Tag: potenziare

5 gennaio 2017 0

Sicurezza a Cassino, Silp: “Esercito? Serve salvaguardare la Stradale e potenziare il Commissariato”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – La sicurezza a Cassino è da sempre oggetto di confronto e spesso scontro. Sottovalutazioni di pericoli, in alcune circostanze, voglia di ribalta con evidenti annunci allarmistici, in altre, l’argomento viene affrontato talvolta uscendo dai binari.

Il segretario provinciale generale del Silp Cgil Angelo Di Paola dice la sua sulla situazione per la quale, alcuni giorni fa, si era arrivati a ipotizzare l’uso dell’Esercito. I problemi sono ben altri e legati al futuro del distaccamento di polizia stradale che a Cassino, già ridimensionato, sarà presto accorpato alla sottosezione autostradale all’ormai perenne carenza dimpersonale al commissariato di polizia. Di Paola, in un comunicato dice:

“In questi ultimi giorni sono comparsi diversi appelli riguardo la sicurezza in provincia e in particolar modo nella citta’ di cassino. L’ultima notizia in ordine di tempo e’ la richiesta di impiego dell’esercito nella citta’ martire. Considerato che questa eventualità è stata adottata in grandi città italiane, in situazione emergenziale, solo per presididare ambasciate , luoghi di culto o siti che si pensa possano essere obiettivi sensibili del terrorismo interno e/o internazionale, non appare come una priorità per la citta di Cassino. La vera priorità a Cassino, come in altre citta’, piuttosto che l’impiego di uomini dell’esercito, che è bene sottolineare non possono avere tra i compiti il controllo del territorio e non hanno funzioni di polizia giudiziaria perche’ sono prerogative demandate solo alle forze dell’ordine, in particolar modo alla polizia di Stato e ai carabinieri, e’ rafforzare numericamente i presidi di legalita’ come il Commissariato. E questo e’ un momento propizio per poter incidere. Inoltre, I mlitari dell’esercito italiano non posseggono nè la professionalità nè gli strumenti giuridici propri di chi ha il precipuo compito di controllare il territorio attraverso la prevenzione dei reati e la repressione degli stessi qualora avvenissero, sarebbe invece prioritario, insieme alla richiesta di inviare sul territorio altri lavoratori di polizia, che ripetutamente questa o.s. ha evocato, impegnarsi a non limitare la presenza dei poliziotti che attualmente sono impiegati nel cassinate, come invece si sta prospettando con l’accorpamento del distaccamento di polizia stradale di Cassino con la locale sottosezione autostradale. Se avvenisse ciò che ha prospettato il ministro Madia ci troveremmo gli uomini che attualmente presidiano importanti arterie stradali dell’area interessata dirottati in autostrada. Infine, e’ comprensibile comunque l’attenzione sul tema e che sia necessaria la presenza di piu’ uomini in divisa, ma di quelli con la giubba blu, che nel frattempo tra pensionamenti e altri impedimenti sono sempre in numero insufficiente, svolgendo il loro compito con vero spirito di abnegazione mettendo in secondo piano la vita privata, e in maniera assolutamente residuale quelli del progetto “strade sicure”. Allo stesso modo bisogna concentrare l’attenzione sulla criminalità organizzata. Non volevo tornare sul tema dell’ormai acclarata e inquietante presenza nel cassinate, confermata da autorevoli personalità della magistratura e della polizia di Stato e dagli atti giudiziari che ne provano l’indiscutibile presenza, ma il fatto che qualche pubblico intervento la vede come problema marginale, quando marginale non è, mi da l’occasione per tornare a parlare di questo fenomeno malavitoso. Archiviato, si spera, l’utile periodo di denuncia pubblica che ha avuto il merito di scardinare il muro del silenzio, o peggio del negazionismo, è ora giunto il momento dei proponimenti. Sono dell’idea che bisogna consegnare al più presto alla collettività i beni confiscati alla criminalità organizzata. Il silp-cgil si è già preso carico di scrivere al sindaco di Sant’Elia Fiumerapido affinchè ciò avvenga e che fosse intitolata la struttura, una volta riconvertita a bene sociale, a Emanuela Loi, la prima agente di polizia donna a perire in un attentato mafioso, quello di via D’Amelio a Palermo. Affermare la cultura della legalità significa anche appropriarsi di gesti simbolici come questo. Si coglie l’occasione – Conclude il sindacalista – per invitare i primi cittadini dei comuni in cui gravino beni confiscati alla criminalità organizzata di attivarsi affinchè vengano finalmente destinati a fini sociali”.

2 gennaio 2017 0

Frosinone – CGIL Fp: “Psicosi meningite, urgente potenziare i servizi per la vaccinazione”

Di Antonio Nardelli

Dalla Cgil Fp Frosinone riceviamo e pubblichiamo:

I casi di meningite che si sono registrati negli ultimi giorni in diversi Comuni della provincia di Frosinone stanno inevitabilmente alimentando una vera e propria psicosi tra tutta la cittadinanza a cui le Istituzioni per competenza preposte hanno il dovere di rispondere adeguatamente ed efficacemente, ASL di Frosinone e Regione Lazio in primis. Al fine di evitare il serio rischio che vengano presi letteralmente d’assalto i Pronto Soccorso dei nostri ospedali – già cronicamente in sofferenza a causa del loro sovraffollamento abituale – da parte di persone magari bisognose soltanto di rassicurazioni per sintomi non preoccupanti, ma anche guardie mediche, ambulatori e medici di famiglia, la FP CGIL di Frosinone Latina, oltre a fare appello al generale buon senso di ciascuno, sollecita la ASL di Frosinone ad attivarsi per adottare con urgenza un adeguato potenziamento dell’intera rete dei servizi di vaccinazione.

La FP CGIL denuncia infatti l’assoluta inadeguatezza del sistema attuale, dovuta prioritariamente a carenza di personale sanitario e di mezzi a loro disposizione negli ambulatori dedicati alle vaccinazioni, peraltro organizzati in modo molto frammentato nell’esteso territorio provinciale frusinate. Riteniamo necessario che la ASL di Frosinone affronti in modo risolutivo la criticità evidenziata, che non consente già abitualmente di fornire adeguate e celeri risposte alla domanda di salute dei cittadini che intendono vaccinarsi o far vaccinare i propri bambini, basti pensare ad esempio che richiedendo oggi un appuntamento, per vaccinare un minore per il meningococco B presso alcuni ambulatori provinciali, non si può essere prenotati prima di 2-3 mesi, registrando peraltro grosse differenze tra le liste di attesa all’interno di servizi appartenenti allo stesso ambito distrettuale. Per avanzare proposte finalizzate a migliorare l’efficienza dei servizi di vaccinazione provinciali – fanno sapere la Segretaria CGIL con delega alla Sanità Beatrice Moretti ed il Segretario Generale FP CGIL Frosinone Latina Giancarlo Cenciarelli – abbiamo richiesto uno specifico incontro alla ASL di Frosinone, con l’obiettivo di ridurre i disagi della cittadinanza e di chiedere le giuste tutele per gli operatori sanitari maggiormente a rischio. FP CGIL Frosinone Latina CGIL Frosinone Latina Il Segretario Generale Il Segretario Responsabile Sanità Giancarlo Cenciarelli Beatrice Moretti

20 luglio 2010 0

L’Enel pronta a potenziare gli impianti elettrici della città

Di redazione

Sono arrivati alle battute conclusive i lavori per la realizzazione di nuovi tratti di linea di media tensione (20mila Volt) che Enel Distribuzione ha programmato per dotare la città di Roseto degli Abruzzi di ulteriori fonti di alimentazione. Un progetto che avrà benefici evidenti sulla qualità del servizio elettrico, visto che il potenziamento della rete consentirà di alleggerire i carichi, soprattutto nel periodo estivo, quando la richiesta di energia aumenta grazie alla forte presenza di turisti. Sarà inoltre più rapido e facile intervenire in caso di guasto, con manovre di telecontrollo da postazioni remote gestite dal Centro Operativo dell’Aquila, ed anche tramite il monitoraggio a distanza delle autovetture dotate di equipaggiamento satellitare. Un avveniristico sistema di geolocalizzazione che Enel utilizza per una più rapida assegnazione delle segnalazioni di guasti sulla rete elettrica. “Questi nuovi interventi sulla rete di distribuzione di energia elettrica – ha dichiarato Andrea Salvatori, Responsabile Enel Zona Teramo – testimoniano la volontà dell’azienda di rispondere alle esigenze dei clienti e di potenziare e migliorare la qualità del servizio nel territorio”.