Tag: passo

31 ottobre 2018 0

Allarme Blue Whale, tredicenne ad un passo dal suicidio

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

BARI – La Polizia di Stato di Bari, coordinata dalla locale Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni e dal Servizio Centrale Operativo, partendo dalla segnalazione di alcune “amiche di chat” ha individuato ed identificato una tredicenne coinvolta nel “gioco mortale” Blue Whale ad un livello molto avanzato (il 30° ed al 50° è previsto il suicidio); la ragazza, inoltre, veniva segnalata quale amministratore/partecipante di un gruppo “WhatsApp” denominato “PANDA”.

I poliziotti hanno informato tempestivamente i genitori del coinvolgimento della figlia in questo pericoloso gioco. E’ così emerso che la giovane adolescente da qualche mese trascorreva molto tempo al telefono cellulare, si attardava ad andare a dormire ed era diventata particolarmente taciturna. Nell’ ultimo periodo, inoltre,  usciva raramente e solo con una compagna di classe, diventando molto selettiva nelle amicizie. La mamma, qualche giorno prima dell’intervento della Polizia, aveva notato alcuni segni sulle braccia della figlia che però aveva addebitato ai graffi del gatto di famiglia.

Seguendo le direttive impartite dalla Procura della Repubblica, la giovane è stata ascoltata dal personale specializzato della Sezione Minori della Squadra Mobile, con la modalità dell’audizione protetta, alla presenza di un esperto psicologo; durante l’audizione la ragazza ha ammesso di essersi procurata i tagli con la lametta di un rasoio e di aver inviato le immagini dei gesti autolesivi ad un’amica di scuola.

Da accertamenti tecnici sul telefono cellulare in uso alla minore, si è appurato che erano state cancellate ed archiviate diverse chat di WhatsApp, relative ai gruppi “PANDA”, “DISASTRO”, “DISAGIO” e “DEUPOLCUASSASSINO” e che partecipava al gioco “NoStranger” (applicazione raggiungibile sia attraverso il Play Store di Google che tramite il sito web nostranger.weebly.com).

La tredicenne, inoltre, era registrata sul social “Instagram” dove aveva pubblicato immagini allarmanti ed angoscianti, tra cui la foto di una stazione ferroviaria con treno in transito, e frasi come “soffro”, “sto male”, “voglio morire”. Analoghe frasi sono state rinvenute nel suo diario scolastico, al cui interno era contenuto un biglietto manoscritto con la frase di addio che avrebbe lasciato alla madre il giorno del suicidio.

I poliziotti hanno ricostruito l’elenco dei partecipanti ai gruppi WhatsApp e, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, sono state interessate le Squadre Mobili di competenza in diverse regioni d’Italia (Marche, Campania, Emilia Romagna, Sardegna, Abruzzo, Lombardia, Calabria, Puglia, Lazio, Toscana, Basilicata, Piemonte e Veneto) al fine di individuare i reali utilizzatori dei profili e procedere alla loro audizione; le Questure coinvolte hanno proceduto all’ascolto dei minori ed all’escussione dei loro genitori, appurando che altre quattro giovanissime ragazze erano inserite pienamente nel gioco ad un livello avanzato.

All’esito delle attività svolte si è giunti alla conclusione che numerosi erano gli elementi comuni tra i minori coinvolti attivamente nella pratica: ragazze adolescenti tra i 12 e i 15 anni; caratteri chiusi ed introversi; manifestazione del proprio malessere con gesti di autolesionismo; scarsa vita sociale; attaccamento morboso al telefono cellulare e partecipazione a numerosi  gruppi WhatsApp e profili Instagram.

Il fenomeno “Blue Whale” è, dunque, un gioco pericoloso che si “snoda” attraverso una serie di 50 azioni pericolose proposte come sfida, in cui un “curatore”, che allo stato risulta essere una figura “virtuale”, suggestiona i ragazzi manipolando la loro volontà sino ad indurli al compimento di gesti estremi: camminare sulle linee ferroviarie ad alta velocità; stare in bilico su cornicioni e palazzi; attraversare di notte strade e autostrade particolarmente trafficate.

La pericolosità del gioco è ben illustrata anche sulla pagina internet del Commissariato online della Polizia di Stato (www. commissariatodips.it).

 

Il lavoro svolto ha consentito di intervenire tempestivamente in una attività che per i minori coinvolti era iniziata come un gioco e che, in alcuni casi, avrebbe potuto avere conseguenze di estrema gravità.

10 luglio 2018 0

A passo di tartaruga sull’autostrada, testuggine sulla corsia di emergenza salvata dalla polizia

Di admin

ROMA – A passo di lumaca, anzi, di tartaruga, sulla corsia di emergenza: questa volta non era un autovettura in panne ma una rara testuggine palustre autoctona.

Ieri in mattinata gli agenti della sottosezione della Polizia Stradale di Roma Settebagni hanno rivenuto, sull’autostrada Roma Fiumicino, in prossimità dell’area di servizio Magliana Sud, un esemplare  di medie dimensioni di testuggine, appartenente alla categoria protetta “Emys Orbicularis”.

La sventurata, ferita probabilmente a seguito di investimento, aveva numerose fratture nella parte posteriore del carapace.

I poliziotti hanno prestato subito le prime cure per poi provvedere a contattare “Le Guardie Ambientali d’Italia” che, dopo aver constatato le condizioni di salute dell’esemplare protetto, di circa 15 anni,  lo hanno trasportato immediatamente presso un centro veterinario specializzato.

8 maggio 2018 0

Collecedro e Ducato ad un passo dal titolo

Di redazionecassino1

Giochi fatti anche in Eccellenza per l’assegnazione del titolo, sette le lunghezze che separano la capolista da Canceglie. A due giornate dalla fine del torneo appare sempre più vicina la conquista del titolo per la formazione volsca, in particolare dopo la vittoria ottenuta nello scorso weekend contro la Longobarda per 3 a 0, raggiunta al terzo posto, a quota 48 punti, da Tordoni e Caira.  Non basta al Canceglie Sora il 2 a 5, rifilato alla Sangermanese per impensierire la capolista. Entrambe le formazioni volsche hanno, comunque, meritato le posizioni occupate in classifica, disputando un campionato regolare e continuo sotto l’aspetto delle prestazioni agonistiche, dimostrando continuità di rendimento e gioco. Stesso discorso può essere fatto nell’altro torneo, quello di Promozione, dominato dall’inizio alla fine da un Collecedro forte e agguerrito, che non ha lasciato spazio a nessuna delle altre formazioni. Nello scorso turno, 28esima giornata, la capolista si è accontentata di un pareggio per 1 a 1, nel match che lo vedeva opposto agli Amatori Pignataro. Nove lunghezze lo separano dalla damigella d’onore, Amatori Colfelice che nella 28esima giornata vince sul terreno dei padroni di casa Real Castelnuovo per 2 a 3. Un secondo posto che ha difficilmente può essere a rischio, nonostante le due partite ancora in programma se la formazione di Colfelice continua con il rendimento fin qui dimostrato che lo ha portato a scalare la classifica, in modo costante e di buon rendimento di gioco. Certo ancora due le partite lo attendono e qualche recupero potrebbero impensierire la formazione. Moscuso che è a sole cinque lunghezze potrebbe tentare un’impresa, ma il prossimo turno è tutto a favore di Colfelice che dovrà affrontare Drink Team Duff, mentre Moscuso sarà impegnato sull’ostico terreno di Amatori Castelnuovo (nella foto) intenzionato a ben figurare davanti ai propri tifosi.

F. Pensabene

2 maggio 2018 0

Ducato di Sora ad un passo dal titolo, per Collecedro è fatta

Di redazionecassino1

A tre giornate dalla fine del torneo di Eccellenza resta al comando della classifica Ducato di Sora (nella foto). L’inseguitrice Canceglie non sfrutta il turno di riposo per ridurre il vantaggio, ora di sette lunghezze, che la separano dalla capolista. L’altra formazione volsca, infatti, rosicchia solo un punto in classifica, fermata dal pareggio casalingo, 2 a 2, imposto dal Cerreto. A meno di sorprese finali e con una giornata da recuperare, quella saltata per il maltempo di quest’inverno, per la capolista non dovrebbero esserci timori. Nel weekend scorso da segnalare il match fra Amatori Aquino e Cervaro caratterizzato da un’alternanza di reti e continui capovolgimenti di fronte tra le due formazioni. Un pareggio a ‘suon di reti, ben dieci, e terminato con un 5 a 5 che ha dato spettacolo fino al triplice fischio del direttore di gara. La Longobarda, con la vittoria casalinga contro San Giorgio, 2 a 0, raggiunge a quota 48 punti Caira, fermata dall’altra formazione di Pontecorvo, Tordoni per 2 a 1. Scivola la Sangermanese sul campo di DS Dodici che fa suo l’incontro per 2 a 1. Il prossimo turno potrebbe laureare campione Ducato che non farà sconti alla Longobarda, mentre Canceglie sarà impegnata sul campo della Sangermanese. In Promozione giochi fatti per Collecedro che con gli undici punti che lo separano da Colfelice, formazione questa che toglie ogni velleità al Moscuso, battendolo in casa per 2 a 1, e superandolo in classifica generale di due lunghezze. La formazione campana, potrebbe tuttavia dire ancora la sua per la seconda posizione. Nel prossimo turno Moscuso, infatti, sarà impegnato fra le mura domestiche contro Caffè Reale. Più agevole invece, il match che vedrà opposto la damigella Colfelice sul terreno del Real Castelnuovo, penultimo in classifica.

F. Pensabene

 

23 ottobre 2017 Non attivi

Salerno cede il passo alla Virtus al PalaVirtus di Cassino

Di redazionecassino1

La Virtus Cassino si impone nel big match del Palazzetto dello Sport di Cassino valido per la quarta giornata del girone di andata della regular season 2017-18 del girone D della Serie B nazionale, che la vedeva opposta ai campani della Virtus Salerno. 79-73 al termine dei quaranta minuti.

“Non era per niente una partita facile” queste le prime parole dell’MVP di serata, Enzo Cena (23 punti e 7 rimbalzi, 64 % da due e 33% da oltre l’arco dei 6.75) in sala stampa al termine dell’incontro “loro sono una gran bella squadra, guidati da un allenatore molto bravo e competente, super per la categoria. Per tanti motivi per noi era molto difficile perché venivamo da una sconfitta ed eravamo obbligati a vincere e a rialzarci dopo il passo falso meritato in casa dei romani della LUISS Roma. Ci dovevamo rialzare e lo abbiamo fatto con una bellissima partita e soprattutto con una partita che abbiamo condotto con grandissima intensità almeno per i primi due tempi e per gli ultimi cinque minuti dell’ultimo quarto”. “Devo fare i complimenti a tutti i miei compagni di squadra perché ripeto non era affatto semplice o facile. Tornando poi alla mia prestazione preferisco evitare di usare la sigla MVP. Questo acronimo non mi fa impazzire e vorrei non venisse utilizzato per la mia prestazione di stasera ma in generale” continua l’ala forte cassinate “Nessun MVP è tale senza l’aiuto dei compagni. Io sono uno che lavora sodo per ottenere risultati, questo sì. Ma io sono contento perché sono capitato quest’anno in un grande gruppo con questi compagni di squadra che erano già qui e che mi hanno permesso di ambientarmi al meglio fin dal primo allenamento di pre season. Ed è questo il successo di queste prestazioni d’inizio stagione e li devo ringraziare perché senza di loro non avrei potuto fare questo. Abbiamo lavorato molto in settimana per ridurre il numero di palle perse che la scorsa settimana erano state un enormità e ci siamo riusciti a limitare gli errori in fase di costruzione soprattutto aiutando molto il nostro play, Lorenzo Panzini. In merito al bilanciamennto delle conclusioni devo sottolineare come noi si sia in realtà una formazione con il DNA di team perimetrale ma non disdegnamo di certo di attaccare il ferro” conclude il virtussino cassinate.

Ancora una volta i cassinati con la “V” sul petto si rendono dunque protagonisti di una prestazione giocata a sprazzi. I ragazzi di coach Vettese si rendono protagonisti di un ottimo primo tempo e di una ripresa di grande sofferenza. Si deve però sottolineare come poi alla fine sia arrivata una vittoria meritata.

Meritata anche perché nel momento più difficile i rossoblù cassinati hanno reagito alla grande, tornando avanti subito dopo essere andati sotto per la prima volta, volando sulle ali della prestazione, come detto di un ottimo Cena, sempre più protagonista in questo team benedettino.

Il primo e secondo quarto della gara mettono in mostra una bella BPC Virtus Cassino, determinata e lucida allo stesso tempo, che sciorina un basket moderno ed efficace e soprattutto mette in luce un approccio giusto contro la forte Virtus Salerno, una delle candidate al salto di categoria.

Ottima la circolazione della palla e le spaziature sul perimetro in fase offensiva per le “V” rossoblù, con Cena in versione arma letale, sempre pronto a far valere la sua vena realizzativa. I padroni di casa volano subito oltre la doppia cifra di vantaggio. Coach Paternoster si gioca le carte Paci e Di Prampero che riportano in scia Salerno ma De Ninno e Petrucci tengono lontano gli avversari. Alla fine del primo quarto il tabellone recita 27-15.

Nel secondo periodo il leitmotiv non cambia: gran gioco offensivo per Cassino e iniziative individuali per i campani che, dopo un’altra fiammata di Petrucci, si ritrovano sul -15. Cala un po’ la qualità degli attacchi poco prima dell’intervallo ma nell’ultimo minuto Cena e Del Testa con le loro triple mettono il sigillo sui primi venti minuti che certificano come eccezionale la prestazione  di Cassino. I cassinati vanno per la pausa lunga negli spogliatoi sul 51-33.

Nel terzo periodo la musica però è totalmente diversa. I campani partono a razzo ed i cassinati trovano un solo canestro dal campo, con un’entrata del giovane De Ninno. I ragazzi di coach Vettese però hanno il merito di preservare un buon margine grazie alla precisione in lunetta e una difesa che continua comunque a produrre buone cose. Salerno si riporta sul -8 all’ultima pausa 60 a 52. I campani riaprono totalmente i giochi in avvio di quarta frazione, assottigliando a 4 lunghezze il vantaggio rossoblù, 63 a 59.

A questo punto l’incontro s’interrompe per un blackout elettrico. La lunga pausa non influisce però sui campani della Renzullo. Gli uomini di Paternoster quando la gara ricomincia sembrano più indemoniati di prima. I cassinati sono sempre più frastornati e oggettivamente sono penalizzati dalla sosta allorquando Leggio sale in cattedra e porta clamorosamente in vantaggio i suoi, 63 a 65.

Il canestro di Leggio e l’incoraggiamento dei tifosi sono per la Virtus Cassino una frustata. La formazione padrona di casa reagisce con un break di 10-0 ancora con Cena protagonista, guadagnando il margine necessario a portare a casa il risultato.

 

BPC Virtus Cassino – Virtus Arechi Salerno 79-73

Parziali: 27-15, 24-18, 9-19, 19-21

BPC Virtus Cassino: Enzo Cena 23 (7/11, 2/6), Niccolò Petrucci 15 (2/3, 3/5), Lorenzo Panzini 10 (0/3, 2/6), Maurizio Del testa 10 (1/4, 2/4), Manuel Carrizo 9 (1/2, 0/2), Biagio Sergio 7 (1/3, 1/4), Fabrizio De ninno 5 (1/2, 1/1), Giuseppe Di poce 0 (0/0, 0/0), Robert Banach 0 (0/0, 0/0), Fabio Guglielmo 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 20 / 26 – Rimbalzi: 31 5 + 26 (Enzo Cena, Manuel Carrizo, Biagio Sergio 7) – Assist: 21 (Lorenzo Panzini 6)

All. Vettese

Virtus Arechi Salerno: Di Prampero 16 (2/6, 4/10), Paci 12 (6/10, 0/0), Leggio 9 (1/2, 2/4), Babilodze 9 (3/3, 1/1), Bartolozzi 8 (2/4, 1/2), Petrazzuoli 6 (1/3, 1/1), Beatrice 6 (1/3, 1/3), Mennella 4 (2/2, 0/0), Cucco 3 (0/0, 1/5), Cucco 0 (0/0, 0/0), Datuowei 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 4 / 7 – Rimbalzi: 30 4 + 26 (Paci 11) – Assist: 16 (Cucco 5)

All. Paternoster

MVP: Enzo Damian Cena

 

2 ottobre 2017 0

Chiusaroli (FI): “Abbiamo il dovere di cambiare passo”

Di redazionecassino1

“Con l’operazione verità abbiamo fatto chiarezza sulla reale esposizione debitoria del comune di Cassino e abbiamo smascherato chi, per cinque e passa anni, ha mentito spudoratamente ai cittadini facendo credere di aver risanato le casse dell’ente. Niente di più falso.

Ora però occorre cambiare passo e cominciare a lavorare per riuscire a mettere in pratica il nostro programma elettorale. Nei limiti del possibile visto e considerate le condizioni dell’ente. Ci sono progetti da portare avanti e che possono permettere l’attivazione di nuovi processi di crescita e sviluppo per Cassino”. Lo ha dichiarato il consigliere comunale e capo gruppo di Forza Italia, Rossella Chiusaroli.

“E’ palese che non basta, per saper amministrare, addossare le colpe a chi ci ha preceduto, è palese però che le colpe dell’amministrazione Petrarcone sono evidenti. Abbiamo perso cinque anni si, ma ora c’è bisogno di una svolta. Dobbiamo essere bravi a metterci di impegno per trovare delle soluzioni economiche per riuscire ad attuare il nostro programma elettorale. A breve partiranno i lavori per quanto concerne la Rotatoria Via Di Biasio/Viale Bonomi nei pressi del San Raffaele e ci stiamo adoperando per riuscire, entro breve tempo, per riuscire a restituire, anche dal punto di vista strutturale, Piazza Labriola alla città di Cassino dopo aver riqualificato già molte aree della città, come ad esempio Piazza De Gasperi, Piazza Toti e Piazza XIV febbraio.

Il gruppo di Forza Italia è unito e coeso e vuole guidare questo cambio di marcia dell’amministrazione D’Alessandro.

Abbiamo un ruolo fondamentale nella gestione politico amministrativa della città di Cassino. Non possiamo quindi rimanere inermi a guardare una disastrosa situazione finanziaria. Si deve lavorare e crescere e come primo movimento politico di questa amministrazione di centro destra ed è evidente che noi dobbiamo svolgere un ruolo importante per stimolare determinati processi”. Ha concluso il consigliere comunale e capo gruppo di Forza Italia, Rossella Chiusaroli.

 

22 maggio 2017 0

CassinoOff, torna con lo spettacolo “Ad ogni passo”

Di redazionecassino1

Cassino – Secondo weekend di programmazione del Festival CassinoOff – inaugurato lo scorso 5 maggio – con la mostra e il forum Ars judicandi, a cura dell’associazione Pentacromo, lo spettacolo di Francesco Suriano ed Elisabetta Magnani Ad ogni passo, il concerto di Canio Loguercio e Alessandro D’Alessandro Ipocondrie d’ammore.

 Ars judicandi, a cura dell’associazione Pentacromo, è una mostra collettiva e insieme un forum sul tema della Giustizia, nel diritto, nella religione, in filosofia, nell’ arte, in politica, in medicina. L’ obiettivo è quello di arrivare ad una sintesi dei diversi modi di concepire la Giustizia, ricorrendo alle modalità e alle caratteristiche dell’intervista. Nel corso del Forum scorreranno sul telo le immagini delle opere esposte negli spazi adiacenti la Sala degli Abati e saranno brevemente commentate (titolo, autore, tecnica e sintetica descrizione). Sono previsti tre intermezzi musicali. Parteciperanno al Forum Don Luigi Di Bussolo, Don Alessandro Recchia, il sindaco Carlo Maria d’Alessandro, Massimo Capurso, il rettore Giavanni Betta, Gaetano De Angelis Curtis, Fabrizio Cristofari, Andrea Chietini, Rocco Zani, Fernando Riccardi, Luigi Maccaro, Pasquale Beneduce.

Gli artisti in mostra Angela Antuono, Giuseppe Attardi, Fernando Battista, Raimondo Carretta, Alberto D’Alessandro, Raffaele D’Aquanno, Carlo De Meo, Giuseppe De Michele, Salvatore Di Cacciamo, Maria Chiara Giordano, Rocco Iannelli, Orazio Iannetta, Rodolfo Losani, Claudia Mazzitelli, Alessandro Nardone, Rocco Pellegrini, Vincenzo Pizzorusso, Vincenza Rotondo, Danilo Salvucci, Emiliano Terenzi, Igor Todisco.

Ad ogni passo, adattamento di Elisabetta Magnani (nella foto)   (che è anche interprete dello spettacolo) e Francesco Suriano (che firma anche la regia) nasce dall’incontro con Gioia Turchi Carrara e dal suo desiderio di portare in scena la storia dei suoi genitori, Emma e Giulio, una storia depositata attualmente presso l’Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano. Una storia che oggi sembra una favola, raccontata attraverso un’avvincente carrellata di aneddoti storici e romantici, su due piani: quello dell’amore tra Giulio ed Emma e della loro lotta comune per la libertà; e quello del regime fascista, e della sua repressione, la censura, la persecuzione e le storie vissute dagli altri personaggi, anche loro ancorati alla Storia del nostro paese fino e oltre la fine del ’900. Una piccola grande Storia, che si dilata a volte per divenire un racconto corale, in cui la sopraffazione del regime viene sconfitta da un impegno instancabile ed un amore tenace.

Francesco Suriano Regista e drammaturgo, ha messo inscena fra gli altri spettacoli Roccu u Stortu (2002) testo di Francesco Suriano, segnalato al Premio Riccione con la regia e l’interpretazione di Fulvio Cauteruccio. Trasmesso da Radiotre Rai, da RaiDue Palcoscenico. Menzione speciale nel premio Internazionale Spazio teatro No’hma Giuria Spettatori 2016. L’Arrobbafumu (2004) testo e regia di Francesco Suriano, interpretato da Peppino Mazzotta. Perché il cane si mangia le ossa (2012) testo e regia Francesco Suriano, con Carlo Marrapodi e Emilia Brandi.

Elisabetta Magnani Attrice e regista, ha messo in scena fra gli altri Fra cielo e terra – vita e morte di Ipazia, Festival del Teatro di Anagni (2015); La Conca d’Oro – il martirio di Cassino, Festival del Teatro Civile CassinoOff (2014); Di luna tagliata a metà – donne uccise per amore e Casa Palestina, La notte della cultura di Cassino 2013 – Assessorato alla Cultura di Cassino. Premi: Miglior attrice Protagonista – Video corto Nettuno (2004) e Castro dei Volsci (2005).

Ipocondrie d’ammore, spettacolo di teatro-canzone di Canio Loguercio e Alessandro D’Alessandro, un contenitore di appunti sparsi, di parole e canzoni sussurrate, frammenti di un catalogo/campionario double-face che innescano, fra il tragico e il grottesco, sgangherati e surreali concertini in cui sembra riecheggiare più Nino Taranto che Antonin Artaud. Un racconto circolare, rigorosamente in napoletano – la “sacra lingua delle passioni” – di Canio Loguercio, autore e interprete in scena, accompagnato dall’organetto di Alessandro D’Alessandro, fra struggimenti, giaculatorie, smarrimenti. Un appuntamento immancabile per chi non ha paura di perdersi in fondo a una canzone d’ammore.

Canio Loguercio Musicista, poeta, architetto, performer. Lucano di nascita, napoletano d’adozione, è stato finalista a tre diverse edizioni del Premio Recanati per la canzone d’autore e candidato alla Targa Tenco 2014. Conduttore, regista e autore di programmi con la RAI, consulente artistico della Fondazione Romaeuropa per la programmazione del Teatro Palladium, ha ideato e realizzato numerosi progetti musicali e promosso iniziative interculturali.

Alessandro D’Alessandro  Organettista, si dedica principalmente alla contaminazione dell’organetto con stili e armonie non propriamente di matrice etnica, anche attraverso l’utilizzo dell’elettronica. E’ solista e coordinatore dell’OrchestraBottoni (già Piccola Orchestra La Viola). Ha collaborato con numerosi artisti, fra cui M.P.De Vito, D.Sepe, R.De Rosa, R.Tesi, S.Bergamasco, M.Rabbia, L.Galeazzi, A.Branduardi, F.Battiato, D.Moretti, P.Barra, G.Balsamo, L.Cannavacciuolo, E.Barba.

26 maggio | Ars judicandi h. 18 | Sala degli Abati, Palagio Badiale

26 maggio | Ad ogni passo h. 21 | Biblioteca Pietro Malatesta

27 maggio | Ipocondrie d’ammore h. 21 | Aula Pacis

Festival CassinoOFF 2017

ARS JUDICANDI

Mostra e Forum a cura di Pentacromo

PALAGIO BADIALE, Sala degli Abati, Cassino (Fr)

26 maggio ore 18.00

 

AD OGNI PASSO

Con: Elisabetta Magnani. Adattamento: Elisabetta Magnani e Francesco Suriano. Regia: Francesco Suriano. Produzione: Gitiesse Artisti Riuniti e CittàCultura. In collaborazione con: Gioia Turchi Carrara. Con il patrocinio dell’Anpi, comitato provinciale di Roma

BIBLIOTECA MALATESTA, Via Del Carmine, Cassino (Fr)

26 maggio ore 21.00

 

IPOCONDRIE D’AMMORE

di Canio Loguercio (voce) e Alessandro D’Alessandro (organetto)

AULA PACIS, Via Marconi, 41 Cassino (Fr)

27 maggio ore 21.00

PREZZI

Ingresso con contributo associativo di 10 per “Ad ogni passo”, 7 euro per “Ipocondrie d’ammore”, ingresso libero per “Ars judicandi”

INFO E PRENOTAZIONE BIGLIETTI

cassinooff@gmail.com

9 gennaio 2017 0

Basket C Gold: La NB Sora 2000 combatte, ma poi cede (70-80) il passo al Formia

Di redazionecassino1

La Expert Lucarelli N.B. Sora 2000 apre il nuovo anno con una sconfitta, dopo una bella battaglia che ha visto i biancocelesti lottare fino alla fine sfruttando la grinta e la voglia di fare bene in campo. Scende in campo al Pala Panico di Sora priva della sua ala grande, il Montenegrino Scekic, ma con l’innesto del neo acquisto croato Roljic. I ragazzi di coach Polidori partono benissimo nel primo quarto con Rossetti e Roljic protagonisti e Galuppi in cabina di regiai. La difesa degli ospiti fatica ad arginare l’uno contro uno avversario, Porfido e Odonei ci mettono però una pezza in attacco consentendo al Formia di rimanere a contatto e chiudere il primo quarto in vantaggio 16-24. Sopra di 8 alla fine della prima frazione, Coronini e compagni incrementano il vantaggio prima della sirena mentre per i padroni di casa è Dulovic ( in ombra nel primo quarto) e Roljic a rispondere presente. Fine secondo quarto 33-41. Al rientro dagli spogliatoi i volsci tengono bene il campo e grazie al positivo rientro in campo di Dulovic si porta a due punti dal Meta. Ma i ragazzi di coach Polidori subiscono molto dai tre punti, visto il gran numero di tiratori avversari, mentre difendono bene la propria area chiudendo il terzo quarto sul punteggio di 52 a 54. Nell’ultimo quarto la Expert Lucarelli N.B. Sora 2000 fa il possibile per rimanere in partita ma le alte percentuali al tiro degli avversari non lasciano scampo ai ragazzi di coach Polidori che chiudono il match sotto di 10 punti, 70 a 80 il punteggio finale.

Expert Lucarelli N.B. Sora 2000 70 – Meta Formia 80 Parziali: 16-24 / 17-17 / 19-13 / 18-26 Expert Lucarelli N.B. Sora 2000: Tchitchveishvili 7, Castellucci n.e., Doria n.e., Tanzilli n.e., Mannarelli 0, Galuppi 12, Roljic 23, De Laurentiis 0, Rossetti 12, Dulovic 16; Coach: Polidori Meta Formia: Sorrentino 0, Caridà 10, Di Rocco 3, Tardivi 2, Coronini 14, Rodriguez 12, Munjic 9, Porfido 17, Odone 13, Di Mambro n.e., Gattesco n.e.; Coach: Di Rocco

11 dicembre 2016 0

Basket A2 : Ferentino in casa per riscattare il passo falso infrasettimanale, affronta Moncada Agrigento

Di redazionecassino1

Oggi alle ore 18, la FMC Ferentino tornerà a giocare al Ponte Grande a una settimana dalla vittoria interna contro la Mens Sana Siena. Nella dodicesima giornata di andata del campionato di Serie A2 Citröen – Girone Ovest gli amaranto cercheranno di riscattare la sconfitta maturata a Biella nel turno infrasettimanale e si troveranno di fronte la Moncada Agrigento. La formazione siciliana è reduce dal successo casalingo sulla Orsi Tortona con cui si è portata a quota 10 punti, due in meno dei gigliati. Luca Ansaloni: “Dopo la sconfitta di Biella mi aspetto una reazione innanzitutto sul piano del gioco e della durata della nostra prestazione. Contro l’Angelico l’approccio era stato buono, poi ci siamo persi e questo è inaccettabile. Nella sfida contro Agrigento mi aspetto che la squadra scenda in campo con attenzione, che ci sia intensità e collaborazione fra i miei atleti, che si torni a fare un gioco di squadra. La risposta dovrà essere prevalentemente mentale perché c’è poco tempo per recuperare, cercheremo di vincere, anche solo di un punto, ma la strada per farlo è una sola: giocare bene per più tempo e rimanere concentrati per tutta la partita, non soltanto per 5 minuti come abbiamo fatto giovedì”.

La squadra è tornata ad allenarsi dopo il match di Biella per preparare la gara con Agrigento. Angelo Gigli, rimasto a Ferentino per continuare il suo percorso di recupero, rimane in dubbio per la partita contro la Moncada.

Arbitri – Federico Brindisi di Torino, Andrea Bongiorni di Pisa, Marcello Callea di Porto Torres (SS)

Roster – FMC Ferentino: 4 Capuani, 5 Musso, 6 Gigli, 10 Datuowei, 11 Sabbatino, 12 Imbrò, 14 Gilbert, 15 Carnovali, 16 Aatata, 17 Bertocchi, 20 Benvenuti, 42 Raymond. Coach: Ansaloni Moncada Agrigento: 0 Bucci, 2 Buford, 5 Cuffaro, 6 Zugno, 7 Evangelisti, 10 Ferraro, 12 Chiarastella, 13 De Laurentiis, 21 Piazza, 32 Bell Holter. Coach: Ciani

Arbitri – Scrima Alberto Maria di Catanzaro, Caforio Angelo di Brindisi, Catani Marco di Pescara.

Media – Sarà possibile vedere la partita in live streaming sulla piattaforma LNP TV Pass (servizio a pagamento) oppure seguire i canali social ufficiali del Basket Ferentino con la diretta testuale sul profilo Twitter. La gara sarà trasmessa in differita da Extra TV (can. 94) secondo date e orari che saranno comunicati in seguito. La conferenza stampa post-partita andrà in diretta sulla pagina Facebook ufficiale.

12 maggio 2010 0

Golden Cup: Cassino Doc e Calcio Piedimonte ad un passo dalla finale

Di redazionecassino1

Si sono disputate le semifinali di andata nel torneo Golden Cup. Cominciano a delinearsi le formazioni che tentano di ipotecare la conquista della prestigiosa Coppa. Cassino Doc, infatti, battendo, 4 a 1, Galluccio, fa un considerevole passo avanti nel raggiungere la finale. Del resto il punteggio non lascia dubbi sulle intenzioni e le aspirazioni della formazione cassinate. Certo, occorrerà attendere la gara di ritorno e conoscendo le doti della formazione campana, tutto è ancora possibile. Nell’altro incontro di semifinale Calcio Piedimonte con un perentorio 3 a 0 su Arce  mette un piede nella gara di finale. Arce tuttavia, non è compagine facile e priva di timori reverenziali verso le altre formazioni. Lo ha dimostrato durante tutto il torneo di Promozione e sicuramente non farà sconti nella gara di ritorno. Proprio nelle gare di ritorno le squadre battute all’andata avranno il vantaggio di giocare sul proprio terreno e allora, c’è da credere, che sarà tutta un’altra musica!