Tag: pericolanti

7 marzo 2017 0

Danni da vento, albero su auto a Terracina e cornicioni pericolanti ad Aprilia

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Terracina – Il vento sta flagellando da questa notte la provincia di Latina. Da mezzanotte di ieri sono decine i casi che hanno richiesto l’intervento dei vigili del fuoco per gli alberi caduti sulla sede stradale e, quello più grave, ha visto questa mattina a Terracina, il coinvolgimento di un’auto con il ferimento di due persone.

Armati di motosega, i pompieri sono dovuti intervenire in via Lungo Sisto  per tagliare il grosso tronco permettendo ai sanitari del 118 di soccorrere gli occupanti del veicolo. Ad Aprilia i vigili del fuoco sono dovuti intervenire in via Gramsci, per gli intonaci pericolanti.

Dal quinto piano di un edificio erano caduti grossi pezzi arrecando non pochi problemi alla circolazione. La zona è stata messa in sicurezza grazie anche all’intervento di un’autoscala.

 

3 febbraio 2017 0

Tauwinkelova; alberi rimossi alla villa comunale secchi e pericolanti

Di redazionecassino1

Tauwinkelova

“In merito ad alcuni articoli apparsi sui quotidiani locali e relativi al taglio di alcuni alberi, voglio precisare che tali piante sono state rimosse perché secche e pericolanti. In particolare una rischiava addirittura di schiantarsi nei pressi dell’edicola che si trova accanto all’ingresso principale della Villa Comunale mettendo in serio pericolo l’incolumità dei passanti e dei proprietari dell’attività commerciale”. Lo ha dichiarato l’assessore ai LL.PP, Manutenzione e Ambiente, Dana Tauwinkelova. “Lungi da me fare polemica, ma voglio ricordare che questa amministrazione ha consegnato presso gli istituti comprensivi della città cinquanta alberi provenienti dal Parco degli Aurunci che sono stati messi a dimora e entro breve tempo ne arriveranno altri cinquanta in grado di assorbire le polveri sottili e riqualificare ulteriormente la qualità dell’aria. Quindi il taglio di due o tre alberi secchi non credo possa rappresentare un problema per l’ecosistema cittadino. Per questa amministrazione è una priorità offrire ai residenti la massima sicurezza. Anche nelle cose più semplici come la percorribilità dei marciapiedi. Le tre squadre di operai del Comune di Cassino sono al lavoro quotidianamente per garantire che la nostra città sia accogliente e decorosa. In questi giorni oltre alla manutenzione sulla pavimentazione dei marciapiedi gli operai hanno anche effettuato interventi su piccoli danni a condutture idriche in centro, mentre un’altra squadra è impegnata, appunto, nell’ultimazione dei lavori di potatura sugli alberi. Voglio ringraziare, pertanto, il consigliere comunale con delega alla manutenzione, Francesco Evangelista che costantemente effettua un’azione di monitoraggio delle criticità esistenti sul territorio e sugli interventi urgenti da effettuare. Un plauso va senz’altro a tutti gli operai del settore manutenzione che lavorano alacremente tutti i giorni per riuscire a risolvere, in tempi non brevi, ma brevissimi qualsiasi problematica creando meno disagio possibile alla cittadinanza e assicurando il giusto ordine e il giusto decoro alla città di Cassino, visto che negli ultimi cinque anni tutto ciò è stata solo una chimera”. Ha concluso l’assessore Tauwinkelova.

21 maggio 2010 0

Mura perimetrali pericolanti e degrado alla scuola elementare Ceci

Di redazione

“Ci sono interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria che devono essere effettuati immediatamente e non possono essere ritardati dai problemi burocratici o dall’indifferenza degli uffici preposti”. Lo sostiene in una nota stampa, Giulio Rossi, fondatore del gruppo “Alatri Abbandonata”. “Parlo del muro perimetrale della scuola elementare Luigi Ceci, in via del Calasanzio ad Alatri (Fr), che rischia di crollare da un momento all’altro e di provocare così seri danni a persone e cose. Per fortuna si tratta della parte nord dell’edificio ma potrebbe essere comunque facilmente raggiunto dagli alunni durante la ricreazione. Inoltre la recinzione presenta un varco che potrebbe permettere l’accesso non autorizzato di malintenzionati. La presenza di un magazzino e di tubi che ne fuoriescono lascia intuire la presenza di impianti che potrebbero essere seriamente danneggiati dal probabile crollo. Colpisce l’indifferenza per questo problema, da tempo segnalato dal proprietario del piccolo fondo confinante dal quale è possibile osservare il muro completamente sfaldato e alcune grosse pietre già cadute al suolo. Anche la direzione didattica ha prontamente segnalato il fatto agli uffici comunali ma, a quanto pare, nessuno si preoccupa di adottare i più elementari provvedimenti per mettere il sito in sicurezza. Detto per inciso anche l’ambiente circostante è vistosamente degradato dalla presenza di piante infestanti, facile ricettacolo di insetti nocivi e pericolosi. Quanto si dovrà attendere ancora per questo intervento?”