Tag: piano

20 giugno 2018 0

Il “cinico ed irresponsabile” piano Franco-Tedesco per la soluzione del problema migranti

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

DALL’ITALIA – L’unione Europea “unita” solamente negli interessi di Francia e Germania. Macron e la Merkel hanno dettato la loro linea per risolvere il problema dei migranti, linea che, ovviamente, passa al di fuori dei loro confini nazionali ma che solca gli altri Paesi.

Quasi un ricatto la loro idea: appoggerebbero il progetto di creare nei paesi di origine (in Africa) dei campo di accoglienza, a patto che tutti i migranti arrivati in Europa e che si trovano nei loro paesi (Francia e Germania) vengano riassorbiti da quei Paesi in cui sono sbarcati: Italia (soprattutto), Spagna e Grecia.

Ci sarebbe da sorridere se non ci fossero in ballo vite umane, quelle dei migranti le cui sorti (vedi vicenda Aquarius) stanno tanto a cuore a Macron, tanto da fargli dire che il divieto imposto dall’Italia di approdare sulle coste italiane è stato “cinico e irresponsabile”, addirittura “vomitevole” secondo il segretario del suo partito.

Dopo quella presa di posizione ci si aspettava un progetto diverso, sicuramente meno cinico (e secondo alcuni anche meno vomitevole). Insomma una soluzione, quella Franco tedesca, “furbetta” che non porterà ad una soluzione concreta ma che sembra essere la miccia per il ritorno alle frontiere che nessuno in Europa dovrebbe auspicare.

Ermanno Amedei

21 aprile 2018 0

Cassino, bimba rischia di cadere dal secondo piano: denunciata la madre

Di admin

CASSINO – I bambini sono imprevedibili. Ben lo sa chi ne ha almeno uno e, lo sa anche la madre di una bambina di circa 2 anni e mezzo che, qualche giorno fa, è rimasta aggrappata al davanzale del secondo piano.

articolo precedente

Durante un momento di distrazione della mamma, la bambina è salita su un tavolo, di lì sul davanzale e poi, giù dalla finestra se non si fosse retta al marmo. Sotto i testimoni, ed in particolare un vigile del fuoco fuori servizio, si organizzavano per i soccorsi, la donna si è accorta di quanto stava accadendo e ha mesos in salvo la piccola. Un sospiro di sollievo per aver salvato la figlia ma, purtroppo, la disattenzione le è costata una denuncia per abbandono di minori,di anni 3.

Ermanno Amedei

19 aprile 2018 0

Uccide il cane del figlio lanciandolo dal 7° piano, arrestato 44enne

Di admin

ROMA – “Tutte ste pagliacciate…è solo un cane!!”; queste le parole che un 44enne romano ha rivolto agli agenti della Polizia di Stato che stavano confortando il figlio a cui aveva appena ucciso, lanciandola dal 7° piano, la sua cagnolina.

La  chiamata, giunta al 112 NUE nel pomeriggio di ieri, parlava di un uomo che aveva  lanciato un cane dal 7° piano; i poliziotti intervenuti hanno subito individuato l’abitazione e sotto di essa, in un parco, hanno trovato un’adolescente in lacrime che stringeva al petto la femmina di Jack Russell che il padre aveva di fatto ucciso.

Quando ormai si era formato un capannello di gente è arrivato S.P., queste le iniziali dell’odierno arrestato, che, già da lontano, ha iniziato ad insultare gli agenti, poi ha colpito con calci  e pugni i due poliziotti che cercavano di fermarlo; la furia dell’uomo è stata vinta, senza ulteriori conseguenze per nessuno, usando lo spray “al peperoncino” in dotazione alla Polizia di Stato.

S.P. ha continuato però a colpire le auto della polizia e, dentro gli uffici del commissariato Esposizione, ha cercato di auto-lesionarsi.

Gli agenti del Reparto Volanti e del commissariato Tor Carbone hanno accertato che nell’appartamento c’era un altro cagnolino della stessa razza.

I motivi del gesto sono ora al vaglio degli investigatori; la salma del Jack Russell è stata affidata agli operatori specializzati dell’AMA.

16 aprile 2018 1

Cassino, bimba rischia di cadere dal secondo piano: paura in via Arigni

Di admin

CASSINO – Una bambina di poco più di due anni ha rischiato di cadere nel vuoto. Testimoni hanno riferito che questa mattina, in via Arigni a Cassino, il corpicino della piccola  penzolava aggrappata al davanzale della finestra da cui era caduta dal secondo piano.

Si ignorano al momento, le cause che hanno fatto sì che la piccola, fosse in quella pericolosa situazione. Due giovani che hanno visto la scena si sarebbero procurati un telone nell’estremo tentativo, nel caso in cui la bambina fosse caduta, di alleviarle l’impatto con il suolo.

Per fortuna non è servito: le sue urla hanno attirato l’attenzione di chi era in casa che è riuscito a prenderla e a metterla in salvo.

Ermanno Amedei

9 marzo 2018 0

Intossicati da stufa del piano di sotto: mamma e bimbi di 1 e 2 anni in ospedale

Di admin

VITERBO – Un bambino di un anno, la sorellina di tre e la mamma di 23 anni, cittadini domenicani residenti a Viterbo in via Cairoli sono stati trasportati in ospedale per intossicazione da monossido di carbonio.

A lanciare l’allarme sono stati i vicini di casa che, dopo aver bussato alla porta del loro appartamento al terzo piano, li hanno trovati riversi a terra.

Hanno quindi soccorso i tre e chiamato i vigili del fuoco di Viterbo che hanno individuato la causa in una stufa a pellet difettosa del piano di sotto.

27 febbraio 2018 0

Cassino, “Spuntano…due posti riservati” nel parcheggio di via Tommaso Piano, ma destinati a chi?

Di redazionecassino1

CASSINO – Un brano di qualche anno fa iniziava così: “Spunta la luna dal monte…!“, ma a quanto pare a Cassino a spuntare dal nulla sono due parcheggi riservati nel parcheggio retrostante il Comune, in via Tommaso Piano e, soprattutto, riservati a chi? Con l’avvento dell’amministrazione D’Alessandro, stiamo imparando a vederne di tutte i colori, con buona pace della “tolleranza zero” verso i furbetti, tanto sbandierata in campagna elettorale. Non è dato neppure sapere quale sia la brillante mente che abbia pensato di garantire al sindaco, a qualcuno del suo staff o a quale dirigente quei due posti. Già, perché si tratta proprio di posti riservati, con tanto di “R” ben in vista di color rosso e delimitati da catena e paletti, “R” peraltro poi frettolosamente cancellata, ma comunque ben visibile lo stesso. Sicuramente il messaggio è chiaro, far capire ai malintenzionati che avessero avuto l’ardire di occuparli, chi comanda.

Ma non basta, poiché sull’Albo Pretorio del Comune è apparsa un’Ordinanza di Polizia Locale (N° 56 del 23.02.2018) che autorizza due parcheggi per invalidi. Fin qui tutto normale se non fosse che il documento allegato non “risulta consultabile on line”. Non si capisce il motivo e non si capisce dove questi stalli per disabili debbano essere realizzati e se, effettivamente siano per dei disabili. Quel che è certo che gli unici posti riservati  che sono spuntati sono quelli in bella mostra nel parcheggio di via Tommaso Piano.

E’ inspiegabile anche come si possano creare due posti riservati su un terreno che, a detta di molti e bene informati,  apparterrebbe al Genio Civile sul quale negli anni passati non è stato possibile realizzare parcheggi riservati per i disabili che lavorano o si recano negli uffici comunali per loro esigenze, proprio in virtù di quello specifico diritto, nonostante le richieste delle associazioni dei disabili. Ora viene da chiedersi, se per i disabili non si potevano realizzare stalli riservati, e si sa quanto ce ne sia bisogno peiprio in quel parcheggio, perché per altri è possibile?

Occorre, infine, ricordare a quella brillante mente che ha avuto l’intuito di realizzare quei due parcheggi, che il Codice della Strada prevede parcheggi riservati oltre che ai disabili, soltanto alle auto di servizio delle forze dell’ordine dei mezzi di soccorso (ambulanze e vigili del fuoco) non certo per le auto private di sindaci, dirigenti comunali o assessori.

Quello che risalta agli occhi, in tutta questa poco edificante storia, è la differenza con la precedente amministrazione Petrarcone che privilegiava una mobilità cittadina sostenibile, ecologica, alternativa ed a basso impatto inquinante. A D’Alessandro & Co. quel tipo di mobilità non interessa, tanto i dati sull’inquinamento atmosferico sono tutti nella norma ed è sufficiente un “capo classe energetico” per risolvere il problema delle polveri sottili, del PM10, del caos del traffico a Cassino. Convinti loro…!

F. Pensabene

27 febbraio 2018 0

grande Freddo, il sindaco di Pontecorvo: “il piano antineve ha funzionato, ora scatta piano sale

Di admin

PONTECORVO – “Il piano antineve del Comune di Pontecorvo ha funzionato al meglio: le strade sono state pulite in poche ore e non ci sono stati disagi.  Ora scatta il piano sale”.

Lo afferma in una nota il sindaco di Pontecorvo Anselmo Rotondo.

“La neve non ci ha colto di sorpresa, già dalla serata di domenica è stato attivato il piano d’intervento con la preallerta delle ditte specializzate per spazzare la neve. Alle 6.30 di questa mattina la neve è arrivata e le pale meccaniche sono entrate in azione alle 8 le strade principali erano tutte percorribili e abbiamo focalizzato l’attenzione sulle arterie secondarie. Dal primo pomeriggio di oggi entreranno in azione i mezzi spargisale per prevenire il gelo previsto stanotte.

Un piano che ha funzionato al meglio per questo devo ringraziare l’architetto Roberto Di Giorgio responsabile della protezione civile, i capi area Enzo Daversa e Umberto Grossi, ogni singolo dipendente comunale, e tutta la protezione civile, tutti i membri della maggioranza consiliare che dalla prime luci del’alba di oggi si sono resi disponibili al mio fianco per affrontare la neve. Grazie anche ai  carabinieri, la polizia locale i dipendenti dell’Asm e i tanti volontari e ditte che si sono reso resi disponibili e che hanno contribuito ad affrontare l’emergenza neve 2018. Le scuole in vista della grande ondata di gelo resteranno chiuse anche oggi 27 febbraio”.

25 febbraio 2018 0

Donna sale sulla balaustra di casa e minaccia di gettarsi dal quinto piano

Di admin

POMEZIA – Si è arrampicata il passamano del balcone di casa minacciando di gettarsi nel vuoto. La 32enne, rimanendo sospesa al quinto piano della palazzina in piazza Luigi Nervi a Pomezia, ha fatto rimanere con il fiato sospeso l’intero quartiere.

Sul posto, oltre alle forze dell’ordine, questa mattina alle forze dell’ordine sono arrivati i vigili del fuoco e una autoscala di Pomezia e del comando dei vigili del fuoco di Roma raggiungendo la donna e convincendola a farsi portare in salvo.

Una volta al sicuro la donna è stata affidata ad autorità competenti.

20 dicembre 2017 0

Bimbo di 5 anni cade dal 5° piano. Muore sul colpo. Tragedia a Spinaceto

Di redazione

Un bambino di 5 anni è morto oggi pomeriggio cadendo dalla finestra dell’appartamento al quinto piano di una palazzina Ater in cui viveva con i genitori a Spinaceto. La tragedia è accaduta oggi pomeriggio in via Padre Romualdo Formato quando il piccolo era in casa con il padre mentre la madre era uscita di casa per andare a prendere la sorellina. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri del nucleo investigativo di Frascati e dei loro colleghi della Compagnia di Pomezia, il piccolo si sarebbe arrampicato al termosifone vicino alla finestra della sala da pranzo arrivando così al davanzale e poi è caduto nel vuoto. Il padre si sarebbe accorto di quanto accaduto quando il bimbo era purtroppo precipitato. Il bambino è morto sul colpo. Le indagini dei carabinieri sono ancora in corso. Foto d’archivio

20 ottobre 2017 Non attivi

Piano di Gestione a Frosinone, corsi gratuiti di sicurezza da Unione Artigiani per aziende che aprono sul terriotorio

Di admin
“Il Piano di Gestione “Frosinone Alta” procede spedito per la strada tracciata, sei mesi fa, in occasione della presentazione alla città, ai portatori di interesse e a tutti i soggetti coinvolti”. Lo si legge in una nota del comune di Frosinone. “Solo pochi giorni fa, l’Unione Artigiani Italiani di Frosinone, attraverso il responsabile provinciale Giuseppe Zannetti, ha aderito al Piano, firmando un protocollo d’intesa con il Comune di Frosinone, rappresentato dall’assessore al centro storico, Rossella Testa. La Uai si impegna, in virtù di tale documento, a formare a titolo gratuito tutte le nuove aziende, che dovessero stabilirsi nell’area del Piano, in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, offrendo, inoltre, consulenza nella creazione di impresa e nell’accesso ad agevolazioni e contributi per l’imprenditoria. La collaborazione siglata tra gli enti è volta ad estendere la conoscenza e la divulgazione tra gli associati delle opportunità offerte del Piano, fortemente voluto dall’amministrazione Ottaviani con il coordinamento dell’assessore Testa, allo scopo di riqualificare la parte alta della città, rilanciandone, nello stesso tempo, il tessuto economico. Risale, invece, a poco tempo fa, l’accordo sottoscritto dall’amministrazione Ottaviani con la Confcommercio Lazio sud del presidente Giovanni Acampora, tramite la propria articolazione territoriale Ascom – Confcommercio Frosinone, che ha così partecipato all’azione di staging prevista dal Piano; hanno aderito anche Agenzia Immobiliare Vittorio Veneto e Immobileuro. “Proseguono senza sosta gli interventi previsti dal Piano ‘Frosinone Alta’, così come da programma – ha dichiarato l’assessore Testa – Con la delibera proposta dall’assessorato al centro storico nell’ultima seduta di giunta, inoltre, l’amministrazione intende imprimere un’accelerazione alle azioni previste dal Piano, entrando nel cuore della fase operativa. Gli obiettivi sono tanti e vanno nella direzione indicata dal progetto stilato dall’affiatato e instancabile gruppo di professionisti che ha lavorato, gratuitamente, al Piano, di concerto con gli uffici del settore della governance, del patrimonio, del bilancio e della cultura del Comune di Frosinone. Tra questi, vanno citati la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale, con l’istituzionalizzazione di alcune ricorrenze importanti per la storia della nostra città e l’implementazione degli interventi di marketing, sia per la promozione del territorio a fini turistici, sia rivolti allo sviluppo di attività economiche ed imprenditoriali. A breve, potremo contare anche sull’adesione della Pro Loco di Frosinone. L’approccio che stiamo seguendo – ha concluso Testa- è quello di mettere insieme cittadini, operatori commerciali e associazioni per creare nuove opportunità di sviluppo, a seguito delle novità infrastrutturali introdotte dal Comune nel corso degli ultimi anni, che hanno confermato il sentimento di attenzione della nostra amministrazione verso il centro storico. Ora, con il Piano di gestione, siamo convinti di poter consolidare la nuova stagione di sviluppo per la parte alta della città”.