Tag: partita

19 febbraio 2018 0

Raffica di furti durante la partita Frosinone-Ascoli, arrestato 26enne

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – Pensando che le forze dell’ordine fossero impegnate per la partita di calcio tra Frosinone e Ascoli un 26enne di Frosinone ha pensato bene di evadere dagli arresti domiciliari per andare a rubare in tre appartamenti del centro.

Per sua sfortuna, nell’ultimo casa arraffa gli orecchini alla proprietaria che lo coglie sul fatto e lancia l’allarme al 113.

Le indicazione raccolte hanno permesso di individuare subito il “nascondiglio” dove l’uomo si era rifugiato, proprio nella zona di Selva Piana, vicino alla struttura sportiva e più specificatamente nel noto “Casermone”, già oggetto di diverse operazioni di Polizia Giudiziaria.

In pochissimi minuti, Squadra Mobile e Squadra Volante, con l’ausilio della Polizia Stradale e del Reparto Mobile di Roma – a Frosinone per la partita di calcio – , circondano  l’edificio:  l’uomo è stato bloccato ed arrestato.

E’ un 26enne con precedenti di polizia. Gli inquirenti erano sulle sue tracce già da qualche giorno, anche per altri colpi messi a segno in città.

Lo stesso, nella serata precedente, era riuscito a fuggire alla cattura, scavalcando alcuni recinzioni.

28 settembre 2017 0

Emergenza idrica e dopo-Consiglio, Bartolomeo: “Campagna elettorale partita nel peggiore dei modi…”

Di redazionecassino1

Formia – “La solidarietà verso i cittadini l’abbiamo già espressa in tante occasioni e non abbiamo alcuna difficoltà a ribadirla. Discorso diverso per le persone indagate cui, naturalmente, auguriamo di poter chiarire le proprie posizioni ma su cui, per ovvie ragioni istituzionali, il Comune non può né deve esprimersi per rispetto dell’indagine in corso. Accuse dell’opposizione? La campagna elettorale è iniziata nel peggiore dei modi…” Il Sindaco Sandro Bartolomeo interviene così sulle polemiche seguite al Consiglio comunale andato in scena l’altroieri.

“Verso i cittadini colpiti dalla crisi idrica– prosegue Bartolomeo – non possiamo che esprimere la massima solidarietà. Al tempo stesso, nutriamo la dovuta comprensione per chi, a fronte di reiterati disservizi da parte del gestore, ha inteso esprimere in piazza il proprio dissenso. Diversa è la situazione delle persone indagate che, a quanto ci risulta, sono pochissime e non duecento come invece qualcuno continua a sostenere nell’evidente tentativo di strumentalizzare la vicenda a fini elettorali. Un’istituzione non può esprimere solidarietà nei confronti di persone soggette ad indagine, semplicemente perché l’inchiesta deve fare il suo corso senza intromissioni da parte di nessuno, tantomeno da parte di enti pubblici. Il piano dell’azione giudiziaria non può, né deve sovrapporsi a quello del dibattito politico”.

“Ai cittadini le polemiche interessano poco e niente – prosegue l’Assessore alla Sostenibilità Urbana Claudio Marciano –. Il nostro compito è di informarli correttamente sulle soluzioni e gli interventi che il Comune mette in campo di concerto con il gestore. Con Acqualatina, è bene ribadirlo, l’Amministrazione ha un rapporto di collaborazione istituzionale, certo non di complicità. Formia ha già chiesto in conferenza dei sindaci che l’amministratore delegato venga rimosso e che, a seguito della crisi idrica, venga effettuata una seria verifica di gestione. Il Comune chiederà che i responsabili paghino e, nel frattempo, continua ad essere in testa al gruppo di comuni che lavorano per riportare il servizio idrico in mano pubblica. In un contesto di crisi, coi rubinetti asciutti, il nostro compito non è quello di blaterare ma di trovare soluzioni. Pur non spettando al Comune, abbiamo premuto perché Acqualatina accelerasse la procedura di attivazione del campo pozzi in località 25 Ponti che darà una riserva d’acqua fondamentale. In conferenza dei sindaci abbiamo ottenuto un aumento di 5 milioni degli investimenti per il rifacimento della rete idrica e combatteremo perché ne siano aggiunti molti altri. Quello della rete dissestata è un dramma che non coinvolge solo Formia e, da solo, il Comune non ha certo le disponibilità per procedere con proprie risorse. Non dimentichiamo poi che abbiamo chiuso la porta ai dissalatori e aperto quelle del Comune ai cittadini, realizzando un numero verde, disponendo un servizio di autobotti, garantendo l’erogazione dell’acqua alle utenze più fragili come anziani, disabili e malati. Siamo stati vicini alle persone – conclude -. Possono testimoniarlo le centinaia di cittadini che hanno chiesto e ricevuto il nostro sostegno”.

Il Sindaco Bartolomeo respinge poi al mittente le polemiche politiche seguite al Consiglio comunale di martedì sera. “Non abbiamo nulla di cui vergognarci – spiega -. Non so se altrettanto può dirsi dei consiglieri comunali che ora ci attaccano. Gli stessi che, negli anni in cui hanno amministrato la città, votavano tutti i piani tariffari e i bilanci di Acqualatina, alzando la paletta su qualsiasi proposta facesse la parte privata perché funzionale al blocco di potere di cui l’Udc era parte integrante. In questo momento così complicato per la crisi idrica non ho mai fatto alcun discorso politico, concentrandomi sulle cose da fare. Ci sarà tempo e modo per riflettere sulle responsabilità”.

Bartolomeo definisce “comica, se non tragica” la richiesta di accesso agli atti presentata dai consiglieri centristi per verificare la presenza o meno di carteggi che testimoniassero l’impegno dell’Amministrazione nell’attività di controllo sull’operato di Acqualatina. “Basta leggere i verbali dell’Ato che sono pubblici – spiega -: con noi l’Amministrazione comunale di Formia ha sempre votato contro i bilanci di Acqualatina perché privi degli investimenti necessari per questo territorio. Sono quelle le sedi in cui un Comune deve esprimersi. Almenoché i consiglieri non pensino che un monolite come Acqualatina e una multinazionale come Veolia si facciano smuovere da una o due letterine. Ad ogni modo, le dispersioni sulla rete idrica c’erano anche nel periodo 2008-2013 quando al timone della città c’erano loro e non mi pare che siano partite grandi diffide… Su alcuni consiglieri che ormai ruotano attorno all’Udc preferisco glissare. C’era chi ci chiedeva posti di prestigio e, non avendoli ottenuti, oggi siede in conferenza stampa al fianco delle persone con le quali, stando alle sue parole, non avrebbe mai preso neanche un caffè. C’è chi, quando era con noi in maggioranza, criticava il nostro atteggiamento di chiusura verso Acqualatina. Insomma, un trionfo di coerenza”.

“Devo dire – prosegue Bartolomeo – che siamo rimasti sconcertati dall’atteggiamento di SI e MDP. Sono stati con noi in maggioranza fino allo scorso aprile. Hanno detenuto la delega all’Ambiente e oggi ci accusano di non aver fatto abbastanza? Evidentemente, sfiduciano anche se stessi. Può succedere”.

Conclusione dedicata alle accuse piovute dal mondo delle civiche. “Fino allo scoppio dell’emergenza idrica – sostiene Bartolomeo – ‘Un’altra città’ si è sempre cordialmente disinteressata del tema acqua. Quando l’acqua ha iniziato a non scorrere più dai rubinetti, si sono accorti della mancanza di investimenti da parte di Acqualatina. Con la scusa di non aver mai governato, come se questo fosse un merito, sostengono che, con loro alla guida della città, l’acqua sarebbe miracolosamente tornata. Peccato non dicano come. Chi specula sulla crisi per proprio tornaconto elettorale non capisce che si tratta di un boomerang perché, ove mai un giorno si trovassero ad avere responsabilità di governo, ci sarà chi sarà pronto a ricordar loro le promesse che oggi fanno sapendo di non poterle mantenere. Comune di Roma docet”.

18 settembre 2017 0

Tifoso del Cassino muore dopo la partita. Sconcerto per la tragica scomparsa di Dino Casciano

Di redazione

Cassino- Era stato allo stadio per l’importante ed impegnativa partita del suo amato Cassino contro il Latina. Ieri pomeriggio fino alle ore 17.00 circa era stato insieme agli amici tifosi proprio allo stadio. Poi purtroppo intorno alle ore 18.00 mentre si trovava nei pressi di piazza Green, in centro, ha avuto un malore improvviso. Probabilmente un attacco cardiaco che non gli ha dato scampo. Aveva 49 anni ed era molto conosciuto e stimato. Appassionato di calcio e sport era un grande tifoso sempre presente e pronto a sostenere la sua squadra del cuore in ogni momento. Appresa la notizia è calato il gelo sia tra i suoi tanti amici che in tutta la città di Cassino. Colpita dal lutto anche la società sportiva del Cassino calcio.

28 marzo 2017 0

Basket C Gold: NB Sora 2000 vince la quarta partita e vola per l’accesso ai Play-Off

Di redazionecassino1

Partita molto importante quella che si è giocata a Sora in ottica Play-off. Se da una parte Anzio arriva al PalaPanico con una salvezza già acquisita, ma con la sete  di conquistare un posto ai play off, i padroni di casa invece hanno assoluto bisogno dei due punti per centrare e mettere  un piede nella posizione  che  gli garantirebbe aritmeticamente la qualificazione per i play off.

Il quintetto di partenza sorano vede in campo Roljic, Galuppi, De Laurentiis, Dulovic e Capitan Rossetti, mentre i pontini rispondono schierando Nardi, Piccinini, Nwokoye, Capitan Margio e Camillo. I minuti iniziali della partita sono molto elettrizzanti, con le due squadre che mettono in campo una grande intensità sia nella fase offensiva che in quella difensiva. Ne nasce così un match avvincente dal punto di vista agonistico e del punteggio. Dulovic segna 5 punti nel giro di due minuti per i locali, ma gli ospiti rispondono con Nardi e una tripla Piccinini (5-5) pareggiando. Al terzi minuto gli ospiti con Nardi effettuano il sorpasso, ma dura il tempo di rimettere la palla in campo, che De Laurentiis( buona la sua prova) pazza una tripla del sorpasso (8-7). Dopo una prima metà partita sottotono, Rossetti incomincia a dare il suo contributo alla causa volsca con 6 punti e una buona difesa, ma Anzio non si intimorisce e risponde colpo su colpo grazie ai canestri di Nwokoye e Piccinini portando il risultato sul 16-15 a pochi istanti dalla fine del quarto. Ci pensa però Roljic con due triple a chiudere il quarto sul 22-15 per la Expert Lucarelli NB Sora 2000.

Il secondo quarto si apre subito col Sora in attacco e Dulovic  che  realizza. Passano pochi secondi  e  De Laurentiis in un contrasto ne ha  la peggio, uscendo dal campo con una  fote botta al ginocchio. I biancocelesti continuano  la loro marcia con Mannarelli, entrato al posto di De Laurentis  che  dalla lunetta  insacca  4/4 tiri liberi. Gli ospiti non indietreggiano, con un tripla di Pecetta prima e un piazzato di Conforti  poi ricuciono lo strappo per il 29-25. Roljic nuovamente con delle buone giocate e l’acciaccato De Laurentiis, con due tiri liberi su un fallo subito, portano il risultato sul 33-25. Anzio nonostante tutto continua con le sue ottime percentuali da tre punti grazie ai canestri di Pecetta che sono inframezzati da un facile lay-up sotto canestro di Margio (39-34). Ancora l’ex di turno Margio con un’entrata porta i suoi a -3 sul 39-36 a pochi minuti dalla fine. Il gioco incomincia a farsi più maschio in questo frangente con la terna arbitrale che lascia correre più di qualche contatto al limite del fallo. Roljic con un bel movimento in post basso riporta Sora sul +4 (40-36)  che sarà poi anche il risultato finale del quarto. Protagonista di tale break è il capitano, Roljic, che contribuisce con 7 punti e una difesa asfissiante che permette ai suoi compagni di squadra di recuperare alcuni palloni.

La terza frazione inizia con Sora che ripropone il quintetto di inizio match; andando subito a canestro con un ritrovato Dulovic ( apparso assente nelle ultime gare) e portando i biancocelesti ciociari a un mini break di 12-1 (53-39) con capitan Rossetti motivatore dei biancocelesti. Coach Lico cerca di frenare l’emorragia chiamando un minuto di time out. Al rientro in campo Pecetta e Conforti riescono a far scattare i punti sul tabellone portando i pontini sul 55 a 43. Ma è la NB Sora che ha la gara in mano e con Roljic e Taskov chiudono il quarto sul 61-47.

L’ultima frazione si apre con una tripla di Roljic, infallibile cecchino della serata, e il canestro di Galuppi che riporta i padroni di casa sul +9 (64-55) prima dei tre punti realizzati da Nwokoye . Le due squadre incominciano ad essere stanche dopo una prima frazione giocata a tutta e il punteggio rimane invariato per tre minuti di gioco prima che venga sbloccato dai canestri, sempre preziosi di capitan Rossetti per il + 12 locale. Gabrielli (Anzio) con una tripla raggiunge quota 62 riportando Anzio a -9 (71-62), , chiudendo di fatto il match qui visto che i locali con Roljic , Dulovic e Rossetti non danno tregua alla difesa ospite, quando ancora mancano meno di 4’ minuti alla fine. Gli ultimi minuti sono di puro “garbage-time” che i giocatori utilizzano per migliorare le proprie medie. mentre entrambi gli allenatori danno ampia rotazione alle proprie panchine. Miglior marcatore del match ed MVP del match Luka Roljic con 24 punti cooadiuvato da Dulovic 22 e Rossetti 19 a cui va riconosciuta la sua esperienza e capacità di leggere, nei momenti topici della partita, come gestirla e rendere possibile l’impossibile . Per Anzio il miglior realizzatore risulta essere Pecetta con 18 punti. Il commento a fine gara del coach sorano Maurizio Polidori “ Passata la giusta euforia di fine partita perché è stata una vittoria sofferta ma voluta fortemente stiamo contando gli infortunati. Questa sera i ragazzi hanno dato una risposta sul campo forte definitiva a chi durante questi mesi non ha risparmiato critiche anche pesanti sulle loro capacità tecniche e sulle loro provenienza. Sono convinto che non esiste modo migliore per rispondere a personaggi che poco sanno di basket e pochissimo di uomini.

Stiamo verificando le condizioni di chi è uscito dalla partita molto mal messo, Galuppi sembra che abbia qualche guaio serio al polso, De Laurenti sente forti dolori al ginocchio colpito durante la gara ed infine Mannarelli ha preso una bruttissima botta al setto nasale e questa sera fa fatica a respirare. Lunedi dovremo assolutamente far vedere i 3 ragazzi per provarli a recuperare per la gara di domenica a Civitavecchia ora devono solo sperare che i medici li possano rimettere in piedi. Anche se abbiamo vinto ancora non abbiamo fatto nulla di particolare ci rimango 3 gare che per noi devono essere 3 finali mi auguro solo di poterle giocare con tutti gli effettivi.”

Con questa vittoria la Expert Lucarelli N.B. Sora 2000 vedono avvicinarsi l’accesso ai play-off, mantenendo l’ottavo posto in classifica, leccandosi le ferite di questa gara. Ci si ritrova in palestra martedì, per preparare la difficile trasferta di domenica prossima a Civitavecchia.

Expert Lucarelli N.B. Sora 2000 84 – Anzio Bk Club 69

Parziali: 22-15 / 18-21 / 21-11 / 23-22

Expert Lucarelli N.B. Sora 2000: Alonzi 0, Roljic 24, Taskov 2, Castellucci n.e., Mannarelli 6, Galuppi 4, De Laurentiis 7, Tanzilli n.e., Dulovic 22, Rossetti 19; Coach: Polidori

Anzio Bk Club: Nardi 10, D’Alfonso M. n.e., Piccinini 4, D’Alfonso D. 3, Nwokoye 10, Conforti 9, Pecetta 18, Margio 10, Camillo 2, Lerro n.e., Gabrielli 3; Coach: Lico

26 gennaio 2017 0

Calcio-Partita Frosinone- Brescia, oggi tavolo tecnico in Questura

Di redazione

Frosinone – Brescia: Tavolo Tecnico in Questura. Si è tenuta questa mattina in Questura l’ultima riunione operativa in vista dell’incontro di calcio in programma alle ore 20.30 di domani al Matusa tra il Frosinone ed il Brescia.

Il Tavolo Tecnico – presieduto dal Questore Santarelli – al quale hanno partecipato i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e degli Enti che, ognuno in base alle specifiche competenze, sono chiamati a concorrere nei servizi di ordine e sicurezza pubblica, ha definito nei minimi dettagli le misure organizzative.

Circa 50 i tifosi bresciani che arriveranno nel capoluogo a bordo di un pullman ed autovetture private.

Tutti dovranno essere in possesso del tagliando d’ingresso per non incorrere nelle sanzioni previste a seguito dell’Ordinanza Prefettizia che vieta la trasferta a coloro che ne sono sprovvisti.

Sempre alto il livello di attenzione e sicurezza intorno allo stadio e nelle operazioni di prefiltraggio e filtraggio, con la predisposizione dei pre- varchi che saranno vigilati sia dalle Forze dell’Ordine che dagli steward muniti di metal detector.

23 dicembre 2016 0

I commercianti anticipano ad oggi la Vigilia di Natale a causa della partita Frosinone Benevento

Di admin

Frosinone – Vigilia di Natale anticipata ad oggi per i commercianti di Frosinone che, per recuperare gli affari che andranno persi in occasione della partita Frosinone Benevento, hanno deciso di chiedere, ottenendola, l’autorizzazione all’apertura prolungata fino alle 23 di questa sera.

La partita tra i ciociari e i campani, prevista per domani, alla 15 della vigilia di Natale, oltre a preoccupare per l’inimicizia tra le tifoserie, causerà anche gli ormai abituali blocchi del traffico intorno allo stadio Matusa, con le certe ripercussioni sul commercio.

Per questo i commercianti, attraverso la camera di Commercio Lazio Sud, si sono organizzati per recuperare oggi ciò che temono di perdere domani. Per questo, fino alle 23, le serrande resteranno alzate e sui marciapiedi vi saranno artisti di strada.

Intanto, in occasione della partita, l’amministrazione comunale ha previsto un servizio navetta che partirà dalle cinque maggiori aree di parcheggio della città: Casaleno, piazzale Pertini, il parcheggio Multipiano, piazzale Europa ed il parcheggio adiacente a piazza Salvo D’Acquisto; collegandole con le zone chiuse al traffico e funzionerà fino alle 18 quando il deflusso dei tifosi ospiti non sarà ultimato.

13 dicembre 2016 0

“Partita di calcio Bambinisenzasbarre”, si scende in campo nel carcere di Cassino

Di Antonio Nardelli

Cassino – Un match di calcio per sostenere la Campagna sui diritti dei bambini figli di detenuti: la Casa Circondariale di Cassino parteciperà il prossimo 14 Dicembre, alle ore 14:00 alla Seconda edizione della partita di calcio di Bambinisenzasbarre.

I detenuti con e senza figli si sfideranno per dare voce e visibilità ai bambini – oltre 100mila ogni anno in Italia – che hanno un genitore recluso, per sensibilizzare istituzioni, sistema carcerario, Media e opinione pubblica affinché non vengano emarginati solo perché figli di detenuti.

L’adesione è altissima: si gioca a Dicembre in tutte le regioni italiane. I calciatori scenderanno in campo con la maglietta di Bambinisenzasbarre, azzurra e gialla come i colori dell’associazione e con la scritta “I diritti dei grandi iniziano dai diritti dei bambini”. Le famiglie potranno assistere alle partite, e i bambini tifare per il loro papà in campo. In totale si giocherà in circa 40 istituti penitenziari, a partecipare saranno oltre 400 persone detenute.

La “Partita di calcio Bambinisenzasbarre” fa parte delle iniziative all’interno della Campagna nazionale di sensibilizzazione “Non un mio crimine, ma una mia condanna. I diritti dei grandi iniziano dai diritti dei bambini”, per promuovere dal 20 Novembre al 20 Dicembre la “Carta dei figli dei detenuti” rinnovata lo scorso settembre dal ministro Orlando, dalla Garante dell’Infanzia Albano e da Bambinisenzasbarre e per portare all’attenzione il tema dei 100mila bambini che entrano ogni giorno ogni anno in carcere per mantenere il legame con i propri genitori, e che oggi vedono riconosciuti i propri bisogni trasformati in diritti.

L’Italia è la prima in Europa ad avere un documento che impegna il sistema istituzionale del nostro Paese e la società civile a confrontarsi con la presenza in visita del bambino in carcere, e con il peso che la detenzione del proprio genitore comporta. Noi diciamo che “I diritti dei grandi iniziano dai diritti dei bambini”.

L’esperienza della Carta dei figli dei detenuti ha portato l’Italia a essere capofila a livello internazionale. L’Intergruppo del Parlamento Europeo per i diritti dell’infanzia ha deciso di proporre formalmente che la Carta dei figli dei detenuti italiana sia adottata da tutti i Paesi dell’Unione Europea. In queste settimane i deputati del Parlamento Europeo stanno raccogliendo le firme necessarie alla Dichiarazione Scritta n.84, per avviare l’iter di adozione della Carta italiana.

10 dicembre 2016 0

Daspo per tifoso del Frosinone che si denuda durante la partita con la Salernitana

Di Antonio Nardelli

Si sono da poco conclusi i servizi di ordine e sicurezza pubblica disposti dal Questore Santarelli presso lo stadio Matusa in occasione dell’incontro di calcio Frosinone – Salernitana, senza che si sia registrata alcuna criticità. Quasi sul fischio finale, all’interno dello stadio, nel settore Distinti più vicino alla curva sud, un trentacinquenne tifoso del Frosinone si denudava e tentava anche di venire a contatto con gli altri tifosi presenti nella stessa zona dello stadio.

Le Forze di Polizia sono immediatamente intervenute ed hanno evitato che l’episodio degenerasse.

Dalla visione delle immagini delle telecamere riversate in Sala Gos l’uomo è stato identificato e nei suoi confronti è scattata la denuncia per “ atti contrari alla pubblica decenza”, la sanzione amministrativa per “ violazione del regolamento d’uso dello stadio” e sarà avviato il procedimento di DASPO.

Il deflusso delle due tifoserie, come da consolidato modulo operativo, è avvenuto contestualmente ed i circa 800 tifosi ospiti sono stati scortati da personale della Questura e dei Contingenti di Rinforzo sino al limite di Provincia.

13 novembre 2016 0

Droga, prepotenza e fumogeni, sei Daspo nella partita Frosinone Ascoli

Di admin

Frosinone – Quattro tifosi del Frosinone, due residenti nella città capoluogo, uno di Alatri e il quarto di Veroli sono stati fermati dai carabinieri impiegati nel servizio d’ordine durante la partita Frosinone Ascoli e trovati in possesso di modiche quantità di sostanze stupefacenti. Per tutti e quattro è scattata la segnalazione all’Autorità Amministrativa ed è stato avviato il procedimento per l’emissione di DASPO.

Sempre nel corso della fase di afflusso, nel settore tribuna centrale, un tifoso locale, residente a Patrica, durante le operazioni di controllo ai pre-varchi, ha strattonato un operatore della Protezione Civile allo scopo di transitare in un’area interdetta.

L’uomo è stato denunciato per violenza ad incaricato di pubblico servizio ed anche a suo carico sarà avviato il procedimento per l’emissione del DASPO.

Nel corso del secondo tempo, infine, in curva sud, veniva acceso un fumogeno da parte dei tifosi ospiti.

L’esame delle immagini riprese dalle telecamere della sala GOS ha consentito agli uomini della Polizia di Stato di individuare e successivamente identificare il responsabile, un quarantenne di Ascoli Piceno, nei confronti del quale è stato avviato il procedimento per l’emissione del DASPO.

20 aprile 2016 0

Il presidente del Palermo infiamma il prepartita tra il Frosinone e i siciliani

Di admin

Frosinone – Zamparini infiamma il prepartita tra il Frosinone e il suo Palermo e la partita di domenica al Matusa contro i siciliani diventa l’osservata speciale della 35esima giornata della Serie A. In campo le squadre scendono agguerrite alla ricerca di punti per sperare nella salvezza. I siciliani sono a 28 punti, due in meno ai Ciociari che rincorrono il Carpi a 31. Dietro solo il Verona ormai rassegnato alla retrocessione insieme ad altre due squadre da scegliere tra Palermo, Frosinone o Carpi a meno di scivoloni dell’Udinese. Le dichiarazioni del presidente del Palermo Maurizio Zamparini nel dopopartita di Verona Frosinone vinta dai ciociari per 2 a 1 con goal vittoria gli ultimi minuti, hanno scatenato polemiche infuocate. Nel corso della trasmissione radio “La politica nel pallone” su Gr Parlamento il patron della Palermo ha sostenuto la volontà da parte dei giocatori scaligeri di voltarsi mentre il Frosinone segnava quel goal della vittoria. Nessun dubbio da parte sua sulla malafede in campo tanto da chiamare in causa lo stesso “collega” ciociaro, il presidente Stirpe. “Voi guardatevi la partita – ha detto Zamparini – Il presidente Stirpe si può anche offendere. Ma io dico che se esiste la prova tv, che venga usata in questo caso. L’Hellas Verona si è quasi fatta da parte”. A Frosinone, quindi, domenica, ci sarà clima teso anche sulle tribune. Er. Amedei