Tag: miscela

2 febbraio 2017 0

Il Caffé Izzo di Anagni “incoronata” migliore miscela dell’anno

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Redazionale – Il caffè lavorato e tostato ad Anagni è stato premiato e quale miglior caffè dell’anno nel corso della Biennale Rimini Europa 2016 – 2017. Ad attribuire la “Medaglia d’oro” al Caffè Izzo è stata Wine Food Restaurants Coffee & Cocktail Bar e la notizia del premio ha raggiunto gli uffici della fabbrica Izzo in via morolense ad Anagni quando i motori della torrefazione erano accesi e nell’aria c’era il profumo di caffè tostato. Al banco bar, invece, c’erano i clienti d’oltreoceano, arrivati ad Anagni dopo un lungo viaggio,  e stavano degustando L’Espresso IZZO servito da lui: Vincenzo Izzo. “Un espresso così parla da solo – questo è  stato il commento del patron IZZO-   vanta poi un’unica miscela che viene compresa in tutte le lingue del mondo”. Un commento rapido e poi subito è tornato a parlare con i clienti spiegando con passione e trasporto i segreti di un espresso diverso dagli altri. Quali sono dunque i motivi che hanno incoronato questo espresso come il migliore nel mondo e che cosa lo rende così diverso? “Forse – risponde dopo, lo stesso Vincenzo –  una crema color nocciola che riempie lo sguardo, e solletica le papille gustative con un gusto persistente e avvolgente. Forse perché si rivela come un espresso dal sapore pieno con retrogusto ciocco lattato. O forse per il fatto che questo espresso esce goccia a goccia dalla macchina con gruppo a leva. Una macchina ideata è creata appositamente per questa miscela ed una miscela creata appositamente per quella macchina. Una combinazione tra innovazione tecnologica e gusto.  Forse conclude – sono questi i motivi che giustificano il premio uniti, e non è poco, al beneficio di un espresso che non brucia e non irrita le pareti dello stomaco, perché risultato di una tostatura scura. Una tostatura che preclude alla caffeina di nuocere al nostro sistema nervoso. Tanti particolari rendono questo espresso davvero unico e soprattutto differente”. La magia della macchina a leva, che sembra fermare il tempo per far scendere il caffè goccia a goccia nella tazza preriscaldata, ci regala la magia di una pausa di gusto.

Per info su comodato d’uso Dott.ssa Tamara Graziani – 3290617751

9 novembre 2016 0

Immigrazione e sicurezza, miscela esplosiva a Cassino. Intensificati i controlli di polizia

Di admin

Cassino – L’argomento immigrazione a Cassino si miscela pericolosamente con quello della sicurezza. Il punto di incontro è il caso del ragazzo ferito con una coltellata alcune mattine fa nei pressi della chiesa Madre. Leggi

In città sembra essere consolidato il convincimento che si sarebbe trattato di una tentata rapina compiuta da un cittadino straniero, ma questa versione è tutt’altro che confermata dalla polizia che indaga sul caso. La stessa polizia parla di una vicenda ancora tutta da chiarire e su cui, l’unica certezza che si ha è quella del ferimento del giovane con prognosi di sette giorni.

Non è stato accertato, quindi, chi ha ferito il giovane e perché lo ha fatto. E’ chiaro che quanto accaduto va trattato con estrema cautela per evitare di innescare fenomeni di difficile gestione anche perché gli animi sono già caldi per l’arrivo in città di cittadini stranieri.

Il sindaco, oltre ad occuparsi degli arrivi portando sul tavolo prefettizio il vincolo di non poter ospitare a Cassino altri stranieri perché il Comune è tra quelli che hanno aderito al Progetto SPRAR (Rifugiati), probabilmente spinto dalla vicenda dell’accoltellamento, ha ricordato che l’amministrazione sta lavorando per armare i vigili urbani. Leggi

Intanto i controlli delle forze dell’ordine vengono rafforzati in particolare da parte della Questura. Gli uomini del commissariato di Cassino diretti dal vice questore Alessandro Tocco, si sono concentrati sulle zone del centro cittadino, con particolare attenzione agli obiettivi sensibili, i luoghi di maggiore aggregazione sociale, la stazione ferroviaria, nonché le località periferiche.

In 5 posti di controllo, istituiti in zone strategiche della città, è stata verificata la regolarità di 31 veicoli e sono state identificate più di 90 persone.

Nel corso di questi servizi, due cittadini albanesi di 45 anni e 38 anni, sono stati espulsi dal territorio nazionale in quanto non in possesso  di documenti validi per il soggiorno in Italia.