Tag: ombrelloni

6 luglio 2017 0

Grossa tartaruga depone uova tra gli ombrelloni ad Ardea, l’area diventa presidiata

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Roma – Durante la notte di ieri la sala operativa della Capitaneria di Porto di Roma riceveva la segnalazione di una tartaruga che, risalita la battigia, si era addentrata sulla spiaggia antistante lo stabilimento balneare “lido dei coralli” di Ardea ed era in procinto di deporre le uova. Giunto sul posto, il personale dell’ufficio locale marittimo di Torvajanica, dipendente dalla Guardia Costiera di Roma, accertata la veridicità della segnalazione, individuava il sito e lo circoscriveva a protezione delle uova appena deposte e contestualmente, seguendo il previsto protocollo operativo di pronto intervento da attivare quando questi animali sono in difficoltà, allertava il biologo marino di Tartalazio (rete scientifica regionale formata da vari enti, competente per il recupero, soccorso, affidamento e gestione delle tartarughe marine). Nella mattinata il personale della Guardia Costiera presidiava il sito e insieme al biologo ha effettuato i primi rilevamenti e le prime attività di studio. Nel frattempo veniva contattata la stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli (svolge ricerca avanzata nell’ambito della biologia ed evoluzione degli organismi marini). Nel primo pomeriggio ha raggiunto il sito un ricercatore della stazione zoologica e, con l’ausilio degli uomini della Capitaneria di porto e del biologo di Tartalazio, effettuava la ricerca del punto esatto di nidificazione. Le uova sono state trovate solamente nella serata a circa 20 metri dalla battigia. A quel punto si è proceduto a circoscrivere l’area con una rete metallica per garantire la tranquillità della nidiata. L’area verrà costantemente presidiata da parte di volontari in costante contatto con gli uomini del dipendente ufficio marittimo di Torvajanica. L’attività svolta dal personale della guardia costiera capitolina, sotto il più ampio coordinamento della direzione marittima del lazio – che rappresenta uno dei compiti istituzionali su cui la guardia costiera presta massima attenzione – è l’ennesimo esempio dell’impegno continuo del corpo delle capitanerie di porto a favore della tutela del patrimonio naturalistico e ambientale marino al fine di preservare l’immensa ricchezza rappresentata dall’enorme biodiversità del nostro mare.

3 luglio 2017 0

Mare Sicuro, spiaggia libera occupata con lettini ed ombrelloni da affittare. Scatta la denuncia e il sequestro

Di admin

Sperlonga – Sul fronte della polizia marittima, a seguito di specifiche segnalazioni pervenute, gli uomini della Guardia Costiera di Gaeta, sono intervenuti presso un tratto di arenile libero del Comune di Sperlonga – località Salette. I segnalanti lamentavano l’impossibilità di fruire liberamente di un tratto di arenile libero, a seguito di abusiva occupazione di pubblico demanio marittimo da parte di noleggiatori di attrezzature balneari. Il personale militare, intervenuto nella zona di spiaggia libera ed oggetto della segnalazione, aveva modo di accertare l’effettiva preventiva occupazione di un tratto di arenile con l’illecito posizionamento di oltre 50 attrezzature balneari (lettini, sedie a sdraio ed ombrelloni), occupando un’area di circa 120 metri quadri. Tale materiale, infatti, era stato posizionato senza alcuna effettiva richiesta di noleggio da parte degli utenti, facendo apparire, di fatto, un tratto di arenile libero, come un vero e proprio stabilimento balneare in regime di concessione demaniale marittima, ingannando così tutti gli ignari utenti che invece avrebbero voluto usufruire liberamente e gratuitamente di quel tratto di arenile.

Individuato l’autore dell’illecita attività – L.F. di Fondi -, i militari della Guardia Costiera provvedevano a diffidare all’immediata rimozione delle attrezzature abusivamente posizionate, al fine di riconsegnare alla libera fruizione alla collettività il tratto di spiaggia. Le attrezzature rimosse sono state poste sotto sequestro e l’autore dell’abusiva occupazione demaniale è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria di Latina per i successivi provvedimenti di legge.

A tale attività di polizia marittima svolta dai militari della Guardia Costiera di Gaeta per la tutela del pubblico demanio marittimo, si aggiunge quella svolta per assicurare la sicurezza della balneazione. Infatti presso uno stabilimento del litorale di Formia veniva riscontrata l’assenza del previsto servizio di assistenza e salvataggio, con grave pregiudizio per la sicurezza dei numerosi bagnanti presenti in zona. Oltre mille euro la sanzione amministrativa elevata a carico del trasgressore.

29 luglio 2010 0

“Predatore” sotto gli ombrelloni, arrestato un lancianese

Di redazione

Pensava di averla fatta franca Maurizio D’Ascenzo, 40enne di Lanciano, già noto per fatti di giustizia, quando ieri pomeriggio, sulla spiaggia di Pineto, mentre la proprietaria (una 31enne del luogo) si era tuffata in mare per un bagno, si impossessava del sua borsa custodita sotto l’ombrellone (contenente una macchina fotografica digitale) dandosi a precipitosa fuga. La donna mentre usciva dall’acqua, avendo notato l’uomo scappare, con il cellulare di un’amica ha dato immediatamente l’allarme ai Carabinieri di Pineto fornendo una descrizione “fotografica” del malvivente. A questo punto scattava il collaudato piano di cinturazione della zona e poco dopo i militari, che in questo periodo hanno incrementato i servizi sul lungomare proprio per prevenire i reati contro il patrimonio commessi in spiaggia, sono riusciti a intercettare l’uomo e rinvenire la refurtiva restituendola alla legittima proprietaria. Nel corso della perquisizione personale, il D’Ascenzo è stato trovato anche in possesso di 3 carte di credito risultate provento di furto perpetrato il 27 luglio scorso in Chieti. L’Arrestato dopo le formalità di rito è stato associato trattenuto nella camera di sicurezza della Compagnia di Giulianova in attesa dell’udienza di convalida fissata per la mattinata odierna davanti al Giudice del Tribunale competente dove si dovrà difendere dall’accusa di furto aggravato.