Tag: pioggia

20 novembre 2018 0

Maltempo, la pioggia torrenziale ha ingrossato il Gari: campagne allagate a Sant’Angelo

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Una nottata di pioggia ha ingrossato il fiume Gari che, a Cassino, nella Frazione di Sant’Angelo, ha rotto gli argini uscendo dal letto e allagando le campagne circostanti.

Per tutta la notte nel cassinate la pioggia non ha smesso di cadere.

Al momento si segnalano alcune cantine e scantinati allagati oltre alla difficoltà per alcuni automobilisti che, nella notte, sono stati soccorsi da altri automobilisti.

A ciò si aggiungono i soliti sottopassi allagati tra Aquino e Roccasecca ma non si segnalano persone ferite.

Ermanno Amedei

19 novembre 2018 0

Maltempo, prima neve a Forca D’Acero e allerta per pioggia a “valle” – VIDEO

Di admin

FROSINONE – “Prima neve della stagione sulla strada regionale 509 di Forca d’Acero, dove sono stati imbiancati i km dal 9+680 al 13+000. Sul tratto interessato sono attivi mezzi spazzaneve e spargisale di Astral spa”.

Ne da notizia l’Astral che segue con attenzione lo sviluppo deelle condizioni meteo.

A “valle”, la pioggia è caduta in abbondanza sull’Autostrada tra Anagni e Frosinone creando disagi alla viabilità. Il maltempo, secondo le previsioni e l’allerta meteo lanciata dalla protezione civile Regionale si intensificherà nel corso della notte con l’aumento delle piogge in tutta la provincia.

29 ottobre 2018 0

Il maltempo con pioggia e vento flagella Cassino e la periferia. Cade una pensilina in via Abate Aligerno

Di redazionecassino1

CASSINO – Un violento nubifragio si è abbattuto fin dal primo pomeriggio su Cassino ed il cassinate. Una pioggia intensa e violenta ha flagellato la città martire e le zone limitrofe. Rami di alberi staccati dalle forti raffiche di vento sono caduti sulle strade del centro complice la pioggia insistente e fitta. Numerose le strade allagate nel centro cittadino e in periferia hanno reso difficile la circolazione. In alcuni puntii sulla SS 6 Casilina il maltempo, ancora in corso, ha visto l’allagamento in diversi punti di buona parte della carreggiata. La caduta di un grosso albero su una vettura ha provocato la morte delle due persone occupanti.

Nel centro di Cassino il nubifragio ha creato non pochi disagi a cantine e scantinati.  In via Abate Aligerno, il forte vento accompagnato alla pioggia ha divelto una pensilina da un balcone di un’abitazione facendola precipitare violentemente sulla strada, per fortuna in quel momento non trafficata e senza conseguenze.

Neppure la strada che porta all’Abbazia è rimasta indenne dai danni del maltempo che ha riguardato la città. A poche centinaia di metri dall’Abbazia un enorme ramo è precipitato sulla strada, invadendo l’intera carreggiata.

Tante le chiamate ai Vigili del fuoco del distaccamento di Cassino per locali e scantinati allagati.

Ingrossati tutti i corsi d’acqua della città.

F. P.

 

4 luglio 2018 0

Pioggia di medaglie per il Cus-Cassino ai Campionati Nazionali Universitari in Molise

Di redazionecassino1
Una pioggia di medaglie per gli atleti del Centro Universitario Sportivo ai campionati nazionali universitari che quest’anno sono stati ospitati dall’ateneo del Molise.Samuele Cerro, un’atleta cussino cresciuto nell’atletica Pontecorvo, ha vinto i campionati nazionali universitari  nella gara del salto in lungo con una misura di 7,83 e ha poi fatto doppietta con un oro anche nel salto triplo staccando di parecchio gli avversari con una misura di 16,24. Un altro oro è arrivato da  Francesca Mastrantuono,  prima classificata nel taekwondo nella categoria – 67 cintura nera. Un argento è stato invece conquistato da Prisco Casertano nel judo maschile categoria – 81.  Infine un bronzo nella scherma: la medaglia è stata conquistata da Marta Zapparato nella specialità spada. Questi atleti sono stati quindi omaggiati e nuovamente premiati in una cerimonia ad hoc che si è svolta nei giorni scorsi nell’aula magna del Campus Folcara.  Presenti, oltre agli atleti vincitori. il Magnifico Rettore Giovanni Betta, il Presidente della Commissione sport e cultura della Regione Lazio  Pasquale Ciacciarelli, il vice presidente della Provincia di Frosinone, Massimiliano Mignanelli, il Direttore di Laziodisu Riccardo Pignatelli anche in rappresentanza dell’Adisu, il dottor Carmelo Ursino, la professoressa Giovanna Calise e il presidente del Cus Cassino Carmine Calce, oltre che unfolto gruppo studenti. L’occasione è stata motivo di riflessione sull’importanza dello sport a livello universitario, e la possibilità del raggiungimento di obiettivi sportivi importanti senza tralasciare la carriera universitaria. In modo particolare sono intervenuti i rappresentanti degli studenti Achille Migliorelli (Primavera Studentesca), Riccardo Mancinelli (Guardiani della strada) e Marco Mignanelli (Unisono) con un discorso di plauso ed elogio al Cus Cassino per le iniziative intraprese, mettendosi a disposizione per avviare un’attività di collaborazione per la diffusione di dette iniziative per cercare di incrementare il numero di atleti partecipanti e, dunque di studenti. Sono stati premiati tutti i vincitori di medaglie.  Per quanto riguarda gli sport a squadra e in modo particolare per il calcio, è stato letto il saluto e il ringraziamento al Cus Cassino per l’opportunità e la bella esperienza di rappresentare l’Ateneo di Cassino per diversi anni da parte del capitano uscente, Pierluigi Dalla Bona, sempre a disposizione, studente/atleta con il merito di aver formato un vero “team”. Quest’anno laureato, ha passato il testimone al nuovo capitano, Mario Pacitto. L’iniziativa è stata fortemente voluta dal Rettore Betta che ha consegnato ai medagliati il sigillo personalizzato dell’Università degli Studi di Cassino, mentre il presidente del Cus Cassino ha consegnato ai presenti una targa ricordo. Il Magnifico Rettore, vista la presenza delle varie Autorità e Istituzioni, ha colto l’occasione di parlare della doppia carriera Universitaria con Laziodisu per poter dare la possibilità di studiare pur essendo atleti di alto livello nazionale e internazionale prevedendo anche la possibilità di un’attenzione in più, introducendo eventualmente anche la figura di un tutor per sostenere gli esami. Anche il Presidente Ciacciarelli ha dato la piena disponibilità per sostenere le attività sportive dell’ateneo di Cassino e iniziative sportive future, attraverso interventi regionali. A tal proposito il presidente Calce ha annunciato che il Cus Cassino proprio in questi giorni ha avanzato la richiesta di organizzazione dei campionati italiani di Corsa campestre (festival del cross) e dei campionati master di corsa campestre per il 2019, in occasione della ricorrenza dei 40 anni di attività dell’Unicas. Le autorità presenti hanno dato piena disponibilità per collaborare a questa iniziativa.
24 maggio 2018 0

Pioggia di medaglie per gli atleti del CUS-Cassino ai Campionati Nazionali Universitari

Di redazionecassino1

CAMPOBASSO – Pioggia di medaglie per gli atleti del Centro Universitario Sportivo di Cassino nei campionati Nazionali Universitari che si stanno svolgendo in Molise.

Quella di quest’anno è l’edizione numero 72 dei Campionati nazionali universitari: cinque anni fa, nel 2013, i Cnu – lo ricordiamo – furono organizzati dal Cus Cassino nella città martire. Quest’anno la cerimonia inaugurale dell’edizione primaverile si è tenuta venerdì 18 maggio a Campobasso, organizzata dall’Università degli Studi del Molise e dal Cus Molise. Sabato sono quindi partite le gare degli atleti provenienti dalle università di tutta Italia. Campi di gioco in tutta la Regione Molise.

Fino a sabato prossimo, 26 maggio, quando calerà il sipario, saranno coinvolti molti comuni del territorio molisano in una manifestazione che sta dando tantissimo spettacolo. Gli atleti del Cus Cassino, capitanati dal presidente Carmine Calce, hanno subito dato il meglio.

Samuele Cerro, un’atleta cussino cresciuto nell’ atletica Pontecorvo, ha vinto i campionati nazionali universitari  nella gara del salto in lungo con una misura di 7,83 e ha poi fatto doppietta con un oro anche nel salto triplo staccando di parecchio gli avversari con una misura di 16,24 nella gara di domenica scorsa. Un altro oro è arrivato da Francesca Mastrantuono,  prima classificata nel taekwondo nella categoria – 67 cintura nera. Un argento è stato invece conquistato da Prisco Casertano nel judo maschile categoria – 81.  Infine un bronzo nella scherma: la medaglia è stata conquistata da Marta Zapparato nella specialità spada. Ma non è finita qui, perché la competizione va avanti e il Cus Cassino spera di portare a casa altre medaglie: venerdì 25 maggio sarà la giornata cruciale in cui saranno assegnati la maggior parte dei titoli di campione italiano universitario 2018.

La kermesse, promossa dal Centro universitario sportivo italiano, è tornata in Molise dopo otto anni. L’edizione 2010 riscosse il plauso di tutti i partecipanti ed oggi è altissimo l’entusiasmo per la rinnovata fiducia ottenuta dal Comitato universitario sportivo italiano. Un riconoscimento di stima per la piccola ma funzionale Università degli Studi del Molise, che è pronta a sorprendere ancora una volta. E al bis punta anche il professor Calce che, dopo l’esperienza del 2013, intende riportare i Cnu a Cassino molto presto.

  

18 febbraio 2018 0

La pioggia non ferma la via Crucis in Largo don Bosco a Cassino – LE FOTO

Di admin

CASSINO – “La pioggia invernale non ha frenato il grande successo di pubblico riscosso per l’evento della Via Crucis organizzato dalla parrocchia di San Pietro Apostolo e dall’oramai nota associazione Largo a Don Bosco”.

Lo si legge in una nota degli organizzatori.

“Oggi pomeriggio alle ore 15.oo in largo don Bosco zona Solfegna a Cassino si è tenuta una manifestazione che ha visto la presenza del diacono Luigi Evangelista il quale ha ricordato ai presenti il significato della Via Crucis.

Originariamente la vera Via Crucis comportava la necessità di recarsi materialmente in visita presso i luoghi dove Gesù aveva sofferto ed era stato messo a morte. Dal momento che un tale pellegrinaggio era impossibile per molti, la rappresentazione delle stazioni nelle chiese rappresentò un modo di portare idealmente a Gerusalemme ciascun credente. Le rappresentazioni dei vari episodi dolorosi accaduti lungo il percorso contribuivano a coinvolgere gli spettatori con una forte carica emotiva.

Tale pratica popolare venne diffusa dai pellegrini di ritorno dalla Terrasanta e principalmente dai Minori Francescani che, dal 1342, avevano la custodia dei Luoghi Santi di Palestina. Inizialmente la Via Crucis come serie di quattordici “quadri” disposti nello stesso ordine (vedi il capitolo seguente) si diffonde in Spagna nella prima metà del XVII secolo e venne istituita esclusivamente nelle chiese dei Minori Osservanti e Riformati. Successivamente Clemente XII estese, nel 1731, la facoltà di istituire la Via Crucis anche nelle altre chiese mantenendo il privilegio della sua istituzione al solo ordine francescano.

Il direttivo dell’associazione Largo a Don Bosco Giovanni Pontone Benedetto Vizzaccaro Giovanni La Marra Piero Luigi Di Raddo Pontone Paolo e Luigi D’Aguanno augurano a tutti buona Pasqua 2018”.

24 maggio 2017 0

Violento temporale su Cassino, pioggia, forte vento con lampi e tuoni

Di redazionecassino1

Cassino – Il cielo si è oscurato quasi a tempo di record, nubi nere dense di pioggia hanno coperto  la città in breve tempo. Ci sono voluti pochi minuti e…giù acqua, vento, tuoni e lampi hanno riportato impovvisamente il tempo atmosferico indietro di mesi. E’ quanto si sta verificado in questi minuti a Cassino. Una pioggia torrenziale oltre al forte vento ha scatenato un violento nubifragio. Immancabili le conseguenze alla circolazione, fra strade allagate e pozzanchere, oltre naturalmente alla ricerca, per chi era in strada a piedi, di un riparo dalla pioggia.

 

2 maggio 2017 0

Pioggia di “bombe” sulla Virtus Cassino, San Severo ha vita facile in gara 1 , 89 – 69

Di redazionecassino1

Il playoff 2017 inizia nel peggiore dei modi per la Virtus Cassino travolta e sommersa da una pioggia di “bombe” in terra garganica, San Severo.

Era la prima gara dei quarti di finale della serie B nazionale di basket e le due squadre si sono affrontate in casa dei pugliesi al cospetto di un folto pubblico in un ambiente molto caldo e sportivo.

Ha avuto la meglio San Severo perché si è fatta trovare pronta mentalmente e forse anche fisicamente.

“Irriconoscibili” il commento a fine gara del direttore sportivo della Virtus Cassino, il dott. Leonardo Manzari “Mai come stasera in tutta la stagione! Non abbiamo sbagliato l’approccio alla gara, vedi il primo quarto, abbiamo regalato il secondo quarto agli avversari e non puoi permettere né tantomeno consentire a questa compagine, a questo team che stasera avevamo di fronte di tirare 40 volte, dico 40 volte da oltre l’arco dei 6.75! Questi, signori miei, fanno canestro!” il commento piuttosto stizzito a fine gara del dirigente, responsabile tecnico dei cassinati rossoblù.

La gara si deve a maggior ragione analizzare dal punto di vista numerico, essenzialmente perché è la chiave di tutto l’andamento del match.

Infatti nella prima frazione i cassinati mettono grande pressione difensiva sugli esterni gialloneri padroni di casa limitandone molto la pericolosità non riuscendo però a concretizzare un possibile tentativo di fuga sbagliando appoggi molto facili al canestro avversario.

La seconda frazione di gioco è la chiave di lettura di tutto il match ed inevitabilmente ci riporta alla valutazione numerica dell’incontro.

Dunque San Severo, la Cestistica di Piero Coen ha tirato ben 40 volte da oltre l’arco dei 6.75 realizzando in 18 occasioni. In tutto fa 54 punti ….

La BPC Virtus Cassino invece ha tirato da oltre la linea dei tre punti 25 volte realizzando solo in 7 occasioni. In tutto fa 21 punti ….

La differenza è tutta qui? Beh 33 punti il divario tra le due compagini in questo fondamentale è una enormità se poi si pensa che sotto le plance le due formazioni si sono praticamente equivalse, 32 a 31 il computo a favore di Cassino.

C’è allora un’altra chiave di lettura “……certo il dato delle palle perse” continua Leonardo Manzari “loro al termine del III quarto avevano realizzato la bellezza di 19 punti da palla persa nostra, noi solo due punti! Questo è un numero spaventoso a mio modo di vedere le cose! Dovremo provvedere a discutere un po’ di questi dati perché abbiamo l’obbligo di onorare l’impegno di giovedì prossimo in casa nostra, di fronte al nostro pubblico. A proposito di pubblico e di ospitalità, la gente di San Severo merita ogni elogio ed encomio, speriamo di poter ricambiare al meglio l’ospitalità nei loro confronti a metà della prossima settimana, Abbiamo incontrato una dirigenza ed un pubblico favoloso che merita il mio plauso oltre a quello dei dirigenti e dei tifosi della BPC Virtus Cassino, chapeau!” le parole del dirigente cassinate.

In effetti alla vigilia si si aspettava una gara equilibrata ma la partita tra i gialloneri di San Severo ed i rossoblù della BPC Virtus Cassino lo è stata tale per la miseria di soli dieci minuti, la prima frazione di gioco. Come detto dalla seconda frazione in poi la formazione pugliese ha preso il largo senza lasciare scampo ai giocatori di coach Luca Vettese.

Alla fine la truppa di Vettese paga le basse percentuali dall’arco dei 6.75 (28%) con Petrucci e Del Testa che scrivono “solo” 2/10 in coppia mentre dall’altra parte i pugliesi hanno ben cinque giocatori oltre il 50% e Losi a quota 3/8.

Neanche il computo dei rimbalzi sorride ai cassinati che raccolgono unicamente un pallone in più degli avversari, come detto, molto merito ai lunghi gialloneri ma anche dei molti tiri sbagliati dagli ospiti.

Un discorso a parte merita la difesa, per larghi tratti della stagione fiore all’occhiello della Virtus, messa ripetutamente in difficoltà da San Severo.

Adesso in casa delle “V” rossoblù bisognerà archiviare in fretta questo comunque pericoloso incidente di percorso, ci si deve immediatamente concentrare su gara di ritorno. Ovviamente giovedì sera alle 20.45 al PalaVirtus di Cassino non saranno ammessi errori e Cassino, al netto della brutta prova in Puglia, ha tutte le carte in regola per pareggiare i conti davanti al suo pubblico.

Cestistica San Severo – BPC Virtus Cassino 89-69

Parziali : 24-22, 27-12, 21-11, 17-24

Cestistica San Severo: Ciribeni 20 (4/5, 4/7), Torresi 14 (0/0, 4/6), Dimarco 11 (1/1, 3/5), Losi 11 (0/0, 3/8), Ikangi 10 (2/5, 2/4), Cecchetti 9 (3/3, 1/2), Morgillo 9 (2/3, 1/4), Quarisa 5 (1/2, 0/0), Fabi 0 (0/0, 0/3), Mecci 0 (0/2, 0/1), Sindoni 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 9 / 14 – Rimbalzi: 31 6 + 25 (Quarisa 12) – Assist: 23 (Dimarco 12)

All. Coen

BPC Virtus Cassino : Biagio Sergio 12 (4/5, 1/3), Simone Bagnoli 11 (3/8, 0/1), Duilio Ernesto Birindelli 8 (3/5, 0/0), Lorenzo Panzini 8 (0/0, 2/5), Maurizio Del Testa 7 (2/4, 1/4), Renato Quartuccio 6 (1/1, 1/4), Nicolò Petrucci 5 (0/4, 1/6), Gianluca Valesin 4 (2/4, 0/0), Valerio Marsili 4 (2/2, 0/0), Filippo Serra 4 (0/0, 1/2)

Tiri liberi: 14 / 17 – Rimbalzi: 32 7 + 25 (Duilio ernesto Birindelli 8) – Assist: 12 (Renato Quartuccio 6)

All. Vettese

28 aprile 2017 0

Cassino e i suoi marciapiedi, basta la pioggia primaverile per allagarli

Di admin

Cassino – C’erano una volta Cassino e le sue strade devastate, i marciapiedi ridotti a poco più di groviera per le mille e uno buche, le cartacce trascinate dalle acque di scarico e i suoi abitanti impegnati in percorsi a ostacoli fra i maleodoranti ristagni di pioggia.

Anni di lamentele alle autorità urbane, post sui social e quant’altro a nulla sono valsi dal momento che questo è il panorama che ha accolto oggi i cittadini cassinati al loro risveglio, dopo le piogge frequenti degli ultimi due giorni. Piogge ben più assidue e abbondanti in altri centri della Penisola che tuttavia non risultano motivo di tanto disagio, dai nuclei abitativi sino alle arterie più periferiche.

Per paradosso una città relativamente piccola come Cassino risulta incapace nel fronteggiare persino le precipitazioni primaverili: lo vediamo dalle foto, in una Viale Dante che pur essendo una delle vie principali si rivela semi sommersa dall’acqua ristagnante. Un vero disagio per coloro che arrivano in città dall’adiacente stazione ferroviaria, costretti in ridicoli slalom sui marciapiedi per le numerose buche colme d’acqua. Stesso inconveniente quello presente sui passeggiati di Corso della Repubblica e via Enrico De Nicola, passando per le difficoltà create a genitori e alunni della scuola media  Di Biasio in via Bellini, dovute al vero e proprio lago solito crearsi dinanzi l’ingresso dell’istituto. Tutto ciò è soltanto la punta dell’iceberg, lo sa bene chi è costretto a percorrere via Sferracavalli in questa spiacevole situazione, così come via San Pasquale e la zona del Colosseo, assieme a molte altre. Il problema a monte è da attribuire al pessimo stato in cui versano le reti urbane, le quali necessitano di un sistematico rifacimento e non della bonaria manutenzione (altamente opinabile) di cui si è incaricata l’amministrazione comunale sporadiche volte nel corso degli anni.

Giulia Guerra

13 gennaio 2017 0

Pioggia di cornicioni all’esterno dell’ospedale di Cassino

Di admin

Cassino – Interi pezzi di intonaco si stanno staccando dalla rampa di accesso al pronto soccorso di Cassino cadendo in gran quantità sulle auto e sulle persone che accedono al Santa Scolastica attraverso l’ingresso principale.

Il gelo e le condizioni climatiche in genere stanno sicuramente contribuendo alla distacco dei calcinacci che finisco per danneggiare auto solitamente parcheggiate in punti non consentiti.

Il rischio, però è anche per i passanti. Il temuto paradosso è quello di dover raccontare un giorno del ferimento di qualcuno arrivato in ospedale per curare altre patologie o per far visita ad un ricoverato.