Tag: padroni

22 aprile 2017 0

Marciapiedi “decorati” dai cani a Cassino: basterebbe multare i padroni

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – “Si dice che il mondo sia fatto dal niente. Molto probabilmente è fatto dallo sterco” così affermava il drammaturgo tedesco Hebbel. Che abbia preso ispirazione passeggiando per qualche strada italiana? Satire a parte, nell’era dei droni e degli smartphone bisogna ancora avere l’accortezza di guardare i marciapiedi per non portarsi dietro qualche spiacevole “ricordino”. Questo perché il più delle volte, anche a Cassino  manca l’accortezza di rimuovere i bisogni del proprio animale liberamente lasciati ai piedi dei passanti.

Ma c’è chi, finalmente, ha deciso di attivarsi. Scatta in provincia di Verona, a Torri del Benaco, la prima multa per non aver raccolto i bisogni del proprio cane: ben 157€. Una lezione che resterà senz’altro impressa nella memoria dell’incurante padrone, un uomo di 44 anni colto da due vigili urbani nella violazione dell’ordinanza 105 emessa dal sindaco della cittadina. La polemica non è tardata ad arrivare: sanzione esagerata o giusta punizione alla mancanza di rispetto dei luoghi pubblici? La definisce una «ridicola sanzione» il presidente di Aidaa Lorenzo Croce (Associazione italiana difesa animali e ambiente). Tanto da appellarsi alla figura dei Prefetto e rivelarsi disposto a portare il caso all’attenzione del Presidente della Repubblica.

Certo è che se a Cassino tale ordinanza entrasse in vigore, molto probabilmente gli angoli dei marciapiedi non sarebbero più una tale vergogna per la città. Per non parlare delle aree verdi, dalle più vaste come la Villa Comunale e Campo Boario alle più limitate come alberi e siepi nei pressi di uffici e abitazioni. Da garante servirebbe in primis l’impegno dei proprietari degli animali, conducendoli in aree meno in vista e raccogliendo il depositato, ma anche il lavoro di operatori addetti nel rimuovere i cani randagi che sporcano le strade pubbliche in assenza di una dimora, portandoli in apposite strutture dove potranno ricevere le giuste cure. A questo punto non resta che aspettare la pioggia, allettandoci fra gli slalom offerti dallo sterco sui marciapiedi del cassinate.

Giulia Guerra

16 gennaio 2017 0

Droga e spari a Cassino, arrestati i padroni di Piazza Labriola

Di admin

Cassino – Avevano trasformato le strade di Cassino in una sorte di far west sparandosi con il rischio di colpire passanti. Da subito si era capito che dietro vi erano bande di spacciatori che si contendevano le principali piazze dello spaccio della Città e, su tutte, piazza Labriola: il salotto buono, soprattutto per piazzare dosi di ogni tipo di droga.

Lì si concentra la movida della città martire e lì gli spacciatori fanno affari d’oro ma a regole stabilite a suon di pestaggi, coltellate e sparatorie. Ecco da dove nasce l’indagine che oggi ha portato in manette 19 tra Cassino e Piedimonte San Germano. Uno solo è stato arrestato fuori provincia a Napoli.

L’operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica di Cassino, ha visto i Carabinieri della compagnia di Cassino, fare una vera e propria piazza pulita di chi, all’epoca e forse anche oggi, gestiva lo spaccio, di chi stabiliva le regole per poter spacciare, dei picchiatori che le facevano rispettare. Infatti, secondo quanto ricostruito nel corso delle indagini svolte dagli uomini del nucleo operativo comandato dal tenente Emanuele Grio, quello che si era creato consisteva in un vero e proprio giro di estorsione; il pizzo che i pusher “indipendenti” dovevano pagare alla banda per accedere alla piazza.

Anche i consumatori non avevano libertà di comprare droga da chi volevano. Gli acquisti dovevano essere fatti solo dai pusher “autorizzati”. Dei 19 arrestati, 12 stanno finendo in carcere e sette ai domiciliari.

Ermanno Amedei Foto repertorio

10 luglio 2010 0

Gettati dai padroni e abbandonati anche dalla madre, cuccioli cercano casa

Di redazione

Gettati come zavorra e abbandonati dalla stessa madre che ha preferito rincorrere il padrone. Si tratta di due cuccioli di cane da caccia che, questa mattina all’alba, sono stati abbandonati in una traversa in via Ferro di Cavallo a Lanciano (Ch). Era da poco sorto il sole quando Alessandra, dalla finestra della sua casa, ha assistito ad una scena straziante. Una vettura di cui, però, non è riuscita a prendere il numero di targa, si è accostata e ha gettato fuori dalla portiera aperta tre cuccioli di cane e la madre. Poi la vettura è partita a tutta velocità inseguita dalla cagna che abbaiava quasi come per implorare di fermarsi. Di lei non si è saputo più nulla, forse il padrone avrà avuto compassione e l’avrà fatta risalire. Nessuna compassione, invece, per i tre cuccioli abbandonati dal padrone e dalla madre, rimasti a guaire sul ciglio della strada fino a quando Alessandra, vinta dallo strazio, è uscita e li ha portati a casa. Si tratta di cuccioli di cane di taglia media, forse di quattro mesi, già svezzati, entrambe femminucce e dolcissime. Il problema è che Alessandra non può tenerli per questo sta cercando persone disposte ad offrire alle due sfortunate cagnette, un po’ di attenzioni, dell’affetto e una casa. Chi volesse può contattare il 328 6656046.