinisco Comune Millenario”, alla presenza del prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli, del vescovo Antonazzo, delle massime autorità politiche e militari, dei cittadini e dei turisti.

 

Subito dopo, nell’aiuola del Parco Montano, si procederà allo scoprimento della “Pietra della Memoria” su cui è apposta una lapide a ricordo dell’evento storico, e tutti i presenti potranno apporre la loro firma sul “Registro del Millenario”.

I partecipanti, accompagnati dal Corte Storico Terra Sancti Benedicti di Montecassino e dai cavalieri del santo Sepolcro, si sposteranno poi nella Chiesa di San Lorenzo, dove il vescovo Antonazzo presiederà una messa solenne e procederà all’apertura della Porta Santa.

La giornata si chiuderà in piazza Capocci, con l’esibizione del Corteo Storico.

Le celebrazioni del Millenario di Picinisco si protrarranno nel corso dell’anno con una serie di eventi storico-culturali sugli aspetti più importanti di storia, cultura e tradizioni attraverso le quali Picinisco, forte del suo nobile passato, si avvia a percorrere la strada del futuro.

4 febbraio 2017 0

Incendio alla ex Videocon di Anagni, in fiamme capannone di mille metri

Di admin

Anagni – Una densa colonna di fumo, questa mattina poco dopo le 10, si è levata dallo stabilimento ex Videocon di Anagni. Nell’azienda che produceva televisori ma chiusa da anni, si era sviluppato un grosso incendio che ha coinvolto i circa mille metri quadri di un capannone all’interno del quale erano ammassati materiali per imballaggi.

Cartoni, plastiche e polistirolo che hanno alimentato le fiamme fino a farle arrivare al tetto dove l’incendio ha attecchito anche ai fogli di catrame.

Per diverse ore due squadre di vigili del fuoco, oltre a quattro mezzi di supporto e ad una autoscala proveniente da Roma, hanno lavorato per arginare e domare il rogo. Sul posto anche carabinieri e polizia e l’Arpa Lazio.

Foto repertorio

 

21 novembre 2016 0

Derby dalle mille emozioni, ma Ferentino cede nel finale

Di redazionecassino1

Derby dalle mille emozioni al Ponte Grande, Ferentino conduce per larghi tratti ma Latina è brava a rimanere sempre incollata al match, sorpassando nel finale. I pontini si prendono il derby in un finale molto concitato e agganciano gli amaranto a quota 8 punti, a Ferentino non bastano i 20 punti di Raymond, i 19 di Musso e i 15 di capitan Gigli. Per la Benacquista ci sono quattro uomini in doppia cifra con Deshields e Rullo migliori realizzatori a quota 15. Primo quarto ricchissimo di realizzazioni, ad aprire le danze ci pensa BJ Raymond con due triple in poco più di un minuto, Latina però si affida presto alle iniziative di Alredge che colpisce sia da vicino che da lontano. Imbrò prova a dare la prima spallata al match con 7 punti in rapida successione ma il lungo americano in maglia nerazzurra ne piazza 5 e porta avanti la sua squadra (15-17 dopo 5′ di gioco). Poco dopo anche Musso s’iscrive al match con una bomba ma Rullo e Poletti si fanno trovare pronti con un paio d’incursioni nel pitturato amaranto. Nel finale di quarto buon impatto per Pastore e Benvenuti in uscita dalla panchina, proprio il centro livornese fissa il punteggio sul 26-23 con un lay up allo scadere. Nel secondo quarto Raymond e Alredge riprendono da dove avevano lasciato: colpendo rispettivamente dall’arco e dalla media. Le percentuali si abbassano per entrambe le squadre ma i ciociari restano avanti finché Pastore non trova un paio di canestri di energia che valgono il sorpasso per i suoi. Musso però risponde immediatamente dal perimetro e riporta avanti Ferentino che poi prova ad allungare grazie a cinque punti del solito Raymond (a segno ancora con un jumper e una tripla) ma Latina rimane lì con le giocate di Rullo e Mathlouthi, chiudendo la prima metà di gara avanti di una lunghezza (41-42) grazie all’accelerazione di Deshields e al buzzer beater di Poletti. Latina riparte forte con le iniziative dei soliti Poletti e Alredge, poi prova ad allungare con Rullo che trasforma il libero per un tecnico fischiato a Gigli e poi segna in penetrazione. Ferentino tocca il -6 ma alza il volume della radio in difesa, recuperando diversi palloni in pochi minuti anche grazie all’ottimo apporto di Sabbatino. Dall’altra parte il capitano si fa sentire sotto canestro mentre Musso insacca dall’arco e dal centro dell’area firmando il nuovo sorpasso gigliato (52-51 a 3′ dall’ultimo riposo), poco dopo l’argentino regala un assist al bacio per Gigli che schiaccia il +3 e spinge Gramenzi al timeout. Nelle battute conclusive gli ospiti si affidano a Deshields che inventa una bomba e un jumper, all’ultimo riposo gli amaranto rimangono avanti 57-56.

Nell’ultima frazione Musso con la tripla e Sabbatino con l’arresto e tiro portano la FMC sul +4 ma Latina non si scompone e firma il controsorpasso (62-63) con la conclusione pesante di Rullo e il lay up di Allodi, costringendo Ansaloni al timeout a poco più di 6′ dalla fine. La gara rimane sul filo dell’equilibrio finché Pastore non insacca altri 5 punti in rapida successione portando la Benacquista sul +6, capitan Gigli però mette un 2+1 pesantissimo e tiene i padroni di casa sul -3 a poco meno di 3′ dalla fine. Finale accesissimo con un canestro in contropiede annullato a Raymond per una dubbia infrazione di passi, poco dopo arriva anche un tecnico all’allenatore ciociaro ma Latina non sfrutta né il libero né il possesso successivo. Dall’altra parte Imbrò guadagna e trasforma tre liberi scrivendo la nuova parità a quota 70 con poco più di 1′ da giocare. Dopo il timeout arriva un tap-in di Poletti e un 2/2 ai liberi di Deshields che sfrutta un fallo antisportivo commesso da Imbrò per firmare il +4 esterno a 38″ dal termine, poco dopo il play nerazzurro si ripete per il 70-76 che mette una pietra tombale sul match 24″ dalla conclusione. Musso piazza una bomba a 5″ dalla fine ma l’1/2 ai liberi di Poletti chiude il match: Latina vince il derby 75-79.

TABELLINI

Risultato finale: FMC Ferentino 75 – Benacquista Latina 79 Ferentino: Capuani n.e., Musso 19, Gigli 15, Datuowei n.e., Sabbatino 3, Imbrò 10, Gilbert 2, Carnovali, Aatata n.e., Bertocchi n.e., Benvenuti 6, Raymond 20. Coach: Ansaloni Latina: Arledge 13, Mathlouthi 2, Poletti 14, Rullo 15, Mascolo 2, Deshields 15, Allodi 6, Pastore 12, Piccinini n.e., Di Prospero n.e. Coach: Gramenzi Parziali: 26-23, 15-19, 16-14, 18-23 Foto F. Savelloni

11 maggio 2010 0

Mille nuovi treni per il trasporto dei pendolari

Di redazionecassino1

Più mezzi per gli spostamenti su rotaia. La commissione Trasporti ha approvato all’unanimità il testo di una proposta di legge che consente l’acquisto di mille treni con lo scopo di rinnovare il materiale rotabile per il trasporto dei pendolari. La prossima settimana il provvedimento, che attende il parere della commissione bilancio sulla copertura, sarà esaminato in commissione in sede redigente per poi ricevere il via libera dall’aula di Montecitorio. Il provvedimento è fatto da due articoli e prevede – a partire dal 2011 – un contributo quindicennale alle Ferrovie dello Stato di 300 milioni di euro all’anno per l’acquisto di nuovi treni. Alla fine saranno 4,5 miliardi di euro, coperti tramite un aumento di 10 euro ogni mille litri delle aliquote di accisa, ovvero 10 euro per mille chili qualora si tratti di aliquota di accisa su gas di petroli o liquefatti usati come carburanti. L’importo sarà assegnato annualmente a un Fondo per il rinnovo del materiale rotabile del ministero delle Infrastrutture. Successivamente ogni anno un decreto Infrastrutture fisserà gli interventi da realizzare con le risorse messe a disposizione, nell’ambito del trasporto pubblico locale interregionale, regionale e locale. In particolare il rinnovo interesserà prioritariamente le tratte a più intenso traffico pendolare, considerando anche l’entità complessiva del traffico passeggeri delle singole tratte.

24 marzo 2010 0

Regionali 2010/Mille persone hanno accolto Abbruzzese a Ceprano La serata organizzata da Sorge e Colucci è stata allietata dal cantante Gigione

Di redazionecassino1

C’erano oltre mille persone per Mario Abbruzzese che, nella serata di lunedì, ha incontrato i cittadini e sostenitori di Ceprano all’interno dell’hotel “Villa Ida”. In un clima di grande festa, il candidato alle prossime elezioni regionali nelle fila del Popolo della Libertà, è stato accolto da uno scrosciante applauso, e da un ospite d’eccezione, Gigione, il popolarissimo cantante campano, che si è esibito davanti una folla di simpatizzanti. La serata è stata organizzata da due dei massimi sostenitori dell’esponente pidiellino, il consigliere Giovanni Sorge e l’assessore Marco Colucci, che hanno egregiamente introdotto e presentato la candidatura di Mario Abbruzzese. Oltre ai due politici locali vi erano tanti altri amministratori, provenienti da Ripi, Pofi, Vallecorsa, Strangolagalli e da altri centri della provincia di Frosinone. A prendere la parola per primo è stato lo stesso Sorge, che ha rivolto ad Abbruzzese un sincero auspicio di vittoria. Poi è stata la volta di Colucci, che ha ribadito l’importanza di sostenere la candidatura di Abbruzzese, “Uomo del territorio – ha sottolineato l’assessore – con grandi capacità politiche ed amministrative, che sicuramente sarà capace di rilanciare l’economia della nostra terra”. Poi è toccato a Mario Abbruzzese salire sul palco – montato per l’occasione sotto l’enorme gazebo nel giardino di Villa Ida – per parlare del suo programma politico ai tantissimi intervenuti per la serata. “Dobbiamo assolutamente vincere – ha tuonato il candidato pidiellino, scaldando in pochi minuti gli animi dei convenuti -. Due sono i nostri principali obiettivi, innanzitutto quello di sostenere nella nostra Provincia uomini e donne che vogliono fare politica seriamente, dando la possibilità al Popolo della Libertà di aprirsi il più possibile alla società civile; poi bisogna risollevare la nostra terra dalla crisi economica e sociale in cui versa. Ormai tutti hanno capito di chi sono le responsabilità del tracollo economico che ha avuto in questi anni la nostra Provincia. La nostra classe politica è sempre stata di bassa livello – ha continuato Abbruzzese – bisogna rinnovarla, portando alla regione uomini capaci di intraprendere azioni concrete e di risolvere i problemi dei cittadini. Solo uomini capaci e pragmatici possono dare speranze al futuro del nostro territorio, della nostra gente. Per questo che vi chiedo un consenso forte e deciso: barrate il simbolo Pdl e scrivete Abbruzzese”. Al termine del discorso è iniziata una grande festa, allietata dalle canzoni popolari di Gigione, che ha infiammato ancora di più i tantissimi sostenitori di Ceprano e dell’intero comprensorio.

16 marzo 2010 0

“Festa dei Mille Colori” nel centro storico

Di redazione

Verrà allestita una mostra-concorso di pittura, con opere esposte lungo tutto il percorso della manifestazione. Ai visitatori verranno distribuiti dei tagliandi per votare il quadro da loro preferito. Gli ospiti della manifestazione saranno allietati dall’ascolto di diversi generi musicali provenienti da quattro Sound Location e verranno accompagnati, per tutto il tragitto, dagli artisti di strada della “Compagnia dei Calvi in Clown” Gli Infioratori dell’ACTA comporranno un tappeto floreale rappresentante il logo del Centro Commerciale Naturale. Saranno allestiti due punti enogastronomici: Largo Ricciotti – ore 18:00 – verrà offerto un aperitivo P.zza Pietrobono – ore 20:00 – verrà offerta pasta e fagioli Le attività commerciali e artigiane coinvolte nell’ iniziativa applicheranno sconti particolari a tutti coloro che vorranno partecipare alla Festa Dei Mille Colori.