Tag: persone

11 ottobre 2018 0

Costruivano un fabbricato senza licenza, denunciate due persone

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FERENTINO – Nella mattinata odierna  i Carabinieri del locale Stazione, nel  corso di servizi di controllo del territorio finalizzati a contrastare le normative edilizie, hanno deferito in stato di libertà due persone responsabili di costruzione abusiva. Nel corso dell’attività dei militari sono emerse responsabilità a carico di L.S. 28enne e F.S. 51enne, appartenenti ad una nota famiglia rom stanziale a Frosinone, rispettivamente titolare e amministratore  di una società immobiliare con sede in Frosinone. I due soggetti realizzavano un fabbricato di circa 70 mq sito Ferentino, località Roana, in assenza della prescritta autorizzazione edilizia. Nel contesto i Carabinieri verificavano che i due denunciati, già censiti per analoghi reati, truffa, rissa, ricettazione e riciclaggio, avevano occupato abusivamente 2 mq. di suolo pubblico.

11 ottobre 2018 0

Frode e riciclaggio tra Sora e Londra per 5,5 milioni, denunciate 16 persone

Di admin

SORA – La Guardia di finanza di Frosinone ha scoperta una frode fiscale per oltre 5,5 milioni di euro da parte di una società esterovestita per 5,5 milioni denunciando 16 persone. Le complesse e articolate indagini svolte dai militari della Guardia di Finanza di Sora – durate per più di un anno – hanno consentito di far emergere un sofisticato sistema di frode fiscale attraverso il quale alcuni imprenditori, oltre a frodare il fisco, avevano realizzato una truffa nei confronti di istituti di credito attraverso una società fittiziamente trasferita in Gran Bretagna ma con sede operativa e gestionale in Sora.

In particolare le Fiamme Gialle hanno appurato che alcuni imprenditori, mediante la presentazione alle banche di crediti insussistenti per un valore di oltre 2,8 milioni di euro, ricevevano l’immediata disponibilità di denaro sui conti correnti di una società sorana, che successivamente veniva prelevato per fini propri. Gli stessi, per non onorare i debiti contratti e sottrarsi alle azioni di responsabilità amministrativa, civile e penale, provvedevano, nel tempo, a simulare una serie di operazioni societarie mediante la cessione di quote a prestanomi (l’ultimo dei quali di nazionalità slovacca), vari cambi di amministratori (l’ultimo dei quali di nazionalità slovacca), modifica della denominazione, nonché tre trasferimenti di sede (il primo dei quali dall’Italia alla Gran Bretagna e gli altri due nella capitale inglese), oltreché l’occultamento delle scritture contabili e l’omissione delle dichiarazioni fiscali (sia in Italia che in Gran Bretagna). Le indagini esperite hanno evidenziato che tutti gli assets societari erano rimasti nelle mani degli stessi imprenditori sorani e che, di fatto, l’attività societaria era proseguita nella sede di Sora mediante l’interposizione di soggetti apparentemente terzi. Infatti, la sede londinese del soggetto giuridico fraudolentemente trasformato in società di diritto britannico, rappresentava una mera domiciliazione strumentalmente costituita per aggirare le norme fiscali nazionali, atteso che gli elementi raccolti dimostravano la sussistenza dei requisiti di residenza fiscale nel territorio dello Stato italiano. A conclusione delle attività ispettive, venivano deferiti alla Procura della Repubblica di Cassino 16 soggetti responsabili, a vario titolo, di diversi reati contro il patrimonio, di riciclaggio aggravato dalla transnazionalità, oltreché di reati tributari dovuti all’omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali ed all’occultamento delle scritture contabili. Da inizio anno sono già 8 le indagini concluse dalla Guardia di Finanza di Frosinone nel settore di riciclaggio e reimpiego di denaro sporco, che hanno portato alla denuncia di 57 persone e all’individuazione di importi e valori del reato di riciclaggio per oltre 39 milioni di euro.

7 agosto 2018 0

Caccia ai topi d’appartamento a Frosinone, fermate e allontanate tre persone sospette

Di admin

FROSINONE – Una segnalazione giunta sulla linea di emergenza 113 della Questura viene prontamente diramata alle Volanti presenti sul territorio: tre uomini si aggirano con fare sospetto nelle adiacenze di abitazioni nella parte bassa del capoluogo.

Gli agenti intercettano i tre nei pressi della “Villa Comunale”: tutti, residenti nell’hinterland frusinate, hanno a carico pregiudizi di polizia, tra cui il furto.

Per due, tra l’altro fratelli, scatta la denuncia per inosservanza al Foglio di Via Obbligatorio  dal comune del capoluogo.

Avviato il procedimento del Foglio di Via Obbligatorio per il loro “amico” e per “lady  furto”  che domenica scorsa era stata arrestata  dagli agenti della Squadra Volante per il furto di auto e portafogli.

19 luglio 2018 0

Anagni e Sora: Sequestrati quasi 2 quintali di marijuana. Due persone in manette

Di redazione

Una importante operazione quella appena portata a termine dal Comando Provinciale dei carabinieri di Frosinone che ha portato all’arresto di due persone. Due distinte operazioni che si sono svolte tra Sora ed Anagni e che hanno consentito ai carabinieri di sequestrare quasi 200 kg di sostanza stupefacente del tipo marijuana. Si tratta quindi in sintesi di piantagione e laboratorio. Tutti i dettagli dell’operazione saranno forniti nella mattinata di oggi in una conferenza stampa, esattamente alle ore 11.30, presso il comando provinciale di Frosinone. Foto d’archivio

22 maggio 2018 0

VIDEO – Misterioso incendio in via Casilina a Roma, venti persone salvate dalla polizia Locale

Di admin

ROMA – Una ventina dio persone sono state evacuate questa notte nel corso di un incendio che si è sviluppato poco prima dell’alba in un esercizio commerciale in via Casilina 1791. Le persone evacuate abitavano in locali adiacenti a quelli interessati dal rogo. Gli agenti della Polizia Locale giunti prontamente sul posto,  dopo aver allertato i Vigili del Fuoco, si sono adoperati nel tentativo di avvisare gli inquilini dell’edificio adiacente, ed in parte sovrastante il bar, già pervaso dal fumo. Non ricevendo alcuna risposta dall’interno dello stabile, hanno forzato il portone d’ingresso.

Grazie alla sollecita azione degli Agenti è stato possibile scongiurare il peggio. Le persone, colte nel sonno, non si erano accorte del fumo che aveva invaso tutto l’edificio. Gli inquilini, subito soccorsi, non sono rimasti intossicati né hanno riportato ferite. Solo tanta paura. Gli stessi hanno rifiutato l’ausilio della Sala Operativa Sociale, ricevendo assistenza presso parenti ed amici.

L’intervento dei Vigili del Fuoco ha permesso di domare le fiamme e spegnere l’incendio. Lo stabile, con evidenti danni, è stato posto sotto sequestro. Le indagini sono in corso per accertare le cause che hanno provocato il rogo. Al momento non si può escludere alcuna ipotesi, compresa quella dell’atto doloso.

1 maggio 2018 0

Utilitaria con due persone a bordo sbanda e precipita da un ponte nel fiume Sacco

Di redazionecassino1

CEPRANO –  Grave incidente questa mattina lungo la strada provinciale che collega Ceprano a Falvaterra. In prossimità del ponte sul fiume Sacco una Fiat Panda con due persone a bordo mentre percorreva il ponte ha sbandato ed è caduta nelle acque del fiume.

Non si conoscono le identità delle persone a bordo dell’autovetture, nè la dinamica dell’incidente, ma si teme che entrambi gli occupanti dell’auto siano morti.

Sul posto sono intervenuti oltre ai carabinieri della stazione di Ceprano, gli operatori del 118 e i Vigili del fuoco di Ceprano. Disagi al traffico lungo tutta la SP tra i due comuni.

Sono in corso le indagini per stabilire le cause e la dinamica dell’incidente e per recuperare i corpi delle due persone che erano a bordo dell’auto.

 

26 marzo 2018 0

Migliaia di persone alla Passione Vivente di Frosinone

Di admin

FROSINONE – “Una folla composta ed emozionata ha riempito, a partire dalle 20 di domenica sera, piazza Vi dicembre, la prima delle stazioni della quarta edizione della Passio Christi 2018”.

Lo si legge in una nota del Comune di Frosinone.

“L’evento, organizzato dalla Pro Loco e dal Comune di Frosinone con gli assessorati alla cultura e al centro storico (coordinati, rispettivamente, da Valentina Sementilli e Rossella Testa) in collaborazione con il consigliere delegato ai grandi eventi Gianpiero Fabrizi, ha coinvolto circa 300 persone, tra figuranti e attori protagonisti. Migliaia di spettatori sono accorsi da tutta la regione per partecipare alla via crucis frusinate che ha magistralmente evocato – con l’ausilio di una scenografia maestosa, di costumi storicamente accurati e di una recitazione intensa – il mistero del dolore e del sacrificio, su cui trionfano i valori del perdono e della salvezza. La sacra rappresentazione ha coinvolto il suggestivo centro storico della città, con le scene allestite a piazzale Vittorio Veneto (processo davanti a Caifa e impiccagione di Giuda), a piazza santa Maria (processo davanti a Pilato) e a piazza Valchera (Crocifissione). Anche quest’anno, la Passio Christi ha saputo parlare al cuore di tutti, credenti e laici, costituendo un importante momento di coesione sociale e di spiritualità”.

“Sia per i credenti che per i non credenti – ha dichiarato nella nota il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani – la Passione di Cristo rappresenta il momento topico della rievocazione di un uomo effettivamente vissuto e messo in croce dal delegato dell’imperatore, giudicato colpevole di eresia solo perché aveva la pretesa di varcare i confini degli Stati e della politica del tempo attraverso l’amore e la solidarietà degli uomini. È un messaggio ancora attuale che, declinato in chiave terzo millennio, evidenzia la bellezza della riconciliazione ed il primato dell’humanitas sull’odio e sulle divisioni, artificiosamente generate dall’uomo, in ogni tempo”.

9 marzo 2018 0

Cisterna di Latina, Migliaia di persone, palloncini, due colombe e tante lacrime per salutare Alessia e Martina

Di redazione

È il giorno del dolore più forte. E migliaia di persone sono lì a stringersi alla famiglia e ai parenti delle piccole Martina e Alessia Capasso, uccise dal papà Luigi. Oggi l’ultimo saluto. Davanti la chiesa tanti palloncini bianchi e rosa. Sono iniziati pochi istanti fa nella chiesa parrocchiale di San Valentino a Cisterna di Latina i funerali. Un applauso carico di commozione e dolore ha accolto i due feretri in bare bianche lungo il viale che porta alla chiesa. Oltre ai palloncini bianchi e rosa anche striscioni con messaggi strazianti per le piccole “Cisterna non vi dimenticherá”. Sono state fatte volare via anche due colombe bianche che poi si sono rifugiate sotto il portico della chiesa spaventate dalle migliaia di persone. Applausi e lacrime riempiono una mattinata che sa solo di amarezza e dolore per una famiglia distrutta.

2 marzo 2018 0

Armi di persone decedute detenute da parenti senza titolo: continuano i sequestri

Di admin

FROSINONE – Sequestrati dalla Polizia di Stato altri due fucili: le armi appartenevano a due cacciatori deceduti e gli eredi non avevano  idoneo titolo per la detenzione.

Se l’erede non è titolare di porto d’armi, ricorda il Primo Dirigente dr.ssa Antonella Chiapparelli, a capo della Divisione Amministrativa, lo stesso dovrà obbligatoriamente provvedere alla segnalazione  all’Autorità di P.S. o ai Carabinieri, che prenderanno  le armi e daranno all’erede un termine per acquisire il nulla osta all’acquisto (o una licenza di porto d’armi) per poter detenere legalmente  egli stesso le armi; ovvero potrà trasferire le armi ad un soggetto legittimato (titolare di licenza di porto d’armi) entro un termine stabilito.

L’erede potrà anche scegliere di destinare le armi per la distruzione.

A riguardo,  le  armi da distruggere,  ritenute di interesse storico – culturale dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT), continueranno ad essere custodite presso le armerie degli Uffici di P.S. per il successivo riscontro in loco da parte della competente Soprintendenza.

2 febbraio 2018 0

Cassino, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, denunciate due persone

Di redazionecassino1

Gli  agenti del Commissariato  di Cassino, diretti dal vice Questore Alessandro Tocco, hanno denunciato due persone per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Nel pomeriggio di ieri i poliziotti, a seguito di segnalazioni di alcuni cittadini, sono intervenuti  in un appartamento di  via Pascoli.

Qui hanno sorpreso un cliente originario di Formia con due prostitute un trans brasiliano e una donna colombiana.

A seguito di una perquisizione sono stati sequestrati profilattici e soldi. Non è il primo caso in cui gli uomini del dott. Alessandro Tocco intervengono per contrastare il fenomeno della prostituzione in città. Già in passato gli agenti del commissariato di Cassino erano intervenuti contro lo sfruttamento della prostituzione nella Città Martie passando al setaccio gli affitti corrisposti per appartamenti da giovani prostitute. Un’ indagine, svolta dagli agenti del commissariato di Polizia, aveve portato ad accertare un fiorente mercato del sesso.