Tag: palomba

24 giugno 2010 0

Recinzione degli stabilimenti balneari, Palomba (IdV): “La legge va abrogata subito”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Il consigliere regionale Paolo Palomba (IdV) si è fatto promotore in Emiciclo di un provvedimento che cancelli la norma con la quale la Regione Abruzzo, qualche giorno fa, ha dato il via libera alle recinzioni degli stabilimenti balneari. “E’ sconcertante apprendere che l’Assessore Di Dalmazio non farà nulla per evitare questo scempio. – commenta il consigliere regionale Paolo Palomba – Aspettare qualche mese, prima di intervenire, vorrà dire consentire che nel frattempo le recinzioni degli stabilimenti balneari vengano realizzate. E abrogare la legge quando le recinzioni saranno già realizzate, vuol dire consumare una ennesima colossale presa in giro dei cittadini abruzzesi. L’abrogazione deve intervenire subito, prima che inizino gli interventi. Il p.d.l. è stato presentato – spiega il leader del Vastese dell’IdV – ed ora è giusto che ognuno si assuma le proprie responsabilità, senza che nessuno possa più nascondersi in posizioni ambigue o dilatorie”. Ufficiosta stampa consigliere Palomba

21 giugno 2010 0

Niente invalidità ai “down”, Palomba (Idv): “Provvedimento scellerato e crudele”

Di redazione

“Un provvedimento scellerato e crudele”, con queste parole in un comunicato stampa, il vicepresidende della Commissione sanità della Regione Abruzzo, Paolo Palomba (IdV), bolla il decreto legge n. 78 del 2010, la manovra finanziaria, che nel comma 1 dell’articolo 10, cancella l’assegno di invalidità per le persone affette dalla sindrome di Down, oltre che per altre numerose categorie di malati ed invalidi. “Questo comma, infatti, – spiega il consigliere regionale dell’Italia dei Valori – innalza la percentuale d’invalidità necessaria all’ottenimento del sussidio, pari ad appena 256 euro al mese, un’elemosina, dal 74% all’85%, escludendo di fatto tutti i down che, secondo le tabelle del Ministero della Sanità, hanno un’invalidità pari al 75%. E’ davvero Incredibile come questo Governo indenda colpire una fascia di popolazione che invece avrebbe bisogno di maggiori attenzioni e magari di ulteriori sussidi. Le persone affette dalla sindrome di Down e le loro famiglie, che sino ad oggi hanno contato su questo, pur irrisorio, contributo statale, dovranno rinunciarvi. E’ condivisibile la necessità di tagliare dei costi per lo Stato, ma partire discriminando le categorie più deboli sembra veramente un controsenso, un qualcosa di inaccettabile contro il quale l’IdV alzerà la voce in tutte le sedi. Ci saremmo aspettati – continua il leader dell’IdV del Vastese – un provvedimento finanziario che combattesse l’evasione fiscale, gli alti costi della politica, i molti falsi invalidi che si moltiplicano anche nel Vastese, e invece ci ritroviamo con un testo di legge che penalizza chi già è in difficoltà”.