Tag: piatto

7 febbraio 2018 0

Cassino, colpisce moglie con piatto di gnocchi durante lite: denunciato 43enne

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Litiga con la moglie e le scaglia addosso il piatto di gnocchi prima di afferrarle i capelli e spintonandola a terra. Così, un marito 43enne originario del Marocco ma residente a Cassino, ha rimediato una denuncia per violenza tra le mura domestiche.

Ad evitare il peggio sono stati gli agenti del commissariato cittadino diretti dal vice questore Alessandro Tocco che, intervenuti, hanno ristabilito l’ordine e denunciato l’uomo per lesioni personali, maltrattamenti in famiglia e minacce.

La donna ha dovuto far ricorso alle cure dei sanitari dove le è stata diagnosticata una prognosi di 10 giorni.

12 agosto 2010 5

Non dire “gatto” se non ce l’hai nel …piatto!

Di redazione

Ho ospiti a pranzo, e questa volta voglio proprio cimentarmi in qualche prelibatezza. Inizio a cercare ricette sfiziose ed ecco che mi imbatto in un sito: www.mangiagatti.com. In un primo momento penso si tratti di uno scherzo, ma poi inizio a leggere e mi accorgo che tanto scherzo non è. Infatti, proprio questo sito ha fatto andare su tutte le furie (e vagli a dare torto!) il presidente dell’A.I.D.A.A., Associazione Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, Lorenzo Croce, attualmente impegnato sul fronte del monitoraggio dell’increscioso fenomeno delle sparizioni dei felini in questione. Pare che dette sparizioni si siano potute registrare soprattutto a Milano, nella zona della Stazione Centrale; altra denuncia allarmante arriverebbe, poi, da Parma, dove ne sarebbero spariti addirittura 500 in soli 6 mesi. Pertanto, l’Associazione invita chiunque ne abbia notizia a segnalare le misteriose sscomparse di mici avvenute nel corso degli ultimi 3 anni. Certo, il dato è decisamente preoccupante. Perchè a questo punto torna in mente la polemica dei gatti di Bigazzi, e viene da pensare che, evidentemente, lui non era l’unico ad apprezzarne le tenere carni. Intanto, la denuncia dell’AIDAA, giunta alla Procura della Repubblica e alla Polizia Postale di Milano, chiede l’immediato oscuramento del sito internet, che sarebbe fuorviante anche nella sezione legislativa, omettendo di dire che le leggi a tutela degli animali prevedono l’arresto per chi maltratta o uccide un gatto; “figuriamoci poi se questa uccisione avviene a scopo culinario”, chiarisce il presidente dell’Associazione, che si sta battendo anche per l’individuazione e la punizione dei responsabili. E per oggi i miei ospiti si “accontenteranno” di bistecche. Di manzo. (AGI; www.gattoegatti.com)

di Palma L.