Tag: nicola

1 agosto 2018 0

La puntura di Ultimo… al deputato Nicola Fratoianni

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LA PUNTURA DI ULTIMO – “Nicola Fratoianni è un deputato eletto nella lista Liberi e Uguali che da qualche giorno gira nel Mediterraneo sulla nave della ONG Open Arms alla ricerca di barconi di immigrati.

La presenza di questa nave spinge i trafficanti di esseri umani a far partire i barconi, sperando che qualcuno di essi riesca a sfuggire alla guardia costiera libica e ce la faccia ad arrivare da loro.

Se poi, nel tragitto, qualche barcone si rovescia e muore qualche bambino, pazienza, se ne allestisce un altro. Fratoianni è su una nave che alimenta la speranza suicida di chi è anche disposto a veder morire i figli pur di avere una vita migliore.

E alimenta pure l’avidità di chi organizza i barconi ed incassa migliaia di euro, senza scrupoli. Fratoianni dovrebbe farsi un approfondito esame di coscienza.

Ultimo

6 ottobre 2017 0

La Guardia di finanza sequestra una villa all’ex consigliere regionale Nicola Ferraro

Di redazionecassino1

Casal di Principe (CE) – Personale della Questura e del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta – in esecuzione di un nuovo decreto emesso dalla Seconda Sezione Penale, Collegio D, del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – ha sottoposto a sequestro, una villa di pregio sita ad Arienzo, in provincia di Caserta, per un valore di circa 800.000 euro, di proprietà dell’attuale moglie di FERRARO Nicola [nato a Casal di Principe (CE) il 23.03.1961], già esponente politico di rilievo regionale (ex consigliere della Regione Campania eletto nelle fila dell’Udeur in data 03.04.2005) e imprenditore nel settore del trattamento dei rifiuti, attualmente detenuto in quanto condannato, in data 16.04.2015, con sentenza passata in giudicato per concorso esterno in associazione di tipo mafioso.

FERRARO, infatti, è stato riconosciuto dal giudice penale come imprenditore e politico colluso, almeno dal 2000 in poi e comunque già prima della sua elezione al Consiglio della Regione Campania avvenuta nel 2005, con i reggenti del “clan dei casalesi”, fazioni Schiavone e Bidognetti, al raggiungimento dei cui scopi ha asservito sia la propria attività imprenditoriale, anche quale amministratore della ECOCAMPANIA s.r.l., ora fallita, che quella politica, ricevendone in cambio sostegno elettorale ed un appoggio determinante per la sua stessa affermazione imprenditoriale.

Già durante gli accertamenti economico – patrimoniali svolti in occasione della precedente misura di prevenzione era stata acquisita, con riferimento all’ultimo ventennio, copiosa documentazione, tra cui i contratti di compravendita dei beni e delle quote societarie nonché numerosi altri atti pubblici che hanno interessato nel tempo il suo nucleo familiare, riscontrando così che gran parte delle attività e dei beni entrati nella disponibilità del proposto e dei propri stretti congiunti era stata acquistata con proventi ottenuti grazie alla stretta contiguità dell’ex consigliere regionale al “clan dei casalesi”.

In tale contesto è emerso che la villa di prestigio oggi sequestrata – di oltre 400 mq comprensiva di piscina nonché di un muro di cinta dell’altezza di 3 metri e di spessore di 50 cm. che perimetra l’intera superficie circostante pari a circa 2.000 mq. – è stata edificata nel periodo 1997-1998 quando l’attuale moglie di FERRARO Nicola, già legata a quest’ultimo da una relazione sentimentale, non poteva assolutamente disporre delle necessarie risorse finanziarie, evidentemente fornitele dal suo compagno.

L’esecuzione del sequestro di oggi, che si aggiunge a quello già effettuato nel mese di giugno scorso, porta a un valore superiore ai 4 milioni di euro i beni complessivamente sottratti alla disponibilità del FERRARO per la successiva confisca e l’acquisizione al patrimonio dello Stato.

5 maggio 2017 0

Nessuna antenna radiofonica a San Nicola

Di redazionecassino1

Cassino – “Scongiurato il pericolo di una immediata installazione di una antenna radiofonica Vodafone in località San Nicola”. Lo ha dichiarato l’Assessore all’Urbanistica del Comune di Cassino, Beniamino Papa.

“Dopo aver ottenuto la sospensiva nel mese di gennaio da parte del Tar sul presupposto che il comune non si era mai espresso sull’istanza presentata in 29 gennaio 201, la Vodafone nell’udienza che si è svolta giovedì scorso dinanzi al Tribunale Amministrativo di Latina ha chiesto un termine per valutare le nuove motivazione addotte dall’assessorato all’urbanistica circa la illegittimità dell’opera che stava per essere eseguita. In sostanza il comune di Cassino ha depositato una relazione tecnica evidenziando che nella domanda presentata inizialmente dalla Vodafone vi era contenuta una erronea rappresentazione del fatto. Era stata omessa, infatti, la presenza di altre tre stazioni emittenti, la più vicina posta ad una distanza di circa 450 metri, in prossimità dell’uscita A1 – casello di Cassino. Di queste tre stazioni emittenti i tecnici dell’ufficio urbanistica hanno constatato sia la presenza di quella innanzi indicata e sia delle altre due poste ad una distanza di circa 650 metri dal sito dove dovrebbe sorgere la nuova antenna. Ciò in palese contrasto con quanto dichiarato dal gestore telefonico che nel paragrafo denominato “presenza di altre emittenti” ha riferito che “nelle vicinanze non è visibile la presenza di altre emittenti nel raggio di alcune centinaia di metri”.

A mio avviso la suddetta omissione ha influenzato l’istruttoria della pratica e soprattutto il parere dell’Arpa. Per tale motivo ho avanzato istanza all’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente di pronunciarsi nuovamente tenendo conto di questa situazione di fatto che non era stata indicata nella richiesta del permesso a costruire.

E’ evidente che sulla questione bisognerà fare piena luce nell’interesse della salute dei cittadini, facendo una corsa contro il tempo perchè indubbiamente tali rilievi dovevano essere evidenziati al momento della presentazione della domanda da parte di Vodafone che ha beneficiato di una oggettiva inerzia da parte della precedente amministrazione. E’ probabile che la il gestore telefonico sarà costretto a presentare dei motivi aggiunti al ricorso sui quali noi potremmo interloquire alla luce dei rilievi effettuati, in cui sono state utilizzate strumentazioni precise ed omologate alle attuali normative vigenti. Parallelamente cercheremo di ultimare il censimento delle stazioni emittenti al fine di redigere uno strumento indispensabile per il comune quale, appunto, il piano antenne”. Ha concluso l’assessore all’Urbanistica, Beniamino Papa.

foto di repertorio

4 maggio 2017 0

Bocce che passione: grande partecipazione al “Primo Memorial Nicola Quadrini”

Di redazionecassino1

Isola del Liri – Un grande evento che ha attirato ben 214 atleti provenienti da dieci province e cinque regioni italiane: il 1 maggio al Giardino dello Sport di Isola del Liri si è disputata la gara nazionale indetta dal Comitato provinciale di Frosinone della Federazione Italiana Bocce, in occasione del Primo Memorial Nicola Quadrini, in ricordo del socio scomparso recentemente. La famiglia di Nicola ha inteso ricordarlo così attraverso il gioco che lui più amava. L’incontro, che ha coinvolto un grandissimo pubblico, è stato patrocinato dalla XV Comunità Montana di Arce e dalla Federazione Italiana Bocce e ha visto in campo i big del settore, giocatori di altissimo livello, afferma con orgoglio il presidente del circolo isolano Domenico Saccucci. Tra i big, appunto, la categoria A (Alto Livello) ha visto primeggiare Francesco Santoriello (Bocciofila Enrico Millo, Salerno); dello stesso circolo il secondo classificato Mario Scolletta; il terzo e quarto posto è andato al Circolo Boville di Roma, rispettivamente agli atleti Giuliano Di Nicola e Alfonso Nanni. Questa categoria ha visto la partecipazione di 70 concorrenti. In 144, invece, hanno gareggiato nella categoria B-C. Hanno conquistato il podio Tomassi Umberto e Di Principe Remo (Folgore Cassino); secondi in classifica Polise Giuseppe e Carandente Carmine (Circolo Belvedere-San Rocco, Napoli); il terzo posto è toccato a De Vincenzo Francesco e Tuzzi Stefano (Circolo Primavera, Sora); quarto posto al circolo locale Giardino dello Sport, agli atleti Scala Pietro e Galante Carlo.

Non le tradizionali coppe in premio ai vincitori ma delle bellissime conche di rame, tipiche dell’artigianato locale, molto apprezzate dal pubblico presente. Un’occasione in più – affermano dal circolo Giardino dello Sport – per elogiare e valorizzare il territorio al cospetto di un pubblico nazionale. Oltre a premi in denaro, al termine della gara è stato offerto ai presenti un buffet con prodotti tipici locali della Ciociaria.

6 gennaio 2017 0

Cassino – La befana arriva in carriola a San Nicola

Di Antonio Nardelli

Cassino – E’ arrivata in carriola la Befana in Via San Nicola a Cassino. Tanti bambini hanno ricevuto la calzetta dall’anziana nonnina dopo aver partecipato alla messa celebrata da don Thomas nella cappella di San Nicola di proprietà della famiglia Evangelista.

Un’occasione per stare insieme per residenti e non e un giorno particolare per rinnovare le nostre tradizioni e tramandarle ai nostri figli. Una giornata di grande festa per adulti e bambini soprattutto per i più piccoli che hanno atteso con trepidazione l’arrivo della cara vecchina che ha donato loro regali dolciumi e tanta voglia di stare insieme.