Tag: misteriosi

7 marzo 2010 0

Misteriosi incendi ai magazzini dei frigoriferi

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Due misteriosi incendi hanno interessato oggi, a distanza di poco tempo l’uno dall’altro, due magazzini di frigoriferi. Il primo allarme è stato lanciato alle 15 a Filettino. Il rogo si stava propagando all’interno della struttura in cui erano depositati gli elettrodomestici. Un’ora di lavoro dei vigili ha impedito il peggio. Alle 17 circa, i vigili del fuco sono dovuti accorrere ad Alatri (Fr) nella frazione di Tecchiena. Anche in questo caso, un principio di incendio ha interessato un magazzino di Frigoriferi ma i vigili del fuoco hanno impedito il propagarsi del rogo. sulle cauese dei due incendi indagano le forze dell’ordine. Er. Amedei

3 febbraio 2010 0

Cavalli misteriosi, stalle abusive e medicinali: si sospetta un giro di corse clandestine

Di redazione

Una fattoria costruita abusivamente sotto il ponte della supestrada Cassino Sora Avezzano nel territorio di Sora (Fr). A scoprirla è stato un pool coordinato della guardia di Finanza di Sora, composto da vigili urbani, polizia provinciale, personale della Asl e dell’ufficio tecnico di Sora. Architetti e realizzatori dell’opera che ospitava ben 13 cavalli sarebbero alcuni rom. I finanzieri coordinati dal capitano Vincenzo Ciccarelli ne hanno identificati quattro. Nel corso del controllo, è emerso che dei 13 equini, solo sette erano microcippati e con documenti, gli altri sei non avevano alcun tipo di certificato di provenienza. Inoltre sono state trovate numerose scatole di medicinale umano che, se somministrato ai cavalli, avrebbero avuto effetti dopanti. Una circostanza che porta gli investigatori a sospettare che dietro la presenza degli animali vi fosse un giro di corse clandestine. Per questo, animali e baracche sono state poste sotto sequestro e i quattro rom denunciati per reati di vario genere.

28 settembre 2009 0

Incendi misteriosi, piromane in manette

Di redazione

Il fenomeno dei misteriosi incendi a Giulianova (Te) sembra essere stato risolto dai carabinierm che hanno arrestato un 47enne. Già nel corso del mese di agosto 2008 i militari del dipendente NORM lo arrestarono per porto abusivo di armi, in quanto trovato in possesso di un fucile con matricola illeggibile, rinvenuto a seguito di perquisizione veicolare all’interno della sua autovettura con cui viaggiava. Questa volta le manette sono scattate per fatti assai più gravi che per qualche giorno hanno sicuramente creato allarme sociale in Giulianova (Te). Grazie alla collaborazione dei cittadini, i militari del dipendente NORM, agli ordini del Luogotenente Antonio Longo, sono riusciti ad arrestare in flagranza di reato Carmelo M., 47enne, originario di Palermo ma da tempo residente in Giulianova, ben noto alle Forze dell’Ordine per fatti di giustizia. Il 47enne che non risulta avere un lavoro fisso, si è reso responsabile dell’incendio dell’insegna luminosa del Bar dell’Angolo sul lungomare Sud, nei pressi del supermercato GS e precisamente del dispositivo antincendio esterno e della porta d’ingresso secondaria, del palco montato dal Comune di Giulianova per lo svolgimento di una manifestazione e di un’autovettura Seat Ibiza che nell’occasione è stata completamente distrutta. Il presunto piromane ha adottato un “modus operandi” particolare per compiere i delitti, utilizzando dei giornali con i quali creava una specie di scatola, al centro dei quali inseriva una piccola garza arrotolata (di quelle utilizzate nelle strutture sanitarie) in mezzo alla quale inseriva un coton fioc. Dopo aver posizionato il tutto nei pressi dell’obiettivo prescelto utilizzava il “coton fioc” come miccia per poi incendiare il tutto. L’uomo all’atto dell’arresto, avvenuto alle prime ore dell’alba di sabato 26 settembre scorso, è stato trovato in possesso di un bustone contenente circa 4 chilogrammi di giornali, una scatola di coton fioc e confezioni di piccole garze, il tutto sottoposto a sequestro. L’Arrestato dopo le formalità di rito è stato associato alla Casa Circondariale di Teramo con l’accusa di incendio aggravato continuato. Sono in corso indagini per verificare l’eventuale responsabile del 47enne nell’incendio di alcuni cassonetti dell’immondizia e degli arredi esterni del Bar Sprint, siti sempre in Giulianova, avvenuti nel corso della notte tra giovedì e venerdi scorso.

2 luglio 2009 0

Misteriosi attentati ad una 60enne

Di redazione

E’ mistero a Giulianova, per l’accanimento di un gruppo di ignoti contro una donna di 60 anni. Martedì scorso l’operaia ha denunciato ai carabinieri che alle prime ore dell’alba, ignoti hanno lanciato nel cortile della sua abitazione, ubicata nella zona periferica Nord di Giulianova, un petardo di fattura artigianale che ha causato una deflagrazione spaventosa ma provocando come danni solo l’annerimento della pavimentazione. Nuovo attentato questa mattina alle 4, quando qualcuno, ha lanciato una bottiglia incendiaria nella finestra del salotto della sua abitazione che, per fortuna, ha provocato solo un principio di incendio della tenda, prontamente spento dall’interessata e dai suoi familiari presenti in casa. I Carabinieri stanno indagando seguendo una “pista ben precisa”.

17 marzo 2009 1

Buchi misteriosi nel terreno, Terelle a rischio “sinkhole”

Di redazione

Spuntano dal nulla. Iniziano con un piccolo buco nel terreno, ma nascondono il vuoto, sotto pochi centimetri di terra. Sono i “sinkhole” (Guarda Video). Con questo nome si indica un fenomeno geologico affascinate , allo stesso tempo preoccupante, che sta interessando anche il comune di Terelle. Si tratta di vere e proprie frane che avvengono sottoterra e che trascinano in basso anche il livello superficiale del terreno. Solitamente sono le sacce di acqua sotterranee rimaste asciutte, e quindi vuote, in cui frana la volta. Si creano quindi bichi, quasi sempre circolari che continuano ad allargarsi fino a quando il vuoto che sta sottoterra non si è colmato. A Terelle ne sono stati individuati due in prossimità della strada che collega il piccolo comune montano a quello di Belmonte Castello. Uno dei due sinkhole, mantenuti monitorati dai vigili del fuoco di Cassino, ha un diametro di circa due metri ma continua ad allargarsi. Il secondo è distante circa 20 metri e ha dimensione che è metà rispetto al primo. Non si esclude che i due possano ricongiungersi. La zona non è densamente abitata, ma il timore è che fenomeni simili possano riguardare zone molto più affollate con gravi rischi per le abitazioni.