Tag: ordinanze

22 agosto 2017 0

Violazione delle ordinanze antiprostituzione a Frosinone, multato il primo cliente

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE  – “A seguito dell’ordinanza emanata, nei giorni scorsi, dal sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, per contrastare il fenomeno della prostituzione sul territorio comunale, si sono intensificati i controlli e le operazioni delle forze dell’ordine e della Polizia locale guidata dal comandante Donato Mauro e dal capitano Giancarlo Tofani”. Lo si legge in una nota del comune di Frosinone. “I vigili urbani, nell’ambito degli interventi volti a garantire, quotidianamente, la sicurezza dei cittadini e l’osservanza al provvedimento, hanno elevato 5 contravvenzioni ad altrettante donne che esercitavano il meretricio in zona Asi: qui, in abbigliamento succinto, erano intente all’adescamento di potenziali clienti. Contestualmente, è stato multato, da parte della municipale, il primo cliente delle prostitute, controllato, al momento della contrattazione, sulla pubblica via, di sesso a pagamento e, dunque, in violazione dell’ordinanza del sindaco. Il quarantenne, residente nella zona sud della provincia di Frosinone, è stato dunque sanzionato in via dell’Industria, dopo che gli operanti hanno rilevato che lo stazionamento dell’autovettura era, inequivocabilmente, finalizzato a concordare le modalità per l’esercizio effettivo degli atti di prostituzione, da parte di alcune donne presenti sul margine della strada. Il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, ha emesso la relativa ordinanza, con il coordinamento della Prefettura, per porre freno ai comportamenti connessi alla prostituzione che, oltre a derivare da sfruttamento di vite umane, possono offendere la pubblica decenza per le modalità con cui si manifestano, turbando gravemente il libero utilizzo degli spazi pubblici o la fruizione a cui sono destinati, rappresentando, anche, un elemento di pericolosità. Il provvedimento sarà valido in via sperimentale fino al 30 settembre (con possibilità di reiterazione, in caso dia esiti giudicati positivamente) e prevede il divieto a chiunque di porre in essere comportamenti diretti, in modo non equivoco o anche allusivo, ad offrire prestazioni sessuali a pagamento, oppure mediante abbigliamento indecoroso o che mostri nudità. E’ vietato chiedere informazioni a soggetti che realizzino i comportamenti sopra descritti, così come si proibisce il concordare l’acquisizione di prestazioni sessuali a pagamento. Se l’interessato è a bordo di un veicolo, la violazione si concretizza anche con la semplice fermata. Le violazioni, in tal senso, comporteranno sanzioni da un minimo di 25 euro a un massimo di 500 euro. L’elenco delle strade interessate dall’ordinanza comprende via Le Noci, via Selva dei Muli, via Armando Fabi, via Cav. G.A. Cesari, via Mola Dei Frati, via Pietra Rotonda, via Mattei, via Morolense, via dell’Industria e la zona Asi, via Selvotta, via Fontana Ranna, via Ecetra, via degli Anziati, via Lestre del Cerro, via Antonello da Messina, via dei Gelsi”.

1 febbraio 2017 0

Operazione “La storia infinita” tredici ordinanze di custodia cautelare per spaccio e porto abusivo d’armi

Di redazionecassino1

Cassino – Nell’ambito dell’operazione convenzionalmente denominata “La Storia Infinita”, il GIP del Tribunale di Roma, nell’esprimersi sulla richiesta del P.M. dott.ssa Ilaria CALO’, Sostituto Procuratore presso la Direzione Distrettuale di Roma chiamata a pronunciarsi in merito all’ordinanza emessa dal GIP del Tribunale di Cassino, che si era dichiarato incompetente, emetteva ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 13 persone ritenute responsabili dei seguenti reati: per nr. 9 persone di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti (artt. 110 C.P., 73 e 74 DPR 309/1990); per nr. 3 persone di concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti (art. 110 C.P. e 73 DPR 309/1990) e per nr.2 persone per detenzione e porto illegale di armi (artt. 2 e 4 L. 895/1967). Il GIP di Roma, pertanto, ha disposto la misura cautelare in carcere di: F.G., classe 1974 di Napoli; P.E., classe 1992 di Piedimonte S. G.; M.A., classe 1992 di Cassino; C.L., classe 1991 di Cassino; T.A., classe 1987 di Villa Santa Lucia; M.L., classe 1994 di Cassino; Q.A., classe 1997 di Cassino; M.P.A., classe 1989 di San Giorgio a Liri, C.A., classe 1994 di Cassino; D’A.D., classe 1982 di Cassino; S.F., classe 1982 di Cassino; mentre ha disposto la sostituzione della misura degli arresti domiciliari con quella cautelare in carcere di F.R., 23enne di Cassino. Ha confermato la misura degli arresti domiciliari a V.O.M., 26enne di Ausonia. Le suddette misure coercitive sono state eseguite nella mattinata odierna dai militari del NORM della Compagnia di Cassino.

10 gennaio 2012 0

Maxi operazione antidroga: da Vasto a tutt’Italia, 63 ordinanze di misura cautelare

Di redazione

Questa mattina i carabinieri del Comando Provinciale di Chieti, coadiuvati dai colleghi di diverse regioni italiane, hanno eseguito, su delega della Procura della Repubblica di Vasto, 63 ordini di custodia cautelare, di cui 48 in carcere. Gli arresti sono stati eseguiti in sei regioni italiane, ed in particolare l’Abruzzo, il Molise, la Puglia, la Campania, il Lazio e l’Emilia Romagna. I provvedimenti sono l’epilogo di un lungo lavoro investigativo che questo ufficio ha coordinato per oltre un anno, attraverso intercettazioni ambientali, informatiche e telefoniche, servizi di osservazione, anche tramite telecamere istallate presso obiettivi sensibili, attività di controllo su strada, perquisizioni e sequestri. Le indagini, coordinate dal Sostituto procuratore della Repubblica Giancarlo Ciani e seguite dal Procuratore Francesco Prete, sono state svolte in primo luogo dai militari della Compagnia dei carabinieri di Vasto. Oltre agli odierni arresti, i militari, grazie alle informazioni acquisite dalle intercettazioni, hanno eseguito nel corso del 2011 e nei primi giorni del corrente anno, altri 23 arresti in flagranza che vanno dunque ad aggiungersi ai 63 provvedimenti restrittivi odierni. Complessivamente sono stati sequestrati 15 chili circa di sostanze stupefacenti (eroina, cocaina ed hashish) un arma da fuoco clandestina , 15.000 euro in contanti ed altro materiale sta emergendo dalle perquisizioni di oggi. Altre 14 persone sono denunciate in stato di libertà. Tra i reati contestati, figura l’incendio dell’abitazione di un pregiudicato, le cui fiamme si sono poi estese ad una intera palazzina popolare.

I risultati delle indagini danno la misura del preoccupante livello di criminalità raggiunto nell’area del vastese. In quest’ottica vanno segnalati due ulteriori e recenti provvedimenti restrittivi che confermano il territorio di Vasto come un crocevia del traffico di stupefacenti nel centro Italia: si allude all’arresto di un ex appartenente alla polizia penitenziaria che trasportava 80 Kg di hashish da Vasto in territorio bresciano e a quello, effettuato il giorno dell’epifania, di un cittadino albanese che trasportava oltre un Kg di eroina. Le indagini furono avviate a seguito di alcuni attentati incendiari che, tra gli altri, avevano interessato, a partire dal gennaio 2011, esponenti politici locali, imprenditori e rappresentanti delle forze dell’ordine. Su delega della Procura della Repubblica, l’Arma dei carabinieri compiva attività investigative su alcuni pregiudicati del posto, sul cui conto erano maturati sospetti. Fra questi, spiccava la figura di Belsole Italia, consorte del noto pregiudicato, appartenente alla criminalità organizzata campana, Cozzolino Lorenzo, già autrice di attentati incendiari nei confronti di un militare dell’Arma di Gissi.

Capillari attività di OCP ed intercettazioni telefoniche-ambientali, facevano emergere l’esistenza di almeno tre gruppi di individui, composti per lo più da famiglie di origine partenopea e di etnia rom, dediti in maniera costante all’approvvigionamento di sostanze stupefacenti provenienti dall’area pugliese e campana, del tipo eroina, cocaina ed hashish, con il conseguente spaccio nell’area vastese e pescarese. In particolare, venivano delineati tre gruppi malavitosi principali, legati da rapporti di cooperazione. Nel dettaglio: 1. una prima struttura, capeggiata dai coniugi Cozzolino-Belsole, operante nell’area del medio alto vastese, della val di Sangro e di Pescara; 2. una seconda, capeggiata dalla famiglia Martusciello di Napoli, operante principalmente nell’area San Salvo-Vasto; 3. una terza, diretta da Bevilacqua Pasquale e Sacco Antonio, operante prevalentemente nell’area di San Salvo. Le indagini, particolarmente lunghe e complesse, sono consistite essenzialmente in attività tecniche (ascolto di circa 6500 ore di intercettazioni ambientali e 1800 ore di intercettazioni telefoniche su circa 70 utenze) servizi di OCP (oltre 650) e raccolta di riscontri mediante sequestri e arresti in flagranza. Il GIP presso il Tribunale di Vasto, valutando le risultanze investigative, ha emesso, come detto, 63 provvedimenti restrittivi. I territori interessati ai provvedimenti abbracciano varie regioni del territorio nazionale. Più in particolare risultano coinvolti – oltre alla città di Vasto – quelle di Pescara, Napoli, Caserta, Foggia, Campobasso, Ferrara, Salerno, Teramo, Frascati. L’operazione avviata all’alba del 10 gennaio 2012 è ancora in corso di esecuzione . I carabinieri l’hanno chiamata “operazione Tramonto”. Per l’esecuzione sono stati impiegati trecento militari, con l’ausilio di elicotteri e cani antidroga. Nella mattinata odierna, oltre alle catture disposte dal G.i.p., sono stati arrestati in flagranza altre tre persone: due residenti in San Salvo nella cui abitazione sono stati rinvenuti 200 grammi di sostanza stupefacente; ed un soggetto di etnia rom in possesso di una pistola s.w.. calibro 38 special con matricola abrasa e munizioni in canna. Sono stati infine sequestrati circa 45.000 euro in banconote di piccolo taglio. 1. COZZOLINO Lorenzo, 41 anni di Gissi (CH); 2. BELSOLE Italia 28 anni di Gissi (CH); 3. COZZOLINO Giovanna 24 anni di Scafati (SA); 4. MARTUSCIELLO Fabio 29 anni di Gissi; 5. FLORIO Giuseppe 37 anni di Napoli; 6. MARTUSCIELLO Sandra 34 anni di Gissi (CH); 7. MIGLIORE Melania, 32 anni di Napoli; 8. MANGIOCAVALLO Paolo, 42 anni di San Salvo (CH); 9. GIULIANI Giancamillo, 25 anni di Vasto; 10. FORLINI Simone, 26 anni di San Buono (CH); 11. OCHSTADT German Manuel 24 anni di Gissi (CH); 12. TATANGELO Piero, 30 anni di Castiglione Messer Marino (CH); 13. DI FRANCESCO Stefania, 30 anni di Castiglione Messer Marino (CH); 14. BEVILACQUA Pasquale 45 anni di San Salvo (CH); 15. MONFRECOLA Alessio 20 anni di Napoli; 16. MANGIOCAVALLO Angelo 36 anni di San Salvo (CH); 17. GANAU Leonardo 47 anni di San Salvo (CH); 18. SACCO Antonio 39 anni di Termoli (CB); 19. CONTI Michele 26 anni di San Salvo (CH); 20. DE NICOLIS Rocco 55 anni di San Salvo (CH); 21. CROCE Lino 43 anni di Gissi (CH); 22. DE STASIO Luciano Michele 21 anni di San Severo; 23. ARIOSTO Gaetano 38 anni di Napoli; 24. ARIOSTO Silvestro 75 anni di Napoli; 25. DI FRANCO Vincenzo 60 anni di Napoli; 26. TORRICELLA Fabio 35 anni di Cento (FE); 27. RAMUNDI Stefania 29 anni di San Salvo (CH); 28. SPINELLI Claudio , 44 anni di Pescara; 29. SPINELLI Enrico 26 anni, di Montesilvano (PE) ; 30. SPINELLI Fioravante, 34 anni di Montesilvano (PE); 31. SPINELLI Loreta 46 anni, di Vasto (CH); 32. CERELLI Guerrino 47 anni di Vasto (CH); 33. CETRULLO Lauro 52 anni di Pescara; 34. ROTONDO Isabella, di 50 anni di San severo (FG); 35. SORDILLO Fabio, di 37 anni di San Severo (FG); 36. D’AURIZIO Michele di 37 anni di San Salvo (CH); 37. D’UGO Cinzia di 45 anni, di Spoltore (PE); 38. SPINELLI Guerino di 45 anni di Spoltore (PE); 39. DI GUGLIELMI Abramo di 38 anni, di Roma; 40. D’ALESSIO Michele di 56 di Roma; 41. ABDELLAOUI Adel di 35 anni, di Roma; 42. SISTO Martina di 24 anni, residente Montazzoli (CH); 43. DEL NEGRO Fabio di 28 anni, di Montazzoli (CH); 44. RAPONE Luca di 36 anni di San Salvo (CH); 45. DI PIETRANTONIO Davide di 37 anni, di Pescara; 46. MARTELLI Roberto di 32 anni, di Pescara. 47. PIAZZESE Corrado 33 anni di Montenero di Bisaccia (CB); 48. SANTORELLI Luigi, 21 anni di Gissi (CH) 49. ESPOSITO Antonio, 21 anni di Gissi (CH) PROVVEDIMENTI AGLI ARRESTI DOMICILIARI 50. DI ROCCO Vittorio , 38 anni di Pescara, 51. DUMITRESCU Ana Cristina di 42 anni, di Carpineto Sinello (ch) 52. IULIANO Sonia 19 anni di Montenero di Bisaccia (CB); 53. IULIANO Loris 20 anni di Montenero di Bisaccia (CB); 54. DI ROCCO Salvatore 61 anni di Silvi (TE); 55. CELENTANO Anna, 27 anni di Teramo 56. M. P. 37 anni di Fossacesia (CH); 57. MARCIANELLI Luca 35 anni di Gissi (CH); 58. NANNI Alain 47 anni di Gissi (CH); 59. MUSCARIELLO Jessica 19 anni di Vasto; 60. PENNESE Franco 40 anni di San Salvo (CH); 61. PASSUCCI Morena, di 34 anni di Roccaspinalveti (CH); 62. PICCIRILLO Vincenzo, di 23 anni, di Napoli; 63. POP GEORGETA Andreea 22 anni di Gissi (CH).