Tag: obbligatorio

4 giugno 2017 0

Foglio di Via Obbligatorio della durata di 3 anni per 35enne egiziano colpevole di diversi reati

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Agli spiacevoli episodi di risse tra extracomunitari avvenuti nella scorsa settimana sono seguiti specifici controlli da parte della Compagnia dei Carabinieri di Cassino, in particolare nei luoghi frequentati da cittadini di nazionalità egiziana. Oltre alle volanti sono stati schierati in campo anche elicotteri che negli scorsi giorni hanno sorvolato la Città Martire a più riprese. Più di 60 le persone identificate, una decina i controlli a persone sottoposte agli arresti domiciliari così come le perquisizioni a locali e veicoli, oltre che a sospetti. Durante le operazioni è emersa la figura di un 35enne egiziano, residente nella provincia di Campobasso. L’uomo era già noto alle Forze dell’Ordine per numerosi reati contro la persona e il patrimonio, quali omicidio doloso, sequestro di persona, rapina, incendio, lesioni, minacce, estorsioni e danneggiamento. Scovato nei pressi di abitazioni isolate, non ha saputo fornire agli agenti alcuna giustificazione plausibile circa la sua presenza in loco, così è scattato per lui il Foglio di Via Obbligatorio. Previsto dunque l’allontanamento dalla città per un periodo di 3 anni, provvedimento scattato anche per due uomini di nazionalità rumena, controllati nei pressi di attività ed esercizi pubblici del comune di Atina e noti per reati contro il patrimonio.

Giulia Guerra

foto di repertorio

28 gennaio 2017 0

Piedimonte San Germano- Foglio di via obbligatorio per due giovani che si aggiravano nel parcheggio di una zona commerciale

Di redazione

A Piedimonte San Germano venivano proposti per l’irrogazione del F.V.O. dai carabinieri, un 26enne ed un 22enne, entrambi già censiti per reati contro il patrimonio e la persona, poiché si aggiravano all’interno del parcheggio di un noto centro commerciale del luogo, esercitando la vendita abusiva di 51 capi di abbigliamento, sottoposti a sequestro amministrativo. I due giovani venivano altresì sanzionati con un’ammenda di euro 2.500.