Tag: piena

21 marzo 2017 0

Fuga di gas a Cassino in piena notte, uomo salvato dai vigili del fuoco

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Deve la vita ai vigili del fuoco di Cassino e a qualcuno, tra vicini di casa e passanti, che li ha allertati.

L’uomo dormiva profondamente quando i pompieri in via Bellini questa notte poco prima dell’una, sono arrivati e lo hanno fatto uscire dall’alloggio in cui l’aria era quasi completamente satura di gas fuoriuscita da qualche guarnizione difettosa.

Stesso provvedimento anche per altre famiglie ma solo per il tempo di far arieggiare i locali dopo aver chiuso la perdita. Poi tutti sono tornati in casa certi sentendosi fortunati per l’epilogo della vicenda.

Ermanno Amedei 

8 febbraio 2017 0

Venafro – Assalto in piena notte al Bar-Tabacchi, due pregiudicati arrestati dai Carabinieri

Di Antonio Nardelli

Sono stati arrestati in flagranza di reato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia, intorno alle quattro della decorsa notte, proprio mentre tentavano di asportare refurtiva per svariate migliaia di euro all’interno di un Bar-Tabacchi ubicato sulla SS 85 venafrana nei pressi del bivio per Capriati a Volturno, in provincia di Caserta. Si tratta di due pregiudicati, entrambi 40enni, provenienti dall’hinterland napoletano, che dopo aver forzato una porta d’ingresso dell’esercizio commerciale, si sono introdotti all’interno per perpetrare il “colpo”, fallito grazie all’intervento dei militari che avevano notato un’auto sospetta parcheggiata nei pressi del locale. I due, che hanno tentato una breve e inutile fuga, sono stati bloccati ed accompagnati nella caserma dell’Arma di Venafro, e dopo le formalità di rito trasferiti presso la casa circondariale di Isernia. Nella circostanza sono finiti sotto sequestro vari arnesi atti allo scasso e un’autovettura utilizzata dai malviventi, sulla quale sono in corso ulteriori accertamenti. La refurtiva è stata interamente recuperata e restituita al legittimo proprietario, mentre continuano le indagini per accertare se gli arrestati della decorsa notte siano coinvolti in altri furti commessi nel recente passato in provincia di Isernia ai danni abitazioni private ed esercizi pubblici.

23 settembre 2016 0

Bovini “randagi”, In piena curva e al buio, automobilista investe un toro e rischia di rimanere incornata

Di admin

Montelanico – Una delle corna del toro le si è infilata nel parabrezza dell’auto fermandosi a pochi centimetri dalla faccia. E’ accaduto ieri sera a Montelanico sulla via Carpinetana ad una ragazza che, alla guida di una Peugeot 106, stava andando verso Colleferro.

“Ho visto un’auto che mi lampeggiava e ho rallentato – ha detto – ma quando sono uscita dalla curva mi sono trovata davanti, e al buio, almeno quattro bovini. Non ho potuto evitare l’impatto con un toro. Ho visto una delle sue due corna infilarsi nel parabrezza della mia auto fermandosi a pochi centimetri dal mio volto. Sono rimasta sotto shock fino a quando altri automobilisti non mi hanno fatto uscire dalla mia auto per affidarmi agli operatori del 118 che mi hanno portato in ospedale”.

È la testimonianza della ragazza rimasta lievemente ferita. Sul parabrezza della sua auto è rimasto stampata la forma del bovino che si è subito dileguato insieme agli altri e il buco della sua corna. Da tempo Il sindaco Battista di Carpineto e Allocca di Montelanico si stanno battendo per ottenere dalla Prefettura una soluzione al problema dei bovini in libertà. Appena mercoledì un uomo è stato incornato e ferito da un grosso vitello.

 

6 agosto 2010 0

I lupi fanno “traslocare” in piena notte i boy scout

Di redazione

Avevano scelto come campo base la radura in località Fonte della Noce a Lettopalena (Ch). Si tratta di un folto gruppo di Boy scout giunti sulle montagne abruzzesi per trascorrere un periodo svolgendo attività tipiche degli scout. giovedì sera, però, forse impressionati, o forse perché i lupi c’erano d’avvero, hanno avuto paura e, in tutta fretta, hanno smontato le tende e si sono incamminati verso il centro abitato di Lettopalena. Alcuni ululati ascoltati in tarda serata, poi gli occhi degli animali che si vedevano tra la boscaglia, ha “convinto” il gruppo che era tempo di “togliere le tende”. Hanno quindi chiesto l’intervento dei carabinieri e, quasi “scortati”, sono scesi a valle e si sono accampati nel centro del paese.

9 maggio 2010 0

Si addormenta sul treno e si risveglia in piena notte “prigioniera” della carrozza

Di redazione

Si sveglia in piena notte all’interno di un vagone del treno chiuso e fermo su un binario morto. Brutta esperienza per una professionista originaria di Lanciano (Ch) ma da anni residente a Milano. La donna, alcuni giorni fa, si è recata in treno a Vimercate (Mi) per sottoporsi ad una cura dal suo dentista di fiducia. Un intervento per eseguire il quale sono state necessarie massicce dosi di anestesia. Ultimata la seduta, ormai nel tardissimo pomeriggio, è salita sul primo treno diretto a Milano centro dove abita. L’antesia però, deve avergli giocato un brutto scherzo dato che, non appena sulla poltroncina è caduta in un sonno profondissimo. Solo nella tarada serata ha riaperto gli occhi in un ambiente completamente buio e silenzioso. Presa dal panico ha iniziato a correre nella carrozza del treno che, mentre lei dormiva, si era completamente svuotata dagli altri passeggeri ed era stata parcheggita e chiusa su un binario morto e al buio. Superato il momento di panico, e dopo aver tentato inutilmente di uscire dalla carrozza, la donna ha realizzato che la cosa migliore da fare era chiedere aiuto con il telefono cellulare. Così, poco dopo, personale delle ferrovie è andato in suo soccorso. Ci si chiede: ma è possibile che un treno viene parcheggiato e chiuso senza che nessuno si accerti che persone, eventualmente colte da malore, possano esservi rimasto all’interno? ermadei@libero.it